Canonical in collaborazione con EditShare hanno avviato una ricerca di utenti che utilizzano Lightworks per migliorare l’esperienza ed integrazione in Ubuntu.

Lightworks in Ubuntu
Tra i tanti software approdati recentemente in Linux troviamo anche Lightworks, potente programma professionale per l’editing di video utilizzato anche da diverse aziende cinematografiche. Nato per fornire una valida altenrativa a ad Apple FinalCut, Pinnacle Studio, Avid Media Composer ecc, Lightworks dispone di potenti strumenti e sopratutto il supporto per i più diffusi formati e finalmente un’ottima stabilità anche per Linux. A puntare su Lightworks troviamo anche Canonical, azienda che ha deciso di collaborare con EditShare per migliorare l’integrazione ed esperienza utente in Ubuntu e derivate.

Gli sviluppatori di Lightworks hanno chiesto agli utenti che utilizzano l’editing video professionale in Ubuntu di inviare i loro video realizzati con questa applicazione. Agli utenti che invieranno i video realizzati con Lightworks in Ubuntu, EditShare analizzerà i video inviati e ai migliori invierà un voucher per attivare gratuitamente la versione PRO dell’editor video.

Basterà inviare il video all’indirizzo email ubuntu@lwks.com e aspettare la risposta da parte del team EditShare. La software house inoltre collaborerà con gli utenti per avere informazioni riguardanti il software in Ubuntu per cercare di migliorarne l’integrazione e renderlo più completo e stabile.

Home Lightworks

  • Angelo CGI

    Ma non capisco la differenza tra questa e le altre 2/3 che fanno la stessa cosa.. Tra l’altro la uso solo per impostare gli hot-corner..

    • questa ha anche un software center in grado d’installare ppa di terze parti a mio avviso ubuntu tweak dovrebbe essere un’applicazione inserita almeno nei repository ufficiali se non di default in ubuntu

      • Sì, concordo. Non posso fare a meno d’installare Ubuntu Tweak su Ubuntu stessa o nelle sue derivate (Kubuntu, Lubuntu, Linux Mint, ecc.)

      • Angelo CGI

        Non capisco come mai gli hot-corner non siano integrati direttamente in unity, io li trovo estremamente comodi..

  • reft32

    Piccolo OT:ragazzi qualcuno mi da un link di una guida semplificata x installare i driver nvidia su Debian 7 ??

  • zago84

    Ma questa versione corregge il bug che non la fa avviare su Ubuntu con GNOME 3.8?

  • Ottmo… molto fico… ormai la Canonical è una Killer Application..:D

  • SalvaJu29ro

    Potranno non piacere Unity e Ubuntu, ma queste cose sono solo un bene per gli utenti

    • markit

      Il bene per gli utenti è non dipendere dal sw proprietario, questo va totalmente contro lo scopo di usare GNU/Linux e le libertà individuali nel mondo digitale. Dovrebbero vergognarsi

      • SalvaJu29ro

        Dipendere? Nessuno obbliga di non sviluppare uno simile opensource

      • matteo81

        La gente sarebbe ben felice di non spendere soldi, evitare crack e lavorare felice e beata con prodotti open…. il problema è che fino a quando si usa il pc per scopi comuni oppure passione va bene tutto e il contrario di tutto..
        Quando invece dal pc deriva il tuo lavoro-stipendio-pane che mangi la sera hai bisogno di avere un programma facile, potente e che ti permetta di risparmiare tempo… alcuni software open lo sono, altri molto meno….

        Chi può si arrangia con l’open… chi trova soluzioni migliori paga… il proprietario/open è l’ultima delle cose che interessano generalmente… non capisco dove stia la vergogna…

  • ZaccariaF

    Il Mark caro fa benissimo, per questa volta, sono completamente dalla sua parte.
    Almeno le forze del “Devo tenere la fetta Win perché su Linux non si può fare editing” avranno meno argomenti per triturarci le noci di cocco.

    • markit

      Sì, meglio la fetta win e GNU/Linux incontaminato, piuttosto che averlo pieno zeppo di software propreitario da cui dipendere e che è impossibile controllare! Inoltre più sw proprietario c’è per GNU/Linux, minore stimolo per lo sviluppo di software libero. Poi in futuro tutti a cercare i crack e a lamentarsi di virus, trojan e spyware magari… Finanziate e/o collaborate con il sw libero piuttosto

      • Sim One

        Condivido a metà. Ci vuole l’uno e l’altro.
        Fa parte della libera scelta.

        EDIT: e poi non ci vedo niente di male a portare produttori di software su GNU/Linux. Anzi. Più si è più i sistemi crescono.

        • Franco

          Sicuramente, ma in questo modo farà la fine di android e GNU/Linux perderà il suo status di “incontaminato”. Meglio tenere lontana la seconda ipotesi / battuta.

          • Sim One

            incontaminato…… ma dai. Mica possiamo fare gli eremiti per stare lontano dal cibo in scatola. Basta non comprarlo, no?
            Mi sembra un modo di pensare un po’ “talebano”

        • dark_brain

          la liberta’ di scegliere e’ anche la liberta’ di strangolarsi con le proprie manine… +) cmq. senza software proprietario di applicazioni di produttivita’ su gnu-linux (tipo cad/cam/cae, ritocco fotografico, montaggio A/V creazione musica/sequencers, ecc.) dubito possano arrivare in gran numero se gli utenti non sono disposti a sborsare un po’ di grana. con solo software open-source non ci puoi fare tutto in modo professionale.

          • markit

            Sw libero non vuol dire “libertà di scegliere”, il sw libero vuol dire libertà dell’utente di poterlo studiare, modificare, usare per qualunque scopo e distribuirlo con pari libertà. Puoi scegliere se essere un utente libero o meno, questo sì.
            Più sw proprietario = meno stimolo a crearne di libero. Più distribuzioni di sw libero lo inquinano con sw propreitario = meno consapevolezza dell’utente
            Risultato finale a lungo termine: GNU/Linux in cui per fare quello che ti serve dipendi da sw proprietario, in pratica un nuovo winzoz… bella cosa!
            Inoltre, quando le alternative libere saranno morte, si sarà costretti a pagare per avere quelle proprietarie, mentre sarebbe opportuno finanziare ora i progetti liberi per non DOVER pagare per essere controllati, limitati e spiati.
            Secondo me chi non ha la sensibilità per volere, a costo di sacrifici nell’immediato, solo sw libero fa meno danni a sé stesso ed agli altri usando Winzoz.

      • carlo coppa

        Il problema è un’altro, non esiste ad oggi una suite professionale per l’editing video in Linux, l’unico che si avvicina parecchio è Cinelerra, questo vorrà pur dire qualcosa ! Quindi se per software professionale il software libero non ce la fa, a mio parere è giusto che arrivi il software proprietario. Avremo si, più software proprietario, ma avremo anche più utenti che utilizzano il resto del software libero ! Quanta gente arriverebbe al volo in Linux se solo avesse a disposizione quel software professionale che per Linux non è disponibile ? Lo so, sarebbe meglio che anche quello fosse open source, ma non si può avere tutto dalla vita. Poi ci sarà sicuramente qualcuno che dirà, chi se ne frega quanti utenti utilizzano Linux, anzi meglio essere in pochi ! Ma in realtà essere una “setta” (scusate per il termine ma non mi viene un termine più appropriato in questo momento) da solo svantaggi in tutto, a partire dal supporto hardware e poi è proprio nella filosofia del software libero quello di diffonderlo.

    • Sim One

      speriamo

  • Marco

    Programma bellissimo. L’unico neo è che NON è free se vuoi esportare un video in un formato serio devi acquistare la licenza pro è costa un sacco. Speriamo in un crack celere

    • EnricoD

      ” e ai migliori invierà un voucher per attivare gratuitamente la versione PRO dell’editor video ”
      Mandagli un video no?

    • ZaccariaF

      La possibilità si va a dissolvere, di non vedere più certi commenti,
      Di nuovo come cenere posso disperdere ai quattro venti,
      sul picco della mia speranza,senza nessuna rimostranza.

    • Marco Missere

      Crack celere? Per quello c’è Windows, stiano lontani i software crackati dal mondo GNU/Linux.

      • ZaccariaF

        Mai lo sarà,
        mai troppo lontano.
        Con alacrità al mittente
        e pure al referente,
        il crack Windosiano
        tornerà.

      • Pazienza

        Chi ha bisogno di Aqua Data Studio (per lavoro – è solo un esempio) è costretto (col core sanguinante) a metterlo anche su Gnu/Linux pur non essendo Windows. Ma ci sono altri esempi non coperti da software alternativo equivalente total free / open. Pena: tornare su win, ma si scampi di qua.

    • ange98

      Le crack sono proprio le cose che non voglio vedere su Linux: su Android al massimo uso un apk crackato solo per vedere se l’applicazione è valida. Se lo è la pago, altrimenti la disinstallo e ne provo un’altra.
      Su Windows invece non uso più software crackato da un bel po.

      • Le crack?

        Mica esistono solo quelli francesi.

        • ange98

          Non ti va bene l’articolo “la” per la parola crack?

          • Je suis honoré

            Pour la charité! Je aime votre Gallicisme 😉

    • Sim One

      un sacco…. quanto? Centinaia di euro o decine? Pura domanda da curioso ignorante.

      • TopoRuggente

        150euro all’anno o 372 senza limiti di tempo !!!!

        Marco, Stallmann è chiarissimo a riguardo Free != Gratis

    • zip

      Stai scherzando,spero.

  • JackPulde

    Ottima notizia secondo me… Perchè questi (Lightworks è un bel esempio) sono i programmi che tengono legati gli utenti a Windows.

    Saranno proprietari ma è giusto che uno può decidere cosa vuole utilizzare…

    Spero in futuro di leggere la stessa notizia con AutoCAD e La Suite di Adobe… Così ne vedremo delle belle… Chissà quante persone passerebbero da Windows a Linux poi…

    • ange98

      Adobe credo che non lo vedremo mai mentre AutoCAD credo che tra non poco arriverà

      • JackPulde

        Tranquillo anche Adobe potrebbe arrivare… Leggendo nel forum ufficiale un moderatore ha risposto che stanno valutando periodo per periodo quanti utenti usano linux…

        L’ultima risposta che avevo letto diceva che appena linux raggiungerà una buona percentuale (e non il solito 2%), si mettevano a lavoro per il porting su linux.

        Poi potrebbero aver cambiato anche idea eh xD.

        • alex

          Forse mi sono perso qualcosa nelle attuali versioni ma, a parte i nostalgici e chi è abituato a lavorare alla “vecchia” magnera, non capisco più il senso di autocad quando ormai la progettazione è direttamente pensata in 3d (vedi inventor, solidwork, ecc… ). Ok che questi sono sicuramente più orientati alla meccanica, ma mi risulta comunque più facile pensare direttamente in 3d ed ottenere le varie proiezioni che pensare direttamente a queste. Da quel che ricordo autocad per il 3d era molto macchinoso, ma forse qualcosa è cambiato in questo ambito.

          • JackPulde

            Purtroppo non saprei dirti la mia opinione sul perchè tanta gente non cambi programma… Io non lo uso e “non faccio” CAD :).

            Solo che nei computer di gente che conosco e che devono progettare vedo sempre questo tanto amato programma (soprattutto in ambito lavorativo).

          • alex

            Si, ho risposto a te ma in effetti forse doveva rispondere TopoRuggente che sambrava entusiasto dell’idea di autocad 🙂

          • TopoRuggente

            Autocad è la base su cui poi si evolvono applicativi “verticali” come Architecture, Electrical, Pipe, Merchanical che hanno un parco utenti da paura !!!

          • alex

            Boh, probabilmente Autocad è uno strumento più potente di quanto lo ricordo. Sicuramente ha una enorme base di utenza. 🙂

          • Fabio Colella

            Standard de facto :/

      • TopoRuggente

        Autocad in linux sarebbe la vera killer app, porterebbe un quantitativo di utenti spaventoso.

  • mikronimo

    Approfitto di questa new per porre una domanda: esiste un editor video estremamente semplice che mi possa permettere di tagliare un video semplicemente andando alla posizione interessata e dare il comando di taglio? Magari lo fanno tutti e semplicemente, ma di editor video non so assolutamente nulla. Grazie a chi avesse indicazioni da dare.

    • corrado

      si. avidemux

      • mikronimo

        Grazie, lo provo. 🙂

  • LelixSuper

    Scusatemi la stupida domanda, ma Lightworks è open source?

    • ZaccariaF

      youtube com/ watch?v=1MLry6Cn_D4&list=RD1MLry6Cn_D4#t=16

  • Mauro Tassinari

    Sono contento, è un ottimo prodotto (l’ho provato) ma non mi metterò a fare da beta tester gratis per un programma a pagamento.

No more articles