Vi presentiamo Paper, nuovo tema GTK+ open con un look molto simile a Material Design di Android 5.0 Lollipop

Tra le tante novità introdotte da Google in Android 5.0 Lollipop troviamo anche la nuova interfaccia grafica Material Design che troveremo anche nelle applicazioni e servizi forniti dal colosso statunitense. Il Material Design fornisce un look minimale tutto nuovo che possiamo avere anche in Linux grazie ad alcuni progetti dedicati come ad esempio Quartz OS (per maggiori informazioni) nuova distribuzione che punta a portare lo stile del nuovo sistema operativo mobile di Google anche nel sistema operativo libero.
Sempre dedicato a Material Design troviamo anche il nuovo tema (e in futuro set d’icone) Paper, nuovo progetto open source che punta a portare il look minimale sviluppato da Google nelle principali distribuzioni / ambienti desktop Linux.

Paper è un nuovo tema GTK+2 / GTK+3 open source sviluppato da Sam Hewitt, designer delle famose icone Moka. Il progetto Paper è ancora in fase di sviluppo e preso includerà anche un set d’icone dedicato, da notare inoltre il supporto per i principali ambienti desktop come Gnome Shell, Unity, Cinnamon ecc.

Possiamo già testare il nuovo tema Paper scaricandolo dal sito ufficiale del progetto, una volta estratto il file tar.gz basta copiare o spostare la cartella Paper nella directory .themes presente nella nostra home (di default nascosta per visualizzarla basta cliccare in CTRL + h se non c’è basta crearla).
Non ci resta che avviare Gnome Tweak Tool o altro tool di personalizzazione e impostare il nuovo tema Paper.

Ringrazio Enrico D. per la segnalazione

Home Paper

  • Marco Bassi

    Quel samsung è proprio bello per quel prezzo. tanti fessacchiotti che buttano soldi in super pc quando con 350 euro ti porti a casa una macchina che soddisfa i bisogni dell’utente medio e non solo.

    • quoto
      inoltre supporta bene o male qualsiasi gioco per steam bello anche il design e la qualità dei materiali

      • vasco

        ho un samsung quasi uguale pero con processore i5 2410M pero ha windows 8 posso mettere linux con UEFI o disattivando del tutto?

        • vasco

          po la batteria e il massimo del samsung

        • certo che puoi attivarlo o disattivarlo

          • vasco

            ok grazie no dicevo disattivo e installo subito linux o installo subito senza modificare un distro che supporta uefi

    • L’ho usato, con win7 è un obrobrio quel core i3 è penoso soprattutto in computazioni onerose, con linux va un pò meglio ma rimane sempre un i3 nulla in confronto alle caratteristiche di portatili più costosi, poi che in alcuni paghi solo il simbolino che si illumina mi trovi daccordo con te…

      • Marco Bassi

        Intendevo dire che la maggior parte delle persone non fa “computazioni onerose” (che poi cosa intendi?giochi a parte, è ovvio che quello non è buono per giocare) però punta a pc di fascia alta per non fare la figura di quello che ha il pc economico.

        • debugging di codice, sviluppo web virtual machine gestione database seri etc queste sono onerose e queste sono da workstation, per home giochi, film hd rendering video/audio etc

  • Torno Nel Mio Limbo

    Sostanzialmente son uguali, qui si sceglie la marca preferita.

  • Fabio

    A parità di prezzo meglio quello con Windows installato, può sempre essere utile (ad es. x aggiornare un Nokia, il TomTom, ecc.). E se proprio non lo vuoi te lo fai rimborsare e qualcosina ci tiri su.

    • ienuz12

      Puoi tranquillamente usare una macchina virtuale per queste operazioni.

      • Fabio

        No, né il Nokia né il TomTom si aggiornano con una macchina virtuale, purtroppo è così, l’aggiornamento inizia ma poi si blocca e non va a buon fine perché viene persa la connesssione con la periferica… e pensa che TomTom usa linux (bastardi!) E poi se devo installare comunque Win, tanto vale averlo originale.

        • Marco

          A volte questo problema si elimina mettendo l’autoconnect della periferica usb alla macchina virtuale, ma se si deve rischiare di buttare tomtom o telefono meglio usare una macchina reale 😀

          • Il problema è che spesso vi sono periferiche che in fase di rom boot hanno un id in fase di warm boot ne hanno un altro quindi al reboot non viene identificato, cmq io all’epoca mi ricordo di aver risolto mettendo un hub usb e passando quello in toto alla vm così il fisso neanche lo vedeva e non correvo rischi flashando il nokia…

          • Marco

            Ecco, questa cosa mi interessa, dopo che il mio ultimo hub mi ha bruciato un computer non ne ho piu’ comprati, ma mi chiedevo se questa cosa funzionasse, l’hub ha un vid e quindi posso assegnare quello alla macchina virtuale ed in seguito ogni periferica connessa all’hub viene connessa direttamente alla macchina virtuale?

          • Esatto, io ho due hub sul fisso, uno interno e uno usb, le prove le avevo fatte con quello interno collegato alla scheda madre, e si basta passargli quello (attenzione io internamente avevo 2 hub usb riconosciuti quindi passandone uno rimaneva scollegato quello della tastiera/mouse altrimenti diventano inutilizzabili) e tutte le periferiche vengono riconosciute dall’OS guest e non dall’host. Devo riprovare a vedere se questo funziona anche con gli HUB usb

    • Alessandro Di Stefano

      una licensa OEM windows costa 30€, tolte le spese del processo e di trasferimento soldi è grassa se ne intaschi 24. Se per un qualsiasi motivo hai bisogno di windows e non hai una licenza e la devi ricomprare (anche solo per una macchina virtuale) la versione retail costa circa 150€. Davvero per 24 € rischi di doverne rispendere 150€ in futuro?

  • Samsung ed HP tutto ok ma Acer è meglio evitarla come la peste.

    • Vecchie superstizioni…

      • Marco

        Effettivamente saranno almeno 5-6 anni che Acer non fa portatili scadenti in quanto ha adibito la sottomarca packardbell per quel lavoro.
        Poi questo e’ un travelmate (serie business) che ad occhio e croce e’ il migliore dei 3.

        • Io sto utilizzando un packard bell “vecchio” di soli 2 anni, devo dirti la verità l’ho scelto perché l’unica differenza col travelmate di pari caratteristiche era la batteria (dico era perché con 50€ si compra una batteria che porta l’autonomia del portatile da 3 ore a 6 e qualcosa) a discapito di un prezzo inferiore di quasi il 35% (900 e qualcosa euro acer, 541 euro packard bell).
          Come per qualsiasi cosa bisogna sempre guardare al contenuto, se il processore, scheda madre e scheda video sono gli stessi la differenza la fa la batteria e l’hd ma sinceramente che l’hd fosse lento non me ne fregava di meno tanto avrei messo cmq su entrambi un ssd quindi definirla “scadente” è errato considera che ho esaurito la garanzia a marzo di quest’anno (2 anni come acer) e a 10 giorni dalla fine della garanzia l’ho mandato a sostituire il monitor (0€ spesi) 1 difetto in 2 anni di onorato servizio nelle posizioni più disperate e l’unico difetto è stato un pixel bruciato… sinceramente anche se me lo fossi dovuto tenere era un affare altro che scadente…

          • Marco

            Non e’ detto che il 100% dei prodotti sia scadente, ma e’ indubbio che Acer abbia immesso nel mercato i prodotti assemblati in modo piu’ economico a marchio PackardBell per rivalutare il marchio Acer

          • Si appunto come ho detto sopra, bisogna guardare alla sostanza non all’apparenza o al nome, anche le sottomarche hanno prodotti di punta validi, bisogna solo saperli trovare…

    • EnricoD

      Non è vero.. Io ho un aspire acer e mi ci trovo benissimo..ha un design sottile, i materiali sono buono, lo schermo ledlcd HD ha una ottima risoluzione e le caratteristiche sono ottime e ha anche una batteria da 9 celle.. Ce l ho da 2 anni ed è davvero un notebook fantastico… Secondo me ci sono prodotti notevoli e prodotti da evitare.. E penso sia una caratteristica di ogni casa produttrice di portatili… L unica regola è andare dal rivenditore e squadrare il prodotto.. Anche Asus, hp e altre hanno prodotti da evitare come la peste..bisogna documentarsi prima di comprare , questo per ogni cosa… Ma non eviterei acer, ha ottimi prodotti con ottime caratteristiche e a prezzi ragionevoli sec me 😉

      • Hai perfettamente ragione, sono del tuo stesso avviso, inoltre vi sono alcune “sottomarche” come packard bell che montano gli stessi componenti delle case madri su alcuni modelli e non sono affatto male…
        Su samsung dico la verità sono poco ferrato avendone provati solamente 3 ma su hp ad esempio ce ne sono svariati di modelli da evitare come la peste, alcuni te li tirano dietro gratis quasi, altri ad esempio escono con già difetti di fabbrica e sono dei pc da 700 e passa euro se non di più il che è una vergogna.
        Sul vecchio HP di mia moglie un difetto di fabbrica ha bruciato nel vero senso della parola 3 hd, alla terza volta che glielo mandavo in assistenza a gratis hanno ascoltato la mia richiesta e sostituito la scheda madre e da allora non si sono bruciati più gli hd…

        • EnricoD

          sai quanti si lamentano con gli hp????

          penso che acer sia cresciuta in termini di qualità questi ultimi anni…

          al momento sono altre le aziende, come giustamente dici tu, che vendono prodotti impestati…

          acer oramai non fa quasi più questo lavoro, ci pensano altre aziende come dice Marco a farlo

          se devo dire la verità, io quando consiglio un acquisto di portatile o ne devo acquistare uno, la prima che vado a guardare di marca è l’acer, poi l’asus ma costa leggermente di più e poi vado sulle altre… 😉 secondo me acer dalle serie degli aspire e travelmate è cresciuta moltissimo in termini di qualità, e poi ripeto…

          il rapporto qualità prezzo è l’indicatore che mi orienta quasi sempre verso la scelta di un acer…
          sfatiamo quese superstizioni che gli acer sono come la peste…

      • @ Enrico Cid: sono ex tecnico Asus, conosco i prodotti e conosco quelli di altre marche.

        La problematica maggiore di Acer è la cattivissima assistenza, quando sorge un problema o non risolvono il problema o cercano un mare di scuse.

        Almeno qui in Italia l’assistenza Acer è pessima.

        Così come nel caso di Asus è meglio puntare sul centro di assistenza di Milano ed evitare assolutamente quello della provincia di Vicenza.

        Samsung ed HP hanno ottimi servizi di garanzia e i centri di assistenza si comportano abbastanza bene.

        • ma scusa si parla di qualità del prodotto o dell’assistenza?
          perchè è come uno dicesse che la fiat fa schifo perché quando fai il tagliando non ti cambiano l’olio
          l’assistenza è un conto la qualità del dispositivo è un’altra a mio modo di vedere

          Da notare inoltre che in linux acer da meno problemi che non asus la quale negli ultimi modelli sta dando diverse rogne sopratutto con il riconoscimento dei tasti fn ma è un discorso a parte oltre a notare che acer è l’unica ad avere una pagina ben segnalata per rimborso della licenza di microsoft

          • Pure Asus, Samsung e Lenovo che stanno commerciando notebook senza sistema operativo.

            E in ogni caso Asus è praticamente stata una delle prime a commerciare computer anche con Ubuntu preinstallato.

          • EnricoD

            il mio acer va benissimo con linux infatti.. quoto…

            secondo me hai ragione te, assistenza e qualità sono due cose diverse…

            io avevo un problema con il vecchio acer 5920g e non ho avuto problemi con l’assistenza, in meno di una settimana hanno risolto e reinviato il prodotto a casa… non se so manco fatti senti, me lo hanno rimandato funzionante e basta… 😀 So stati bravi…
            boh..io abito a 60 km da Roma… sarà che su a Vicenza e nord saranno più pigri i dipendenti acer… 😉

            a parte gli scherzi… non penso che se ne occupi acer, asus o chi che sia direttamente… aziende cosi di solito appaltano questi lavori a ditte esterne per ridurre i costi sul lavoro… penso che queste aziende abbiano settori ricerca e produzione che pagano loro.. il resto è gestito da esterni… fanno tutti cosi…

        • EnricoD

          io con il mio vecchio acer 5920g non ho avuto problemi con l’assistenza Acer… anzi…
          abito vicino Roma
          con Asus non so.. il mio netbook ancora non stira 😉

    • Andrea

      Io ho un acer 6930g e va alla perfezione con ubuntu e derivate!

  • Mirko Petito

    Ho acquistato 2 notebook samsung, uno per me ed uno per la mia ragazza e ci ho installato ubuntu 13.04 sul mio e kubuntu 12.04.2 su quello della mia ragazza. Vanno che è una meraviglia… 🙂

  • Miluver

    Su AUR: paper-gtk-theme

  • è un bel tema… però ultimamente i temi che escono non fanno altro che copiare altri temi di altri sistemi opeativi…
    sarebbe meglio secondo me se cercassero di inventarne di nuovi, belli e funzionali, con una propria identità

    • Agostino

      Identità = spirito creativo = una dote sempre più rara e preziosa

      Fino a dieci anni fa uscivano come funghi. Ora non interessa più a nessuno creare novità partendo dalla propria testa. Più facile copiare la ruota anche nel design come molti sostengono (guai a non farlo) fino ad arrivare alle idee che non sono idee. Poi ci credo che si diventa tutti monoTONI.

  • EnricoD

    a me sto material design non ispira più di tanto

    • ti dirò che su android lo trovo bello e ben fatto, vedo ad esempio telegram che lo usa e secondo me con il nuovo material design è più bello e immediato del vecchio tema.
      però su PC, non mi piace…. io voglio che ogni OS si contraddistingua dall’altro per questo non mi piacciono i temi che imitano altri OS

      • EnricoD

        Esatto, su PC non se ppo vvedé 🙂

    • alex

      Alla fine il tema in se mi piace, è pulito. D’altra parte c’è un uso dei colori un po’ troppo scioccante!…

  • MaxCaruso

    mint con cinnamon… non riesco ad installarlo…
    ho copiato la papaer nella cartella .themes… ma nel gestore dei temi di cinnamon non mi risulta nemmeno dopo il riavvio

    • EnricoD

      È per gnome

      • MaxCaruso

        Chiedo scusa. Avrei giurato di aver letto anche cinnamon sul loro sito… Ci avrei scommesso sopra un centone! Chissà cosa stavo leggendo!! =)

        • EnricoD

          Scusa per cosa? Hahaha , tranzollo 😛

        • Andrea

          è scritto nell’articolo di roberto che è supportato da cinnamon oltra che da gnome e unity……

          • Max Franco

            vuol dire che il tema gtk si installa ed è utilizzabile anche su cinnamon. questo non significa che ci sia anche un tema per il pannello di cinnamon.

        • Miluver

          Basta guardare dentro. Se in un tema non trovi la cartella cinnamon, non può andarti bene. In questo caso, non c’è. Essendo in alfa, aggiungeranno il supporto prima o poi presumo.

        • bomdias

          comunque lo puoi applicare alle finestre e ai menu ma non in modo ottimale anche con la cinnamon devi andare in temi altro e lo trovi al posto di mint-x (non nelle icone)

  • Mark Caputo

    Beh dai, è orribile.

  • CuccuDrillu10

    Forse non è bellissimo come tema ma sono contento che ci sia questo ritorno dello stile in 2D, lo trovo più pulito e senza troppi fronzoli rispetto ai supermega sciccosi effetti grafici tridimensionali che mi facevano prendere fuoco alla scheda video. Magari se riuscissero a rivisitare un pò l’estetica sarebbe più gradevole.

    • Max Franco

      guarda che la grafica “3d” come la chiami tu, era fatta di png esattamente come questa. un conto sono gli effetti 3d (dissolvenze, trasparenze ecc.) altro le immagini che costituiscono un tema gtk. Da questo punto di vista un tema ‘material’ ti fa prendere fuoco la scheda esattamente come uno ‘gummy’. oltretutto material non è 2D. ogni oggetto è uno strato che ha una profondità di un px e quindi proietta un’ombra. se cerchi altre info cerca “material design google” e puoi vedere le specifiche.

      • EnricoD

        Elevation…
        Vero, i principi che definiscono il material design sono abbastanza complessi

  • Non è male, attendiamo che sia più maturo e lo apprezzeremo…

  • Marco Missere

    Meraviglioso <3

No more articles