I developer Google hanno rilasciato Android Studio 1.0 la nuova versione stabile dell’ambiente di sviluppo dedicata al sistema operativo mobile del robottino verde.

Android Studio in Ubuntu
Dopo più di un anno di lavori, è finalmente disponibile la versione stabile di Android Studio, ambiente di sviluppo (IDE) multi-piattaforma nato per migliorare lo sviluppo di nuove applicazioni e progetti dedicati al famoso sistema operativo mobile di Google. Android Studio 1.0 porta con se importanti novità a partire dal nuovo wizard in grado di facilitare l’installare delle varie SDK oltre ad includere il supporto per il nuovo Android 5.0 Loillipop. Novità anche per l’editor JetBrains, l’editor che include numerose ottimizzazioni riguardanti soprattutto il completamento automatico del codice, il refactoring oltre ad una più attenta analisi del codice.

Con Android Studio 1.0 troviamo anche numerose migliorie riguardanti la virtualizzazione del sistema operativo mobile, funzionalità che ci consente di poter testare varie applicazioni e progetti vari direttamente dal nostro personal computer Linux, Windows o Mac. Da notare inoltre l’accesso ai vari servizi inclusi in Google Cloud Service e l’integrazione di un nuovo sistema in grado di installare automaticamente eventuali librerie di terze parti e dipendenze varie oltre ad una migliore gestione dei pari pacchetti APK.

I developer Google con il nuovo Android Studio 1.0 hanno introdotto nuovi strumenti in grado di effettuare analisi in tempo reale della nostra nuova app verificando eventuali consumi di cpu e memoria ram ecc.

Android Studio in Ubuntu

Android Studio 1.0 è già disponibile per Linux, Windows e Mac direttamente dalla pagina ufficiale del progetto. Per Linux basta scaricare il file tgz di Android Studio da questa pagina estrarlo e lanciare il file studio.sh presente nella cartella android-studio/bin/.

Per installare Android Studio 1.0 in Ubuntu e derivate utilizzeremo il tool Ubuntu Make digitando da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:ubuntu-desktop/ubuntu-make
sudo apt-get update
sudo apt-get install ubuntu-make

una volta installato Ubuntu Make possiamo installare Android Studio digitando da terminale:

umake android

e confermiamo la licenza del software e l’installazione.

Android Studio è disponibile anche per Arch Linux e derivate attraverso AUR.

Home Android Studio

  • Box2Tux #LinuxITA

    Quali sono i requisiti di sistema?

    • mr01

      quelli di NetBeans, in ogni caso dipende dalla grandezza del progetto che crei/editi, dai files caricati nei tabs/visioni e dell’uso o meno del debug/virtualizzazione

    • Cima

      -GNOME or KDE desktop
      -GNU C Library (glibc) 2.11 or later
      -2 GB RAM minimum, 4 GB RAM recommended
      -400 MB hard disk space
      -At least 1 GB for Android SDK, emulator system images, and caches
      -1280 x 800 minimum screen resolution
      -Oracle® Java Development Kit (JDK) 7

      • ZaccariaF

        Oracle® Java Development Kit (JDK) 7

        Mamma mia, gli isterici messaggi di “errore”che stampa, quando vede che si usa OpenJDK rispetto a OracleJDK.

      • Dave Nardella

        Hai dimenticato una CPU a 800 GHz 😀
        Spero che sia più veloce delle versioni precedenti…

        • ZaccariaF

          Hai dimenticato una CPU a 800 GHz 😀

          Una signora CPU. XDDDD

  • gnumark

    Quando lo lancio mi da questo errore: JDK REQUIRED.. ‘tools.jar’ seems to be not in Android Studio classpath.
    Please ensure JAVA_HOME points to JDK rather than JRE.

    • Cima

      Devi installare una java jdk.
      Nel repository dovresti trovare le openjdk

  • 97giulio

    ho sviluppato una nuova distribuzione con repository proprietari ed interfaccia grafica, chi è interessato può andare su oneos punto org

    • alex

      Ma su cosa è basata? Come interfaccia vedo Gnome.

    • ZaccariaF

      Guarda che se fai così al posto di segnalare a Roberto, rischi un’ EDI.
      Comunque in fondo alla pagina hai scritto all right reserve invece di all right reserved.

  • Carlo

    A me continua a sembrare assurdo che con la stessa piattaforma sia impossibile sviluppare e poi avviare il programma che uno ha sviluppato pure su ubuntu, fedora, ecc… Ma esistono problemi di license o cosa?

    • TopoRuggente

      Android != GNU/linux

      Android è basato su kernel linux, ma
      “Un tipico sistema Android non possiede un X Window System nativo, né supporta il set completo standard di librerie GNU, e nel caso del C++ vi è solo una implementazione parziale delle STL. Tutto ciò rende difficile il porting di applicazioni Linux o librerie per Android”

No more articles