E’ disponibile la nuova versione 1.0 di Yarock, uno dei migliori player audio Qt disponibili per Linux

Yarock in Ubuntu
Yarock è un moderno player audio  open source molto apprezzato dagli utenti Linux che utilizzano principalmente KDE. Scritto in C++, Yarock è un software nato per fornire un’alternativa più leggera ad Amarok includendo numerose funzionalità come ad esempio il supporto per molti servizi web come ad esempio Tune-in Radio, Last-Fm, Shoucast e Icecast ecc. Proprio in questi giorni  è stata rilasciata la nuova versione 1.0.0 di Yarock, aggiornamento che rende il player audio multimediale open sempre più completo ed affidabile.

Yarock 1.0 include un interfaccia grafica rivisitata per offrire una migliore esperienza utente, i developer hanno introdotto introdotto anche un nuovo set d’icone per rendere il player più moderno ed integrato nei più diffusi ambienti desktop Linux.

Con Yarock 1.0 troviamo anche numerose migliorie per la ricerca, arriva inoltre il supporto per visualizzare le immagini degli artisti (che verranno scaricate dal web), e nuove modalità di visualizzazione, arrivano inoltre migliorie per la gestione delle playlist e nella gestione di grandi collezioni di file musicali.

Yarock in Ubuntu

Per installare Yarock in Ubuntu e derivate basta digitare:

sudo add-apt-repository ppa:samrog131/ppa
sudo apt-get update
sudo apt-get install yarock

Yarock è disponibile anche per Arch Linux e derivate attraverso AUR.

Home Yarock

  • Simone Dedo

    Quanta manodopera buttata…

  • ale

    Ma non ha senso su windows,dato che il 99,9% dei software per linux sono open non ci vorrebbe un genio per ricompilarli su windows piuttosto che emularli,dato che c’è già cygwin che simula un ambiente linux con tanto di gcc e altro

    • TopoRuggente

      Onestamente pure io ho avuto questa “impressione”, ma temo ci sia qualcosa che mi sfugge.

      • Fabio

        La mia di impressioni invece è che molti progetti servono agli sviluppatori “come curriculum” e già nativamente non hanno uno sbocco pratico a largo uso ma al massimo di nicchia.

        • TopoRuggente

          Gran parte dei software sotto Linux sono nati dalle esigenze di pochi, che sapendo programmare, si sono fatti il software.

    • Con open intendi open source?
      Il fatto di avere un sorgente non implica che basta una ricompilazione per funzionare su altri SO. Se il codice è scritto male e non in standard POSIX e usa funzioni esistenti solo su un determinato sistema operativo non basta la ricompilazione.

      Per intenderci se io scrivo un software in C e uso system(“cls”); invece che le funzioni ncurses, ti posso anche dare il sorgente ma se lo ricomplii su Linux non funziona perché system è solo di Windows. Magari tutti i software open source fossero anche multipiattaforma.

      • ale

        Si va be intendevo che bastavano piccole modifiche per adattarlo,si se poi il software fa uso di comandi o chiamate di sistema di windows o linux è un altro discorso,comunque molti software nati per linux sono stati portati su windows e viceversa,se il software è scritto bene non è un gran problema,però la maggior parte delle librerie di linux esistono su windows quindi non è complesso

        • Purtroppo il codice scritto bene non è così scontato, specie da programmatori indipendenti e piccole realtà.
          Sopratutto i software scritti con IDE Microsoft (che sono pieni però di utilità e funzioni e quindi ottimi) creano codice pieno di chiamate a sistema windows, quindi l’ essere solo open source non basta. Software pensati per Linux generalmente si appoggiano meno al sistema in uso cercando di usare librerie standard ma non è così scontato o immediato il passaggio.

          Lo so perché sto cercando di aiutare a portare notepad++ da windows a Linux (con il suo clone notepadqq) ma sebbene notepad++ sia open source ti assicuro che è pieno di chiamate a sistema windows o si appoggia alle sue API. Non è così immediato il porting anche se in genere da Linux a Windows è in effetti più semplice

          • ale

            Be si ovviamente da windows èa linux è più complesso,comunque la cosa più semplice è prevedere queste cosa al momento della scrittura del programma come si fa nei grandi progetti multipiattaforma in modo da semplificare poi il lavoro

  • XfceEvangelist

    Scusate ma l’utenza di Redmond OS non si merita tutto ciò.
    Loro sono tanto contenti e convinti del loro perfetto OS per il quale trovano tutti i drivers ed applicazioni, perchè mai dovrebbe mungere da GNU/Linux?

  • aleandro

    esistono software esclusivi per linux? credo siano pochissimi

  • stoddard

    ma ve lo vedete l’ utente Windows8 alle prese con la console ?
    Ma dai !!!!!!!! 😀
    ahahahahahahahah

    • sono quasi sicuro che almeno personalmente uso il prompt dei comandi e la powershell o i software CLI più di te con ubuntu. Vogliamo scomettere? Chiedimi come si può fare una qualsiasi cosa e te lo dico usando prompt dei comandi e/o eseguibili CLI.

      • Davide Depau

        Tu sì, il 90% degli utenti di Windows non sanno nemmeno cosa vuol dire “Prompt dei comandi”…

      • stoddard

        Bravo e modesto.

        Non faccio a gara. Certamente vinceresti.

        Pero’ come dice qualcuno nel commento, ora qui sotto, quanti utenti non professionali sanno farlo ? E quanti utenti cosiddetti professionali sanno farlo ?

      • ale

        Be adesso non esageriamo,su windows le cosa che puoi fare con il prompt dei comandi o powershell sono molto limitate rispetto a linux,linux lo si potrebbe usare allo stesso modo anche senza interfaccia grafica,su windows vorrei vedere cosa riesci a fare senza interfaccia grafica,su windows il prompt dei comandi o powershell è una semplice applicazione e non è parte integrante del sistema,se non ci fosse il 99% degli non lo noterebbe nemmeno

        Per esempio prova ad installare un applicazione via riga di comando,a editare un file testuale,a decomprimere un archivio,ecc senza installare programmi aggiuntivi

        Su linux la riga di comando,ubuntu a parte,è fondamentale e se non la sai usare non ci fai nulla,ma anche su ubuntu se non sai usare la riga di comando non sfrutti il 50% minimo delle potenzialità di linux

        • per installare pacchetti MSI si usa l opportuno comando msiexec.

          Ogni software che voi vedete con la sua finestra carina è in realtà un eseguibile exe che potete richiamare tramite suo nome e che accetta parametri. Il fatto che non li conosciate non vuol dire che non esistono. A monte di ogni GUI c’ è almeno un eseguibile exe che opera tramite linea di comando e non potrebbe essere diversamente dato che lo standard input per un pc è la tastiera e lo standard output è proprio una shell o una console in cui il pc risponde del testo ai tuoi input. Certo che poi puoi intercettare i messaggi di risposta e metterli in quante GUI vuoi anche diverse tra loro ma ciò non vuol dire che il SO non usi software CLI.

          Navigazione su file manager? Si usa cd,md,rd

          Lancio di eseguibili? Se il file exe è in una cartella in cui il suo percorso è stato aggiunto alle variabili di ambiente basta digitarne il nome per lanciarlo o al massimo si usa start

          Se devo aprire internet explorer io digito da esegui (win+r) “iexplore”, se devo aprire il software maliciuos removable tools digito su esegui “mrt”, etc..

          Nel sito stesso di microsoft ci sono pagine con tutti i tasti di scelta rapida possibili e tutti i software CLI da usare. Basterebbe leggere.

          PS: proprio questo mio modo di usare windows mi ha reso immune alla sofferenza di altri ogni volta che cambia UI. I tasti di scelta rapida sono gli stessi da windows 98 e i nomi degli eseguibili non cambiano. Adesso avete problemi su windows 8 ad aprire la schermata “controllo account utente” perché non sapete dove trovarla nella nuova UI? IO me ne frego di dove è, so che digitando “control userspasswords2” ci arrivo subito

          • Alessandro, al lavoro uso win7 e anche io sono un “appassionato” della commanda line.
            Ho una domanda Windows “riga di comando”, non per testare quanto tu posso essere bravo ma perche` io non sono riuscito a fare una cosa:
            che tu sappia si puo` usare MS Lync da command line?

          • non conosco ms lync ma da una prima ricerca su technet pare di si, comunque puoi provare a fare un pò di cose classiche. Naviga fino alla cartella di MS Lync e dai nome eseguibile /? se è pensato bene ti viene la lista dei parametri che accetta

          • non conosco ms lync ma da una prima ricerca su technet pare di si, comunque puoi provare a fare un pò di cose classiche. Naviga fino alla cartella di MS Lync e dai nome eseguibile /? se è pensato bene ti viene la lista dei parametri che accetta

          • Alessandro, al lavoro uso win7 e anche io sono un “appassionato” della commanda line.
            Ho una domanda Windows “riga di comando”, non per testare quanto tu posso essere bravo ma perche` io non sono riuscito a fare una cosa:
            che tu sappia si puo` usare MS Lync da command line?

          • ale

            Si ma hai sempre bisogno di una gui,lanci il programma di installazione e ti si apre una finestra,va be non è un problema,ma se devo lavorare su una macchina remota e non ho a disposizione un server grafico si,guarda caso infatti anche MS usa linux sui server

            Poi se devo usare windows e non ho ad esempio una scheda video non so neanche se parta a dire il vero,mettiamo che hai anche un piccolo server in casa e vuoi usarlo con win devi per forza tenere attaccata una scheda video e un monitor perchè se non parte l’ interfaccia grafica non ci fai nulla….

            Poi non vuol dire niente se lanci i software da cli,non è che se lancio un software da cli vuol dire che sto usando la shell,vuol dire che ho lanciato un software grafico con la shell,e basta,un software che si usa da shell è un software che per funzionare non richiede un interfaccia grafica,per di più se lanci un software da shell su windows manco poi il programma viene eseguito nella shell,se per esempio avvii firefox da shell lui fa partire firefox e ti lascia la shell libera,mentre il programma continua ad essere eseguito,diversamente da linux dove il software viene eseguito nella shell mostrando l’ stdout con eventuali messaggi del programma

            Giusto per fare qualche esempio su windows per installare un driver,aggiornare il sistema,installare una determinata app,editare un file di testo,puoi uasre la shell senza usare applicazioni grafiche ? No,e questo è un gran problema di windows,senza contare che la shell di windows è mille anni indietro di quella deglio os unix based,e lo è sempre stato dai tempi del dos

          • Msiexec si usa anche su windows server e non lancia alcuna gui. Risponde usando lo stdout del prompt dei comandi. Ad ogni modo ogni versione server di windows comunque ha la sua GUI preinstallata quindi non ci sarebbero problemi

            Se devi usare Windows senza scheda video si usa quella integrata nella CPU (come le Intel graphics) o le APU di AMD. Se anche la CPU non ha alcuna scheda video integrata a volte si trova integrata nella scheda madre.

            Se vuoi controllare windows senza uno schermo si usa il desktop remoto su protocollo TCP/UPD. Qui a lavoro prendo spesso il controllo di un pc senza tastiera, mouse e schermo.

            Se lanci un software dal prompt dei comandi di windows, esso risponde sempre tramite lo stdout del terminale stesso. Prova a digitare “help”. Non puoi lanciare ad esempio internet explorer scrivendo “iexplore” anche se così si chiama quell eseguibile. Per lanciare in finestra da prompt dei comandi devi usare il comando “start”.

            Se scrivo iexplore su cmd non ottengo niente. Se scrivo “start iexplore” parte internet explorer e il terminale rimane aperto anche se effettivamente non riporta gli out perché sono intercettati dalla GUI stessa.

            Aggiornare il sistema?

            “wuauclt /detectnow” per cercare aggiornamenti (corrisponde a update di apt)

            “wuauclt /a” per aggiornare (corrisponde a upgrade di apt)

            Per i driver invece: se sono pachettizzati in MSI basta usare MSIEXEC altrimenti si usa

            “rundll32 syssetup,SetupInfObjectInstallAction DefaultInstall ” con il percorso del file .inf

            oppure si può usare anche dpinst.exe (driver package installer).

            Il fatto che tu non conosca tutti i comandi che powershell o cmd ti permettono, non vuol dire sia meno efficace. PowerShell poi integra proprio il framework .net 4 e ci puoi scrivere in C# così come nella shell di linux ci puoi scrivere in bash. Sono entrambi linguaggi di programmazione ma C# è ad oggetti

            Affermare che le GUI sono obbligatorie dimostra solo una cosa: non si ha la minima idea di come funziona un sistema operativo!!
            Qualsiasi studente di Informatica (la facoltà sotto scienze matematiche) che abbia fatto il corso di sistemi operativi sa che un umano dialoga con un sistema operativo tramite stdin (quindi tastiera e mouse) ed esso risponde sempre con stdout (standard out) ovvero scritte in un terminale. Che poi finestre (scritte in QT,GKT o quel che che ti pare) possano intercettare questi messaggi e mostrarteli magari in un popup invece che sul terminale è del tutto normale ma alla base c’ è sempre uno standard out. Non può essere diversamente. Come tale si può sempre trovare il modo di replicare quello che fanno tutte le GUI usando gli opportuni comandi e facendoci rispondere direttamente sul terminale

          • ale

            Mica tanto,io posso benissimo fare un eseguibile che non prende nessun argomento da stdin e da riga di comando,e che non produce nessun output,come il 99% delle applicazioni windows (quelle invece che lo fanno è perchè sono app pensate anche per linux,come i browser,vlc,ecc),ma non è che l’ output è intercettato,è solo una scelta del programmatore che ha deciso che il programma darà output solo tramite le librerie grafiche e non su stdout

            Per esempio se lancio iexplore e poi chiudo il terminale la finestra di iexplore rimane aperta,il che vuol dire che il processo non è un processo figlio della shell ma di qualche altra app,e che non sta girando nella shell

            Il fatto che le versioni server hanno anche una gui preinstallata non vuol dire nulla,se io ho un server cosa mi serve avere una gui,per sprecare risorse,giusto per dire per connetterti in remoto a un server windows devi usare il remote desktop o vnc,per forza,mentre con linux posso usare una semplice connessione ssh e fare in modo più veloce

            Non vuol dire nemmeno nulla che tutti i pc hanno una scheda video,metti magari che io voglio farmi un server a casa e tolgo fisicamente la scheda video per risparmiare energia e magari non ne ho una integrata,e un altra cosa che ho notato è che windows a volte non parte se non hai collegato nessun monitor,ma resta fermo perchè non riesce a far partire l’ interfaccia grafica,mi succede spesso che lascio il monitor spento e mi tocca riavviare perchè si blocca al boot

            Un altra cosa utile è che se devi svolgere operazioni via interfaccia grafica non puoi automatizzarle,mentre con linux fai uno script e via

            Un altra cosa è che te parli dei pacchetti .msi,peccato che il 90% dei programmi ha un installer proprietario e devi installarli via interfaccia grafica.prova per esempio ad installare chrome via cmd,in più tutti i programmi anche msi devono essere scaricati a mano,metti che ho appena formattato e devo installare 20 programmi,su windows perdo minimo 2 ore per andare sui vari siti,scaricarli ed installarli uno ad uno,con linux do un apt-get che mi installa tutti e 20 i programmi insieme e magari mentre installa faccio dell’ altro

          • Si è vero potresti fare un eseguibile che non accetta nessun paramento (quindi niente in) ma almeno l’ out ce lo avrà sempre. La funzione main di ogni programma è di tipo intero e quanto meno deve ritornare 0 per dire che il programma è finito. Alcuni compilatori Microsoft, tipo Visual studio ti permettono anche di usare void main e anche a scuola me lo hanno insegnato ma ciò non vuol dire sia corretto. In programmazione ci sono delle regole, alcune scritte negli standard POSIX, altri sono più che altro buone pratiche da seguire. Mi sembra che sia lo standard stesso a dire che main deve essere di tipo intero e ritornare almeno a 0 per dire programma eseguito correttamente e finito.

            Non sono certo che un Linux funzioni senza nessuna scheda video. Come potrebbe creare il terminale. Quella ci vuole sempre anche solo integrata nella CPU o MOBO.

            Per le operazioni automatizzate su windows c’ è “operazioni pianificate” usabile da CLI con il comando AT , senza contare che puoi farti uno script in C# da eseguire con PowerShell così come su linux potresti crearti un file bash.

            Per quanto riguarda MSI. Chrome esiste anche in MSI nella sua versione business. Ad ogni modo se uno sviluppatore indipendente o un azienda non usano il sistema di pachettizazione di una distro la colpa non è mica della distro. Anche su Linux ho visto alcuni installer fatti con script in sh anziche usare deb (o rpm) ma non è il modo corretto di fare.

            Per quanto riguarda l’ inutilità di una GUI su server e una mancanza di repository per windows hai pienamente ragione ma non volevo scatenare la solita guerra windows – Linux o dire che Windows è meglio di Linux. Tutto era partito perché dicevo che secondo me si può usare la CLI anche su windows trovandone benefici anche li. Secondo te non ci si può fare le stesse cose che su Linux, secondo me se ne può fare tante. E’ solo meno conosciuto.

          • ale

            Be si sul fatto che un programma ritorni un codice di uscita è naturale,anche quelli void mi pare alla fine venga visto dall’ os come 0,ma non intendevo questo che non centra con lo stdout (che sarebbe la console)

            Comunque linux funziona perfettamente senza scheda video,non serve creare una console per funzionare,puoi benissimo usare un pc connesso in remoto via ssh,o anche con una console seriale (come si faceva nei primi computer unix,che non schede video nella macchina,ma per l’ input e ouput si usavano terminali seriali a caratteri,infatti da qui si dice emulatore di terminale l’ applicazione che ti consente usare la riga di comando dentro a un ambiente grafico)

            Poi va be in linux in genere su tutte le distro trovi i maggiori programmi pacchettizzati in quel modo,per esempio quasi ogni app fornisce pacchetti deb o rpm,che sono i più usati

            Poi si anche in windows con il prompt dei comandi ci puoi fare molte cose,ma non tutte,se io prendessi in mano una macchina senza interfaccia grafica con linux ci farei tutto o quasi quello che posso fare con un ambiente grafico (esistono addirittura browser testuali),su windows no,senza interfaccia grafica (ammesso che si potesse togliere) non ci farei le stesse cose
            Per di più la shell windows ha delle mancanze,non è multitasking (in un unica sessione puoi fare solo una cosa,non puoi fare un operazione in background),il linguaggio di scripting non ha la stessa usabilità di bash,e poi altre cose minori come il completamento col tab che funziona solo per percorsi e non per i nomi degli eseguibili,la history che si cancella ad ogni avvio della shell,ecc
            Con questo non voglio dire comunque che windows fa schifo perchè anch’io lo uso per i giochi e per office quando qualcuno mi manda file in formato office,solo che per fare certe cose è mille volte linux,per l’ uso domestico windows è anche buono,nulla da dire ma per un uso più avanzato no,per esempio per programmare,già per installare gcc bisogna leggersi una guida,scaricare file,impostare path,in più windows è proprietario e se si vole personalizzare non si può,in più ti nasconde tutto e quindi ad usarlo non impari nulla

          • Beh in effetti ho imparato molto di più ad applicare quello visto su server debian e gentoo o su ubuntu nel desktop che in anni di windows. Però anche solo per abitudine uso in maniera più produttiva windows perché so dove mettere le mani ;D

  • Giacomo

    Mah. Queste iniziative sono lodevoli e hanno anche un effetto “wow”, però, però… Io avevo l’esigenza di far girare media player daemon su windows, e dopo aver valutato colinux e cygwin ho installato un ubuntu server su virtualbox. Certo, si perdono 256 MB di Ram e si occupa più spazio su disco (entrambe cose che oggi non mancano), mentre la CPU, con mia sorpresa, consuma solo un 1-2% in più di un mpd nativo in linux. Ma gli sbattimenti per far funzionare il tutto sono stati nulli…

No more articles