Grazie a telegram purple potremo chattare con i nostri amici di Telegram direttamente da Pidgin, ecco come fare.

Telegram-Purple in Pidgin
Telegram è un servizio di messaggistica istantanea nato per fornire una valida alternativa gratuita a WhatsApp fornendo molte ed utili funzionalità. Importante caratteristica (molto amata dagli utenti Linux) presente in Telegram è la possibilità di poter utilizzare il servizio di messaggistica istantanea all’interno del nostro desktop tramite client open dedicati come ad esempio Telegram Desktop, Sigram e la web apps per Unity. Possiamo inoltre utilizzare Telegram all’interno di Pidgin, famoso software di messaggistica istantanea open source multi-piattaforma.

Tutto questo è possibile grazie a Telegram-Purple un plugin che ci consente di utilizzare il famoso servizio di messaggistica istantanea all’interno del nostro desktop assieme ad altri servizi web. Il plugin si basa su Telegram-cli tool che ci consente di utilizzare tutte le funzionalità del servizio di messaggistica all’interno del nostro terminale. Possiamo chattare con i nostri amici, condividendo anche le immagini ecc, il plugin inoltre supporta anche le Emojis e altre utili funzionalità.

Possiamo installare facilmente Telegram-Purple in Arch Linux, Manjaro e derivate tramite AUR digitando da terminale:

yaourt -S telegram-purple-git

e confermiamo la compilazione ed installazione.

Per le altre distribuzioni dovremo compilare il plugin Telegram da sorgenti, per prima cosa installiamo alcune dipendenze indispensabili digitando:

Per Debian, Ubuntu e derivate:

sudo apt-get install libssl-dev libglib2.0-dev libpurple-dev

Per Fedora:

sudo yum install gcc openssl-devel glib2-devel libpurple-devel

Per openSUSE:

sudo zypper install gcc glib glib-devel libpurple libpurple-devel zlib-devel openssl libopenssl-devel

Ora scarichiamo i sorgenti da questo link, una volta estratto il file zip avviamo il terminale all’interno della cartella appena estratta e digitiamo:

make
sudo make install

Una volta installato basta avviare Pidgin nella sezione Account scegliamo il protocollo Telegram ed inseriamo il numero di cellulare associato (attenzione ad inserire  +39 per noi utenti italiani), una volta confermato potremo utilizzare / chattare con Telegram in Pidgin.

Aggiornamento: Telegram-Purple è disponibile per Ubuntu e derivate tramite questo pacchetto deb oppure digitando da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:nilarimogard/webupd8
sudo apt-get update
sudo apt-get install telegram-purple

e confermiamo. Thanks

Home Telegram-Purple

  • Geniale direi..:D…ma non ho capito una cosa… oltre i soldi per lo sviluppo …poi il gioco sara’ gratis o a pagamento?

  • EXploso

    ho scaricato la cartella e come da guida ho avviato l’eseguibile ma mi dice che devo installare PyPar2 per avviarlo, è normale?

  • heron

    Funziona anche con gli altri client che usano libpurple? (come telepathy)

    • non saprei
      provo comunque e poi ti so dire

      • heron

        ho configurato un account e mi è anche arrivato l’sms con il codice, ma poi non so dove scriverlo. Sapresti aiutarmi?

        • Jacopo Ben Quatrini

          Dopo aver inserito il tuo numero di telefono nel nome utente per configurare l’account ti arriva un SMS , contemporaneamente ti si apre anche una finestrella che ti chiede nome , cognome e il telegram code , inserisci il codice arrivato via SMS nella casella telegram code.

          • heron

            niente finestrella 🙁 ho usato kde-thelepathy con il plugin thelepathy-haze che pesca i protocolli da libpurple di pidgin.
            Se provo di nuovo sempre con telepathy o anche con pidgin non mi arriva più l’SMS.

          • Jacopo Ben Quatrini

            Ah. Non saprei , avendolo fatto da pidgin…

  • JackPulde

    Curiosità… Ma viene usato ancora molto telegram? Tra quelli che conosco c’era stato un boom iniziale e ormai quasi nessuno (per non dire nessuno) lo usa :/

    • heron

      eccomi! anche se sto pensando di passare a xmpp

    • Edoardo

      C’è stato il boom quando per tre ore WhatsApp era down e lo hanno scaricato milioni di persone che prima non lo conoscevano compreso me.

      Io ho pochissimi contatti ma lo ritengo decisamente superiore a WhatsApp anche perché si può installare su più dispositivi contemporaneamente e su qualsiasi dispositivo.

    • LelixSuper

      Io ormai uso solo Telegram, è troppo ben fatto!

      • Brado

        Vallo a spiegare e far capire al popolo bue!

        • Alessandro

          anche io e la mia ragazza usiamo solo telegram.

          e ringrazio sempre lffl per quest’altra fantastica guida.

    • XfceEvangelist

      Io lo uso! Telegram è anni luce avanti di WA.

    • Matteo

      All’estero è usato parecchio

  • robytrevi

    Non si visualizzano le immagini ricevute… Almeno io ricevo una riga bianca.

    • robytrevi

      Ah, e comunque telegram-desktop funziona egregiamente e senza installazione (anche se utilizzare un programma unico per tutto è sicuramente più comodo).

      • Sigram è nettamente superiore a Telegram Desktop, comunque. 🙂

  • lucapas

    Ma il miglior client open source e multipiattaforma che usa Jabber, sapete dirmi se esiste e qual è?

    • Jitsi è ottimo, ma “grazie” a OpenJDK su Linux i font si vedono da schifo.

      • lucapas

        Grazie per la dritta, se funziona i fonts sono un problema secondario.

  • Leej

    Telegram non se lo fila nessuno. ho provato a convincere molti amici ad abbandonare wozzapp insistendo sul fatto che fra qualche mese diventerà a pagamento. sapete cosa mi hanno risposto? “evabbuò…quante storie…per 0.89 euro all’anno!”…..come dargli torto?

    • «insistendo sul fatto che fra qualche mese diventerà a pagamento»

      Whatsapp è sempre stato a pagamento, è solo il primo anno in offerta gratis. Oltretutto, ovvio che non sono i 90 centesimi il punto di usare Telegram. Quest’ultimo si usa perché ha client open source e caratteristiche tecniche superiori (oltre a funzioni esclusive). 🙂

      Io ho circa 50 contatti Telegram, se i tuoi amici non lo usano, o convinci loro… o cambi amici. 😛 (è una battuta, ovviamente)

No more articles