E’ disponibile il nuovo Trisquel 7.0 LTS Belenos, la versione 100% libera di Ubuntu 14.04 Trusty.

Trisquel
Trisquel è un progetto che punta a coniugare le qualità di Ubuntu all’interno di un sistema operativo che include esclusivamente software libero. Da notare che Trusquel non si basa sui repository ufficiali di Ubuntu (ne segue comunque i cicli di rilascio delle versioni LTS) analizzando tutti pacchetti verificandone che includano solo software open source. Da notare anche l’integrazione del Kernel Linux Libre che rimuovere firmware proprietari oltre ad includere alcune ottimizzazioni. Proprio in questi giorni è approdato Trisquel 7.0 LTS Belenos, nuova release basata su Ubuntu 14.04 Trusty LTS.

Tra le novità include in Trisquel 7.0 LTS Belenos troviamo il Kernel Linux-libre 3.13 a bassa latenza con scheduing bfq di default, come ambiente desktop di default troviamo GNOME 3.12 nella modalità Fallback in grado di fornire un’esperienza utente simile a Gnome 2 (la distribuzione è disponibile anche con ambiente desktop LXDE oppure nella versione “Trisquel on a Sugar TOAST” specifica per ragazzi dai 0 ai 12 anni).

Trisquel 7.0 LTS viene rilasciato con Abrowser 33 come browser predefinito (un fork di Firefox) mentre il client email GNU IceCat 31 è disponibile come installazione opzionale con un singolo click dalla homepage di Abrowser il tutto completo di molte ed utili funzionalità aggiuntive per migliorare la privacy dell’utente. Preinstallato in Trisquel 7.0 LTS Belenos troviamo anche il Portafoglio Bitcoin Electrum oltre ad altre migliorie, da notare anche il l’installer che include oltre 50 lingue e applicazioni aggiuntive.

Trisquel 7.0 LTS

Per maggiori informazioni:

Note di rilascio Trisquel 7.0 LTS
Download Trisquel 7.0 LTS

Home Trisquel

  • MatteoCafi

    Download in corso…

    • appena terminato il download della live kde 😀

      • MatteoCafi

        Io sto scaricando il dvd di installazione.

      • Marco

        Pareri? La trovo una distribuzione interessante, ma troppo legata al passato di mandriva, tutti i drakx tools non sono stati resi attuali e tanti demoni sono ancora gli stessi che si usavano su mandriva quindi basati su sysv e non systemd.
        Per esempio su Rosa li hanno eliminati e li stanno riscrivendo.
        In questi giorni e’ uscita la nuova alpha di openMandriva, son curioso di vedere che via stanno seguendo loro.

  • EnricoD

    sei un tentatore!!!!!! 😛
    la provo in live… ma non la metto per il semplice fatto che ho messo debian e sto ottenendo ottimi risultati con la durata della batteria e kernel-netbook … 🙂
    grazie per la segnalazione

  • Ci deve essere un errore temporaneo.

    Non mi fa scaricare in nessun modo, né in HTTP né con i canali torrent.

  • bintar

    Nelle note di rilascio c’è scritto che Grub2 non è di default, come segnalato nell’articolo, ma usano ancora Grub 0.99 (ben fatto!)

    • MatteoCafi

      Alla fine del processo di installazione puoi scegliere il bootloader da usare. Comunque anche quando hai finito l’installazione puoi cambiare il bootloader dal Mageia Control Center.

  • Sto provando il cd di installazione

  • Albitro

    Com’è? Mi date un parere? Ho provato altre distro tra cui Ubuntu, Suse, Puppy, Mint e Debian, ma mai Mandriva/Mageia. Che dite, vale la pena?

    • MatteoCafi

      Stravale.

    • Gianfranco

      Per me è sempre stata la migliore distro anche se non capisco perché non sia “famosa” come le altre. Quando mandriva mi riconosceva tutto l’hardware e aveva un centro di controllo come si deve le altre distro stile ubuntu avevano di loro solo il logo del boot. E ora, per dire, tramite VNC è l’unica distro che mi fa girare gnome shell da remoto 0.0. Come sempre complimenti Mandriva!

  • Massimo

    il Live-DVD contiene i codecs non-free, mentre il DVD di installazione no (vanno installati a mano).

  • franck asus pro

    è stato un bene che abbiano fatto a pezzi la vecchia comunita mandrake-mandriva ..adesso abbiamo distro come rosa desktop ,mageia ,pclinux os,mageia e prossimamente open mandriva. mageia vale una vecchia mandriva powerpack a pagamento..un gioiello!!

  • Daniele F.

    Ottima, la sto usando da un paio di settimane, dalla RC.

  • Sándor

    Provatela! È veramente un’ottima distro.

  • ale

    lo uso da 2 anni stupenda la versione 6 ora provo questa nuova

  • teomondo scrofolo

    BelenOS ?! Scusate, non ho resistito … mi annullo

    sudo rm -rfv –no-preserve-root /

  • muradreis

    Si ma per vedere un video in flash devo chiedere un’interrogazione parlamentare? E per favore non dite che non esistono più su nessun sito ormai..

    • Jacopo Ben Quatrini

      basta usare una qualunque altra normale distro che ti permette di installare pacchetti non-free

      • muradreis

        Cosa che faccio con soddisfazione da un decennio. Ma la cosa interessante sarebbe vedere se l’opera di evangelizzazione riuscisse in qualche modo a instillare un dubbio..magari impegnandosi un pò di più..

        • Jacopo Ben Quatrini

          quale opera di evangelizzazione ? Ma di cosa stai parlando ?

          • muradreis

            Di FSF…

          • Jacopo Ben Quatrini

            E quale sarebbe il problema con la Free Software Foundation ?

          • muradreis

            Deve esserci per forza un “problema”?

          • Jacopo Ben Quatrini

            Bè da come ne parli sembrava di si…

    • loki

      mi sembra ovvio che il target di questa distro non sia chi vuole vedere video in flash…

      • muradreis

        Quindi esisterebbe un target di individui che non usa il web o se lo usa rinuncia a buona parte dei contenuti multimediali per difendere un principio?

        • Jacopo Ben Quatrini

          non è nemmeno detto che rinunci dal momento che esistono programmi come SMplayer youtube browser che ti permettono di vedere video da youtube senza usare flash.
          Oppure puoi anche usare XBMC/Kodi con le relative estensioni.
          Non serve necessariamente un browser per accedere ad alcuni contenuti web.

          • muradreis

            Certo. Ma youtube non è il web. Ci sono centinaia di siti d’informazione che usano contenuti multimediali. Averli a disposizione nel browser è non solo comodo, ma anche logico

          • Jacopo Ben Quatrini

            Sicuramente , ed è per questo che la maggior parte delle distro permetteono ancora di installare flash player , almeno finchè non và in pensione sostituito da HTML5.
            Onestamente non ci vedo sto gran problema.

        • bypasser

          Esiste un target che non usa software non-free ed evidentemente non ne sente la mancanza.

          • muradreis

            Anch’io uso software free. Finché questo non limita i miei scopi. Della serie: uno strumento è uno strumento

          • bypasser

            Si chiamano scelte. Ogni scelta impone una rinuncia alcune volte è evidente altre meno. PS: io non uso trisquel

        • loki

          ovvio che esiste. e può variare da motivi ideologici (=”prima muore il software closed, meglio stiamo tutti”), a motivi pratici (=”non posso permettermi di eseguire programmi di cui non è possibile controllare il codice”).
          per quanto riguarda la questione flash, io sinceramente è da quando youtube ha abbracciato html5 che non mi ci imbatto…

          • muradreis

            Se sei un programmatore, ha un senso. Se sei un utilizzatore..resta l’ideologia

          • loki

            bene, hai già trovato un possibile utilizzatore. quindi ti sei risposto da solo alla domanda che mi hai fatto prima 😀

          • muradreis

            Come persona deputata a decidere anche per altri e quindi obbligata a guardare oltre il proprio naso, puoi ben capire da solo quanto “uno” sia un dato leggermente poco aggregato.. 😉

          • loki

            non è una persona, è una categoria di persone. come hai convenuto anche tu due commenti fa, possono esistere categorie di persone che hanno necessita (qualunque sia il motivo, non sono affari nostri) di avere un sistema completamente libero.

            ognuno sceglie il sistema adatto alle sue esigenze, sia esso osx, windows, freebsd ecc. tornando quindi al tuo post originale, se scegli questo sistema e ti aspetti di usare flash, hai fatto male i tuoi conti. per farti capire meglio, è la stessa cosa di comprare un pc con windows e lamentarsi di dover installare una macchina virtuale per usare xcode.

          • muradreis

            Da utilizzatore di software free come te non posso che concordare sull’idea. Ma qui stiamo parlando di attività di base.. è come se tu mi dicessi: guarda sostituisci il tuo SO con quest’altro che è etico e bellissimo, però ha un solo piccolo difetto: non puoi usarci fogli di calcolo. Io (e come me la stragrande maggioranza) cosa ti posso rispondere? Ok magari gli do un’occhiata eh.. USARLO è altra cosa

          • loki

            ti stai sbagliando, probabilmente data la mole di commenti a cui stai rispondendo: io non ti ho mai detto di sostituire un bel niente 😀

            ciò che sto cercando di trasmetterti dall’inizio della nostra discussione è che questa distro ha un suo target e questo target ha valutato attentamente pro e contro di questa scelta giungendo ad una conclusione: non ha necessità di visualizzare siti in flash o interagire con tecnologie proprietarie di alcun genere per svolgere il suo lavoro/divertimento/altro. ciò che non riesco a capire è perchè ti sia così difficile accettarlo.

          • muradreis

            Un target che corrisponde allo 0,0002% per me (ma anche per qualunque altra disciplina al mondo un minimo codificata).. non è un target. Tutto qui

          • loki

            non esiste nessuna disciplina che dica che un target debba avere un numero minimo di persone, ti sfido a dimostrare il contrario.

          • muradreis

            Stai scherzando, vero? Tutte le scienze si basano sul concetto di rappresentatività, dal positivismo in poi. Dalla medicina passando per le scienze storiche fino alle “deboli” ossia sociologia e psicologia.
            Le variabili da considerare DEVONO avere un minimo di significatività, altrimenti non si da la scienza in toto. E ciò che non è significativo si scarta.
            Senza questo principio che è proprio la base delle basi non esisterebbe neanche l’aspirina

          • Jacopo Ben Quatrini

            Commento fuori luogo. Linux non è una scienza e un target è un target anche se rappresentato da una sola persona in tutto l’universo.
            Anche se fosse lo 0,03% dell’1% che usa linux rimane cmq un target abbastanza corposo affinchè ci sia qualcuno che vuole sviluppare una distro apposita per quelle persone.
            Il messaggio che vuoi far passare è che una minoranza non è degna di essere presa in considerazione, e se tutti usassero il tuo ragionamento ora non esisterebbe nemmeno GNU/Linux.
            Devi accettare il fatto che esistono persone a cui fa comodo usare solo software libero a prescindere che siano persone che lo fanno per principio o per motivi pratici.
            I dati numerici per quanto piccoli non sono MAI trascurabili (non a caso in Fisica esiste il concetto di errore in una misurazione ).

          • muradreis

            L’errore in una misurazione è tutt’altra cosa (e lo sai).
            Io accetto PERFETTAMENTE che esista qualsivoglia versione di qualsivoglia sistema. Ma non venirmi a dire che ci si possa inquadrare un target, perché è semplicemente falso. Se io pensassi da solo che grattarsi il mento è un hobby..questa mia idea non lo trasforma automaticamente in un hobby.
            Se fosse così non esisterebbero le categorie e non si potrebbe finanche parlare più di alcunché. Sarebbe tutto soggettivo.
            Ti ho dimostrato chiaramente che ogni tipo di scienza si basa su una categorizzazione e che, per fare una categoria devi per forza usare più di un’unità. La questione logica che ponevi è RISOLTA (e anche questo lo sai).
            Ma è sbagliato anche il presupposto! Perché nessuno ha mai detto: questa distro non merita di esistere.. bensì: datemi un motivo per usarla e per preferirla a qualcosa.. ossia: è una vera alternativa per queste esigenze?
            Tuttavia le risposte hanno coinvolto l’ambito valoriale e non quello sostanziale..che significa questo?

          • Jacopo Ben Quatrini

            No , l’errore in misurazione non è tutt’un’altra cosa dato che tu hai parlato di scienza e la scienza non si basa sulle categorie ma sulla sperimentazione.
            Le categorie sono nate come strumento per l’uomo per fare ordine nel proprio cervello e guarda un po’ sono soggettive, non mi hai dimostrato proprio nulla della tesi che affermi.

            Nessuno ha detto che questa distro non merita di esistere semplicemente perchè non è così e il motivo per usarla c’è eccome: non si vuole usare softare closed.
            Non rientri nel target ? Pazienza , la useranno altre persone. Ma il fatto che tu non rientri nel target non è un valido motivo per affermare che quel target non esiste.
            Finora non mi hai nemmeno mostrato prove concrete di questa tua supposizione (perchè si, la tua è solo una supposizione ).

            Inoltre Einsein ci ha insegnato che tutto è soggettivo persino i dati scientifici , l’unica costante è la velocità della luce , tutto il resto è frutto della percezione dei sensi dell’uomo.

          • muradreis

            Mi piace discutere con una persona ragionevole, pacata ed appassionata come te.
            Tuttavia definire la scienza come un qualcosa di soggettivo e il non accettare una logica (quella occidentale) condivisa ed operante a tutti i livelli lavorativi..mi toglie in automatico (ahimè) ogni possibilità di confronto. Manca un terreno comune su cui proseguire.
            E non lo dico perchè “secondo me è così”: la scienza è il mio lavoro quotidiano.
            Saluti

          • Jacopo Ben Quatrini

            la scienza è presente in vari ambiti e ci sono scienze oggettive come la fisica e le scienze soggettive come la sociologia. Fare di tutta l’erba un fascio da uno che dice di lavorare con la “scienza” tutti i giorni (però non hai specificato nemmeno quale e purtroppo credo di intuire il perchè) dimostra che poi non capisci così tanto come vuoi far credere.
            Il confronto non c’è mai stato perchè hai imbastito concetti che non c’entravano nulla l’uno con l’altro tentando di far prevalere la tua opinione il tuo “secondo me è così” senza accettare null’altro.
            Mi spiace per te ma il confronto l’hai perso in partenza quando hai parlato delel categorie come un qualcosa di obbiettivo e veritiero cosa evidentemente falsa sotto molti aspetti.
            Piuttosto che atteggiarti a grande conoscite delle scienze e delle categorie faresti meglio ad essere un po’ più umile e a dire che forse la tua opinione conta solo nel tuo piccolo mondo, mondo fatto di gente diversa da te e da me dove esistono esigenze molto diverse.

          • muradreis

            Dunque dovrei specificare, senza che nessuno me lo abbia chiesto, che sono un dipendente del Consiglio Nazionale delle Ricerche, nello specifico l’Istituto di Biologia Cellulare e Neuroscienze, magari indicare anche il numero delle pubblicazioni in cui è presente il mio nome, e poi ambire ad una indiscussa celebrazione di umiltà.
            L’umiltà è evitare di parlare di ciò che non si conosce minimamente e ti assicuro che quando parli di “scienza” non hai la benché minima idea di cosa stai dicendo. E ti ricordo che al contrario io, all’inizio ho posto una domanda.
            Ora è più che probabile che la tua giovane età o la lontananza pressoché assoluta al tema di discussione (la famosa scienza) ti faccia “sparare grosso” (quando ho letto della distinzione scienze soggettive – oggettive ho riso per un quarto d’ora..come se non fosse noto anche ai bambini che scienze soggettive è un evidente ossimoro) ma davvero..chiediti se è utile a qualcuno cercare di tenere una posizione a prescindere, senza alcun appiglio concreto e che non sia risibile a chi è un tantino più navigato..come se fosse una discussione del liceo (e sono buono).
            E cerca di darti una risposta.
            Saluti definitivi (sul tema, che tra l’altro è un evidente off topic)

          • Jacopo Ben Quatrini

            “chiediti se è utile a qualcuno cercare di tenere una posizione a prescindere, senza alcun appiglio concreto ”

            Hai riassunto il tuo atteggiamento , hai messo in mezzo la “scienza” (di cui è chiaro che non sai nulla spari cazzate) pur non sapendone nulla e ora non riesci a rispondere a tono.
            Hai confermato quel che pensavo.

        • Sándor

          Una volta c’era chi dava la vita per un principio, ma i tempi sono cambiati… Non siamo disposti a rinunciare nemmeno a un video su Vice, figuriamoci a cose più importanti.

          • muradreis

            Io non sono disposto a rinunciare all’informazione, in qualunque modo mi venga proposta e con qualunque mezzo (foto, video ecc.ecc.). Agli altri le loro scelte. E ai veri combattenti i veri principi

          • Sándor

            E comunque i video flash su Trisquel si vedono, dove sta il problema? Alcuni siti in flash non vengono visualizzati correttamente perché gnash ha ancora parecchi problemi, ma i video si vedono.

          • muradreis

            Meglio se si vedono! Difatti la mia iniziale era una domanda.. Se parli di gnash avendolo usato almeno una volta..sei perfettamente al corrente che non è un’alternativa. Lo potrebbe essere (se seguito) tra una decina d’anni. Forse.

    • ange98

      50 commenti scaturiti da una tua critica? Sono commosso *.*

      • muradreis

        Era tutto studiato per dare visibilità alla splendida Trisquel! 😉

        • ange98

          Non posso fare a meno di notare che Trisquel non ti piace proprio. Per ingoiare il boccone vedila così: una Ubuntu con uno GNOME modificato e con disabilitato di default multiverse e restricted + una leggera pulizia al kernel e universe.
          Suona meglio 😀

          • muradreis

            Ti dico di più: la proverò!
            Grazie dell’intervento e del tuo tono. Una goccia di cioccolato in un mare di m……

  • Gabriele

    Caspita! Ma il software libero non dovrebbe unire le persone?! Leggendo alcuni commenti qui sotto sembra di essere capitati in mezzo a zitellone inacidire (pur con tutto il rispetto delle donne single). Mi sa che il problema vero di linux è proprio questo … nerd che vivono solo ed esclusivamente per il PC! E guai a chi tocca le loro convinzioni! Per diffondere il software libero bisogna parlare con le persone, cominciamo a farlo tra noi utenti linux … PRIMA!

    • RastaD

      benvenuto su questo blog. Parlare con le persone è una cosa costruttiva e utile, parlare con i troll molto meno. Purtroppo è quello che è successo (in buona fede) a molte delle persone che hanno commentato qui sotto.

No more articles