Mackup è un’utile tool che ci consente di sincronizzare le impostazioni di numerosi applicazioni tra vari pc Linux e Mac

Mackup
Tra le principali caratteristiche incluse in molti servizi di cloud storage, come ad esempio Dropbox, troviamo la possibilità di sincronizzare file e directory tra vari pc anche con sistema operativo diverso tra loro. Possiamo inoltre sincronizzare anche le varie configurazioni delle applicazioni grazie ad un’utile tool denominato Mackup.
Mackup è un tool open source che ci consente di sincronizzare (attraverso il servizio di cloud storage Dropbox, Google Drive o il nostro account Github) le varie configurazioni di numerosi software tra vari pc il tutto automaticamente.

Il tool Mackup in poche parole sincronizza tra vari pc i file di configurazione delle varie applicazioni in maniera tale da non dover impostarli in ogni pc. Da notare la possibilità di sincronizzare anche le configurazioni di file manager come Nemo e Dolphin oppure Skype, supporta anche Light Table, Filezilla, Clementine, il client Spotify, Sublime Text ecc e molte altre saranno incluse nei prossimi aggiornamenti.

Mackup software supportati

Installare e utilizzare Mackup in Debian, Linux e derivate è molto semplice, per prima cosa installiamo python-pip dipendenza indispensabile per installare il tool, per farlo basta digitare:

sudo apt-get install python-pip 

una volta installato procediamo con il download ed installazione di Mackup digitando:

sudo pip install mackup

una volta installato controlliamo di aver installato il client Dropbox nel quale varranno salvati i vari file di configurazione.

Non ci resta che effettuare il backup dei file di configurazione digitando:

mackup backup

ci verrà chiesto di confermare l’accesso al nostro account Dropbox, fatto questo il tool effettuerà il backup dei file di configurazione.

In altri pc per sincronizzare i file di configurazione basterà installare Mackup e digitare:

mackup restore

e avremo sincronizzato i vari file di configurazione.

Home Mackup

  • Brau

    Ma esiste un aggiornamento di Ubuntu che mi consente di nascondere da ogni dove ogni immagine di quegli odiosissimi pony?

    • Barrnet

      Che hai contro i brony? lol

      • mmjbox

        quei poni sono lammerda

      • Brau

        Io non sono contro i brony (sono soltanto persone ipnotizzate), è che ho le palle piene di vedermi praticamente OVUNQUE questi cacchio di pony colorati, e chemmeenchia, non posso aprire una qualsiasi pagina internet che me li ritrovo davanti, manco fossero le pubblicità del Viagra… Sono finiti pure come p0rnazzi, vogliamo dire, c’è gente che si “diletta” guardando dei cavalli colorati… Suvvia, posso tollerare quelli a cui piace il cartone, ma non che gli piaccia a questi livelli… Non ne avete abbastanza pure voi?

  • Dario Grillo

    Da wikipedia: “Ubuntu è una distribuzione Linux basata sull’ambiente desktop GNOME” ormai di gnome non è rimasto più niente 😀
    PS: consiglio anche la sostituzione di brasero con xfburn visto che brasero è un programma di masterizzazione di me**a

  • MatteoCafi

    Rainbow <3

  • Synlu

    Ottimi motivi per passare a Ubuntu: Rainbow Dash

  • Scemo di Guerra

    Salve, vi ho scoperto da poco. buon sito, peccato che siate troppo Ubuntucentrici. secondo me è una distro che snatura troppo la filosofia GNU/Linux.

    • Sim One

      È anche la più diffusa. Questo blog lo leggono un po’ tutti, anche chi (come me) non è un guru. Questa cosa deve per forza essere tenuta in debito conto.
      Detto questo io non conto nulla, sono solo un lettore come te 🙂

    • gatano

      Te lo dico da sistemista Unix non solo Linux, Ubuntu è Linux come lo è Redhat, Debian, Suse, le varianti come Kubuntu etc … non snatura nulla, non c’è filosofia se non quella dell’usabilità, negli ambienti Linux usi la distribuzione più adatta al caso (e per fortuna c’è una vasta scelta), Ubuntu non senza meriti (ma anche demeriti) è fra le più facili da installare (non forse da gestire) per l’utente alle prime armi e anche per l’utente esperto che viene da debian non è una distro affatto limitante.

      Il target di questo blog non è per i supergeek o i sistemisti che si guadagnano la pagnota con Linux, ma per l’utente medio che usa Linux principalmente per scopi personali e da questo punto di vista questo blog non fa una piega è coerente con il suo target di riferimento.

      Ad esempio non ci trovi soluzioni sul come si abilita il multipath su delle lun in fibra o come cambiare al volo il naming scheme delle porte di rete o altre amenità tipiche di chi installa e gestisce centinaia di sistemi Linux mediamente complessi,

      pero’ se vuoi suggerimenti su quale è il più bel desktop manager o come visualizzare il tuo bluray disk preferito sotto Linux, qui potresti trovare la risposta e Ubuntu fa parte del gruppo delle distribuzioni Linux più indicato per queste cose.

      • Remigio

        Scusate ho un problema con il multipath su delle lun in fibra, non riesco a cambiare al volo il naming scheme delle porte di rete… avete qualche idea?
        Scherzavo ….ovviamente

        • Kim Allamandola

          Anche se è uno scherzo _questo_ è snaturare la filosofia non solo GNU/Linux ma dell’opensource in generale: la voglia di imparare. L’utente classico opensource è un utente che vuol crescere, apprendere nuove cose, divertendosi, sperimentando e anche “studiando” (nel senso classico del libro da leggere), quindi se non sai cos’è il multipath (per i curiosi, nel rispetto dello spirito open è usare la definizione più sintetica è “il raid per i collegamenti”) l’avresti chiesto con affamata curiosità, e magari andando avanti avresti scoperto il CNDN, avresti trovato una certa affinità con l’uso degli UUID al posto dei device in fstab ecc 😛

          • Remigio

            …interessante,
            sono movimenti popolari sudamericani?

    • TopoRuggente

      Ubuntu ha sicuramente la maggiore comunità per numero di utenti …. come tale si aiutano più persone (anche se di solito ci sono le istruzioni per Arch anche)
      Questo non toglie che il sito sia interessante anche per chi, come me, utente linux da più di 20 anni, usa Arch e Slackware.
      Parecchi software che uso quotidianamente li ho scoperti “fra le pagine” di questo blog.

  • biosniper

    cosa fa esattamente questo programma? non ho capito bene, io installo per esempio dropbox in un’altro pc e poi? mi immette automaticamente il login e la pass per accedere a dropbox …? perche’ a sincronizzare file e cartelle ci pensa gia’ dropbox.

  • Idntfllow

    Mi sa di pastrocchio

  • Una Periferica Chiamata NULL

    Bisognerebbe testarne il funzionamento,prima di gridare al miracolo.
    Non funziona,ma se funziona !
    Nei fatti però questo programma è un pericolo per la sicurezza,lascia molto spazio a possibili usi malevoli.

No more articles