Il team italiano del progetto Lubit ha annunciato il rilascio della nuova release 4 “Eagle”, ecco come scaricarla.

Lubit 4 Eagle
Lubit è una distribuzione Linux italiana che punta a portare tutte le qualità di Ubuntu anche in personal computer datati grazie al window manager OpenBox e svariati tool e ottimizzazioni. Dopo il successo delle prime tre release, è finalmente disponibile Lubit 4 Eagle, nuova versione basata su Ubuntu 14.04 Trusty LTS dotata di numerose ed importanti novità oltre a svariati aggiornamenti.
Lubit 4.0 Eagle viene indicata come una valida alternativa all’ormai obsoleto Windows XP, offrendo un sistema operativo stabile ed affidabile che richiede meno di 100 MB di memoria RAM per avviarsi.

Tra le novità introdotte in Lubit 4 Eagle troviamo il nuovo tema Conky di default rivisitato per fornire maggiori informazioni in tempo reale sul sistema, grazie inoltre a vari aggiornamenti e correzioni di bug riguardanti OpenBox e il pannello Tint2, l’ambiente desktop risulta molto più performante e reattivo oltre a richiedere meno ram e cpu confronto le versioni precedenti.

Di default in Lubit 4 troviamo già preinstallati codec multimediali per riprodurre immediatamente post installazione i più diffusi file multimediali, tra le varie applicazioni di default troviamo il file manager Thunar, l’edutor di testi Leafpad, Pidgin, il browser Firefox, il gestore grafico dei pacchetti Synaptic oltre al gestore degli sfondi Nitrogen.

Lubit 4 Eagle

Da notare anche altri utili software come Abiword, Gnumeric, Evince, Gparted, DeaDBeeF, Xfburn, Guvcview, Transmission oltre a svariati tool dedicati come Radio, Accorda, Mio Hardware, Crea Password e Televideo. Preinstallato in Lubit 4 troviamo anche LXAppearance, software che ci consente di personalizzare menu e icone, rivisitato il tema plymouth oltre a nuovi sfondi.

Per maggiori informazioni:

Note di rilascio Lubit 4 Eagle
Download Lubit 4 Eagle
Home Lubit Linux

  • Max Franco

    continuo a dire che tint2 è una pessima scelta, se poi si installano applicazioni per il controllo volume e similia che fanno salire la ram perchè usano python o altri linguaggi intrepretati (o pseudo che siano).
    lxde puro partendo da installazione minima di ubuntu non arriva a 100 mega.. e allora perché tanto sbattimento per fare una distribuzione propria?? per il tema e la personalizzazione di conky?

    • EnricoD

      totalmente d’accordo, non ha senso… e poi tint2 è pure più difficile da configurare, si ha un tool ad interfaccia grafica ma non è mai come lxpanel… dovrebbero rilasciare le configurazioni sul git, di openbox e tint2, e il tema, come ha fatto il team antergos (una variante di numix e config openbox/tint2, anche se loro la rilasciano una iso con openbox, mi pare… ) … a parte che aprendo una sessione lxde non avrebbe manco tanto senso.. lxappearance, obconf e un buon tema openbox e gtk bastano ed avanzano

    • Labrador

      Lubit ha ottenuto oltre 40.000 downloads. Viene usata nelle scuole e nella PA. Pensi che il suo successo sia dovuto al nuovo tema o al conky? Prima di criticare, ad onor del vero, bisognerebbe provarla. Distinti saluti.

      • Max Franco

        provata e scritto a ragion veduta. lxde da ubuntu minimal consuma meno ram.

      • mscanfe

        nelle scuole?!!
        e nella PA?!!
        quando vedo qualcuno nelle scuole o nella PA usare il pc mi vengono i brividi: se non vedono da qualche parte un logo windows vanno nel panico… dunque non è facilissimo crederci.
        Certo, se lo affermi è perché ne sicuro; così, potresti dirci dove viene usato Lubit? in quali istituti e in quali amministrazioni?
        Cominciamo a diffonderle queste belle notizie 🙂

    • ange98

      Onestamente quando usavo Openbox, sceglievo tint2 solo perché mi piaceva di più esteticamente e visto che le risorse non mi mancano posso optare per questa opzione senza problemi.
      IMHO lxpanel o fbpanel sarebbero però perfetti per distro che puntano al minor consumo di hardware.

      • Max Franco

        ecco.. questo è molto sensato. se piace tint2 si fa benissimo ad usarlo 🙂

  • Rita

    XP, vai in cina e vedei se è obsoleto!

    • Non è vero, collaboro con aziende cinesi e non usano XP.

      Usano semmai in azienda Windows 7 perché, secondo quanto loro mi dicono, Windows 8 è una pena… come dargli torto?

  • non può essere un’alternativa a XP per il semplice fatto che openbox lo usano solo gli smanettoni, chi è abituato a xp e gli metti davanti openbox si mette a pensare che il PC non funziona

    • g cong

      lol
      P.S. sono smanettone e uso openbox 🙂
      viva openbox

    • Siro

      E poi vorrei sapere chi indica tutte queste distro come alternative a XP, a parte Roberto. Citation needed! 😛

  • rico

    L’idea non è male, un ambiente senza bisogno di icone, dove tutto si fa col clic destro – sinistro del mouse, e il conky con le prestazioni del sistema è utile, l’unico problema è che ad ogni programmino che voglio installare mi dice “dipendenze non soddisfatte” ???

    • mr1

      perché ogni programma vuole librerie grafiche che un ambiente così “scarno” non ha.

  • Qfwfq

    Qualcuno è riuscito a farlo partire da una penna USB? Io ho provato sia con lo scrittore di immagini di Mint sia con Unetbootin ma niente da fare.

    • rico

      Si, l’ho montato con unetbootin su chiavetta formattata in FAT32, dandogli anche un paio di GB di persistenza… poi riformattata, perchè Lubix gira ma non mi fa installare nulla.

  • Francesco

    Provata… senza sminuire il lavoro dei creatori mi sembra una copia meno elegante e forse anche un po’ sporcata (a partire dallo sfondo che sembra quello di crunchbang virato al rosso e con rumore rgb aggiunto, al terminal1 e 2, alle icone) di crunchbang, basata però su ubuntu 14.04 anzichè debian stable. Buone alcune scelte di software.

    Guardando gli screenshot la versione 3 mi pareva decisamente più elegante dal punto di vista grafico.

    Da live non si spegneva, dato che non mostrava di premere enter per spegnerla.

    La iso inoltre non è ibrida, basta usare isohybrid Lubit.iso per renderla tale e scrivibile con dd.

    La riproverò tra qualche versione.

No more articles