E’ finalmente disponibile la versione stabile di Linux Mint 17.1 Rebecca, ecco come scaricarla.

Linux Mint 17.1
Dopo mesi di duro lavoro è finalmente disponibile la nuova versione stabile con Cinnamon e Mate di Linux Mint 17.1 Rebecca. Linux Mint 17.1 è la prima release che non segue lo sviluppo di Ubuntu dato che rimane basata su Ubuntu 14.04 Trusty LTS includendo però diversi aggiornamenti a partire dal desktop environment Cinnamon aggiornato alla versione 2.4.(per maggiori informazioni).
Tra le principali novità introdotte in Linux Mint 17.1 Rebecca troviamo il nuovo gestore dei suoni, migliorie per il supporto e gestione del touchpad oltre a nuove opzioni compreso la possibilità di poter modificare i font della scrivania e look screen.

Con Linux Mint 17.1 Rebecca debutta anche il nuovo gestore delle lingue e Update Manager o Gestore degli Aggiornamenti che ci consente di raggruppare le varie dipendenze in ogni applicazione, game o altro, oltre a fornire maggiori dettagli per ogni singolo pacchetto da aggiornare.

Linux Mint 17.1 - Update Manager

Novità anche per il display manager MDM con un nuovo gestore e layout con icone nella barra laterale per poter accedere velocemente alle varie impostazioni.

Per maggiori informazioni su Linux Mint 17.1 consiglio di consultare la nostra recensione dedicata.

Linux Mint 17.1 è già disponibile nella ISO con ambiente desktop Cinnamon e Mate da questa pagina.

Per maggiori informazioni:

Note di rilascio Linux Mint 17.1 Cinnamon
Note di rilascio Linux Mint 17.1 MATE
Home Linux Mint

  • LelixSuper

    Perfetto! Non vedevo l’ora :Q

  • paolo formentini

    peccato che la pagina recita “tra pochi giorni attivo” da qualche tempo (oltre un mese…)

    • Purtroppo eventi che non possiamo controllare ci stanno costringendo a rimanere chiusi. Speriamo di risolvere a breve, la nostra idea era di lanciarlo il giorno stesso del rilascio di Ubuntu.

  • Anonimo

    Costava tanto mettere una ‘a’ tra Chiedi e Ubuntu?! La lingua italiana è bella…

    • Il fatto è che è il nome del portale è “Chiedi”, Ubuntu-it indica solamente che fa parte della comunità italiana. Anche perché Chiedi a Ubuntu-it fa venire in mente che si sta chiedendo a qualcuno della comunità, quando in realtà non è così 😉

  • Giovanni Glauco Ferrante

    Scusate io avevo la versione rc, devo fare qualcosa o si aggiornerà in automatico.

    • Angelo Giovanni Giudice

      sudo apt-get update && sudo apt-get dist-upgrade -y

      Scrivi questo da terminale e premi il tasto invio, aspetti che finisca e poi riavvii

      • Giovanni Glauco Ferrante

        Grazie,sei stato impeccabile. 🙂

  • Qfwfq

    L’ennesima distro… ah no, cavolo.. riflesso condizionato.. Mint è quella che uso anch’io!

    • tomberry

      ahahahah lol

    • Sim One

      rofl

  • Marco Benoit Pastore

    chissà se l’upgrade da 17 a 17.1 riporta tutto al default oppure no :S non ho voglia di risistemare tutto come piace a me :O. ci sono info a riguardo? clem è sempre molto sibillino a proposito di questo “upgrade tool” 😀

  • bruno

    buona disrtibuzione…. cinnamon mi piace moltissimo

  • jboss

    ma gli altri si trovano con questa distro?
    che ha di speciale è una domanda che mi sono sempre fatto.

    • passante

      E’ ubuntu + codec proprietari preinstallati + kernel ubuntu LTS (più affidabile). E’ indicata per i principianti e per chi vuole evitare i frankernel delle non-LTS.

      • Marco Missere

        Dimentichi le varie utility Mint e anche Cinnamon.

    • Qfwfq

      Niente di speciale, solo un ottimo DE senza troppe voglie di fare cose innovative (leggi Gnome e Unity), stabile e con piccoli particolari (vedi l’uso di SUPER + frecce per posizionare le finestre) che non ci sono negli altri DE e che io uso abitualmente.

      • TopoRuggente

        In GS … da sempre
        SUPER+DX o SX la finestra occupa la metà destra o sinistra del monitor.
        SUPER+SU o GIU la finestra viene massimizzata o ridotta.

    • Il piatto pronto

      Ha circa 1/3 di quello ci vorremmo aspettare da GNU/Linux e che purtroppo non ha. Attualmente detiene il record imbattuto su questo dato. Quindi va bene per chi non ha voglia di cercare tric, trac e bomboloni in giro per riallineare partendo da altre distro più magre (per scelta, cultura o per necessità) perché in genere ha quasi tutto quello che comunemente si cerca (sempre nei limiti di quel dato di cui sopra).

      • mr01

        Beh se solo si diffondesse l’uso di virtualbox e clonezilla……, fare distro personali diventa a portato di niubbo.

  • biosniper

    la usavo una volta e l’ho lasciata solo perchè sul sito mint italia non trovavo supporto adeguato rispetto a ubuntu forum, comunque resta una bellissima distro soprattutto da un punto di vista estetico e non solo
    🙂
    ps: la mia esperienza risale ad almeno 2 0 3 anni fa, è possibile che ora il supporto sia migliorato…, chissà! magari se è così potrei farci un pensierino e reinstallarla nel mio notebook

    • bomdias

      supporto per cosa? sono curioso

      • biosniper

        problemi di configurazione o qualche dubbio… tutti cose comunque che accadono con qualunque distro, niente di più o di meno. Mint resta per me sempre un ottimo sistema operativo
        🙂

        • mr01

          Mint è una derivata di Ubuntu…se sono problemi seri ti basta cercare per ubuntu.

    • EnricoD

      su mint Italia? secondo me dovresti rivolgerti ai forum internazionali o community su g+ 😛
      è come se Io ho un problema su Android e mi rivolgo ad Androidiani invece che XDA 😛

      • Samael

        Beh, non tutte le comunità italiane sono così.

        Slackware, per esempio, ha una delle migliori comunità di tutto il panorama GNU/Linux italiano: Slacky.

      • Sim One

        già.

      • biosniper

        forse hai ragione…
        🙂

    • Ocelot

      Beh, il 90% dei problemi che potresti incontrare sono anche su Ubuntu. Vedila così: puoi usare sia il supporto di forum mint che quello di ubuntu forum spacciandoti per un buntu user xD

  • ange98

    OT: Cosa farebbe “ubuntu-system-adjustments”?

  • muchoman

    La distro che è presente su tutti i miei PC…escluso un fisso che si occupa della multifunzione e degli smartphone, per i quali non ho nessuna intenzione di perdere una giornata a farli funzionare…distro solida e ben fatta esteticamente, che da qualche rilascio però uso solo con xfce…cinna mi piace molto ma avrei bisogno di macchine più performanti; in verità gira bene ma il secondo in più che il PC impiega per fare qualcosa non mi gusta; pensate che io viaggio sempre con effetti disattivati ovunque, tanto sui PC che sullo smartphone

    • Sim One

      C’è da dire che questa è una delle pochissime derivate di qualità.

    • ale

      ma xfce lo installi da solo perche ce solo mate e cinamon?
      ok li do una chance oggi vediamo com e dopo 3 anni che non lo provo

      • muchoman

        Di solito dopo qualche GG tra i download delle varie release aggiungono le versioni KDE xfce lxde….tutte con lo stesso impatto estetico, stessi software codec, cambia solo il DM…io ultimamente propendo per xfce perché cinna è più elaborato ma manca qualche features, mate è completo ovviamente ma fa le bizze quando cambi i temi (sopratutto con gtk3) ed io prediligono temi scuri in stile 10.04…xfce al momento è quello che mi soddiusfda di più

      • Francesco Maria Rubatto

        Puoi provare quello che ho fatto io per avere xfce prima della release ufficiale: ho installato Mint 17 xfce, poi ho modificato i repo /etc/apt/sources.list.d/official-package-repositories.list sortituendo qiana con rebecca, poi aggiornamenti apt-get update e apt-get dist-upgrade et voilà ecco la mia Mint 17.1 xfce. Essendo comunque basata anche lei ancora su Trusty, è meno “montecitorioso” il giochetto 🙂

        • ale

          Ci provo Fastweb permettendo oggi fa i capricci ,al massimo tengo mate che e carina lo stesso sperando che autonomia sia migliorata

  • MarcoLinux

    Su distrowatch.com risulta essere la distribuzione più venduta, io inizia la mia escursione nel mondo Linux con questa e KDE e tutt’ora, anche se datata, ho tante soddisfazioni e pochissimi problemi !!
    C’è derivata e derivata e questa è una Sig.ra DERIVATA !!
    =)

    • xD

      Veduta. A no scusa, non mi ero accorto del tuo accento tedesken.

  • anonimo

    Peccato che la versione KDE sia sempre in ritardo. Neanche è iniziata la fase di test della ISO.

  • Fabio

    Grazie per la notizia, la scarico subito e la installo sul notebook di mia sorella (bye bye Windows 7).

  • Sto tentando invano di installare Mint su uni notebook, ma al boot non ne vuol sapere di avviarsi. Da live tutto ok, ma poi quando vado ad installare mi dà sempre problemi, non parte. Ho piallato Windows 8, ho provato boot-repair, ma niente. Ho provato anche con Ubuntu ma niente (anche se con quello inizialmente aveva funzionato). Il “problema” l’ho avuto dopo aver installato OpenSuse 13.2. Ho fatto fare da stupido tutto in automatico e non so se qualcosa sia andato storto… quella partiva al boot. Ma io voglio Mint. Qualcuno può aiutarmi?

    • Qfwfq

      Potrebbe essere un problema legato a UEFI, prova a disabilitarlo nel BIOS.

      • Adesso ho provato a disabilitare uefi nel bios ed installare Mint. Vediamo. Forse è anche un problema del portatile. E’ un Samsung Ativ 9 lite sul quale purtroppo tramite aggiornamenti del bios hanno impedito e poi permesso il boot da usb (e quindi poter installare qualcosa di diverso da Windows)… da lì mai più Samsung per portatili (che si aggiunge ad HP e Sony).

        • Bene. Sul portatile disabilitando uefi è andato tutto a posto. Il problema ora mi rimane sul fisso dove Windows non lo posso togliere e devo convivere con uefi. Ce la faremo?

          • Molto semplice

            Windows può vivere senza uefi. Disabilitalo pure se vuoi. Salvati il ProductKey di win (se non lo conosci, ci sono un mare di tools che te lo mettono in chiaro anche se nascosto). Restringi la partizione prima (ci sono un mare di tools anche qua) e poi installi Mint. Se al prossimo riavvio non ti vede più windows in multi-boot con il grub, basta qualche comando (da Mint) per farglielo vedere 🙂

  • giovanni

    ricordo a tutti che installando debian da mirror di rete, si può scegliere cinnamon tra i DE disponibil. Io lo installato e va veramente benissimo.

  • C’è modo di aggiornare da Linux Mint 17 (cinnamon)?
    Grazie

    • mr01

      Solite domande…solite risposte

      sudo apt-get update && sudo apt-get dist-upgrade

      • Si rischia qualcosa come negli upgrade principali?

        • mr01

          la .1 è un aggiornamento più che upgrade, non dovresti avere problemi.
          Per non rischiare perdi 10m con clonezilla a farti la copia della partizione (magari sposta i files multimediali etc altrove prima), se va male con la .1 rimetti la copia di clonezilla.

          • Non conosco Clonezilla sinceramente, è la prima volta che ne sento parlare, comunque per ora proverò a fare l’upgrade sul portatile dove di dati ho poco niente, sul fisso credo che aspetto arrivi l’aggiornamento (mi hanno detto che dovrebbe arrivare tramite il gestore di Mint,no?)
            Grazie

      • Strano, non funziona. Non è stato notificato alcun aggiornamento in 17 “Qiana”.

        Solo l’ultima versione di Firefox.

    • hiroy

      dal sito mint
      If you want to upgrade from Linux Mint 17, please wait for a few days
      while we release a new version of the Update Manager to you. In the
      meantime, you do not need to download or to reinstall anything. We’ll
      make announcements next week when this is ready.

  • Qfwfq

    Installata; in Nemo però non vedo le anteprime né delle foto né dei video neanche impostando (in Preferenze > Anteprima) 4G per il limite massimo dei file, nelle icone vedo il simbolo dell’orologio come se stesse elaborando. Non avendo nessun problema con la 17 (che tengo su un altra partizione dello stesso PC) presumo sia un baco di nemo; qualcuno ha lo stesso problema?

    • SalvaJu29ro

      Prova con : sudo apt-get install ffmpeg ffmpegthumbnailer gstreamer0.10-ffmpeg
      nemo -q

      Oppure : askubuntu .com/questions/2608/nautilus-video-thumbnails-without-totem

      • Qfwfq

        In teoria Nemo dovrebbe essere già predisposto per gestire le anteprime senza bisogno di aggiunte, o almeno è così sulla 17, per cui presumo sia un problema di Nemo.

        • SalvaJu29ro

          Hmmm strano, io ho risolto così
          Forse è per via del fatto che lo uso su Arch. quindi Nemo ha meno pacchetti gia preinstallati

        • Ocelot

          Avevo anche io sto problema. Ho risolto, cerca nella sezione italiana di linux mint dove ho risposto ad un altro che aveva sto problema. Se ricordo bene il path (era un problema di permessi nel mio caso) fai chown -R utente:utente ~/.cache/thumbnails. Controlla sul forum di mint per esserne più sicuro però.

  • OSX: escono le patch x.1!
    Win: esce Windows 8.1!
    (Tutti frullati del pinguino): Che idea nuova e rivoluzionaria! Facciamo le patch x.1 aggiornando qualche software a caso del sistema oltre che aggiungere qualche icona in più che nessuno noterà mai!

    • tomberry

      Beh, la 8.1 sarebbe la 9, che non hanno potuto realizzare perchè sono stati così scienziati che sarebbero nati conflitti di versione con 95, 98 e vattelapesca.. 😛

      Comunque condivido 😀

    • Vero

      OT? Esci in ritardo.

  • 97giulio

    ho sviluppato una nuova distribuzione con repository proprietari ed interfaccia grafica, chi è interessato può andare su oneos punto org

    • loki

      repository proprietari? è uno scherzo, vero?

      • 97giulio

        mi sono espresso male volevo dire repository dedicati

    • Marco

      Solita derivata Ubuntu?
      L’unica distro italiana o mantenuta da italiani degna di nota e di essere usata è Sabayon, le altre sono inutili respin di Ubuntu

      • 97giulio

        Se non la provi come fai a sapere che è un semplice respin ed è una delle tante distro ? Dietro c’è un gran lavoro . Il motivo di usare buntu è solo dovuto all’installer ubiquity

        • Marco

          Chi ti dice che non l’ho provata?
          Usare ubuntu la rende appunto una delle tante, l’installer è una scusa.
          Perchè non creare un repo su OBS con un opensuse pattern?
          Perchè non creare qualcosa con base debian e creare un installer?
          Mi correggo e c’è un’altra distro italiana interessante, Semplice, che si e’ creata un DE ed un installer per debian sid.
          In Semplice e Sabayon sì che c’e’ un gran lavoro, mettere un tema ed un pin di repo è cazzeggiare.

          • 97giulio

            Tu non consideri il fatto che ubiquity ha la modalità oem . Ecco perché ho scelto ubuntu, anzi pensa che lo sviluppo è avvenuto su debian dopo ho cambiato base .

  • 97giulio

    ho sviluppato una nuova distribuzione con repository proprietari ed interfaccia grafica, chi è interessato può andare su oneos punto org

  • 97giulio

    Se non la provi come fai a sapere che è un semplice respin ed è una delle tante distro ?

No more articles