pdfForts è un’utile raccolta di service menu per Dolphin con la quale possiamo operare facilmente in documenti PDF dal file manager di KDE.

pdfForts in Dolphin su Kubuntu
Dolphin è uno dei migliori file manager attualmente disponibili per Linux, dato che include moltissime funzionalità oltre ad un’interfaccia grafica molto semplice ed intuitiva. Tra le tante caratteristiche incluse in Dolphin troviamo la possibilità di includere anche utili funzionalità al suo interno tramite Service Menu, plugin di terze parti con i quali potremo operare in file e directory direttamente dal file manager. Per gli utenti che utilizzano molto spesso documenti PDF è disponibile la raccolta di service menu denominata pdfForts dalle caratteristiche davvero molto interessanti.
pdfForts è una raccolta open source di Service Menu per Dolphin con la quale potremo operare facilmente nei documenti PDF da menu contestuale del file manager.

pdfForts aggiunge al menu constestuale di Dolphin i seguenti service menu:

  • addPasswdPDF – script per inserire / proteggere un documento PDF con una password
  • bookmarkPDF – consente di modificare i segnalibri correnti e applicarli al documento PDF
  • combinePDF – unire più PDF e gestire i vari segnalibri contenuti
  • extractPDF – script per estrarre una o più pagine dal PDF.
  • extractTextPDF – script per di estrarre il testo da un PDF.
  • metaPDF – aggiungere metadati al documento PDF
  • ocrPDF – script che consente di convertire le immagini contenute in un documento PDF in un file di testo grazie al riconoscimento ottico dei caratteri (OCR)
  • pdfaPDF – converte un documento PDF in un file a PDF/A
  • qualityPDF – riduce le dimensioni di un PDF convertendo le immagini in bianco e nero, riducendone la risoluzione
  • rmPasswdPDF – script che crea una copia di un file PDF senza password
  • rotatePDF – ruotare il documento PDF di 90°, 180°, 270° in senso orario.
  • searchablePDF – consentire la ricerca all’interno di un documento PDF
  • stampPDF – aggiunge il numero di pagina al PDF
  • watermarkPDF – aggiunge il logo, copyright ecc ad ogni pagina del documento PDF

Utilizzare pdfForts è molto semplice basta selezionare il documento PDF da elaborare e con il tasto destro del mouse andiamo in Azioni e scegliamo quale opzione effettuare.

Per installare pdfForts in Kubuntu, Debian KDE, Linux Mint KDE ecc dobbiamo per prima cosa installare alcune dipendenze indispensabili per il corretto funzionamento della raccolta dei service menu.

Basta digitare da terminale:

sudo apt-get install imagemagick unzip zip tesseract-ocr tesseract-ocr-ita git 

ora possiamo scaricare e installare pdfForts digitando

git clone https://github.com/sjau/pdfForts.git
cd pdfForts
sudo ./install.sh install all

molto probabilmente noteremo un’errore cp: impossibile eseguire stat di “common.sh”: File o directory non esistente non facciamo caso visto che verrà installato correttamente pdfForts

Possiamo anche installare un singolo Service Menu esempio per installare solo combinePDF basta digitare:

sudo ./install.sh install combinePDF

una volta installato avremo già i vari service menu inclusi nel menu contestuale di Dolphin.

Per rimuovere pdfForts basta digitare:

cd pdfForts
sudo ./install.sh uninstall all

e avremo rimosso i vari service menu da Dolphin.

Home pdfForts

  • Enrico Rossignolo

    Si possono avere dei dettagli su come funziona?

    • in che senso?

      • Enrico Rossignolo

        A me non funziona. Seleziono i file poi destro>script>renamer e non succede niente.
        Per i dettagli, è possibile dare un criterio per rinominare i files? Tipo per dimensione o data di modifica. Grazie

        • una volta che clicchi su renamer dovrebbe avviarsi la finestra di dialogo se non si avvia prova ad avviare il file renamer da terminale e vedi l’errore che ti da

          • dan preve

            Bisogna spuntare l opzione “consenti l esecuzione come programma ” da tasto dx >proprietà dello script xkè funzioni

          • Guest

            Giusto non ci avevo pensato 😉

        • antonio chiurazzi

          Non ti funzionerà mai perchè lo script non è aggiornato e la guida giustamente punta nelle nuove directory.

          http://ubuntuone.com/6BZCIC8Y91FsddxzPlwAFU

          Scaricati questo, l’ho già sistemato io e caricato

          e ti dovrebbe funzionare dopo 😉

          • lo script è aggiornato mancava i consensi per avviarlo
            ora ho corretto l’articolo e vedrai che funziona

          • steveacab | antonio chiurazzi

            non credo proprio.
            “~/.gnome2/nautilus-scripts/.rdata”

            punta in .gnome2 non in .local/share/nautilus/scripts

            inoltre anche aggiornato “‘/local'” è “/.local/”
            l’archivio non comprende la cartella “nautilus-renamer” “.rdata/po” no “‘/nautilus-renamer/po'” quindi non troverà mai i “po”

            ecc…
            lo script è stato compilato come minimo su una 10.04 perchè compilandolo sulla 13.04 i paramentri sono corretti.

            i permessi di esecuzione in teoria andrebbero dati, ma in questo caso sono già presenti, quindi non dipende da questo il perchè non si avvia.

          • Enrico Rossignolo

            In che linguaggio è lo script? E soprattutto come hai fatto a compilarlo?

            Io sapevo che gli script venivano interpretati…

          • steveacab | antonio chiurazzi

            basta dare make e poi make localinstall in questo caso.

          • steveacab | antonio chiurazzi

            R maiuscola 😉

            chmod +x ~/.local/share/nautilus/scripts/Renamer

            p.s. non è aggiornato lo script, anche con le correzioni al post non si avvierà mai. vedi quello che ho caricato io 😉

          • lo script è testato proprio su ubuntu 13.04 raring e le immagini sono le mie quindi funziona

          • steveacab | antonio chiurazzi

            se lo dici te…
            ma è impossibile che funzioni, funziona solo sul tuo pc perchè hai dato il make localinstall, su tutti gli altri non funzionerà mai, 100% assicurato!

          • Enrico Rossignolo

            Mitico ora funziona! 🙂
            Comunque aveva già i permessi di esecuzione…

No more articles