Gli sviluppatori del progetto Muon Discover hanno annunciato l’avvio del porting in Qt5 e KDE Frameworks 5.

Muon Discover
Muon è un progetto open source che punta a fornire un completo software manager specifico per desktop environment KDE. Di default in Kubuntu, Muon Discover ci consente di ricercare ed installare facilmente le nostre applicazioni preferite, il software dispone anche di un completo gestore degli aggiornamento, l’accesso al gestore dei mirror e altre utili features. Gli sviluppatori di Muon hanno presentato alcune novità che verranno introdotte con il porting in KDE Frameworks 5 / Qt5 e QtQuick 2 (incluse in Muon 3.0), migrazione che renderà il software manager ancora più completo, stabile e performante.

Importante novità che verrà introdotta nelle future versioni di Muon 3.0 è sicuramente il backend per PackageKit che ci consentirà di utilizzare il software center anche in Arch Linux e derivate, oltre a Chakra, Manjaro e Bridge KDE ecc. Muon 3.0 includerà alcune migliorie all’interfaccia grafica con il supporto per i nuovi temi di default in Plasma 5.x .

Muon Discover

Gli sviluppatori hanno inoltre confermato che Muon rimarrà basato su QApt per Kubuntu, sarà possibile utilizzare anche il software center nelle future versioni di Debian (in teoria dovrebbe approdare prossimamente nei repo ufficiali del sistema operativo universale).

Muon si candida quindi come il miglio software manager per le future versioni di KDE, attualmente non è possibile le date previste per il rilascio della futura versione 3.0 (vi terremo comunque aggiornati).

  • paolo

    riesce a recuperarli solo se il disco non viene riscritto nello stesso “punto” occupato dal dato cancellato immagino

    • se nel disco hai fatto la formattazione completa non ti recupera niente comunque a me ha recuperato file anche rimossi da 15 gg quindi non è male 😀

      • src

        Ho già usato questo tool che è ottimo come forensic ma ha la pecca di non ricreare la struttura delle directory che in molti casi (vedi il mio) era di vitale importanza!

    • Brado

      Esatto, per cui una scansione completa (whole) potrebbe risultare inutile e portare tempo, può bastare una sugli spazi non riscritti (free). Il problema di questa applicazione è che non recupera i nomi dei file così come li abbiamo lasciati ma li numera, cosa che ad esempio stellarphoenix fa è per questo decisi di pagare 70 euro di licenza per recuperare dei file da partizioni linux. Peccato che alla fine li abbia buttati, perché il programma a pagamento non è riuscito a recuperare 1MB, mentre photorec mi ha recuperato GB e GB di dati. In risposta a Roberto ti posso dire che i dati li ho recuperati da un disco completamente formattato, recuperi anche da partizioni raw.

      • Davide

        I nomi dei file non li recupera perché funziona indipendentemente dal file-system, riconosce i tipi di file attraverso dei pattern. Se vuoi tentare un recupero basandosi sul file-system devi usare testdisk e non photorec.

      • Antonio G. Perrotti

        esatto. ho provato a recuperare circa 100 giga di mp3, ma erano quasi 10000 file… ci sarebbe voluto un mese per riscrivere i tag, ho fatto prima a riscaricare tutto.

  • Cristian Mint

    non risulta molto intuitivo. forse è meglio se integrato con una bella gui

    • Cristian Martina

      una gui sarebbe moooolto comoda

      • Cristian Mint

        Sto cercando di avere una gui compilando da codice sorgente,forse sono a buon punto ma mi da ancora qualche errore.

  • Mirko Petito

    Ma è normale che per una scansione su hd esterno da 160 gb partizionato ntfs ci vogliano 117 ore???

    • Black Hole

      Ho utilizzato programmi simili su linux i tempi sono molto lunghi di solito ricordo se non sbaglio su un disco da 200gb 20 ore cmq dipende molto dal software utilizzato

      La soluzione migliore è avere 1-2 dischi di backup aggiornati regolarmente disconnessi dal pc e conservati in un box rigido …

    • Brado

      No, almeno non su usb 2, fai attenzione che comunque il tempo stimato è abbastanza variabile durante la scansione.

    • Mirko Petito

      Beh infatti… ora è sceso a 6 ore e spiccioli… comunque è tanto…

  • nakki

    Ho appena usato photorec per recuperare un file da una usb…ed ho notato un errore in questa guida nella parte “una volta scelto PhotoRec ci chiederà d’indicare la cartella da scansionare ossia quella dove erano presenti i file da recuperare” quella che chiede non è la cartella da scansionare ma bensì la cartella dove mettere i files recuperati, come ben comprensibile dall’immagine sotto alla frase! “Please select a destination to save the recovered files”

  • Torno Nel Mio Limbo

    Per cose di questo genere mi affido a programmi proprietari sotto windows, non c’è paragone. Ho provato questo programma tempo fa e alla fine mi son ritrovato con cartelle e file numerati …disumano!

  • Recupero dati hard disk

    Ho provato anche io questo programma quando ho avuto problemi su linux, ma non sono riuscito a concludere nulla, troppo complesso, ho dovuto affidarmi a un’azienda a Roma che faceva recupero dati hard disk e in poco tempo mi hanno risolto tutto (per fortuna). Se avete problemi date un’occhiata
    http://www.recuperostyle.com/news.php?id_file=15

  • Oleh_

    Ma dopo il recupero Photorec mi ha suddiviso i file recuperati in un centinaio di cartelle: “recup_dir.n”.

    Da terminale mi potete indicare un comando che mi cerchi i file con estensione “.pdf” in tutte queste sottocartelle che sono presenti in una unica cartella nominata “Photorec” e che li copi in un’altra cartella?

  • DPD-

    “una volta scelto PhotoRec ci chiederà d’indicare la cartella da scansionare ossia quella dove erano presenti i file da recuperare”
    Ma nell’immagine chiede dove salvare i file!

    • maporcocane

      Si e tra l’altro dice di NON specifirace la stessa partizione dove erano i file! esattamente il contrario di quello che avete scritto. Andavo di fretta e grazie a questa guida forse mi sono sovrascritto i file perdendoli per sempre, grazie mille….

      • francesco

        Un’altra volta leggi meglio, senza fretta, e non dare la colpa alla guida.

  • Carmelo

    Ottima applicazione, mi ha recuperato in un attimo delle foto importanti che avevo erroneamente cancellato 🙂

  • Davvero un buon software per il recupero dati, manca solo una GUI più moderna e poi è praticamente perfetto 🙂

No more articles