In questa guida vedremo come creare documenti protetti da password con LibreOffice in Linux, Windows e Mac

LibreOffice
In questi anni gli sviluppatori della The Document Foundation hanno reso LibreOffice sempre più completo ed affidabile offrendo all’utente la migliore alternativa libera e gratuita a Microsoft Office. Tra le tante funzionalità incluse in LibreOffice troviamo anche la possibilità di rendere più sicuri i nostri documenti proteggendoli con una password. LibreOffice ci consente di inserire una password nei nostri documenti, funzionalità molto utile per evitare che questi vengano letti da utenti malintenzionati o da altre persone.

LibreOffice ci consente di proteggere i nostri documenti con estrema facilità, una volta creato il documento basta andare in File -> Salva con nome, inseriamo il nome da dare al documento e formato e spuntiamo l’opzione “Salva con password” come da immagine in basso.

LibreOffice documento con password

si aprirà una finestra di dialogo nella quale dovremo inserire la password con la quale potremo accedere in un secondo momento al nostro documento.

LibreOffice ci consente di proteggere anche i documenti in formato PDF inserendo sempre una password per accederne.
In questo caso una volta avviato, creato o modificato il documento basta andare in File -> Esporta nel formato PDF. Si aprirà una finestra di dialogo con le varie opzioni dedicate al documento PDF, noi dovremo andare nella sezione “Sicurezza” e cliccare in “Imposta Password”.

LibreOffice pdf con password

Si aprirà una finestra di dialogo nella quale dovremo inserire la password che ci consentirà in un secondo momento di poter accedere al documento PDF creato con LibreOffice.

  • Edison Shehu

    chi mi linkerebbe lo sfondo??? 😀

  • andrea

    Solo a me dice “applicazione non disponibile nel tuo paese?”

    • Domenico Patania

      no. pure a me.

  • Davide Depau

    Nel computer si può usare?

  • Biagio Rosario Greco

    Purtroppo non è retrocompatibile con CM7 che ho io installato sul mio htc wildfire s 🙁

  • heron

    Possibile che non mi sia mai accorto di quell’opzione? xD

    • ho fatto la guida apposta visto che sabato sono andato da un’azienda che usa libreoffice / linux da 3 anni e nessuno sapeva di questa opzione 😀

  • biosniper

    cryptkeeper nei repositories ufficiali, e mascheri qualunque cosa vuoi con la crittografia

    • Flex

      In locale, il concetto funzionale è differente, come è differente il raggio di applicazione. LibreOffice usa uno standard comune per l’interscambio dei documenti cifrati. Ps. e non è il solo, ne il primo

  • Ermy_sti

    peccato che non si possano aprire i pdf ma solo creare

    • mag1

      i pdf si possono anche aprire e modificare, bisogna aggiungere un’estensione e se non sbaglio bisogna scrivere nel terminale:
      sudo apt-get install libreoffice libreoffice-pdfimport
      e il programma li aprirà e modificherà con Impress, come fossero immagini.
      ci ho compilato degli stampati scaricati da internet che non volevo stare a scrivere a penna..vedessi gli sguardi degli impiegati!

      • Ermy_sti

        Ottima notizia dopo lo provo!! Grazie per l info 😉

        Edit: l ho installato correttamente dalla pagina ufficiale oracle (è un suo progetto) ma va in crash quando apro un pdf. Mi sa che è adatto solo a open office oppure è troppo vecchio il progetto (2010). Peccato

        Cercando ho trovato un altra estensione fantastica che si chiama pepitoCleaner e devo dire che è fantastica! Ha tutto e funziona benissimo
        http://pepitoweb.altervista.org/

        • Kim Allamandola

          OpenOffice e LibreOffice sono due software diversi nati dalla stessa base, LibreOffice non è di Oracle e non è garantito che le estensioni distribuite per OOo vadano sul LO.

          pdfimport e altri le hai nei repo di Ubuntu per LIBREOFFICE, segui il consiglio che ti è stato dato. Se usi altri OS cerca sul sito di LibreOffice, non OpenOffice!

          • Ermy_sti

            PDF import mi diceva che lo avevo già installato…ma se è quello di default che me lo importava nel writer in modo indecente allora è meglio lasciar stare…invece pepitocleaner va benissimo

          • Kim Allamandola

            Sono due cose molto diverse, PdfImport è più che altro un POC che può essere usato per fare diciamo “redazione” ad un documento PDF PepitoCleaner serve a sistemare i pdf scansionati.

            In generale non esistono strumenti decenti per la gestione del pdf già fatto poiché il pdf non è pensato per l’editing. Il testo non è organizzato un una grossa scatola ma in taaaante piccole scatoline, i font possono essere conservati solo in parte ecc. L’unico modo di avere un “pdf completamente editabile” è non editarlo, allegargli le source che permettono di generarlo e rigenerarlo al volo ogni volta.

            Se cerchi un “editor” che permetta un po’ di ritocchi cerca pdfedit (nei repo), è vicino per caratteristiche ad Adobe Acrobat, LO come tutte le suite da ufficio non sono pensate per questo.

          • Ermy_sti

            ti assicuro che con pepoitocleaner il pdf diventa completamente editabile..ovvio se sono cose come fatture no problem se sono riviste sono da sistare..provalo e vedrai che ti ricredi sul suo funzionamento in passato avevo provato un sacco di programmi compreso pdfedit ma mai così evoluto come questo

          • Kim Allamandola

            L’ho provato per curiosità, troppo poco per farmi un’idea seria comunque: forse funziona meglio di pdfimport se vuoi modificare paragrafi più che formattazione, fa qualche extra per i pdf scansionati ma da qui a dire che il pdf è completamente editabile…

            Cioè si, puoi fare tante cose sulla pagina, ma ottenere risultati decenti è un’altra cosa!

            IMO non abbiamo (e penso non possiamo avere) editor pdf se non passando appunto dalla rigenerazione del pdf stesso. Ad ogni modo grazie, è un’estensione poco nota e parlarne contribuisce a diffonderla.

  • guerino

    ho creato un documento con libreoffice protetto con password ma l ho dimenticata potete consigliarmi un buon programma per recuperare la password…?

No more articles