PuTTY è un utile client SSH e Telnet che ci consente di accedere al terminale della nostra distribuzione Linux da remoto in Microsoft Windows.

PuTTY - Terminale Linux in Windows
In questi giorni stiamo rilasciando diverse guide dedicate a SSH, protocollo con il quale è possibile accedere al nostro personal computer da remoto. Proprio nei giorni abbiamo visto come possiamo utilizzare SSH / SCP per poter accedere da remoto ai file presenti in una distribuzione Linux da Microsoft Windows utilizzando il software WinSPC, inoltre possiamo anche operare da terminale grazie a PuTTY.
PuTTY è client SSH e Telnet open source multi-piattaforma con il quale potremo accedere da remoto alla shell di Linux da Windows con estrema facilità.

Ad esempio possiamo utilizzare PuTTY per operare da remoto nel nostro server Linux, oppure effettuare gli aggiornamenti di Ubuntu, Fedora o altra distribuzione mentre lavoriamo con Windows.
Con PuTTY potremo anche monitorare il nostro sistema Linux da remoto, utilizzare le tante applicazioni a riga di comando disponibili e molto altro ancora.

Per poter accedere da remoto al nostro pc / server dovremo per prima cosa installare SSH, ad esempio per Debian, Ubuntu e derivate basta digitare da terminale:

sudo apt-get install ssh 

Per le altre distribuzioni Linux, basta installare SSH da Software Center oppure da riga di comando (normalmente è incluso nei repository ufficiali).
Una volta installato SSH, dovremo rilevare l’indirizzo IP del pc, per conoscerlo basta cliccare con il tasto destro sul collegamento nel pannello di Network Manager (l’applet per accedere / configurare internet) e cliccare su Informazioni connessione. Quello che a noi serve è l’indirizzo IP il primo sotto IPv4, in alternativa basta digitare ifconfig da terminale.

A questo punto possiamo scaricare PuTTY per Microsoft Windows da questa pagina (è disponibile anche la versione Portable), una volta scaricato / avviato nella sezione “Session” inseriamo in “Host Name (or IP Address)” l’indirizzo IP del pc / server con Linux mentre in “Connection type” spuntiamo la SSH e clicchiamo su Open.

PuTTY - Configuration

Successivamente dovremo inserire il nostro username e poi la password di amministrazione della nostra distribuzione / server Linux, una volta inseriti avremo il terminale Linux avviato in Microsoft Windows.

Home PuTTY

  • luca020400

    Lo utilizzo da quando ho cubietruck 3
    Molto utile
    Magari puoi fare una guida su xming ( x server per windows ) per visualizzare le applicazioni da remoto su pc in uso http://www.straightrunning com/XmingNotes/

    Poi accedere alla terminale non è il massimo XD

    • non la conoscevo
      grazie x la segnalazione

      • luca020400

        Ci mancherebbe altro
        Lo uso sul mio netbook e va alla grande 😉

        Puoi correggere il titolo ?

  • Ktrl+S

    Sapete se c’è qualcosa di simile al sessione manager di putty ma per Linux? Sarebbe bello memorizzare dei profili di connessione ssh e riutilizzati senza dover fare tutto da capo

    • TopoRuggente

      Vinagre per gnome ha la possibilità di salvare le connessioni.

      In linux comunque poi creare dei piccoli .sh o .desktop che lancino le connessioni ssh.

      Anche perchè almeno con vinagre alla prima connessioni devi accettare le credenziali del server e il software non ti mostra la richiesta.

      • Ktrl+S

        ecco, qualcosa del genere ma su kde sarebbe il massimo 🙂

    • Marco

      Io mi ero creato degli alias nel terminale

      • Ktrl+S

        grazie mille, in effetti è una soluzione, anche se un pochino più macchinosa di avere una “rubrica” di connessioni

    • Linux

      usa il terminale con il comando ssh -l nome utente ip del server

      ESEMPIO ssh -l pippo 32.98.122.45

      ti chiedera autorizzazione

      The authenticity of host ‘32.98.122.45 (32.98.122.45)’ can’t be established.
      ECDSA key fingerprint is 80:c9:f4:a7:8f:97:9d:a4:ab:a9:e0:04:21:b3:36:7a.
      Are you sure you want to continue connecting (yes/no)?

      yes e tutto resta memorizzato 🙂

      • TopoRuggente

        credo sia
        ssh nome_utente@ip_server

        • Linux

          prova anche con ssh -l nome_utente ip_server -p 22

        • Ktrl+S

          sì sì, è che così mi devo cmq ricordare il nome dell’utente su quella macchina. Invece con uno strumento grafico clicco lì e ho finito.

          Più per pigrizia che per utilità 😉

          • Linux

            o ti crei lo script oppure installati il putty 🙂

          • Ktrl+S

            certo che sono rin€oglionito forte…. 🙂
            Hai perfettamente ragione 😀

      • Ktrl+S

        Grazie, ma io intendevo qualcosa per X del tipo click&go

        • Linux

          apri il terminale:

          nano nome che volete dare:
          ESEMPIO:
          nano root

          #!/bin/bash
          ssh -l root ipdelserver -p 22

          salviamo con ctrl x

          chmod +x root renderlo eseguibile

          ./root invio

    • Guest

      Grazie a tutti, ma io intendevo qualcosa per X del tipo click&go

No more articles