In questo articolo andremo a scoprire PCLinuxOS, interessante distribuzione Linux disponibile con ambiente desktop KDE; LXDE e Mate.

PCLinuxOS KDE
PCLinuxOS è una distribuzione Linux indipendente nata principalmente per fornire un sistema operativo stabile, sicuro e sempre aggiornato. Difatti PCLinuxOS è una Rolling Release, una volta installata non dovremo più installare nuove versioni ogni 6 mesi o 2/5 anni visto che riceveremo costantemente nuovi aggiornamenti. Per garantire una maggiore stabilità al sistema operativo, gli sviluppatori PCLinuxOS testano prima ogni singolo pacchetto, una volta verificato verrà introdotto nei repository ufficiali della distribuzione, tutto questa rallenta un po l’arrivo di nuove versioni (da un settimana a mesi). Altra caratteristica che rende davvero molto interessante PCLinuxOS riguarda i pacchetti, dato che la distribuzione si basa su rpm utilizzando però come gestore niente meno che apt e il gestore grafico Synaptic.

La coniugazione di APT e RPM consente di velocizzare l’aggiornamento o installazione di nuove applicazioni garantendo gestore dei pacchetti affidabile, inoltre i comandi saranno gli stessi di Debian e Ubuntu, ecco alcuni esempi:

Per aggiornare i repository di PCLinuxOS:

sudo apt-get update

Per aggiornare PCLinuxOS:

sudo apt-get upgrade

PCLinuxOS - APT

Per installare nuove applicazioni in PCLinuxOS:

sudo apt-get install nomepacchetto

esempio per installare GIMP in PCLinuxOS basta digitare:

sudo apt-get install gimp

Per rimuovere un pacchetto in PCLinuxOS:

sudo apt-get remove nomepacchetto

esempio per rimuovere GIMP da PCLinuxOS basta digitare:

sudo apt-get remove gimp

in alternativa possiamo utilizzare Synaptic il gestore grafico dei pacchetti che possiamo avviare da menu o dal collegamento nel pannello.

PCLinuxOS - Synaptic

Synaptic ci consente di effettuare ricerche mirate di applicazioni, effettuare l’aggiornamento della distribuzione oltre a poter operare nei repository ufficiali. In caso di problemi con alcuni pacchetti corrotti, errori nei repository o altro ancora, Synaptic include tool per risolvere facilmente questi problemi.

Altra importate caratteristica di PCLinuxOS è sicuramente Control Center ossia il pannello di controllo dell’intera distribuzione.

PCLinuxOS - Control Center

PCLinuxOS Control Center ci consente di configurare al meglio il nostro sistema operativo, ad esempio possiamo impostare correttamente la nostra scheda grafica installando correttamente driver open source o proprietari di Intel, Nvidia o AMD, possiamo inoltre operare nel sistema audio attivando ad esempio il supporto per sistemi 5.1 oppure operando sui vari livelli di volume ecc. Oltre a questo PCLinuxOS Control Center ci consente di configurare correttamente la nostra connessione, configurare un’eventuale web server, i DNS, Proxy, SSH, gestire la condivisione di file e directory con Windows attraverso Samba, configurare l’accesso a servizi di cloud storage con WebDav e molto altro ancora. Da notare anche MSEC gestore dedicato all’impostazione dei parametri di sicurezza del sistema dotato di utili tool per effettuare una scansione del sistema operativo notificandoci eventuali problemi anche per email.

PCLinuxOS dispone di un’installer grafico che ci consente di installare facilmente la distribuzione, di default troviamo anche PCLinuxOS LiveUSB Creator con il quale potremo creare una pendrive USB della distribuzione, interessante anche il tool Redo MBR che ci consente di includere correttamente Microsoft Windows nel bootloader Grub.

Ecco un video del nostro test di PCLinuxOS nella versione con ambiente desktop KDE:

PCLinuxOS è disponibile in tre versioni che si differenziamo principalmente dall’ambiente desktop e applicazioni preinstallate che sono KDE, LXDE o MATE, dalla community inoltre è disponibile anche la versione con ambiente desktop XFCE (denominata PCLinuxOS Xfce Comunity Remaster).

Per PCLinuxOS troviamo inoltre numerose applicazioni incluse nei repository ufficiali come ad esempio il client di Steam, Spotify, Google Chrome, Skype ecc quindi non avremo bisogno di installare repository di terze parti.
PCLinuxOS è una distribuzione da consigliare all’utente che cerca un sistema operativo stabile e aggiornato, grazie ai tool grafici è molto semplice da configurare anche da parte di utenti inesperti.
Da notare anche PCLinuxOS Magazine (sito ufficiale) rivista online dedicata alla distribuzione redatta dalla community, con articolo e tutorial davvero molto interessanti 😀

Home PCLinuxOS

  • Ma quello non era un file che viene resettato ad ogni avvio?
    Tanto è che mi pare che come prima riga del file ci sia un commento che dice di non modificarlo

    • Non dovrebbe cambialo comunque puoi sempre bloccarlo digitando sudo chattr +i /etc/resolv.conf per sbloccarlo dai sudo chattr -i /etc/resolv.conf

      • giuseppe

        non funziona.pur cambiando i valori di quel file, viene resettato in automatico. e digitando il comando di blocco viene fuori questo chattr: Operazione non supportata leggendo i flag di /etc/resolv.conf

        • varennikov

          @f6b36c747d1dec6c313c9a5208eb4ad3:disqus

          Devi loggarti come root nel Terminale. Poi

          #nano /etc/resolv.conf

          cambia
          nameserver 8.8.8.8
          nameserver 8.8.4.4

          salva con ctrl+o
          esci con ctrl+x

          #chattr +i /etc/resolv.conf

          riavvia

          $cat /etc/resolv.conf
          per verificare il cambio DNS.

  • Matteo Iervasi

    Uso Google Public DNS da sempre, sono 3000 volte meglio di quelle cacche fornite da telecom… (chissà che computer utilizzano come server dns, avranno ancora winzozz server 2003…)

    • Teoricamente sono più veloci quelli di telecom,infostrada,ecc.
      gli altri Sono meglio perchè sono più aggiornati, non stanno ai limiti di es. telecom e hanno spesso alcune funzioni in più(es. blocco siti con virus)

  • Marco Cervellera

    per cambiare i DNS si può più semplicemente modificare i parametri della connessione (ethernet o wireless che sia) dalle impostazioni di rete

  • Ferik

    io li ho impostati direttamente nel router, odio le schermate di libero lol

  • Paolo

    Mi dà il seguente errore:Il pacchetto python-support non è installato.
    namebench dipende da python-tk, ma:
    Il pacchetto python-tk non è installato.

    Come risolvo?

    • Jacopo

      hai provato con
      sudo apt-get -f install
      ?

      • Paolo

        Si ho provato, alla fine ho deciso di disinstallarlo, grazie Jacopo.

        • stefano

          problema risolto, apri synaptic, vai su cerca pacchetti danneggiati, risolvi problema. dovrebbe installare phiton in automatico dopodiche ti installa namembech

  • ale

    è la prima cosa che faccio quando installo un nuovo os,sia windows o linux

  • dentaku65

    Aggiungere queste righe alla fine del file /etc/dhcp/dhclient.conf

    #OpenDNS
    #prepend domain-name-servers 208.67.222.222, 208.67.220.220;

    #Google DNS
    prepend domain-name-servers 8.8.8.8, 8.8.4.4;

    In questo caso utilizzo i DNS di Google

    • TheOne_PC

      Io li ho impostati direttamente sul router, basta?

    • Drumsal

      Scusa, che differenza c’é tra i due metodi?
      Grazie in anticipo

  • Torno Nel Mio Limbo

    Al limite è possibile farlo anche da router, forse meglio nel caso di una rete casalinga. Impostando il router (dove possibile) si evita di impostarli in ogni macchina collegata alla lan casalinga. Tanto per citare un sistema alternativo. :p

    • EucleppioDEU

      grazie x la dritta, ci avevo pensato ank’io, avendo anke un’unità Android, ma nn essendo sicuro di quel ke stavo x fare nn mi sn azzardato

  • Marco De Marco

    a me ha dato primario secondario e terziario tutti diversi il primo di google

    li ho impostati tutti e tre sul router tg784n fornito da tiscali (con firmware della nuova zelanda) e su ubuntu 13.04 ho il vpn sulla svezia è va uguale come se non avessi il vpn, na figata assurda 😀

    • daniele dragoni

      come hai fatto ho anche io tiscali.

  • EucleppioDEU

    scusate l’intromissione, io uso Windows 7, ma vorrei capire un paio di cose :
    1) xkèkkaspita Comodo Dragon continuava a “vedere” i siti bloccati anke prima k’io cambiassi i DNS ? (Chrome, Firefox, IE e Mathon nn li vedevano)
    2) se io ottengo gli indirizzi numerici dei siti, ad esempio attraverso Geotool, ed uso quelli al posto dei “nomi” glielo metto in quel posto a quelli ke li hanno bloccati ?

  • Per chi se si possono impostare dal modem e basta: SI, basta e avanza. Ovviamente in tal caso la configurazione su linux deve rimanere senza DSN impostati

  • steve

    a me appare scritta che mi dice che sono stato intercettato e di contattare il mio provider

  • Eugenio

    Io uso, anche se non spesso, la versione con Mate. Bella e stabile ideale per chi non ama il terminale. Peccato sia poco conosciuta per non dire snobbata!

    • in effetti per non essere una derivata, non è molto conosciuta come distribuzione.

  • Renza Laracchia

    Post molto interessante.
    Spero di poter provare presto PCLinuxOS.

    • EnricoD

      Anche Io la volevo provare, a vedere recensioni e altro sembra una distro molto solida! 🙂 da provare!

  • Stefano

    In azienda avevamo un pc con vista che è morto causa scheda madre … cambiata ho insistito per mettere linux invece di continuare con microsoft… la scelta è caduta su pclos 64 bit kde mini in quanto con questa distro ci sono veramebnte pochi “sbattimenti” e “smanettamenti” (visto che dovranno usarlo anche persone che di linux in generale non sanno nulla figuriamoci usare un terminale)… installato tuto quello che serviva ….poche cose a dire il vero ( LO e firefox più qualche software per sincronizzare i doc in cloud )… Devo dire che in azienda ne sono tutti contenti di quel pc… 🙂

    • “In azienda avevamo un pc con vista che è morto causa scheda madre …”
      fidati probabilmente la scheda madre non è morta, ma si è suicidata, forse non ne poteva più di vista.
      nel mio vecchio portatile con vista (nativo) gli ho messo subito dopo linux e windows 7, ma ormai penso che quel PC era nato depresso a causa di (S)vista e infatti dopo un paio di anni la scheda audio si è ribellata, e ha inziato a funzionare ogni tanto a random solo quando voleva lei (inizialmente funzionava generalmente un avvio no e uno si quindi se avviavi il PC vedevi che l’audio non faceva, lo riavviavi e funzionava, poi ha iniziato a ribellarsi sempre più fino a che non funzionava 1 avvio su mille)

      vista fa questi effetti sui PC

      • Stefano

        Quoto in toto 🙂

  • Vin Ben

    grazie del Post interessante e istruttivo

  • davide

    È veramente una ottima distro. Ho avuto qualche problema solo nella definizione della lingua, ma ho risolto grazie all’abbondante mareriale di aiuto in rete…è veramente “pronta all’uso” e riconosce schede wireless meglio di altre distro già da “live”. Se avesse un software center (come ex: ubuntu) sarebbe veramente per tutti! La versione con lxde è una scheggia su pc datati e con solo 500 mb di ram…prima o poi la cosa installero’ sul pc di mio padre ( sto aspettando che gli muoia definitivamente xp…) Ciao a tutti!!!

    • EnricoD

      Mandagli una mail con virus XD e poi con la scusa gliela installi. Io invece mi sono imposto a casa perché mi ero stancato di stare a mantenere un sistema che un giorno si e un giorno no si beccava virus e che dava problemi random come gli girava. Installati un browser, libreoffice, evince e qualche cosa qua e la, non serve altro. Adesso win è solo una partizione secondaria usata quando veramente necessario… quasi mai 😉

      • davide

        Hai ragione in questi casi il sabotaggio è l’unica via…ma conoscendo mio padre sarà già pieno di malware, spyware e affini. Starà aspettando che torni dalle ferie per dirmi: “ho il computer che fa quello che vuole lui, e mi si aprono sempre un sacco di finestre..”. Praticamente ha i giorni contati!!! Ciao!!!

      • alex

        Beato te, io non ci sono ancora riuscito ad obbligarli…

  • axa

    Peccato che il video non mostri gli effetti di kwin , ben noti ai piu e le sue personalizzazioni , la uso da tempo e direi ottima , non dimentichiamoci che la mamma era Mandriva da cui è stata creata .
    Fate un salto sul sito italiano ,ma soprattutto provatela.
    saluti

  • freestyle72

    io l’ho installata già da un paio di mesi su una chiavetta che mi avanzava, così perché necessitavo di una distro “comoda” da portarmi dietro in caso d’emergenza da utilizzare su pc altrui.
    Devo dire che è una buona distro.
    Ma lo stesso si può dire di tante altre…
    Penso a Manjaro, a Sabayon a tante altre derivate da Slackware.
    Il problema per tutte queste è lo stesso e cioè quello di non poter installare software commerciali per Linux!
    Penso ad esempio Bricscad, poichè supporta solo i formati deb o rpm, ma quest’ultimi non vengono riconosciuti da PcLinux.

    In definitiva non sono adatte a chi vuole abbandonare Windows!

    • Stefano

      Ma hai provato con rpm-installer che si trova sui repèo di pclos ? gli rpm li installa tranquillamente poi se manca una dipendenza lo indica rpm-installer e quindi la installi e rilaci rpm-installer dopo il prog se l’installazione è andata abuon fine lo trovi in synaptic….

      • freestyle72

        Io ho risolto nel caso specifico da terminale, con il classico comando sudo apt-get install ….
        Probabilmente l’esempio non era dei migliori, ma ciò che volevo dire è solamente che una debian o “derivata”, ha il pieno supporto della comunità e delle aziende (aggiungi forse Fedora), per le altre almassimo possono coesistere con Windows!

  • SalvaJu29ro

    Secondo voi è meglio PclinuxOS o Manjaro per Xfce?

    • non conosco PClinuxOS, ma io uso ormai da circa 2 anni (se non ricordo male) archlinux con xfce e mi ci trovo benissimo, per me archlinux è un’ottima distribuzione.
      quindi essendo manjro una sua derivata (anche se ha aggiornamenti più lenti della sua madre) anche manjaro è buona.

      però non conosco pclinuxOS quindi non so tra le 2 quale è meglio

      • SalvaJu29ro

        Anch’io ho letto che Manjaro è la miglior distro con Xfce, ma in un vecchio articolo proprio di Lffl leggevo che un utente aveva problemi di Ram
        Cioè che all’avvio superava i 300mb di Ram

        • io ho archlinux 64bit con xfce + compton su un notebook con 4gb di ram e all’avvio ho occupati 260mb di ram.
          adesso se manjaro supera i 300 (poi bisogna vedere di quanto, perchè un conto è 320 e un conto è 380) non mi sembra grave, anche perchè poi dipende dall’architettura (64bit consuma più ram rispetto alla 32) e dal quantitativo di ram.
          poi magari poteva anche esserci qualcosa in avvio automatico.

          mia sorella ora usa manjaro, prima aveva xubuntu e lo ha tenuto per diversi anni, ma ora che è passata a manjaro è contenta della maggiore velocità e ovviamente del fatto di essere rolling release

          • SalvaJu29ro

            Se mi assicuri che è più veloce di Xubuntu allora è perfetto
            Ho messo Xubuntu nel pc di mia madre e va da dio
            Prima con Win scattava alla seconda scheda aperta 🙂

          • SalvaJu29ro

            Secondo te tra Kde senza effetti e Xfce c’è tanta differenza?

          • non saprei sinceramente KDE non l’ho mia utilizzato a fondo, l’ho solo provato qualche volta, ma non lo uso perchè mi piace più xfce.
            comunque kde liscio senza tanta roba attiva mi sembra che non è pesante (mi sembra hce non è molto pesante nemmeno con gli effetti vari)

          • alex

            Si, KDE disabilitando i vari effetti non è per nulla pesante e direi che con XFCE siamo li. Quindi se hai occasione prova sul tuo sistema come va 🙂

  • Matteo92

    E’ una distro interessantissima, rolling ma non bleeding edge, stabile e abbastanza aggiornata. gli unici problemi risiedono nei repository, se trovi in quelli ufficiali quel che ti serve bene, altrimenti non c’è la stessa disponibilità che per le Debian-based, e non c’è dietro la stessa comunità che per Arch.

    Lo sviluppo stesso della distro procede a rilento, ed essendo un piccolo gruppo di sviluppatori, è capitato che per litigi e divergenze personali anche lo sviluppo di PCLinuxOS subisse battute d’arresto, ad esempio non mi risulta esista una versione con Gnome. Mentre mi risulta esistano degli ex sviluppatori di PCLinuxOS che portano avanti progetti simili, con Gnome 2.x o Mate mi pare.

    Oppure lo sviluppo di PCLOS con Xfce 2 anni fa si fermò del tutto per un passaggio di testimone tra uno sviluppatore e un altro, e quindi gli user rimasero in balia di aggiornamenti a volte suicidi, perchè nello stesso periodo xfce subiva un avanzamento di versione con tutte le problematiche del caso per una rolling.

    A questo aggiungo che l’interfaccia grafica non mi ha mai convinto, e ho sempre dovuto passare del tempo a risistemare quei pannelli con icone giganti adatti a bambini di età inferiore ai 6 anni =) ma questi sono gusti personali…

    Personali non sono invece i problemi di driver che ho avuto 1-2 anni fa con gli fglrx proprietari per schede grafiche AMD, ma fortunatamente con i nuovi kernel non si sono resi quasi più necessari.

    In conclusione, l’idea è buona, un utente esperto può usarla come prima distro e ottenere lodevoli risultati, tuttavia un principiante ( o semplicemente uno che non ha ore da perdere per il mantenimento della distro o per informarsi sul suo sviluppo) farebbe bene a dirigersi verso terreni più battuti, vedi Ubuntu/Debian/Mint oppure Arch&derivate, o ancora Fedora…

  • ritengo che il punto debole di questa distro sia il nome

No more articles