In questa guida andremo a vedre come risolvere alcuni problemi che possono capitare dopo l’installazione di Arch Linux con l’ambiente desktop LXDE.

LXDE in Arch Linux
LXDE è un’ambiente desktop leggero e funzionale ottimo sia per personal computer datati o di nuova generazione.  Molti user utilizzano Arch Linux (o una derivata) con LXDE per ridar vita a vecchi netbook o pc datati, in maniera tale da avere una distribuzione stabile, sempre aggiornata e con le applicazioni preferite. Può capitare di riscontrare diversi problemi post-installazione di Arch Linux con LXDE, il nostro lettore Enrico D. ci ha inviato un’interessante guida con la quale risolverli al meglio senza dover consultare il Wiki ufficiale o effettuare varie ricerche sul Web.

Ecco come risolvere alcuni problemi che possiamo riscontrare dopo l’installazione di LXDE in Arch Linux:

1.) Fixare errore “XYZ files cannot be moved to trash can because the underlying file systems don’t support this operation. Do you want to delete them instead?” e di automounting.

Per risolvere questo problema basta installare gvfs e polkit-gnome digitando:

yaourt -S polkit-gnome gvfs

e confermiamo l’installazione.
Al termine dell’installazione dovremo editare .xninitrc digitando

sudo nano ~/.xinitrc

ed aggiungere:

dbus-launch pcmanfm

alla fine del file e salvare il tutto con (ctrl+x e poi s) ed eseguire da terminale

sudo rm -R .local/share/Trash

riavviare la sessione.

2.) Effettuare uno screenshot/keybinding:

– Installare scrot digitando:

yaourt -S scrot

– editare lxde-rc.xml digitando da terminale:

nano ~/.config/openbox/lxde-rc.xml

– ed aggiungere per creare shortcut da tastiera

<keybind key="Print">
<action name="Execute">
<command>scrot</command>
</action>
</keybind>

Salviamo il tutto con Ctrl – x e poi s
questo ci consentirà di effettuare uno screenshot premendo il pulsante print evitando cosi l’uso del terminale

3.) LXDE + Compton per aggiungere effetti e trasparenze

Installiamo Compton digitando:

yaourt -S compton-git

– una volta installato dovremo avviare automaticamente Compton all’avvio digitando da terminale:

sudo cp /usr/share/applications/compton.desktop /etc/xdg/autostart

– e digitiamo:

cd
wget https://dl.dropboxusercontent.com/u/209784349/lffl/compton.conf 
mv compton.conf .compton.conf 

4.) Installare cursore xcursor-archcursorblue (https://aur.archlinux.org/packages/xcursor-archcursorblue/)

La guida è un esempio per mostrare come installare un cursore systemwide

basta digitare da terminale:

yaourt -S xcursor-archcursorblue

che può essere impostato tramite lxappearance.

– – Per settarlo systemwide (ad es . su chrome viene usato adwaita anche se setti questo e da fastidio) basta modificare index.theme in /usr/share/icons/default basta digitare da terminale:

sudo nano /usr/share/icons/default/index.theme

– modifichiamo:

[Icon Theme]
Inehrits=adwaita

in

[Icon Theme]
Inehrits=archcursorblue

e salviamo il tutto con Ctrl + x e poi s

5.) Archey, personalizzare terminale.

Installiamo Archey digitando da terminale:

yaourt -S archey

– editare il .bashrc nella home

nano ~/.bashrc

– ed aggiungere archey in fondo al file- Personalizzazione logo

sudo nano /bin/archey

e cercare

logosDict = {‘Arch Linux’:

si trova il logo e lo si può personalizzare come meglio si crede.
Ad es. il logo che vedete nello screenshot è fatto in questo modo:

Arch Linux logo da terminale

6.) Home nel desktop

Creare un file chiamando Home.desktop con il seguente contenuto

[Desktop Entry]
Type=Application
Exec=pcmanfm
Icon=user-home
Terminal=false
StartupNotify=true
MimeType=x-directory/normal;inode/directory;
Name=percorso della nostra home

7) Exposè in Arch Linux + LXDE

Exposè / Shippy-XD in Arch Linux + LXDE

Per installare Exposè / Shippy-XD in Arch Linux + LXDE basta digitare:

yaourt -S skippy-xd-git

a questo punto creiamo una scorciatoia da tastiera digitando da terminale:

nano ~/.config/openbox/lxde-rc.xml

e inseriamo:

<keybind key="Super_L">
  <action name="Execute">
    <command>skippy-xd</command>
  </action>
</keybind>

e salviamo il tutto con Crtl + x e poi s
Per attivare Exposè basta cliccare sul tasto Start o Windows

Per installare Exposè / Shippy-XD in Lubuntu basta seguire la nostra guida dedicata.

Questo è tutto, ringrazio il nostro lettore / amico Enrico D. creatore della guida 😀

  • EnricoD

    Grazie 🙂 🙂

    • Passodombra

      Grazie Roberto e EnricoD.
      Ma quante ne sapete? 🙂

      Si sa nulla di LXQt?

      • EnricoD

        c’é la 0.7.0, sul sito c’é scritto che è abbastanza stabile e vedendo i video su yt in effetti si notano i miglioramenti. La volevo provare e metterla di default se girava bene, però mentre la stavo compilando ad una delle domande di yaourt sul proseguimento dell’installazione invece di mettere s (si) ho messo n per distrazione/sbaglio XD LOL. Conta che era uno degli ultimi pacchetti e che c’era voluta più di 1 oretta per compilare i pacchetti e tutte le dipendenze, per questo poi ho messo lxde xd … poi è subentrato lo sconforto, ma quando ho tempo lo provo 🙂

        • heron

          ci sono dei repo precompilati 🙂
          io l’ho provata qualche mese fa e mi è piaciuta, ma c’è molto lavoro ancora da fare, comprese le traduzioni. Poi alla fine sta tutto nel divertirsi a cercare in giro applicazioni Qt only.
          Però è già ricco di funzionalità che lxde non possiede, come il pannello di controllo e il gestore dell’alimentazione.

          Un ottimo DE, anche più stabile del Mate dei primi tempi, ma mancano traduzioni e le collaborazioni con le applicazioni “di default”.
          Quanto a consumo di RAM per ora tanto vale installare XFCE, ma migliorerà. E comunque già lo si può compilare con le Qt5 ed è già virtualmente compatibile con Wayland.

          • EnricoD

            si, ho visto, poi per sconforto nemmeno quello ho voluto provare xD quando mi riprendo dalla delusione lo provo 🙂

          • Andrea Panontin

            Sono un pelo in ritardo rispetto al post ?, però ti dico che sta per uscire la 0.8.0 (guarda la mailing list di lxde tra fine agosto e inizio settembre e trovi la discussione), quindi tanto vale aspettare che esca quella per provarlo.

            Già che ci sono: gran bel tema, è proprio elegante!

          • EnricoD

            grazie della info 🙂 ancora non la provo in effetti… allora aspetto…
            invece oggi mi è arrivato l’aggiornamento 0.7.0 di lxde su arch e il pannello si riavvia ogni tanto.. ma passerò alla 0.8 a sto punto perché sto lxqt a vederlo dai video mi piace e anche molto! non vedo l’ora di provarlo 🙂

    • luca020400

      Grazie mille per la guida appena posso installo lxde con comptom

    • ange98

      Dopo aver visto il tuo desktop, capisco perché preferisci LXDE a Mate :Q___ È bellissimo!

      • EnricoD

        Grazie 🙂

  • mrholiday

    Domanda ingenua: perchè usare polkit-gnome anzichè lxpolkit? c’è qualche funzionalità in più?
    Grazie in anticipo per la risposta e complimenti per la guida, apprezzo la filosofia LXDE (e per qualche periodo l’ho anche utilizzato) ma trovo che spesso la documentazione sia poco soddisfacente, credo che questo aspetto abbia penalizzato LXDE soprattutto tra utenti meno esperti

    • EnricoD

      Io ho sempre usato gnome polkit perché il dialog fornisce più info e dettagli rispetto a lxpolkit che è più minimale e mi pare che ti lascia solo inserire la passwd e niente altro, proprio perché pensato per lxde, ma bisogna capire cosa si sta autorizzando a fare cosa… Per una sicurezza in più (anche perché faccio una cosa e il secondo dopo me lo scordo essendo un pelo distratto xd) 🙂
      Però puoi usare anche lxpolkit, basta che poi togli l’altro.
      Su lxde, è vero, ma anche ( soprattutto) con openbox c’è da divertirsi XD
      Nella guida ho dimenticato di mettere lxmed che permette di modificare menu nascondendo le voci che non si vogliono visualizzare (meglio nasconderle che cancellarne i collegamenti da /usr/share/applications)

      • ange98

        Certo che pare paradossale: un DE pensato principalmente per hardware datato (viste le prestazioni è perfetto per questo genere di pc) che ha come menù editor un programma scritto in java (anche se non è ufficiale di LXDE)

      • mrholiday

        ho bisogno di qualche delucidazione, dopo aver installato archey devo modificare sia .bashrc (e come ?) sia .xinitrc per abilitare archey?

        • EnricoD

          no, solo il .bashrc 😉 c’é errore nella guida @ferramroberto

          editare il .bashrc nella home

          nano ~/.bashrc

          invece che

          editare il .bashrc nella home

          nano ~/.xinitrc

          😉

          • mrholiday

            grazie per chiarificazione, qui c’è sempre qualcosa da imparare. keep up with this nice job!

          • ange98

            Se posso permettermi, io eviterei di dare i privilegi di superutente ad un editor per modificare un file nella propria home 🙂

          • EnricoD

            Esatto, hai assolutamente ragione, thanks 🙂 ci avevo pensato anche Io in effetti giorni fa 🙂

  • CuccuDrillu10

    Mi piace come hai personalizzato il tema di LXDE, è semplice e ordinato e ha anche un filo di eleganza col pannello semi-trasparente! Lo Voglio anche io!! :-))

  • alex

    ma guarda, avevo scaricato LXDE proprio ieri sulla distro con arch + gnome in vbox per provarla, così ora posso provare anche le personalizzazioni suggerite! 🙂

  • Luky

    Se ne dovrebbe fare una anche per xfce, visto che non funzionano alcuni componenti (sempre dipendenti da gnome-polkit e lxpolkit)

  • ange98

    Ma com’è che sulla mia Arch KDE ho 800 pacchetti installati? O.o Mi pare che siano un po’ tantini visto che guardando l’output di pacman -Rscn xorg gtk2 gtk3 qt4 qt5
    riporta 430 pacchetti circa

    • EnricoD

      Ho appena installato KDE sul netbook e configurato tutto il resto (wicd, programmini vari etc etc) e ho 520 pacchetti 🙂

      • Francesco

        Ma KDE è usabile su di un netbook?

        • EnricoD

          funziona molto bene, molto fluido, ma conta che ho 2 GB di RAM 🙂

          • Francesco

            Ah ok devo provare… ha solo 1GB il mio ed è un atom n450 1.66GHz

          • heron

            eccomi!
            stesso processore e con Arch + kernel-netbook + KDE va una meraviglia!
            Ovviamente Baloo e Krunner disattivati e wicd-kde (da AUR) come gestore delle connessioni.

      • ange98

        Io ho scoperto che fra gtk2 e kdeplasma-addons faccio 90 pacchetti D: E pensare che mi sembrava di esser stato così attento mentre facevo l’installazione minimale da kdebase

  • EnricoD

    Aggiunto xposé 🙂

    • ange98

      con skippy?

      • EnricoD

        si 🙂

        • ange98

          Faresti uno screen di come viene il risultato finale? 🙂

          • EnricoD

            Sta nella guida 🙂

  • EnricoD

    ho avuto problemi con lxpanel 0.7.0-1 (si riavviavano i pannelli a manetta) … per risolvere basta compilarselo cosi si installa la versione più aggiornata

    yaourt -S lxpanel-git

    verrà rimosso lxpanel e sostituito con lxpanel-git che funziona bene.

    A chi è interessato invece il mio tema openbox da usare insieme a radiance (istruzioni inside insieme a quelle per il mio setup) 🙂

    https : // github . com/enricocid/light_theme_openbox

No more articles