E’ stato ufficialmente rilasciato il nuovo Enlightenment E19 con il supporto per Wayland, display HiDPI e molto altro ancora, ecco come installarlo

Enlightenment E19
Dopo mesi di duro lavoro è finalmente disponibile la versione stabile di Enlightenment E19 nuova ed attesissima versione del “light” desktop environment per Linux. Enlightenment è un’ambiente desktop open source in grado di fornire numerose personalizzazioni, effetti, trasparenze ecc il tutto richiedendo pochissime risorse, ottimo quindi per personal computer nuovi e datati. Con la nuova versione E19 il nuovo Enlightenment include moltissime novità e migliorie come ad esempio il supporto per il compositor di Wayland e per display HiDPI in maniera tale da poter essere utilizzato in futuro anche nuove release e in pc con monitor ad alta densità di pixel.

I developer Enlightenment con il nuovo E19 hanno migliorato notevolmente il supporto per multi-monitor, debutta inoltre il nuovo profilo Tiling (ottimo per netbook e pc con display di dimensioni ridotte) che ci consente di avere sempre massimizzate le finestre in maniera tale da aumentare lo spazio disponibile per le applicazioni.

Enlightenment E19 Tiling Profile

Grazie al modulo PackageKit arriva anche in Enlightenment E19 l’integrazione gestore di pacchetti, introdotto il supporto per operare velocemente in xrandr in maniera tale da gestire al meglio la retroilluminazione, debuttano anche nuove opzioni che ci consentono ad esempio di bloccare le dimensioni del video.

Per maggiori informazioni su Enlightenment E19 consiglio di consultare le note di rilascio disponibili in questa pagina.

– Installare Enlightenment E19

Enlightenment E19 sarà presto disponibile nei repository ufficiali delle principali distribuzioni Rolling Release come Arch Linux, Debian SID, Gentoo, PCLinuxOS ecc.

Per installare Enlightenment E19 in Ubuntu e derivate basta digitare da terminale:

sudo apt-add-repository ppa:niko2040/e19
sudo apt-get update
sudo apt-get install enlightenment terminology 

e confermiamo. Al termine basta terminare la sessione e avviare la sessione Enlightenment

Enlightenment Session

Al primo avvio avremo un wizard che ci consentirà di configurare facilmente il nuovo Enlightenment E19 dalla lingua del sistema, profilo, tema ecc. In caso di errori o altro è possibile riavviare il wizard semplicemente rimuovendo la directory .e presente nella home (di default nascosta per visualizzarla basta cliccare in Ctrl + h).

Home Enlightenment

  • ale

    sarebbe utile se si “ricordasse” la luminosità impostata all’avvio come fa l’applet disponibile per la gnome-shell…

    • tomberry

      facendo presente che su xfce è presente il plugin per xfce4-panel, io ho impostato la luminosità all’avvio tramite xbacklight…

      • Gaetano

        proprio quello che sto cercando io!! mi dai delle dritte anche in questo per favore? non sopporto che il mio sistema all’avvio mi spara la luminosità del display al massimo, a me piace l’esatto contrario e cioè che all’avvio sia al minimo valore possibile. Mi dici come impostare ciò con questo script di cui parli?

        • tomberry

          Una volta che hai installato il pacchetto, imposti all’avvio il comando xbacklight -set valore (es. xbacklight -set 50, in questo modo la luminosità è a metà), puoi provare tranquillamente prima il comando da terminale.

          • Gaetano

            si ma come lo imposto all’avvio questo comando?? devo creare un qualche script o aggiungere una stringa da qualche parte? mi posti per favore la procedura completa per farlo? comunque la luminosità che vorrei io è proprio il valore 0, quella che mi da adesso lanciando il comando xbacklight da finestra terminale:
            [tano@tanolinux ~]$ xbacklight
            0.000000
            del tipo lo aggiungo su .bashrc del tipo come quando ho aggiunto il logo arch che compare nella finestra terminale?
            cioè una cosa di questo tipo è corretta?:
            #
            # ~/.bashrc
            #

            # If not running interactively, don’t do anything
            [[ $- != *i* ]] && return

            alias ls=’ls –color=auto’
            PS1='[u@h W]$ ‘
            # set editor
            export EDITOR=nano
            # Archey
            archey
            # set xbacklight
            xbacklight -set 0

            Oppure settare systemctl enable nomeservizio (in questo caso dovrei creare lo script)? cioè vorrei il metodo migliore, piu veloce e che non incasini o rallenti il sistema o il suo boot. Cioè penso sia inutile avviare uno script che poi avvia un secondo script no? quando magari una routine di avvio potrebbe settare anche la luminosità del display che voglio con quel comando xbacklight. no?

          • tomberry

            Che DE stai usando?

          • Gaetano

            xfce con slim

          • tomberry

            Allora ti basta andare in Menu > Sessione e avvio, scheda Avvio automatico, clicca Aggiungie dai:

            – Nome: Luminosità (o quello che vuoi)
            – Descrizione: Imposta la luminosità all’accesso (o quello che vuoi)
            – Comando: xbacklight -set 0

            e dai OK.
            Adesso quando accedi la luminosità viene impostata automaticamente al minimo.

          • Gaetano

            Grazie mille lo faccio subito e riavvio 🙂
            Funziona meravigliosamente !!!! Adesso mi serve solo che sistemi quella guida sugli effetti compiz da attivare sulla mia arch xfce ed avrò raggiunto la mia perfezione 🙂

  • lorenzo

    Non va, quando clicco sull’icona mi compare la scritta:

    “no backlights were found on your operating system”

  • Maurizio

    Funziona anche se non ho aggiunto le scorciatoie.

  • Davide Dallara

    enlightenment è proprio un gran bel progetto, peccato che tutte quelle animazioni e sbrilluccichii vari mi urtano in maniera incredibile

    • Duma

      Ho creato un tema che riprende il look vecchio stile “Murrina” che forse rende E un po’ più sobrio. È per E19, prova a dargli un’occhiata 😉

      • luca020400

        Devo dire un bel tema
        Ottimi lavoro il primo che nei convince
        Appena posso lo installo sul netbook

    • Duma
    • EnricoD

      Penso si possono disattivare tranquillamente disattivando compositing 😉

  • terminus

    è da quando conosco linux che sento parlare di questo DE, specie E17, perennemente in beta stile novella dello stento… ma qualcuno lo utilizza sul serio o è come le apparizioni di ufo, di cui tutti parlano ma che in pratica nessuno ha mai toccato con mano?

    • ange98

      c’è chi lo usa…

    • Kim Allamandola

      Ho usato per anni la DR16 con starenli e qualche tempo e17 sia con compiz (una patch che girava ai tempi) che senza. Enlightenment è un mito per due ragioni: la prima è che è tecnicamente molto ben scritto, cosa rara specie di questi tempi, la seconda è che ha portato zucchero grafico d’alto livello mantenendo la classica semplicità dei WM *nix.

      Purtroppo la sua base di codice pur pulitissima è assai lenta da far evolvere e questo lo ha “messo fuori mercato” rispetto sopratutto ad Unity. Ai tempi di Gnome2 c’erano tanti utenti che mescolavano alla grande poi…

      Resta comunque il primo “DS” (desktop shell) della storia!

    • Fabio

      Due anni fa misi una Squeeze + E17 installandolo con un qualche script preso mi sembra da Debianizzati. Era una prova fatta così per fare su un vecchio pc (P4 3000MhZ, 1024RAM, Nvidia da 64MB) quasi inutilizzato di un’amica, che quando lo vide ci rimase malissimo perché era convinta che linux fosse una cosa tipo DOS. Questa primavera parlando mi diceva che ormai usa solo quello perché l’altro con Win8 è diventato lentissimo e per fare quello che fa lei (facebook, youtube, foto, posta e poco altro) va meravigliosamente… 🙂

    • TopoRuggente

      Ho usato per parecchio tempo il 16, e continuo con 17-18 e adesso 19 !!!.

      Spettacolo di leggerezza e configurabilità.

      E17 ha avuto una gestazione complicata perchè è stato riscritto da 0, tanto che normalmente si parla di DR16 e E17-18-19.

      Il codice e la struttura dei moduli sono stati analizzati con una pazienza certosina, per riuscire ad ottenere qualcosa di pulito e aperto a future implementazioni.

      Fra KDE, Gnome-Shell, XFCE, LXDE e ovviamente Enlightenment, quest’ultimo è stato fra i primi a poter integrare wayland, senza dover usare strani artifici.

  • ange98

    Sono l’unico a cui non piace proprio? 🙁 Non so perché mi lascia sempre ocn l’amaro in bocca quando lo provo tipo “Si bene è un bel DE, ha tutto piuttosto integrato, ma… Perché le applicazioni non si vogliono integrare decentemente?”

    • EnricoD

      è veramente brutto

      • ange98

        già… (Anche se dovrei essere l’ultimo a parlare visto che solitamente i miei DE non è che siano tutto questo granché 😐 )
        Comunque standoci un po’ dietro può diventare gradevole 😉

        • EnricoD

          Ora mi è venuto voglia di provarlo (anche perché so rimasto alla 17 😉 ) .. Giusto per giudicare meglio 🙂
          Rip Bodhi, comunque, oggi i negozi al mio paese hanno chiuso in segno di rispetto

    • Duma

      Integrare dal punto di vista grafico o delle funzioni?
      Nel primo caso è una questione di Temi (e qualcuno ha fatto qualche tema che si integrava con temi in GTK2, in GTK3 c’è meno roba e ti rimando al mio link più in basso su port per E19 di Radiance), se è una questione di integrazione di funzioni sta tutto nel fatto che non ci sono ancora così tante applicazioni scritte con le EFL che quindi si parlano tra loro. Come diceva Kim Allamandola il suo sviluppo è molto lento!

      • ange98

        Io parlavo dal punto di vista delle funzioni, visto che graficamente con un po’ di impegno riesci ad ottenere un risultato pressoché buono 🙂

        • TopoRuggente

          Quali applicazioni di Enlightment non si integrano?
          Enlightenment ha pochissime applicazioni “integrate”, file manager e terminale, non mi viene in mente altro.

          Oppure quale DE non ha problemi di integrazione con applicativi di terze parti?

  • noname

    Affermazione e domanda contemporaneamente: il profilo “migliore” – inteso come: più innovativo e al contempo usabile, diverso dal solito e per cui valga la pena provare un DE – è quello chiamato ‘Fancy’ (oltre al ‘Tiling’ già citato, ma di uso IMHO di nicchia). Consiglio a chi ha interesse (ma magari è rimasto deluso da vecchie prove) di provare questo profilo, perchè, sempre IMHO, le due versioni più classiche ‘desktop’ e ‘notebok’, a aprte l’estrema leggerezza, non offrono nulla di nuovo. La domanda conseguente è questa: come si fa ad installare quei profili che mancano e che sono presenti nella distro Enlightenment-default (come Bodhi)?

    • Duma

      I profili sono alla fin fine un mix di moduli e gadget sulle mensole, se mescoli tu un po’ di queste cose ti crei il tuo profilo Fancy 😉

      • noname

        Sì lo so, è che se non lo avessi avuto pronto, io non avrei immaginato il profilo così com’è, per cui avrei avuto la stessa impressione neutra/negativa di molti perchè, sempre secondo me, l’impatto iniziale conta molto, soprattutto per un DE che è, di fatto, soprattutto estetica – l’usabilità e le applicazioni correlate son strettamente correlate all’impostazione grafico-stilistica, almeno dal punto di vista dell’utilizzatore. Inoltre avr già tutto pronto è una bella comodità, soprattutto in Enlightenment che, a mio avviso, tra i difetti soffre di una gestione moduli piuttosto confusionaria e di un impianto di configurazione a tratti davvero prolisso (ma questo è anche il pregio di poter configurare tutto a proprio piacimento partendo anche da 0).

  • CuccuDrillu10

    Secondo me questo Ambiente Desktop ha tre punti deboli: il tema, il set di icone, e i font….lo trovo orripilante su questi tre fronti…ma è possibile che gli sviluppatori non si accorgano di quanto sia oggettivamente brutto nella versione di default?

    • TopoRuggente

      Ma soprattutto è possibile che se non ti piacciano tu li possa cambiare.

      Come possono pensare degli sviluppatori di non perdere del tempo sulla grafica perchè c’è gente che non sa cambiare un tema …

      Chiaramente una vergogna !!!!

      • CuccuDrillu10

        Per me l’aspetto grafico di un Ambiente Desktop è molto importante e Enlightenment presentato in questo modo non è certo invitante da provare…dici che gli sviluppatori non hanno tempo da perdere? Curare la grafica e rendere armonioso il proprio prodotto non la vedo come una perdita di tempo….e comunque si trattava di migliorare qualche dettaglio che avrebbe rubato non più di 10 minuti (icone, font, tema appunto)!!

        Il fatto che l’utente possa personalizzarlo a piacere poi è un altro discorso che non ha niente a che fare col mio commento!!

        • Mister X

          quello che non piace a te non vuol dire che non piaccia ad altri.. non ti piace lo cambi, ti piace, come agli sviluppatori, lo tieni… se non piace a te non vuol dire che non piaccia a tutti.. tu hai i tuoi gusti, qualcun’altro i propri…

          • CuccuDrillu10

            Beh certo, se a te piace così, buon per te. Io invece credo che sarebbe potuto essere migliore con pochi ritocchi per renderlo più appetibile

          • MisterX

            più apetibile per te.. per fortuna abbiamo gusti estetici diversi, parlo dell’essere uano non di noi due, perché se no sarebbe un noia pazzesca… 🙂

        • TopoRuggente

          Infatti.
          Ho comprato una macchina e di per se faceva schifo, dopo 100Km si è fermata.

          Il fatto che poi io potessi fare il pieno è un’altro discorso !!!

  • 5s

    Il DE più reattivo a parità di richieste al sistema.

  • ge+

    leggero e completissimo, nonche molto personalizzabile, enlightenment non ha niente da invidiare ai suoi colleghi più diffusi, ottimo per coloro che vogliono bellezza e leggerezza insieme.
    Unica cosa è che ha veramente tante, ma tante ma tante opzioni tra le quali destreggiarsi, più di KDE, e per me è stato un pò ostico in tal senso.
    A vedere i progressi fatti dal team quasi quasi mi dispiace di aver scelto XFCE sul pc di casa, penso che al prossimo giro lo testerò nuovamente

    • Bacocero

      A vedere i progressi fatti dal team quasi quasi mi dispiace di aver
      scelto XFCE sul pc di casa, penso che al prossimo giro lo testerò
      nuovamente

      Perché non lo installi dal gestore dei pacchetti quando sarà disponibile? Ti apparirà solo come un’altra voce al login.

      • ge+

        mi piace tenere il sistema più “pulito” ed essenziale possibie, è una mia mania: se poi mi divessi trovare male dovrei rimuovere tutto.
        Lo proverò (di nuovo) da live, partizione o macchina virtuale quando avrò un pò di tempo

        • Kim Allamandola

          Se automatizzi i tuoi deploy il sistema resta pulito (o cmq facilmente pulibile), quali che siano le modifiche alla conf. di default che fai…

  • TopoRuggente

    Una menzione d’onore a Terminology, terminale con funzionalità di tiling

    Basico, semplice e pratico

  • gianluca

    “no backlights were found on your operating system”
    dice anche a me cosi, qualche buon anima può aiutarmi ??? pleaseeee

No more articles