Ecco come seguire la diretta in streaming di Cyberia: giornata per le libertà digitali di Torino che vede come ospite Richard Stallman.

Cyberia
Nella giornata odierna (domenica 14 settembre 2014) si sta svolgendo a Torino l’evento denominato Cyberia: una giornata per le libertà digitali; importante incontro nel quale si festeggia la scelta dell’amministrazione comunale di puntare sul sistema operativo libero, migrazione che consentirà di risparmiare più di 6 milioni di Euro di soldi pubblici.
Tra i tanti ospiti dell’evento troviamo anche Richard Stallman, fondatore del progetto GNU, che parlerà alle ore 18.00,  presente anche Italo Vignoli (Co-Fondatore The Document Foundation), Juan Carlos De Martin (Co-fondatore Centro Nexa su Internet e Società) e Roberto Guido (Direttore Italian Linux Society) e molti altri ancora.

Dalle 15.00 saranno attivi numerosi workshop e laboratori, si parlerà anche di OpenMamba distribuzione Linux che abbiamo recensito proprio alcune settimane fa, il progetto Mini GLIP (GNU/Linux Installation Party),  Recupero Trashware con Software Libero, dimostrazioni Stampa 3D e molto altro ancora.

Per maggior informazioni su Cyberia: una giornata per le libertà digitali consiglio di consultare il comunicato stampa ufficiale.

Possiamo seguire in diretta streaming l’intero evento collegandoci alla pagina ufficiale della manifestazione.

Ringrazio il nostro lettore Giuseppe per la segnalazione.

  • Salvatore Gnecchi

    ho usato Unity da quando é stato introdotto e all’inizio non mi sembrava comodo il dock a sinistra. Poi mi sono abituato e quando ho provato Shell l’ho trovata scomoda. Ho cercato di abiuarmici ma penso che sia ancora troppo da migliorare.
    Unity lo vedo sull’ottima strada.

  • gnome-shell non mi piace proprio. Unity invece sta migliorando molto, sulla 13.04 si sente veramente una maggiore velocità. Credo userò Ubuntu più spesso nei prossimi mesi

    • Arghhhhhh… a quel punto meglio unity su arch linux XD si risparmiano dai 100 ai 150 MB di ram in confronto a bubuntu 😛

      • su arch uso XFCE 😀 Uso ubuntu e unity quando non devo far nulla di importante, e a quel punto chissene frega se “spreco” 150 mb di ram 😀

  • Ugo Zambiasi

    Unity per sempre.

  • Andrea

    Secondo me, ormai che unity è decisamente migliorato rispetto al suo debutto, penso che tra i due sia la scelta migliore; oltretutto c’è da dire che gnome shell, come dici nell’articolo, essendo simile per alcuni aspetti a unity tanto vale optare per questo……o si cambia radicalmente da unity altrimenti vale la pena farci l’abitudine.

    • Salvatore Gnecchi

      all’inizio sembra che Unity fosse il Darth Vather della situazione xD Io gli ho dato fiducia, poi Gnome ha pensato bene a peggiorare e meno male che ora qualcuno lo apprezza Unityuccio mio =P
      (che ho abbandonato da poco per la sperimentazione di Linux Mint ma ommioddio quanto mi manca/Ubuntu 13.04 sbrigati cosí torno da te LOL)

  • Matteo Iervasi

    Sarò anche strano, ma preferisco Unity al posto di GNOME Shell… ho provato svariate volte questo DE ma non è immediato, mentre con Unity (dopo essersi abituati) è tutto veloce e a portata di click (almeno per me…). L’unica cosa che veramente odio di Unity è la poca personalizzazione, mi piacerebbe per esempio poter spostare il laucher in basso, ecc.
    Nella stessa Ubuntu 12.04 ho installato anche KDE e sono rimasto davvero impressionato dalla personalizzabilità (nn so se esiste questa parola :D) di quel DE. Peccato che mi ciucca un sacco di RAM rispetto a Unity…

    • Andrea

      Perfettamente d’accordo! Basterebbe poco per rendere più “amichevole” unity, gnome shell è forse troppo click, click……, KDE oltre a essere assetato di RAM io personalmente lo trovo parecchio “incasinato”

      • Salvatore Gnecchi

        io ho sembre trovato KDE visivamente “sfocato” a livello di icone, cursori, linee… lo trovo un po’ troppo “circense” con la grafica, va bene curarla ma lo trovo esagerato.
        A Unity un po’ di personalizzazione non guasterebbe ma immagino che sia un “fidatevi di noi che ci siamo lavorando” che non é un concetto totalmente errato ma si scontra un po’ con la filosofia dell’utente smanettone di linux. Immagino sia proprio dovuto ad un “puntiamo ad allargare il pubblico”. Unity +1

        • Kia (ilAlto82 è BANNATO)

          Sì, a detta di Shuttleworth il fatto di rendere fisso launcher e pannello è voluto, per creare continuità con l’esperienza su tablet e telefoni. Anche io preferisco la personalizzazione di KDE sul desktop ma per l’approccio un nuovo utente con meno esigenze o volontà di personalizzare ogni dettaglio, Unity mi convince ogni giorno di più.

  • Zero

    Sicuramente Gnome-shell! Già testata la 3.8.1 Fantastica e nettamente più reattiva!!

  • Proverò la versione qml… anche se nutro ancora forti speranze in be-shell…

  • fedefigo92

    unity e per la personalizzazione c’è unity tweak tool installato di default nella 13.04

    • Andrea

      unity tweak tool forse troppe personalizzazioni (inutili per la maggior parte degli utenti) mentre mancano alcune personalizzazioni più semplici e più richieste dell’utente normale tipo il poter spostare il lancher

      • Salvatore Gnecchi

        il launcher a sinistra é geniale invece! E’ la posizione che interferisce meno con le fineste (basta pensare ai siti che ai lati hanno sempre spazio bianco). Mi ha convinto dopo l’iniziale ” a sinistra? ma che ca**..)

      • spostare il launcher è impossibile a meno che non si riscrive parte del codice di unity
        forse arriverà questa possibilità con unity next essendo in qt magari sarà possibile aggiungere più personalizzazioni di terze parte
        ma per ora il laucher è disponibile a sinistra e basta e in 2 modalità o sempre visibile o sempre nascosto

    • unity tweak tool è nei repo ma non installato di defualt

  • andrea

    continuo a provarle entrambe. non saprei in termini di consumu di risorse, ma unity è più comoda da usare (ha il miglior sistema di gestione delle scorciatoie, secondo me). Gnome-shell mi sembra ancora troppo dipendente dalle estensioni, che però mi sembra che siano ancora un terno al lotto.

    • Salvatore Gnecchi

      estensioni che se aggiorni a Gnome 3.8 non funzionano -.- (motivo per cui mi sono innervosito e ho messo Cinnamon su Linux Mint XD)
      sono d’accordissimo!

      • andrea

        esatto, a ogni aggiornato di gnome ne salta qualcuna certe non funzionano da nessuna parte…..

        • Salvatore Gnecchi

          e il mio sopracciglio inizia a tremare per il nervoso xD
          l’estensione per rendere il launcher una dock, cose semplici tipo per vedere tutte le icone nella tray etc etc. (praticamente per Unityzzarlo…) Cinnamon é una buona via di mezzo, almeno a livello visivo, non so a livello di performance.

    • Luciano Buffo

      scusa ma non capisco perchè sia + macchinoso di unity o altro.. basta andare in alto a sx con il mouse e scrivi direttamente cosa ti serve.. sposti le finestre subito su qualsiasi schermo dinamico.. trovi le app divise per categoria sulla dx se dimentichi magari il nome.. hai la chat integrata in basso in caso di messaggi non rompe le palle la finestra aperta mentre lavori o fai altro.. le estensioni non sono cosi essenziali (io al momento uso solo una che mi mette la barra a sx a scomparsa anche se non vai su attività).. e lo uso per lavoro da anni ormai.. boh

  • marco

    Sinceramete io su possiedo ubuntu 12.10 su un ultrabook e devo dire che unity lo fa a dovere il suo lavoro, tranne qualche piccolo problema con alcune applicazioni in full screen. Spero che unity 7 l’abbiano migliorato non solo in prestazioni ma anche in stabilita’.

    Mi chiedo una cosa, ma a cosa serve perdere degli anni su compiz e poi passare a qt/qml?

    • Ilgard

      Forse era un test, oppure hanno semplicemente sbagliato strategia di mercato. Capita a tutti, anche colossi come Microsoft o Google hanno sbagliato spesso.

  • Salvatore Gnecchi

    qualcuno mi sa dire se ci sará quell’abominio del nuovo Nautilus? Ma come diavolo gli é venuto in mente di togliere tutte quelle cose?
    Sono prontissimo a mettere Nemo.

    • cosa hanno tolto?

      • Salvatore Gnecchi

        Crea Nuovo Documento, Open Terminal… praticamente un bel po’ di script da “tasto destro”. Mo, quanto era necessario “alleggerirlo” da queste cose?

  • dan preve

    Gnome-shell forever la uso dalla versione 3.4 e sinceramente non posso più farne a meno, a livello di reattività e leggerezza e stabilità è sicuramente superiore a unity e soprattutto è ampiamente personalizzabile grazie alle centinaia di estensioni, roba che unity non avrà mai!

    Certo all’inizio lascia un po’ disorientati ma appena ci si prende la mano è davvero molto usabile e non è vero che servono più click.

    Comunque sono d’accordo che senza qualche estensione gnome-shell sia ancora un po’ acerbo ma migliora di versione in versione…

    • Andrea

      “a livello di reattività e leggerezza e stabilità è sicuramente superiore a unity”
      direi che ora non lo è più, per il resto è da vedere nei prossimi 6 mesi….

  • MatteoCafi

    Preferisco gnome shell: lo trovo più veloce di unity e nelle ultime versioni ha fatto passi da gigante per diventare sempre più user-friendly. Unity non mi è mai piaciuto, l’unica versione che abbia veramente gradito è quella inclusa in Ubuntu 11.10. Anche se non ho provato né Gnome 3.8.x né Unity 7.
    Tanto alla fine ricado sempre su KDE. In ordine…
    KDE
    XFCE
    Cinnamon
    MATE
    Gnome-Shell
    Razor-qt
    Unity
    LXDE
    eccetera…

  • LJ

    da gnomista, devo dire che unity per un pc desktop è meglio di G/shell, senza toccar nulla, aggiungere o togliere o personalizzare o che.

    • LJ

      aggiungo …anche se non c’entra niente, unity ha perso purtroppo per come è stato “costruito”, la facilità (e accesso) alle personalizzazioni in ogni suo componente (tralasciando l’uso di gui), tipica dei desktop linux, putroppo seppur può sembrare una stupidata è una cosa fastidiosa…e poco “linux”.

  • EnricoD

    non mi piace unity… preferisco gnome-shell… anzi nessuna delle due forse
    la cosa migliore per me resta LXDE in lubuntu… le preferisco ad unity e gnome-shell ma se proprio dovessi scegliere, sceglierei Openbox+tint2! ad esempio 😉 … gnome senza dubbio 🙂

    la mia classifica, scendendo verso il basso per me aumenta la confusione.. preferisco openbox ed lxde perché molto minimali e hanno tutto quello di cui ho necessità:
    openbox+tint2 sul netbook
    fluxbox
    lxde
    xfce
    kde sul pc potente…

    gnome ed unity
    manco le calcolo, infatti unity l’ho sempre sostituita con altre… ma le metto ultime in caso un giorno scomparissero tutte le altre!… per me rappresenta l’opzione finale e comunque sceglierei gnome 🙂

  • mscanfe

    mah!… fra il marcio e la muffa …

  • borgio3

    Il consumo di risorse è vergognoso per entrambe le interfacce.
    Non è tollerabile una cosa del genere, per cui è meglio usare altro. E lo dice uno che usava Ubuntu dalla 5.04 fino all’uscita di 12.10.
    E’ un peccato finire così, ma con i tempi che corrono un pc deve durare molto e non mi sembra che si sia intrapresa la strada giusta.

    • Er Chiappetta

      COmpletamente d’accordo amico mio

    • Ale

      Quoto. sono stato costretto a migrareverso xfce, che è comunque un buon De ma se permettete l’occhio vorrebbe anche la sua parte 🙁

  • ange98

    io voto Unity 😀 Su Ubuntu lo trovo più comodo. IMHO se si volesse una buona (se non ottima) integrazione con GNOME Shell, si dovrebbe usare Fedora 😉

  • Jerry Cala’

    Personalmente mi fanno schifo tutti e due. Sviluppo da 11 anni e sia con Unity che con Gnome Shell trovo il DE completamente complicato e poco personalizzabile per non dire pesante sul mio netbook con Atom del 2008.

    Unity è un tentativo di copiare Apple con quel global menu agghiacciante oltre ad avere tolto le scroll bar oltre alla pochissima personalizzazione oltre ai Lens che importa sega. Gnome Shell è ridicolo, il team Gnome si è superato creando un DE fatto per interfacce touch quando la maggior parte degli Linux users sono sviluppatori e cmq non utenti alle prime armi, tralasciando poi la pesantezza di esecuzione in quanto Gnome Shell è in parte sviluppato in linguaggio interpretato. Vogliamo poi parlare delle estensioni che sono broken ad ogni release?

    Chi di voi ha provato gnome disks versione 3.6, l’utility per gestire i dischi? E’ un piccolo esempio di quando hanno saputo rovinare con la loro nuova mentalità di rifare tutto, interfaccia con l’utente compresa.

    Il mio old school desktop sono solo due: XFCE e Mate che uso con soddisfazione oltre alla leggerezza, personalizzazione e soprattutto al fatto che gli sviluppatori ascoltano la comunità. Pochi gatti per un DE fatto razionale ed intuitivo.

    Mark ed il team Gnome si sentono dei grandi innovatori ma per quanto mi riguarda mi hanno molto deluso. Spesso mi viene in mente il fallimento della Commodore del ’94 …. dalle stelle alle stalle.

    XFCE for President!

    • Simone

      Commodore fallì anche perchè molti scapparono col malloppo…..
      Mark il malloppo è il suo….. e poi dove andrebbe? nello spazio? 🙂

    • Luciano Buffo

      Per la globalbar.. il concetto è errato perche non proviene da MAC ma da il mitico AMIGA con il suo Workbech (1985).. infatti la bar in alto dava informazioni di sistema e solo nel momento in cui si “teneva premuto” il tasto DX del mouse in qualsiasi punto dello shermo apparivano i menu della finestra attiva… ottimo se si ha poco spazio video.. Ma sia MAC che Ubuntu non hanno capito il concetto.. MAC non ha il tasto DX.. mentre in ubuntu ti apre il menu a tendina in base alla posizione del puntatore..

  • Sandro

    Io tengo sempre molte applicazioni aperte contemporaneamente e per me
    Gnome Shell funziona meglio. Con unity i menu delle applicazioni si
    confondono col pannello superiore costringendomi a cliccare
    continuamente qua e là. Inoltre non riesco più a fare a meno dei
    workspace dinamici: se me ne servono 6 ne ho 6, se me serve uno ne ho
    uno, troppo comodo! Anche le estensioni poi mi sembrano una marcia in più considerevole. Come DE di riserva mi trovo bene con MATE.

  • CuccuDrillu10

    Ma la versione gnome, su ubuntu, viene rilasciata pura o con le personalizzazioni, i temi, le icone tipiche di ubuntu?

    • Luciano Buffo

      Dovrebbe essere pura gnome

  • Dario · 753 a.C. .

    cinnamon tutta la vita! 😀

  • Davide

    Unity è la nemesi dell’usabilità, mille volte meglio Gnome Shell.

    • unity ha le migliori scorciatoie da tastiera tra tutti i DE che ho provato. È un falso mito che sia inusabile.

      • Davide

        E’ inusabile per ben altre ragioni, a cominciare dal posizionamento infelice della barra (era meglio a destra, così quando è impostata a scomparsa – cosa necessaria su piccoli schermi – non la si fa comparire per sbaglio cercando di premere il pulsante Indietro nel browser). Poi hanno introdotto la possibilità di far comparire la barra con l’hot corner in stile Gnome Shell. Peccato che in quell’angolo ci siano anche i controlli delle finestre “massimizzate”. Ah… a proposito di questo… i pulsanti del decorator che ingrandendo la finestra si spostano (finendo nella global bar) sono un perfetto esempio di incoerenza stilistica. Per non parlare della global bar stessa: la barra del menu appartiene al contesto della finestra, spostarla visivamente all’esterno del programma è un errore grossolano (comune a MacOS X, perché Unity ha voluto scopiazzare il peggio di MacOS X). Delle scimmie (rigorosamente africane) avrebbero fatto meglio.

        • Er Chiappetta

          Troppo d’accordo su tutti i punti e poi a me manco il pannello inferiore con le applicazioni aperte alla old school.

        • Luciano Buffo

          Per questo credo sia molto meglio GnomeShell.. anche se ancora c’è da migliorare, non riesci a farne a meno dopo che lo usi per qualche settimana, a volte pusho sull’hotcorner anche da windows.. non sai che brutto vedere che poi non succede nulla e devi andarti a trovari i programmi in start 😛

          • Airon

            Lo dici a me io alla fine ho dovuto installare Switcher su windows per poter switchare tra le finestre con un sistema simile a quello di gnome 😀

        • Anon

          questione di gusti:

          – indietro nel browser: uso il tasto backspace (su linux necessita di estensioni quali “backspace as back/forward for linux”).
          – far scomparire la barra e abilitare l’hotcorner: devi abilitarlo tu, nessuno ti garantisce che il sistema diventi usabile se inizi a pasticciare.
          – la global bar & co: se hai tutti i pulsanti/voci del menu sempre nello stesso posto sai sempre dove sono i menu.

          Non la vedo come una cosa tragica, è una gestione diversa, io uso pesantemente shortcut e unity è quello progettato meglio da questo punto di vista.

          Se poi basta spostare due tastini per mettervi in crisi come avete fatto a passare da windows a linux?

  • Alfredo

    Io un annetto fa scrissi come spostare unity in basso.

    http://ubuntusemplice.it/2012/03/07/come-spostare-unity-in-basso/
    Non so se è ancora valido, personalmente non mi sono trovato bene, anzi, con la 12.10 ho completamente abbandonato ubuntu per passare al più reattivo xubuntu. Inoltre i programmi installati su unity sono come “nascosti”.
    A mio avviso, ancora qualche anno e poi tra ubuntu e mac os non ci saranno differenze, saranno tutti e due “blindati” ai più

  • Diego

    Meglio Xubuntu e Lubuntu.

    • Giacomo Drago

      Quanto sono d’accordo con te…

    • Er Chiappetta

      Quanto anch’io sono d’accordo con voi. E pure Mint Mate anche…

  • Nicola

    Ho installato sul net atom Xubuntu 12.04 l’anno scorso MAI una rogna, ho provato Gnome e Unity alla fine pr3eferisco Unity, ma mai mi sognerei di levare Xubuntu in loro favore
    Degli effetti grafici non mi importa il net è limitato e con Xfce è una scheggia, sul Notebook (i3 4 gb ram) alla fine ho installato Xfce e stò tranquillo, preferisco le LTS non ho voglia di papocchiare il pc ogni 6 mesi

No more articles