Pydio è una sistema open che ci consente di trasformare qualsiasi server in una potente piattaforma di condivisione.

Pydio in Ubuntu
Negli ultimi anni abbiamo segnalato molti nuovi servizi di web storage che ci consentono di avere a disposizione uno spazio online nel quale salvare e condividere i nostri file preferiti. Per gli user o aziende alla ricerca di un servizio di condivisione file sicuro e flessibile è disponibile OwnCloud oppure anche AjaXplorer Pydio.
Pydio è un progetto open source che ci consente di poter integrare in qualsiasi server una potente piattaforma di condivisione file dotata di numerose funzionalità. Grazie a Pydio potremo accedere ai nostri file multimediali come immagini, video, documenti ecc da qualsiasi pc o device mobile direttamente da browser o tramite applicazione dedicata; potremo inoltre condividere facilmente i nostri file, creare pagine web ecc.

Pydio è una soluzione scelta da molte aziende in grado di offrire un piattaforma di condivisione file flessibile, scalabile e soprattutto sicura con la possibilità di accedere e operare i file attraverso vari protocolli  (possiamo creare anche plugin dedicati ecc) sincronizzare file in servizi di cloud storage e molto altro ancora.

Possiamo inoltre includere molti plugin di terze parti come ad esempio Pixlr per editare le immagini digitali, player per riprodurre video, file audio, editor di testi, reader di documenti ecc.

Pydio - editor d'immagini

– Installare Pydio

Possiamo installare facilmente Pydio in Ubuntu e Debian e derivate (sia server che desktop) grazie ai repository dedicati, ecco come fare.

Per prima cosa aggiungiamo i repository Pydio digitando:

sudo nano /etc/apt/sources.list

e aggiungiamo:

deb http://dl.ajaxplorer.info/repos/apt stable main
deb-src http://dl.ajaxplorer.info/repos/apt stable main

e salviamo il tutto cliccando su ctrl + x e poi s
ora dovremo installare la key d’autenticazione digitando sempre da terminale:

wget -O - http://dl.ajaxplorer.info/repos/charles@ajaxplorer.info.gpg.key | sudo apt-key add -

ora possiamo aggiornare i repository e installare Pydio digitando:

sudo apt-get update
sudo apt-get install pydio

e confermiamo l’installazione.
Al termine dell’installazione dovremo inserire la configurazione di Pydio in Apache (per gli user esperti è possibile operare nel file apache2.sample.conf) digitando da terminale:

sudo ln -s /usr/share/doc/pydio/apache2.sample.conf /etc/apache2/sites-enabled/pydio.conf
sudo php5enmod mcrypt

non ci resta che riavviare apache digitando:

sudo /etc/init.d/apache restart

a questo punto potremo finalmente accedere a Pydio dal nostro web browser all’indirizzo http://127.0.0.1/pydio/index.php dove 127.0.0.1 è l’indirizzo ip del nostro server.

Pydio - wizard configurazione

Al primo avvio avremo un semplice wizard di configurazione della piattaforma al termine potremo già caricare e gestire i nostri file.

Home Pydio

  • nerone

    non ho capito bene è tipo un dropbox ma su rete locale?

    • Ermy_sti

      si anzichè avere tutto sui loro server lo hai sul tuo pc

  • Lodewig

    Non ho mai provato prodotti del genere ma mi stanno incuriosendo …. mi chiedo però come progettare un minimo di sicurezza senza mettre su compicati meccanismi ids o firewall dato che immagino espongano via web il contenuto del server

  • Tristezza . . .

    Ancora un altro con php? non c’è proprio libertà da questa prigione per bambinoni che non vogliono crescere. . .

  • MoMy

    Disponibile anche con YUM e in AUR. :p

  • buzzqw

    come mi sento vecchio… sul mio nas condivido con sftp (ssh (o nfs per la lan).. perche’ non mettere un bel owncloud.. con le nostre italiche bande di upload “fantastiche” (!!!!) cambierebbe tutto…

    BHH

  • Ale

    Vedo nell’ultimo screen che il pulsante rimane non cliccabile anche dopo aver compilato tutti i dati, confermate?

  • Valerio

    E’ utilissimo anche in accoppiata con Amazon S3 o Dropbox

No more articles