Linux AIO è un progetto che ci consente di avere in un’unica ISO tutte le versioni di Ubuntu, Linux Mint e Debian.

Linux AIO
Alcune settimane fa abbiamo presentato due interessanti progetti denominati Ubuntu AIO DVD e Debian Live AIO DVD utili ISO con incluse tutte le versioni di Ubuntu e Debian live con i vari ambienti desktop. Dal successo delle due ISO è nato il progetto Linux AIO ossia delle raccolte di versioni di Ubuntu, Debian e Linux Mint incluse in una singola ISO pronta da essere masterizzata su DVD oppure salvata in una pendrive USB.

Attualmente Linux AIO è disponibile nelle versioni:

Linux AIO Ubuntu
Linux AIO Linux Mint
Linux AIO Linux Mint Debian Edition
Linux AIO Debian Live

Da notare inoltre che le varie ISO sono disponibili sia nella versione 32 Bit oppure 64 Bit, oltre alla versione EFI 64 BIT che ci consente di avviare la distribuzione in sistemi con UEFI Secure Boot attivo (normalmente in pc con Windows 8.1 preinstallato).

Linux AIO - Ubuntu 14.04.1

Gli sviluppatori del progetto Linux AIO ci consentiranno di avere ISO con versioni sempre aggiornate delle nostre distribuzioni, esempio in data odierna è disponibile la raccolta con Ubuntu 14.04.1 e Ubuntu 12.04.4, Debian 7.0.6 e Debian 6.0.10, Linux Mint 17 e 13 oltre a Linux Mint Debian nella versione “standard” oppure con supporto per EFI.

Home Linux AIO

  • Marco Benoit Pastore

    Ottima iniziativa, sara piu facile mostrare le alternative ai novizi

    • EnricoD

      C’è pure il tubo, è pieno di recensioni distro e primi passi…
      Che te ne fai di un DVD che dopo qualche mese è roba vecchia?

  • azurehus

    Che sappiate esistono cose simili ma con altre distribuzioni tipo: ( es. Mageia , MANJARO o Fedora ecc) , che insomma non siano basate solo su Debian ?

    • no anche se potrebbero presto arrivare proprio all’interno del progetto Linux AIO

      • cippalippo

        non esiste un tool per fare in modo che ce la possiamo realizzare anche da noi una bella AIO (.iso) con le distro che ci interessano e ci servono davvero, invece di doverci sorbire quelle già preconfezionate da q.un altro…!?!?!?

        • joenava

          Si esiste e si chiama yumi e ti crea una chiavetta
          multiboot

  • delaroche

    Una distro sarda?

    • MisterX

      no… la versione sarda è Linux AIO – EJA …. 🙂

    • Ernesto Bx

      Non c’è manco il gabibbo

  • Giulio Mantovani

    Questo è un progetto utile ed interessante, piuttosto che usare più dischi (chi li usa ancora) se ne fa uno solo con dentro tutte le derivate 🙂
    Però 4.5 gb sono un po’ tantini a mio avviso… se si stava in 3.5 era meglio e se si riusciva ad unificare le versione 32 e 64 bit schifo non faceva, penso alla versione AIO di windows, che considerando che c’è una stessa versione sia a 32 che a 64 bit il risultato è che si formano più di 10 versioni differenti, ma conunque pesa 4 gb circa….
    Da quanto ho visto si tratta di tutte le iso originali messe dentro una iso con grub pre-configurato per fare il boot di una delle versioni nell’iso stessa.

    • ale

      Per l’iso di windows è diversa, sai come si fa a fare la iso all in one con windows 7 ? Prendi una iso di windows 7 pro, fai la chiavetta, cancelli il file sourcesei.cfg dalla chiavetta e hai la scelta di installare pro, home, ultimate, ecc, alla fine il file di installazione è lo stesso, solo che l’installer copia solo una parte dei file, io lo faccio spesso dato che sul sito microsoft puoi scaricare solo la pro e se devi formattare un pc che ha la licenza home devi modificare l’iso

      Resta solo da mettere insieme la versione a 32 e quella a 64, ma metti insieme 2 versioni e non 10 alla fine

      • Giulio Mantovani

        anche perchè se si usa ubuntu o derivate è la stessa cosa, quello che cambia è il DE e le applicazioni preinstallate, se si potesse fare a questo punto invece di unire le singole iso mettendo grub pre-configurato, farei un unico core (si hanno 4-5 volte una stessa copia del kernel, driver ecc.) con installati tutti i DE da scegliere con un desktop manager tipo lightDM che gli gestisce tutti, poi in fase di installazione uno script che installa solo un determinato DE selezionato con annesse applicazioni (quindi ubuntu, o kubuntu ecc. ecc.) e perme in questo modo si entra in meno di 4 gb 😉
        ah, ovviamente unire anche la versione 32 e 64 bit 🙂

        • ale

          Per come sono strutturate le live di ubuntu non è possibile, una cosa del genere si può fare, ma non puoi avere anche la live, ossia l’installer di ubuntu e di tutte le ditro live fa una copia del sistema live sul disco e basta, per fare una cosa come vuoi fare te e avere la scelta servirebbe un installer tipo debian o fedora non live dove non hai la live e scegli i pacchetti da installare

          Se non se vuoi fare una roba del genere la fai anche ma poi non viene fuori nulla di installabile

    • Un nome

      Il disco di Windows contiene solo la Ultimate a 32 e 64 bit, le altre versioni non sono altro che Ultimate castrate sempre di più. Altro che 10 versioni in un disco

      • Giulio Mantovani

        Questo lo so, ma nella versione AIO che ho scaricato potevo scegliere 10 versioni differenti (starter, home, professional, ultimate, enterprise a 32 bit o 64 bit), che poi siano tutte uguali tranne per delle castrazioni volute da ms è vero, ma sta di fatto che in 3.5 gb ho comunque questa scelta 😉 qui devo scaricare 2 iso diverse da 4.5 gb ciascuna (e quindi non ci sta su una chiavetta da 4 gb) il che non è proprio il massimo, meglio di niente è certo, ma si può ancora migliorare 😉

  • Stefano Storoni

    Vado per debian, mi dico, oh, finalmente un qualcosa che mi faccia installare debian senza troppi sbattimenti su firmware ecc.

    Apro la pagina dei download debian live e trovo:

    “Unfortunately, install option doesn’t work.”

    E che piffero me ne faccio di 4.2gb di iso che non si può installare?

    • tomberry

      Provato a scaricare le iso unofficial? Si chiamano così perchè integrano i firmware non-free.. 😉

      • Stefano Storoni

        Non lo sapevo, dove le trovo?
        Grazie in anticipo.

        • tomberry

          http : // cdimage . debian . org / cdimage / unofficial / non-free / cd-including-firmware /

          (rimuovi gli spazi, altrimenti non mi fa postare il commento, e ti consiglio la netinst che non crea problemi con la lingua o altro, seleziona current e se vuoi c’è la multi-arch che all’avvio puoi scegliere se installare i386 o amd64) 😉

    • Marco

      Per debian ti conviene partire da una crunchbang ed installare dopo il desktop che vuoi mantenendo la loro configurazione come “fallback” in caso di problemi.

    • asd

      prova refracta installer. L’installazione su hd di debian live non-free

      funziona.

  • LORENZO “LEZZO” SPUTONI

    Francamente non vedo dove sia l’utilità in un progetto simile. Ti scarichi un botto di roba per farci cosa? Se voglio Xubuntu, piuttosto che Kubuntu o Ubuntu, ho bisogno di perdere ore per scaricarmi una ISO con tutte le varie versioni? Per quanto riguarda Debian, poi, è davvero meglio partire dalla netinstall: io non ho mai usato altro per questa distro, visto che, solitamente, l’utente Debian sa già in partenza quello che vuole sul suo pc.

    • EnricoD

      Debian… Per l’utente che non deve chiedere mai…
      Sono d’accordo, ma poi c’è YouTube con un sacco di video di primi passi e recensioni delle maggiori distribuzioni… Uno se le vede e sceglie ciò che più gli aggrada … Poi tra le ufficiali di Ubuntu cambia DE, Window manager e programmi preinstallati…
      Ci metti talmente tanto a scaricarlo che nel frattempo è uscita la nuova release xd
      Comunque hai dimenticato saluto in stile spadoni.. Lui usa hello! 🙂
      Se vuoi essere la sua nemesi …fallo bene almeno xd

      • romeo

        è la versione zeb89 di lollo (leggi lezzo) il saluto puoi scordartelo

      • LORENZO “LEZZO” SPUTONI

        Grazie, me ne ricorderò!
        Augh! 😛

  • .

    inutile anche per chi non ha la connessione attiva sarebbe stato più interessante un dvd con ubuntu ad esempio e tanti pacchetti installabili da dvd per chi non ha la connessione…

  • alex

    Invece per me sono utili per mostrare velocemente le varie possibilità ad un nuovo utente, e fargli scegliere il DE che gli ispira di più per iniziare. Di solito i nuovi sono molto spaesati dalle tante possibilità e o si affidano alla distribuzione consigliata da un amico, o ne provano diverse attraverso delle raccolte come queste (più comodo di avere un pacco di DVD con le varie distro separate)

No more articles