In questa guida vedremo come installare la versione in fase di sviluppo delle icone Breeze di default in KDE Plasma Next.

KDE Plasma Next Icons
Per i developer KDE è stata un’estate molto intensa a causa dello sviluppo del nuovo Plasma Next versione in fase di sviluppo che include il nuovo KDE Frameworks 5.x e Plasma 5.x. Tra le novità incluse in KDE Plasma Next troviamo anche un nuovo tema e set d’icone Breeze in grado di rendere più moderno il look del desktop environment “K”.
Breeze è un tema e set d’icone sviluppato per fornire un’ambiente desktop più “pulito” e visivamente più chiaro per migliorarne l’esperienza utente grazie anche a nuove icone monocromatiche. In questa semplice guida vedremo come poter installare facilmente in KDE la versione in fase di sviluppo delle nuove icone Breeze nell’attuale versione 4.x, ecco come fare.

La prima cosa da fare è installare Git nella nostra distribuzione digitando:

Per Kubuntu, Debian, Linux Mint KDE ecc:

sudo apt-get install git

Per Fedora:

sudo yum install git

Per Arch Linux, Manjaro KDE, Chakra ecc

sudo pacman -S git

a questo punto possiamo scaricare e integrare la versione in fase di sviluppo delle icone Breeze di Plasma Next digitando:

git clone https://github.com/NitruxSA/plasma-next-icons.git
mv plasma-next-icons ~/.kde4/share/icons/

Non ci resta che attivare le nuove icone da Impostazioni di Sistema andiamo in “Aspetto delle applicazioni” e in Icone impostiamo il nuovo set d’icone Breeze selezionandolo e cliccando su Applica..

KDE Plasma Next Icons - Attivazione

Ora possiamo goderci le nuove icone Breeze in KDE 4.x.

  • Dai commenti su google code qui https://code.google.com/p/whatsapp-desktop-client/issues/detail?id=4 pare non funzioni più da fine Marzo

    • Domenico Patania

      Non mi sembra affatto strano, non fanno aggiornamenti da parecchio e ovviamente whatsapp non sta fermo ad aspettare a loro 😛

  • Simone

    Opensuorce…..con un finale di .EXE???Mi suona strano….
    Aspetteremo……..

  • michele casari

    occhio al titolo “sorce” probabilmente dovrebbe essere “source” 🙂

  • tor

    la facilità con sui è possibile scrivere un client per whatsapp (il cui sorgente è chiuso) la dice lunga sulla sicurezza delle conversazioni e del protocollo stesso

    • Be’ probabilmente avranno analizzato le comunicazioni con uno sniffer di rete, no? In quel caso non cambia molto se il software sia chiuso o no. Tra l’altro, GPG e molti altri algoritmi sicuri sono perfettamente aperti. La security through obscurity è una falsa idea di sicurezza. 🙂

  • p91paul

    Leggi bene. Hanno deciso di abbandonare l’idea della cross-platform compatibility scrivendo in c#, perchè java è insicuro e c++ è difficile. l’unica possibilità di porting a questo punto è usare mono, ma la vedo grigia che qualcuno produca un client per linux….

    • p91paul

      In più, non ci sono commit nel repository da novembre

    • comunque è possibile

      • d4n1x

        Io ho provato a compilarlo, e ti assicuro che un porting sarebbe qualcosa di enorme da fare, a vederlo così ad occhio si fà prima a riscriverlo da 0 che a fare il porting.

    • d4n1x

      Java insicuro? C++ troppo difficile? ma che si fumano questi? A mio avviso il concetto di sicurezza legata ad un linguaggio è legata solo e solamente a che schifo scrivi. Poi è vero che java ha avuto delle falle, che però sono state subito corrette, non è che le librerie e il linguaggio C# sia esente da problemi di sicurezza, inoltre non penso che quelli di Google adottino un linguaggio non sicuro per scrivere i software per gli smartphone. Tolto questo a me non è che il C++ sembri molto diverso dal C#, tolti i modi di definire le classi e i metodi, è perfettamente uguale, C# ha 4 costrutti in più e due funzioni in più… A me sembra un modo per dire, va be non sappiamo il java non sappiamo il C++, sappiamo solo il C# e lo scriviamo con quello XD

  • dongongo

    Nessuno a provato a vedere se con wine funziona?

  • poetagrigio

    ho provato l’installazione con wine sotto mint-kde ma non va.

    • dongongo

      grazie!

No more articles