Nuovo ed importante aggiornamento per Systemback software che ci consente di effettuare backup, distribuzione live, correggere grub ecc in Ubuntu e derivate.

Systemback 1.0
Systemback è un progetto open source creato per facilitarci il completo ripristino del nostro sistema operativo Linux attraverso snapshot incrementali del file system. Attraverso Systemback potremo effettuare e programmare il backup dell’intera nostra distribuzione Linux in maniera tale da poter la ripristinare ad una specifica data od ora, il software ci consente di creare anche una ISO Live DVD installabile della nostra distribuzione da poter installare in altri pc o condividere con amici colleghi ecc. Systemback ci consente inoltre di risolvere problemi con il bootloader GRUB ad esempio post installazione di Ubuntu in Windows 8 / 8.1 e molte altre utili funzionalità.
Gli sviluppatori del progetto Systemback hanno rilasciato la nuova versione 1.0 Stabile, importante aggiornamento che corregge principalmente diversi bug rendendo il software più stabile e affidabile.

Tra le varie correzioni introdotte in Systemback 1.0 troviamo risolto il bug che impediva la creazione del punto di ripristino da riga di comando (CLI), introdotte inoltre alcune correzioni all’interfaccia grafica Qt5 migliorando il supporto per qualsiasi ambiente desktop, risolto anche il problema che bloccava il software post aggiornamento del sistema. Systemback 1.0 migliora il supporto per la creazione di ISO live di Ubuntu 14.04 Trusty e derivate ufficiali e non e altre correzioni che possiamo consultare da questa pagina.

Ecco alcune immagini del nuovo Systemback 1.0:

Systemback - Backup

Systemback - creare live

Systemback - Info

– Systemback

Systemback è disponibile per Ubuntu e derivate grazie ai PPA dedicati basta digitar da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:nemh/systemback  
sudo apt-get update 
sudo apt-get install systemback

e confermiamo l’installazione, al termine consiglio di riavviar la distribuzione.
Al riavvio potremo avviare Systemback da Menu / Dash di Ubuntu.

Per rimuovere Systemback basta digitare:

sudo apt-get remove systemback
sudo add-apt-repository -r ppa:nemh/systemback  
sudo apt-get update 

e confermiamo.

Home Systemback

  • Jacopo Ben Quatrini

    la funzione sarebbe quella di far partire la nostra distro preferita in un PC con UEFI boot attivato ?

    • RobertoCalabrese

      Esattamente, cmq e’ una soluzione, ce ne sono altre…
      Io personalmente ho disabilitato il secure boot da BIOS, ripartizionato il disco in modalità ms-dos (il mio laptop usciva dalla fabbrica “gpt”), e installato il grub2… Non avendo Windows 8 (che necessita OBBLIGATORIAMENTE del secure boot attivo) ma Windows 7 ho preferito questa soluzione

      • telperion

        ..Windows 8 (che necessita OBBLIGATORIAMENTE del secure boot attivo)…
        Ma dove? W8 parte pure senza uefi in pc col bios normale …

        • Io ho un tablet x86 con bios normale e win 8 (acquistato con regolare licenza)funziona senza problemj

          • enrico tognoni

            Io ho disattivato uefy secure boot system e ho impostato il legacy boot, e windows8 parte lo stesso, anzi ho provato a installare xp in virtualbox e quando lo ho lanciato il sistema si è spento è andato in reboot e ha aperto windows8 da non credere. Togliere GPT è secondo me un’errore, perchè, se lo lasci e hai un notebook relativamente nuovo (per forza se hai GPT e uefi system) puoi creare tutte le partizioni primarie che vuoi in questo momento ne ho 8 su di fatto uso windows 8, ubuntu e arch, ma penso di sperimentare anche una derivata di gentoo tanto per farmi un’idea…. e volendo potrei mettterne altri 20 di distro, in fondo 20G bastano e avanzano per installare linux anzi ne bastano e avanzano 10G per dare un’occhiata a una distro. 🙂 ciao !

      • Jacopo Ben Quatrini

        io ho acquistato un ASUS (SENZA WINDOWS 8) con Ubuntu installato , eppure sembrerebbe avere UEFI attivo in quanto non riesco a far partire nel slax , ne arch , ne puppy da live… ora io non sono molto esperto ma volevo capire da cosa è dovuto questo problema… pensavo che dato c’era ubuntu (12.04 32-bit ) installato mi avrebbe fatto partire qualsiasi distro da live e invece quando imposto il boot dalla chiavetta USB non parte nulla… così pensavo che per stare sicuro avrei aspettato per installare una distro che supporta il boot da UEFI. Più che altro non vorrei fare troppi casini con le partizioni… e rimanere senza OS con cui poter lavorare.

        • ubuntu 12.04 32 bit non supporta uefi (supporta solo la versione 64 bit) quando dici “imposto il boot dalla chiavetta USB non parte nulla” l’errore è che molto probabilmente metti la sd all’interno del card reader del portatile
          usa una pendrive usb oppure un card reader usb e vedrai che tutto funziona l’errore non è uefi (che molto probabilmente nel tuo pc è EFI) ma proprio il card reader di asus

          • Jacopo Ben Quatrini

            Ci ho già provato… ho messo la SD sia nel card reader sia in un adattatore USB e nulla. Purtroppo non ho ancora provato con una pendrive USB domani provo e ti faccio sapere ed eventualmente ti dico anche l’errore che mi dà. Grazie comunque della risposta.

  • enrico tognoni

    Allo stato attuale conviene installare ubuntu da chiavetta usb clicchi su try ubuntu e da try installi, prima apri gparted e crei 2 partizioni una per ubuntu e una per swap, mbr lo puoi installare sulla partizione di ubuntu direttamente cosi’ quando fai il boot cliccando su ubuntu, apre il grub di ubuntu, una volta creato e installato ubuntu, sono passato a creare da try sempre una partizione per arch e quindi mi sono scaricato la .iso 64 bit e ho installato. Poi da ubuntu ho lanciato sudo grub-install /dev/sda6
    sudo update-grub da notare che grub install non è su sda, ma sda6, in questo modo selezionando ubuntu mi vede arch (update grub va lanciato con la partizione di arch montata). Anche sul forum di arch ho visto che per installare arch qualcuno è passato da ubuntu, non è elegante ma è + semplice e sicuro secondo me, se fai una cazzata e sei newbie da ubuntu hai più possibilità di gestire il problema.

  • MrStallman .

    Interessante.

  • diocleziano

    volevo segnalare questo tutorial del prof Cantaro

    http://www.youtube.com/user/MajoranaVideo/videos

  • manolo

    qualcuno sa se e come è possibile installarlo in debian opensuse fedora?

  • LLS

    Carino!

  • con l’aggiornamento dalla versione precedente, qualcosa si è inceppato (sono state rimosse le dipendenze di gambas, per esempio) e fallisce la creazione della ISO… così almeno per ora su Ubuntu 14.04

  • Fabio

    Cerca Systemback debian su Google

    • Franco Fait

      senza cercare la luna nel pozzo , per avere systemback ib debian wheezy vanno inserite nel sources.list le repositry di mepiscommunity. , non è più disponibile tramite ppa ubuntu .

No more articles