Continuano i problemi per Microsoft, l’azienda statunitense è attualmente sotto inchiesta da parte dell’antitrust cinese per aver violato leggi anti monopolio.

Microsoft
Continuano i guai per mamma “Microsoft”, il colosso statunitense dopo aver annunciato il licenziamento di ben 18.000 dipendenti si ritrova indagato da parte dell’antitrust cinese. Stando all’agenzia “Nuova Cina” diversi funzionari dell’antitrust cinese hanno effettuato diverse ispezioni nelle sedi di Microsoft a Pechino, Shanghai, Chengdu e Guangzhou, per controllare alcune funzionalità dei vari servizi forniti dal colosso statunitense.

L’antitrust cinese sta cercando di vederci chiaro su alcuni prodotti di Microsoft che potrebbero mettere a rischio la sicurezza sia dei propri cittadini che delle imprese visto che potrebbero includere backdoor spiando i propri cittadini.

Il Governo Cinese già da diverso tempo ha avviato una vera e propria campagna contro Microsoft, vietando l’utilizzo di Windows 8 negli propri uffici consigliando ai propri cittadini di utilizzare Linux e software open source.

Che Microsoft, Google, Apple, spiano i propri utenti non è una novità, il problema è che fin’ora solo il governo cinese ha avviato una campagna di sensibilizzazione contro i software e servizi dell’azienda di Redmond, Cupertino, ecc.

No more articles