E’ disponibile la nuova versione 0.7.0 di Geary client email di default in elementary OS sviluppato dal team Yorba

Geary
Geary è un client di posta elettronica open source con interfaccia grafica GTK+ di default in alcune distribuzioni Linux (tra queste anche elementary OS). L’idea del progetto è quella di offrire agli utenti un completo e soprattutto leggero client email che consenta di leggere e gestire facilmente le proprie email attraverso un’interfaccia grafica basata sulle conversazioni molto intuitiva e minimale. Lo sviluppo di Geary sta rendendo il client email sempre più completo e funzionale con il supporto per i più diffusi servizi di posta elettronica come ad esempio Gmail, Yahoo! Mail, Outlook.com e i più diffusi server IMAP(Dovecot, Cyrus, Zimbra, ecc.). Geary 0.7.0 porta con se un’interfaccia grafica rivisitata per migliorare il supporto con GtkHeaderBar che consente di integrare la barra del titolo nella toolbar massimizzando cosi lo spazio disponibile per le nostre email.

Il nuovo Geary 0.7.0 porta con se diverse migliorie per il compositore delle email, introdotta la nuova opzione che ci consente di inserire automaticamente la nostra firma per ogni email inviata da uno o più account possiamo inoltre disabilitare il salvataggio delle bozze nel server (verranno salvate solo nel pc).
I developer del team Yorba hanno lavorato molto per rendere Geary più stabile, sicuro e soprattutto veloce velocizzando il database in maniera tale da rendere le ricerche molto più veloci oltre a ridurre i tempo per accedere alle email già lette, datate ecc.
Per maggiori informazioni sul nuovo Geary 0.7.0 consiglio di consultare il changelog disponibile in questa pagina.

Geary 0.7.0 info

– Installare Geary 0.7.0

Geary 0.7.0 è già disponibile per Ubuntu e derivate grazie ai PPA Daily Builds mantenuti dal team Yorba.

Per installare Geary 0.7.0 in Ubuntu e derivate basta digitare da terminale:

sudo apt-add-repository ppa:yorba/daily-builds
sudo apt-get update
sudo apt-get install geary

e confermiamo. Al termine dell’installazione potremo avviare Geary da menu.

Per rimuovere Geary basta digitare da terminale:

sudo apt-get remove geary
sudo apt-add-repository -r ppa:yorba/daily-builds
sudo apt-get update

Home Geary

  • matteo

    la scheda video non regge senza i driver proprietari aggiornati all’ultima versione disponibile. I driver open sono pietosi, anche se con gli ultimi kernel le schede più datate sono meglio supportate, questa che è recente su un portatile lo cuoce al forno e rovina la batteria senza i driver Catalyst. quindi mi sembra una forzatura dire “ottimo per Linux”, avesse una nvidia o ancora meglio una intel HD se ne riparlava…

    • i driver open amd fanno pena e personalmente non li consiglio
      gli ultimi aggiornamenti dei driver proprietari AMD hanno portato tante migliorie
      sopratutto la scheda di questo portatile è ben supportata
      questo portatile è ben supportato da linux tutte le periferiche sono ben supportate
      quindi perché è sbagliato mettere ottimo per linux?

      • matteo

        rispondo a entrambi:

        perchè nella maggior parte delle distro a me note solitamente sono presenti i driver open di default (non in tutte va detto) o se sono presenti i proprietari non è detto che siano mantenuti aggiornati, anche perchè gli AMD catalyst rilasciano una nuova versione quasi ogni mese.

        i driver proprietari catalyst sono considerati “deprecabili” dal wiki di Arch (che è ben fatto), fai conto che consigliano gli open radeon. Questo i catalyst poichè sostanzialmente seguono spesso i rilasci di Ubuntu, e quindi capita molte volte che per mesi e mesi certi kernel non siano supportati finchè non viene rilasciata una release Ubuntu che monti tale kernel di default. Insomma la loro compatibilità con Linux è settoriale e carente (problemi si erano visti anche su fedora col kernel 3.4 per mesi dopo il rilascio…), senza contare che un utente non molto esperto potrebbe non sapere tutte questi dettagli e quindi non è immediato che tutti sappiamo quali driver installare e come installarli.

        Viceversa installare una distro linux su un portatile che monta processore e grafica integrata Intel è una favola. Se devi dire un portatile di fascia medio alta scegli quelli con una HD 4000 (altre volte mi pare fossero segnalati proprio su lffl) che uniscono buone performance a una compatibilità con Linux pari al 100% su tutte le distro più note e recenti.

        non mi sembra di dire fesserie… utilizzo un portatile con ATI Radeon HD 6xxx da due anni è ci ho provato sopra diverse distro… Utilizzo Ubuntu per esclusione dato che ha il migliore supporto per tali driver, e non oso definire il mio HP G62 (cercate le specifiche se volete…) ottimo per linux, sebbene la mia scheda sia ssupportata un pelo meglio di quella del portatile qui pubblicizzato.

    • Fabio

      Da quel che dici però mi sembra di capire che con l’ultima versione dei driver proprietari dovrebbe funzionare bene. Se è così, perché non si dovrebbe dire “ottimo per linux”?
      Ciao

    • L’importante è che funzioni bene, con o senza driver open 😀
      (Almeno secondo me)

    • Kryohi

      O.o Ma infatti ha anche la grafica Intel integrata, la AMD si può disattivare se non si gioca…

  • La memoria video penso dovrebbe essere gddr5 e non ddr3

  • Marco Simonelli

    No aspe frena frena. Ottimo supporto per LInux?!
    Io ho un L850-1PD (i7 3630QM e stessa scheda video) e sto penando!!!
    La scheda non è supportata da AMD su Windows (dicono loro, in quanto rimarchiata TOSHIBA), mentre su Ubuntu funziona solo con >= Catalyst 13.2 beta6 (sto con beta7). Poi non posso cambiare la luminosità, che sui TOSHIBA è gestita dal modulo toshiba_acpi, modulo che lavora fino a Linux 3.2 e solo se hai la fortuna di possedere un modello compatibile.
    Sicuro ancora che sia Linux Friendly?

    • Simone Dedo

      Infatti c’è un errore abissale e come dice anche Ermy, AMD e Linux non sono compatibili tra di loro.

      A Roberto l’avevo già segnalato su un vecchio articolo che è meglio non consigliare più AMD e Linux sulla stessa riga.

  • Ermy_sti

    amd e linux non possono stare nella stessa frase senza problemi! 😉

  • Giacomo

    non sono sicuro di aver capito bene: al primo avvio si deve o NON si deve attivare la licenza Windows?
    Nell’articolo hai scritto “si deve”, mentre a rigor di logica avrei pensato “NON si deve”.
    Forse hai dimenticato un “NON”?

  • Enrico Sorrentino

    per quanto concordi sul fatto che nvidia su linux va benone, devo precisare che amd con gli ultimi driver ha fatto passi da gigante,e al momento il supporto è soddisfacente… io ho due pc con apu amd ed ho installato con successo diverse distribuzioni linux, da ubuntu a fedora a opensuse, adesso sto provando manjaro, e con tutte gli ultimi driver hanno funzionanto come si deve. non credo che con il notebook in questione sia diverso.

  • Simone L.

    Curiosità: su quale engine si basa il motore di rendering html interno?

    • Simone L.

      Niente ho fatto da solo. Leggendo la documentazione non lo scrivono, ma osservando i sorgenti ho scoperto da me che ha preso da WebKit… comunque ottimo perché è un 100% in linguaggio Vala. Linguaggio che sta prendendo sempre più piede 🙂
      A mio parere manca ancora l’editing del sorgente html diretto per le nuove mail e poi sarà completo.

      • che palle sto webkit, possibile che oggi qualsiasi software che deve fare rendering di pagine html deve usare webkit? per me è una pessima cosa, per ora gli unici browser che non lo usano sono firefox e internet explorer.
        se si dovesse creare un monopolio di webkit sarebbe sicuramente una brutta cosa.

        • Simone L.

          Su questo concordo in pieno.

  • per ora preferisco thunderbird a tutti gli altri client

No more articles