Edward Snowden si è scagliato contro Dropbox, il famoso servizio di cloud storage non rispetta la privacy degli utenti.

Dropbox
Sta facendo molto discutere la recente la recente intervista di Edward Snowden rilasciata al The Guardian nella quale l’ex dipendente della NSA ha accatto il servizio di cloud storage Dropbox.
Stando ad Edward Snowden, Dropbox è un servizio che non rispetta la privacy dell’utente ed inoltre ha al consiglio di amministrazione Condoleezza Rice una figura molto pericolosa dato che era uno dei dirigenti di Stellar Wind, programma della NSA dedicato alla raccolta dei dati sensibili gli utenti.

L’ex dipendente della NSA ha indicato SpiderOak come alternativa più sicura a Dropbox, servizio di cloud storage con caratteristiche molto simili ma che include la funzionalità “zero knowledge” criptando i dati in maniera tale da rendere impossibile l’accesso da parte dei manutentori del servizio web dato che per decriptare i nostri file serve una chiave di sicurezza che hanno solo gli utenti del servizio.

SpiderOak

Come per Dropbox, anche SpiderOak dispone di un client ufficiale per Linux, Microsoft Windows e Apple Mac e device mobili Apple iOS e Android con il quale potremo anche sincronizzare i nostri file e altre utili funzionalità (oltre all’accesso dei file da qualsiasi web browser).

A mio avviso l’unico sistema cloud in grado di garantire una maggior sicurezza e privacy è OwnCloud dato che, oltre ad essere open source, è interamente gestito da noi a partire dal server ai vari client. I servizi di cloud storage come Dropbox, Google Drive, OneDrive ec offrono tante funzionalità e tanto spazio web gratuito ma logicamente devono avere un ritorno economico che può arrivare proprio da contratti con NSA e altri enti governativi disposti a pagare pur di spiarci.

No more articles