I ricercatori IBM hanno scoperto una falla in Android che potrebbe mettere in serio rischio la privacy dell’utente e la stabilità del sistema operativo mobile.

Android
Parte del successo di Android è dovuta anche alla stabilità e affidabilità del sistema operativo mobile ottenuta grazie anche al Kernel Linux e l’utilizzo di tecnologie prevalentemente open source. Questo però non vuol dire che il sistema operativo sia completamente immune da virus, malware o altro e soprattutto che non includa alcune falle, come ad esempio una recente vulnerabilità segnalata dai ricercatori IBM. I ricercatori IBM hanno recentemente rilasciato dettagli riguardanti una falla nel sistema operativo mobile di Google che potrebbe mettere in serio pericolo la privacy dell’utente e la stabilità di Android facendo scatenare numerose polemiche riguardanti non solo la sicurezza del sistema operativo mobile anche i vari problemi di frammentazione.

Il bug individuato da IBM (del tipo “buffer overflow”) riguarda KeyStore, importante componente di Android che va a gestire le chiavi crittografate utilizzate sia dall’utente e dalle varie applicazioni installate. Stando ad IBM questo bug potrebbe consentire ad utenti malintenzionati di poter accedere alle nostre password, PIN, chiavi d’accesso ecc, sembra inoltre essere già stato corretto proprio da Google con l’attuale versione stabile 4.4 KitKat mente sono a rischio le release precedenti (circa l/86% dei device Android al mondo).

Per noi user Android con una versione più recente alla 4.4 KitKat possiamo comunque star (in parte) tranquilli dato che non poi cosi semplice utilizzare la falla per poter accedere alle nostre password, chiavi d’accesso ecc. Il pericolo potrebbe arrivare dall’installazione di app e game scaricati qua e la da internet che magari assicurano di poter utilizzare gratuitamente giochi e applicazioni a pagamento.

  • Eh, cavolo! Mica male e questo prova che Valve di certo non è scema.

    Ha capito il potenziale dei sistemi Linux.

  • Guest

    <finalmente un'azienda che si rende conto della qualità…

  • Massimiliano Vigliotta

    Finalmente un’azienda che si rende conto della qualità del sistema open source

No more articles