In questa guida vedremo come rendere più veloce e reattivo Xubuntu Linux installato in un personal computer datato

Xubuntu
Xubuntu è una delle più apprezzate derivate ufficiali di Ubuntu Linux, il successo del progetto è dovuto principalmente alla stabilità, leggerezza e funzionalità di XFCE unità alle qualità, ottimizzazioni ecc fornite dalla distribuzione supportata da Canonical. Gli sviluppatori Xubuntu hanno lavorato molto negli ultimi anni per rendere la derivata più completa, funzionale e bella da vedere grazie ad un tema e set d’icone dedicato, alcuni tool dedicati (come ad esempio Theme Configuration) ecc. Xubuntu è un’ottima distribuzione che possiamo installare sia in personal computer recenti che datati, nel secondo caso potremo velocizzare la distribuzione alleggerendola e migliorandone i carichi di cpu e ram.

La guida è stata testata su un mio nettop con Intel Atom 330 e 1 GB di memoria RAM nel quale ho recentemente installato Xubuntu 14.04 Trusty distribuzione che funziona egregiamente post-installazione, basta però avviare Firefox ed ad esempio Radio Tray per notare un netto rallentamento del sistema.

Per velocizzare Xubuntu il mio consiglio è quello di disattivare il “compositore”, non avremo più trasparenze e ombre delle finestre ma la nostra distribuzione sarà molto più veloce e reattiva.
Dal Menu accediamo alle impostazioni di sistema e andiamo nella sezione Regolazioni del gestore delle finestre e clicchiamo sulla tab Compositore e togliamo la spunta in “abilita la visualizzazione composita” come da immagine in basso.

Xubuntu - disattivare il compositore

A questo punto consiglio di migliorare la gestione della Ram e Swap attivando ZRam e ZSwap:

– Attivare ZRam in Xubuntu:

ZRam è un modulo incluso nel kernel Linux sviluppato per migliorare le performance del nostro sistema comprimendo alcuni blocchi di Ram, per attivarlo basta digitare da terminale:

sudo apt-get install zram-config

al termine dell’installazione basta riavviare la distribuzione.

– Attivare ZSwap in Xubuntu:

ZSwap è un modulo del Kernel che va a comprimere la memoria per evitare lo swapping sul disco velocizzando quindi il nostro sistema. ZSwap è tool indicato per pc desktop e portatili datati migliorandone i carichi rendendolo più veloce e reattivo.

Per attivare ZSwap basta digitare da terminale

sudo nano /etc/default/grub

e inseriamo nella riga GRUB_CMDLINE_LINUX_DEFAULT:”quest splash” il comando zswap.enabled=1 che consente di attivare ZSwap all’avvio il risultato sarà come da immagine in basso:

Xubuntu - Attivare ZSwap da Grub

salviamo il tutto cliccando su Ctrl + x e poi S e aggiorniamo il Bootloader Grub digitando da terminale:

sudo update-grub

ora possiamo riavviare.

Al riavvio potremo verificare di aver attivato ZSwap digitando da terminale:

dmesg | grep zswap

volendo possiamo verificare di aver attivato ZRam digitando:

dmesg | grep zram

il risultato dovrebbe essere simile all’immagine in basso:

Xubuntu - Verifica attivazione ZSwap e ZRam

Con ZRam e ZSwap noteremo dei miglioramenti soprattutto durante la navigazione con Firefox, all’avvio di applicazioni come Gimp ecc.

Altro consiglio per recuperare RAM è quello di rimuovere il software che non utilizziamo, avviando il monitor di sistema ho notato che BlueMan, il gestore del bluetooth richiede ai 30 ai 50 MB di memoria RAM anche su pc come il mio che non dispone di alcun modulo Bluetooth, in questo caso basta semplicemente rimuoverlo digitando:

sudo apt-get remove blueman 

e riavviamo.
Al termine della procedura il NetTop con il vecchio Intel Atom e Xubuntu sembra finalmente funzionare egregiamente anche con solo 1 GB di RAM.

Tempo a precisare che sono solo consigli, la guida non obbliga nessun utente ad eseguire queste operazioni, ne consiglio inoltre l’utilizzo solo in pc datati, difficilmente noterete migliorie con ram superiore ai 2GB e con processori Intel Core o AMD di nuova generazione.

  • guest

    Ottima guida, come sempre, Roberto!

  • ken

    A questo punto non sarebbe meglio utilizzare una distro con openbox o fluxbox che, con il compositing attivato non superano i 200MB di ram?

    • Max Franco

      il compositing è un ciuccia risorse…. compton da solo usa più ram di xorg+openbox+lightdm. inoltre appesantisce il carico sulla cpu, e se si parla di computer molto datati, tutto ciò può essere un problema.

      • disattivando solo il compositore in xubuntu la distro sembra rinata.

        il problema però che ho notato è come la gestione della swap di default in xubuntu sia davvero molto strana
        con 30% di memoria utilizzata avevo già il 4% in swap questo rendeva la navigazione uno schifo
        con zram e swap finalmente si è sistemato tutto

    • EnricoD

      Hmm,no, dipende dall’utente, dalla sua esperienza, perché non sarebbe molto user friendly 🙂
      Io invece opterei per debian, certo anche qua dipende dalla esperienza dell’utente (parlo dell’installazione, anche se oramai è divenuta facilissima a parte due cosette), con installazione minimale … Su un netbook ho provato a confrontare xubuntu e lubuntu con debian + xfce e debian + lxde, e le differenze a livello di performance si notano
      Per un utente niubbio xubuntu o lubuntu e qualche trucchetto… vanno bene

    • alice

      per favore basta con sta openbox:)i utenti normali e quelli che devono lavorare serve un desktop completto non ogni volta scaricare librerie ecc ecc,grazie a xubuntu questo e possibile anche con poca ram,pero confermo quello che dice enrico debian con mate cioe pointlinux mi ha stupito al avvio 140 mb molto veloce e leggera anche se software non e aggiornatisimo
      p.s.grazie roberto per la guida, per il momento xubuntu 14.04 funziona benissimo sul mio vecchio dell con 1Gb dai miei

      • ken

        Bè confermo che per utilizzare openbox o fluxbox bisogna essere giusto un pochino più smaliziati ma allora a questo punto se si vuole usare un DE senza sbattimenti vari, per pc datati o con poca ram, concordo con Fesion sull’utilizzo di LXDE al posto di XFCE, in quanto ciò permetterebbe l’ utilizzo del pc in modo completo senza rinunce particolari.

      • Aster

        😉

    • Max Franco

      il problema come detto non è solo la ram consumata, quanto anche il consumo di risorse della cpu.
      sinceramente il compositing per avere solo le ombre alle finestre o qualche trasparenza mi pare sprecato. se una macchina ha poche risorse, inutile sprecarle in abbellimenti grafici marginali, che oltretutto servono davvero a poco visto che quasi tutti macchine così le usano solo per aprire firefox e poi fare tutto sul web….

      • quoto inoltre se utilizzi un netbook hai sempre le finestre massimizzate quindi alla fine le “ombre” e trasparenze nemmeno le vedi

      • ken

        Confermo che la differenza fra compositing abilitato e disabilitato si nota anche con openbox in quanto il S.O. diventa meno reattivo però devo dire che ai fini della cpu non supero mai il 10% ( ho un Pentium M 2GHZ ). Il problema potrebbe nascere nel momento in cui si utilizza skippy-xd e pytyle. imho.

  • ekerazha

    Attenzione a non abusare di ZRam e/o ZSwap. Comprimendo i dati utilizzano la CPU, quindi si può guadagnare memoria RAM, si può evitare un po’ lo swapping su disco, ma si impegna di più la CPU, quindi è una lama a doppio taglio.

  • Nicola

    Concordo con Roberto in merito al Blueman ho provato a disattivarlo dalle impostazioni ma lo ritrovo attivo al riavvio, lo cazzio via di sicuro visto che il pc che uso non ha il modulo. Cmq sia è meno reattivo rispetto all’lts precedente con un atom simile a quello descritto si nota parecchio

    • Francesco Bedussi

      Io sul mio eeePC dopo aver provato la 14.04 sono tornato alla 12.04, è sensibilmente più veloce e reattiva.

      • Nicola

        Non ho dubbi in merito

  • Anarco Bsd Tux

    domanda, ma installare zswap, o impostare la swappiness a “0”, non è la stessa cosa???

    • son due cose diverse con zswap la swap rimane attiva mente con swappiness 0 in teoria dovrebbe essere disattivata

      • Anarco Bsd Tux

        e quindi sarebbe come quando metti la swappiness a 30 o 40 allora!!! riduce il valore della swappiness, ma non lo azzera, giusto???

  • Jimmy Ansia

    Grazie. Grazie per aver scritto alla fine che questa guida non obbliga nessun utente a eseguire le operazioni. Mi ero agitato, avevo paura di essere in ritardo e che qualcuno sarebbe venuto a controllare e vedendo che non avevo fatto niente mi avrebbe frustato.

  • ekerazha

    Il kernel in dotazione con Xubuntu 14.04 non è stato compilato col supporto a zswap, quindi seguendo le istruzioni per abilitare zswap non si abilita nulla (bisogna cambiare kernel). Nessun problema invece per zram.

  • ArchTux

    Io direi pure di impostareil filesystem in fstab su noatime, e poi di installare preload e prelink…

  • asdrubale89

    c’è un modo per disattivare ZSwap e ZRam? ho notato che da quando ho fatto questi passaggi il pc al momento del risveglio dalla sospensione chiede di essere riavviato.
    può centrare con questo?

No more articles