XFreq è un’interessante tool che ci consente di avere informazioni dettagliate sul nostro processore Intel Core, dalla frequenza in tempo reale, informazioni su Turbo boost ecc.

XFreq in Manjaro Linux
Nei repository delle principali distribuzioni Linux troviamo molte applicazioni, tool ecc dedicate al monitoraggio del nostro sistema. Soprattutto nel periodo estivo è molto utile controllare le varie temperature della cpu, carichi del sistema ecc e in maniera tale da prevenire eventuali surriscaldamenti ecc.
A fornire un report in tempo reale sul nostro sistema basato su processori Intel multi-core troviamo XFreq interessante tool open source che possiamo installare / avviare facilmente nella nostra distribuzione Linux preferita.

XFreq è un progetto open source, specifico per processori Intel Multi Core in grado di fornirci informazioni dettagliate ed in tempo reale sulla nostra cpu, dalle frequenze per ogni singolo core alle varie funzionalità attive o meno (come ad esempio Virtual Mode Extensions, APIC, PAC, PGE, PAT ecc). Con XFreq potremo avere informazioni sulla nostra CPU da una singola o più finestra, il tool dispone anche di diverse personalizzazioni come ad esempio i colori dei vari grafici ecc e diverse opzioni. Da notare inoltre la possibilità di poter utilizzare il tool XFreq anche da live grazie ad una distribuzione dedicata.

– Installare XFreq

Possiamo installare XFreq nella nostra distribuzione semplicemente compilando il software da sorgenti, prima di procedere verifichiamo che il nostro processore sia Intel e dual core (l’applicazione è nata per Intel Core i7 ma funziona anche per sistemi multi-core).

Per installare / avviare XFreq in Ubuntu, Debian e derivate dobbiamo per prima cosa installare alcune dipendenze necessarie digitando da terminale:

sudo apt-get install libx11-dev git

ora possiamo scaricare e compilare XFreq nella nostra distribuzione digitando:

cd
git clone https://code.google.com/p/xfreq/
cd xfreq/
make

non ci resta che avviare il tool digitando:

cd xfreq/bin/
sudo ./xfreq

Per conoscere tutte le opzioni di XFreq basta digitare da terminale:

cd xfreq/bin/
./xfreq -h

XFreq è disponibile per Arch Linux e derivate attraverso AUR.

I developer del progetto XFreq hanno realizzato anche una semplice distribuzione Live, basata su Arch Linux, che ci consente di utilizzare il tool anche da pendrive o CD / DVD, per maggiori informazioni consiglio di consultare la pagina dedicata del blog ufficiale del progetto.

Home XFreq

  • Salvatore Gnecchi

    *Finora

  • striplex

    E’ dalla 11.04 che sento che ridurranno i consumi e miglioreranno le performance , a quest punto dubito che sia vero o che ciò migliori l utilizzo di ubuntu su netbook !!!! Non gli credo più sinceramente !!, il consumo di ram è superfluo windows 8 64bit su netbook consuma 1 gb di ram ma va che è una scheggia e anche con molti programmi attivi non rallenta ubuntu 12.04 consuma 400 500 mb di ram ma gira in maniera mediocre !!!!

    • Kiko_fire_ram

      Questa è una cosa che ho notato anch’io e non su un netbook ma su un desktop bello carrozzato con 8gb di ram, 2 ssd in raid, 64 bit ecc ecc winsows 7 è molto ma molto più reattivo persino di una debian kfce che consuma 120 mb di ram all’avvio mentre win 7 ne prende 500 e passa. Il discorso cambia quando il pc si carica di lavoro dove win rallenta e debian rimane veloce. Però nell’uso normale, persino ad aprire il file manager (ne ho provati 5/6) windows rimane più veloce e non capisco il perhè. Stessa cosa usando qualunque ubuntu, mint, lmde ecc Qusto mi dispiace in quanto preferisco usare linux di gran lunga per tutto ciò che mi permette di fare rispetto a windows

      • Dario Grillo

        Questo perchè il processo explorer.exe è sempre attivo e il file manager di windows è uno dei programmi che è compreso in explorer, in linux il file manager ha uno processo tutto suo quindi ogni volta che si apre ha bisogno di essere caricato perchè non è un elemento fondamentale del desktop environment, su xfce puoi mettere dolphin, pcmanfm o nautilus su kde puoi mettere thunar pcmanfm ecc.

        • Kiko_fire_ram

          Questo si è uno dei motivi a cui effettivamente non avevo pensato. Quei file manager li ho provati praticamente tutti e sotto xfce. Il più veloce è pcman fm ma il probema rimane anche dopo che il FM è avviato, aprendo ad esempio una seconda finestra, anche se in misura minore. Il fatto è che questo succede anche in altri contesti e non solo sul FM. Ad esempio chrome, vlc e altri hanno lo stesso comportamento rallentato per l’apertura. Ora non so se windows carica tutte le librerie già all’avvio e quindi i software se le trovano già caricate o per altro. Sta di fatto che tutte le debian based purtroppo hanno questo comportamento e ubuntu in particolare. Sarei curioso di sentire un utente gentoo per sapere se anche li compilando tutto ci sia lo stesso “problema”

          • Dario Grillo

            Strano, io con kubuntu 12.04 e un portatile del 2011 processore a6 3400 4gb RAM avvio applicazioni come firefox e vlc più velocemente che su windows 7, ho provato anche xubuntu ed è una scheggia, mille volte più veloce di windows con qualsiasi applicazione compreso il file manager (thunar).

  • Alessandro

    La Canonical deve impegnarsi a fondo in questo processo di ottimizzazione delle risorse, è stato avvilente vedere un sistema che è sempre stato noto per la sobrietà nel consumo delle risorse trasformarsi quasi in un pachiderma in stile Vista…. tutto questo proprio mentre quelli della Microsoft dimostravano di aver imparato la lezione, prima con 7 e ora con 8!

    • unity consuma dipiù che win 8
      testato di persona su un tablet x86

      • Jack O’Malley

        Unity si, Manjaro XFCE ed LXDE meno di Seven sul mio Laptop (con tanto di grafica ibrida).

      • Ilgard

        Microsoft con Windows 8 si è impegnata parecchio per migliorare i consumi. Win 8 consuma anche meno di Chakra con KDE 4.9

        • Davide Depau

          Hanno fatto un bel lavoro quelli della Microsoft. Peccato che abbiano rovinato tutto con l’interfaccia metro anche nei computer senza touchscreen…

          • Ilgard

            Il problema più grosso di Windows 8 è che è un chiaro tentativo di trasformare un pc in un tablet (oltre che a chiudere il sistema stile Apple).

        • Kryohi

          Peccato che tra KDE e l’interfaccia di W8 non ci sia paragone… per fare l’alleggerimento che c’è stato hanno tolto tutti gli effetti e le trasparenze che rendevano carino W7

          • Ilgard

            Beh, secondo me anche Unity è nettamente meglio di Metro (anche perché a me Unity piace come interfaccia).
            Comunque KDE non mi piace come rende determinate cose, ad esempio la visione d’insieme delle finestre presenti sul desktop.

  • Alberto

    ovviamente la risposta è NO
    io monto ancora il 10.10 ma ricompilando ed ottimizzando al massimo il mio portatile del 2009 va esattamente come uno odierno!!!!!!!!!!

  • Giulio

    Inoltre Unity di raring è di gran lunga più veloce delle versioni precedenti (finalmente). Andrebbe tuttavia ottimizzato compiz che consuma da solo, dopo non troppi minuti di utilizzo, ben 150 mb di RAM.

  • “Il lavoro di questi mesi ha portate una patch per GTK3 che permette di immagini CSS solo quando necessario risparmiando una notevole quantità di memoria.”

    Non ho capito..

    • Davide Depau

      Leggendo l’articolo su WebUpd8 da cui roberto ha preso spunto ho capito: significa che questa patch permette a GTK di caricare i dati delle immagini dal foglio di stile CSS del tema solo quando necessario, risparmiando molta memoria.

  • Andrea Cucchi

    Accidenti, è dura resistere fino ad aprile! Mi s che RR sarà una piccola svolta per Ubuntu… staremo a vedere.

  • Kryohi

    400 Mb di ram? Arch + KDE con effetti attivati –> 260 MB 😛
    Non sono contro Ubuntu o Unity, ma direi che hanno ancora un ampio margine di miglioramento…

    • floriano

      kubuntu senza zozzerie di contorno arriva anche a 200mb 😉

  • Davide Depau

    Noto anch’io che Unity è più veloce.

    Comunque cosa significa “… una patch per GTK3 che permette di immagini CSS solo quando necessario …”? Cosa sono le immagini CSS? Vorrai dire i fogli di stile?

  • Kiko_fire_ram

    Era veramente ora che lo facessero. ubuntu ormai era diventata una barzelletta così com’è appena installato. Migliora subito anche solo cambiando DE, ma ciò non toglie che una sistemata seria ci voleva e non solo a unity ma è tutta la distro che va alleggerita e ottimizzata meglio

  • carlo coppa

    Sinceramente io utilizzo con soddisfazione Ubuntu 12.10 sul mio netbook, inizialmente era lento, ma ora dopo gli aggiornamenti è abbastanza veloce, naturalmente disattivando ciò che non mi serve. Il mio netbook è relativamente nuovo, è un asus eeepc 10.11px con 2gb di memoria, pagato meno di 200 euro, ma girano ancora rottami con 1Gb di memoria ?

  • Cyril CyrIng

    Thanks for your article
    2.0 will go further into the kernel with a dedicated module.
    CyrIng

    • Cyril CyrIng

      By the way, I notice in your screenshot that you don’t get the CPU data: you must load the msr kernel module before running xfreq

      modprobe msr

      Regards
      CyrIng

      • 10000 grazie x la segnalazione

        • Cyril CyrIng

          Your welcome 😉
          If it works better, may you update your screenshot ?
          I would like to see how xfreq is running with your processor.

  • cippalippa

    esistono tools per fare l’overclock di tutta la piattaforma in gnu-linux su cpu, gpu, apu, ram/timings e chipset dal desktop, oppure si possono solo monitorare i vari parametri senza poterli modificare e portarli fuori specifica? :

No more articles