Vi presentiamo HQPlayer, potente player audio multi-piattaforma sviluppato per migliorare la qualità audio in impianti ad Alta Fedeltà

HQPlayer in Ubuntu
Nei repository delle principali distribuzioni Linux troviamo molti software dedicati alla riproduzione, gestione, condivisione e conversione di file audio. Alcuni player forniscono anche diverse migliorie come equalizzatori multi-banda che consentono di migliorare la qualità audio. Per chi ama ascoltare buona musica attraverso sistemi audio ad alta fedeltà è disponibile HQPlayer, software proprietario multi-piattaforma che include numerosi strumenti ed ottimizzazioni varie per migliorare la qualità audio dei nostri brani preferiti.

HQPlayer dispone di potenti algoritmi in grado di migliorare la qualità audio del nostro sistema, logicamente per notare tutte queste migliorie serve un’ottimo impianto audio di altà fedeltà collegato al nostro personal computer. Tra le principali caratteristiche di HQPlayer troviamo il supporto per CDDA (Audio CD), FLAC, DSDIFF (DFF, non-compresso), DSF, RIFF (WAV, including DXD) e AIFF e playlist nei formati M3U / M3U8 e PLS.

– Installare HQPlayer

HQPlayer è un software proprietario a pagamento (la licenza costa circa 150 Euro) disponibile per Linux, Microsoft Windows e Mac OS X.
Prima di procedere all’acquisto possiamo testare HQPlayer su Linux, Windows e Mac grazie alla versione Trial disponibile in questa pagina.

HQPlayer è disponibile solo per Ubuntu / Debian Linux grazie ai pacchetti deb per 32 / 64 bit, una volta scaricato ed installato il pacchetto basta avviare il player audio da menu.

Home HQPlayer

  • Fabio

    Certo che come processore è un po’ scarsino… ma mettercene uno un po’ migliore e venderlo seza Win8 no, eh?

  • cristian

    sto cercando un notebook con schermo opaco da almeno 17”… si trova qualcosa in giro compatibile con Linux…o devo continuare a perdere la vista?

    • prendi un Del di quelli antiriflesso della serie special edition, però non so se esistono anche con schermo da 17

  • Monta un HD 3000 o un HD 4000?

    • cristian mint

      3000

  • cristianpozzessere

    processore da buttare!!

  • Dario · 753 a.C. .

    Il dell inspiron 15r com’è come compatibilità?

  • Alessandro

    Il solito Celeron, i soliti 2 Gb di ram, quando la Ram te la tirano dietro pure i fruttivendoli maghrebini…. ma quand’è che si decideranno a smettere di trattare gli utenti linux da parenti poveri???

  • Francesco Casula

    Altro che notebook professionale, parte con 2GB di RAM, praticamente basta aprire un’IDE basata su Java (Eclipse, Netbeans, Aptana, PHPStorm…) più un browser e già si inchioda. Non dico come una workstation della Lenovo ma almeno 4GB espandili a 8 potevano metterli.

  • LordMax _

    Sul sito della DELL neanche esiste, il più scarso ha un intel i3 e costa 359 euro.

  • LelixSuper

    A proposito di audio, oggi mi sono scaricato un album in Ogg Vorbis. Ho fatto bene a scegliere questo formato piuttosto all’MP3?

    • Simone Picciau

      Il formato Ogg Vorbis è libero, non coperto da brevetti, opensource, quindi si, hai fatto bene. Però se devi sentirlo in macchina non so se esistano autoradio che lo supportano, in genere riproducono tutte mp3 e wma. Ultima nota, ogg vorbis ha una qualità leggermente superiore a mp3 a parità di compressione e quindi di spazio occupato su disco

      • Guest

        In effetti l’album era disponibile sia in MP3 che in Ogg Vorbis, e quest’ultimo pesava almeno 15MB in meno. Però ho ancora timore a passare a Ogg Vorbis, credo che sia la stessa paura che ebbi quando passai da Windows a Linux xD

      • LelixSuper

        Infatti c’era sia il download MP3 che Ogg Vorbis, e quest’ultimo pesava almeno 15MB in meno. Non ho problemi di riproduzione (infatti uso l’attacco Jack, dato che è analogico và dappertutto) in macchina; su Mobile e PC ho il fidato VLC.
        Però ho lo stesso timore di questo formato: per adesso mi limito a non convertire tutti gli album che ho, piuttosto quelli che mi scarico cerco di scaricarli in flac (per poi convertirli) o direttamente in Ogg Vorbis. La paura credo che sia la stessa di quando si passa da Windows a Linux xD

    • Andrea

      Oltre a quanto correttamente ti ha scritto Simone rispetto all’mp3 è anche più adatto al formato multicanale, quindi se ascolti in 5.1 o superiore noterai maggiori dettagli e maggiore spazialità e avrai un minore affaticamento all’ascolto dato che tratta meglio le frequenze molto alte, quelle che normalmente dopo un pò se sono troppo metalliche danno fastidio.

  • Andrea

    Finalmente qualcosa di buono per le mie orecchie. Questo fine settimana lo provo subito e vediamo come si comporta con i FLAC ed il mio impianto hi-end. Verrà subito testato con la prova del rumore di fondo e messo a confronto con la controparte Foobar 2000 con WASAPI output che gira su $seven. Speriamo in bene.

  • Errore nel titolo “..il linux” invece che “..in linux”

  • Andrea

    Provato, abbastanza semplice da usare e quindi molto meglio di altre cose incasinate e di difficile settaggio. Il risultato all’ascolto con tracce di buona qualità in formato FLAC e di CD audio è molto buono. I filtri sono buoni e l’ascolto risulta abbastanza neutro, risulta poco invadente e questo è un bene; un buon programma audio per il solo ascolto non deve apportare sostanziali modifiche alle traccie audio, se non il semplice miglioramento per quanto possibile. La registrazione fatta in studio deve risultare nei nostri impianti il più possibile coerente con quella che è la realtà; a volte eccessivi setaggi e modifiche delle spettro sonoro alterano troppo l’ascolto di un brano. Paragonato alla controparte che uso su $seven ovvero Foobar 2000 con WASAPI bypassando la scheda audio interna risulta a mio avviso inferiore, considerando anche che questo è a pagamento. Ascolti a livelli sonori alti mettono alla luce il lavoro migliore che svolge Foobar 2000, minore rumore di fondo, migliore gestione della dinamica. Buono ma sotto le aspettative.

No more articles