Google Chrome 35 e l’addio ai plugin di terze parti

61
137
Google Chrome / Chromium 35 rimuove il supporto per i plugin di terze parti, addio a Java, il plugin VLC, Pipelight versioni data di Flash.

Google Chrome 35 in Linux
Da pochi giorni è disponibile la nuova versione stabile di Google Chrome e Chromium 35, importante aggiornamento che include numerose novità come la migrazione da GTK+2 ad AURA, l’arrivo del supporto per l’AppLauncher e il nuovo centro di notifiche. Con Chrome / Chromium 35 per Linux, il browser di Google dice addio ai supporto plugin di terze parti basati su architettura NPAPI come Java, VLC, Silverlight (attraverso Pipelight) e versioni datate di Flash Player portando cosi diversi problemi a numerosi user.

La maggior parte dei crash e problemi di sicurezza di Google Chrome è dovuta ai plugin di terze parti, per questo motivo Google ha deciso di rimuoverne il supporto a partire dalla versione numero 35 per Linux, mentre per le altre piattaforme (Windows e Mac) verranno rimossi con i futuri aggiornamenti.

In Google Chrome rimarrà il supporto per il plugin di Flash Player e il reader di PDF mentre non potremo più utilizzare il plugin Java ad esempio per accedere in alcuni portali come ad esempio Test NGI per testare la nostra connessione internet ecc. Addio al plugin VLC che ci consentiva di riprodurre contenuti multimediali direttamente dal browser e al nuovo Pipelight con il quale possiamo accedere ai contenuti in Microsoft Silverlight dal nostro browser.

Da notare che il supporto per i plugin di terze parti in Chrome / Chromium è stato rimosso quindi non è possibile attivarlo in nessuna maniera, la soluzione in questo caso arriva da un browser alternativo come ad esempio Mozilla Firefox il quale attualmente supporta ancora i plugin di terze parti.