Vi presentiamo un’interessante test che mette a confronto Debian con il nuovo Kernel 3.14 e FreeBSD 10.0, qual’è il più performante?

Debian
Tra le tante novità introdotte negli ultimi anni dai developer Debian troviamo anche la versione basata su FreeBSD. Il team Phoronix ha voluto mettere a confronto il nuovo Kernel Linux 3.14 con il nuovo Kernel FreeBSD 10.0 presenti di default in Debian 8.0 Jessie Testing e confrontando il tutto con l’attuale versione stabile del sistema operativo universale. Per effettuare il test il team Phoronix ha installato Debian Stabile / Testing nella versione con Kernel Linux e FreeBSD in un pc con un processore Intel Core i7 3960X Extreme Edition (Sandy Bridge) dotato di scheda grafica dedicata AMD Radeon HD 4870, 8GB di memoria RAM e una SSD OCZ Vertex da 64GB.

In Debian 7.5 Stabile troviamo il Kernel Linux 3.2 o FreeBSD 9.0, mentre per Debian 8.0 Jessie Testing troviamo il nuovo Kernel 3.14 o FreeBSD 10.0. Il test rigurda le performance del sistema ed è stato effettuato grazie a Phoronix Test Suite 5, software open source multi-piattaforma che consente di testare, comparare e condividere le performance del sistema operativo.

Ecco alcuni risultati del test:

Benchmarks: Debian Kernel 3.14 VS FreeBDS 10.0

Benchmarks: Debian Kernel 3.14 VS FreeBDS 10.0

Benchmarks: Debian Kernel 3.14 VS FreeBDS 10.0

Benchmarks: Debian Kernel 3.14 VS FreeBDS 10.0

Come possiamo notare la differenza tra Kernel Linux e Kernel FreBDS è davvero minima,  notiamo inoltre un leggero miglioramento con le versioni più recenti.
Il Kernel FreeBSD ha fatto passi da gigante negli ultimi anni, tutto questo grazie anche all’impegno di sviluppatori come Debian e Arch Linux che hanno deciso di introdurlo nei propri sistemi operativi, segnalando eventuali bug e cercando anche di includere alcune migliorie.

L’intero test lo possiamo consultare nella pagina dedicata del portale OpenBenchmarking.

  • Ocelot92

    Decisamente NO! Il video parla da se….

  • Darkat

    Meno male che è estremamene performante perchè così si capisce che quel lag nel touch è dovuto solo ad ubuntu…direi che sia per fluidità che per usabilità siamo molto lontani dall’essere pronti per il touch screen

  • Jack O’Malley

    Per quanto riguarda i pulsanti delle finestre quelli di Gnome ci hanno visto giusto facendoli più grandi, quelli di Ubuntu sono piccoli e nel video si vede che il tipo deve tentare più volte prima di riuscire a chiudere le finestre.

    • roberto mangherini

      per non parlare del menu… che scompare ogni volta che vuoi usarlo…

  • In ogni caso solo su Linux è possibile fare tutto ciò, prova a farlo su winzozzo…
    Nemmeno a parlarne.

  • Ioma Taani

    Tutto sommato mi aspettavo di peggio. Anzi, a mio parere, diversamente da quella forzatura che è stata Windows 8, trovo che Unity stia bene in entrambi gli utilizzi (tablet e desktop). Con l’accortezza di ingrandire le parti tipicamente piccole per le dita che possono essere benissimo sistemate con una bella rivisitata al tema.

  • Mario Giammarco

    Ma un video cosi’ noioso non l’avevo mai visto ripete sempre la stessa gesture. PS: io ricordavo di avere visto un video tempo fa nel quale ubuntu aveva un set diverso di gesture (e secondo me migliore)

    • Davide Depau

      Per fortuna è linux, si possono personalizzare le gestures… Dovrebbero però ingrandire i tasti, decisamente.

  • Orrendo! Il “normale” Unity non è adatto al Touch, troppi tasti piccoli e roba varia

    • Fortunatamente Ubuntu puoi personalizzarlo e renderlo come ti pare.

      • non è proprio cosi anzi a dire il vero è l’ambiente desktop per linux con meno personalizzazioni
        il pannello e launchpad non lo puoi spostare (su gnome shell esistono estensioni per farlo)
        di default non puoi nemmeno cambiare tema, font, icone ecc se non installi applicazioni di terze parti
        tutte queste funzioni le trovi di default in kde xfce gnome 2 mate cinnamon lxde e 17

  • Davide Depau

    Notare la screenshot di GIMP nel software center che ho pubblicato io, quella con Tux 😀 😀

  • garuax

    quello che muove le mani sembra un po’ coglione e la qualità del touch è davvero bassa

  • Falegnamino

    ingestibile!

  • SeaPatrol

    Certo che la tastiera a schermo usata con un solo dito, mi ricorda certi impiegati della pubblica amministrazione 😀

  • luca00002002

    un desktop non è adatto al touch!!..madonna santaaaaa..bastava facessero uno switch a schemo per passare a un’interfaccia touch tipo ipad e avevano fatto..usare l’interfaccia desktop per un touch è inutile

    • Brau

      Diciamo che era meglio provare KDE, che a seconda del dispositivo che utilizzi ti switcha l’interfaccia tra desktop ed ultraportatile/Plasma Active…
      Quindi, per me qui il danno non è di Ubuntu, bensì di Unity che, come volevasi dimostrare, non è buona manco per il touch…

      • luca00002002

        porco il demonio!! ma il punto non è unity..ripeto, unity è un’interfaccia desktop, la puoi trovare comoda o scomoda ma di fatto è usabile come desktop..come touch è inutile..tant’è che i primi smarphone dei primi 2000 usavano un’interfaccia simile al desktop e bisognava usare un pennino per toccare lo schermo..ovviamente è stata cestinata appena apple ha proposto l’interfaccia dell’iphone molto più adatta a un dispositivo simile

        ma dico..imparare almeno dalla storia no?!!

        • Brau

          Ma ti davo ragione, lo avevo capito che Unity è un’interfaccia desktop e non touch, ma il fatto è che KDE te ne dava una (plasma active) più portata all’ambiente tablet/touch, e, soprattutto, meno laggante, era questo che volevo dire… Perché diciamocelo, Unity sarebbe usabile normalmente, ma è troppo esosa di risorse, e, a meno di non avere un computer almeno di 1 anno fa, lagga di brutto…

          • luca00002002

            sisi condivido quello che hai scritto..anche io ho kde ma non penso che sia adatto completamente al touch..certo aiuta molto lo switch di attività ma non c’è un concept di base che punti proprio a un’interfaccia touch…gli stessi programmi hanno menù e pulsanti non sempre adatti a questo switch..cmq si, meglio kde di unity per questo

        • Hai pienamente ragione, lo stesso vale per il primo tablet realizzato da Microsoft con su WIndows XP, dove il rapporto TouchOS era al quanto orrendo.

          Se Canonical ha intenzione di buttarsi sul mobile (smartphone e tablet) o sui desktop touch, deve rivedere un po’ l’interfaccia Unity. Renderla accessibile al tatto, è altrimenti risulterà davvero difficile usare il touch con precisione.

          Inoltre secondo me deve puntare tanto alle gesture, penso siano il mezzo più veloce per eseguire operazioni.

  • nastys

    Unity è abbastanza touch, Ambiance, Radiance ed il puntatore DMZ-White, oltre alla difficoltà nel cambiare il DPI di alcuni elementi, rendono difficile l’uso su touchscreen.

  • utente

    freebsd sarebbe un’ottima alternativa a linux se solo fosse più cagato. Ma ciò a cui aspiro è HURD, peccato che anche quello non è a livello linux 🙁 anche se ha un’architettura che fantastica!

    • ge+

      concordo in parte.

      secondo me la cosa che taglia le gambe a BSD è proprio la licenza, che permette alle aziende (Apple e Sony fra le più famose) di sfruttarlo senza dover per forza rilasciare i sorgenti, e senza supportare il progetto e la community.

      • Ermy_sti

        Sony comunque ha detto che rilascerà i sorgenti dei driver nella ps4 un pò come fa mediatek per i suoi sorgenti su linux android con qualche scappatoia..meglio di niente

    • Paolo C.

      Sì, HURD se fosse sviluppato e supportato dalle aziende quanto linux, sarebbe il kernel del futuro

  • aldo

    come è messo freebsd per quanto riguarda il riconoscimento dell hardware tipo chiavette digitale terrestre gpu scanner?

    • kjsdflkjdslkjfjidsf

      male, molto male

No more articles