WizNote servizio per creare, sincronizzare e condividere note in Linux, Windows, Mac e device mobili

WizNote è un’interessante progetto che ci consente di creare, gestire, sincronizzare e condividere note ed appunti tra vari pc e device mobili.

WizNote in Ubuntu Linux
Con l’arrivo degli smartphone e tablet sono approdati molti servizi dedicati alla gestione di note e appunti come ad esempio il famoso Evernote, Google Keep ecc. Per gli utenti che cercano un’ottimo gestore di note ed appunti open source multi-piattaforma arriva il nuovo WizNote interessante progetto sviluppato da alcuni developer cinesi davvero molto interessante.
Grazie a WizNote potremo creare e gestire al meglio note, appunti ecc da pc Linux, Windows o Mac o device mobili Android e Apple iOS con molte ed utili funzionalità.

Dal client WizNote potremo creare facilmente nuove note interattive con integrati immagini, link ecc e gestire al meglio raggruppandole in gruppi e assegnando in ognuna di esse vari tag per facilitarci la ricerca. Le note note, appunti ecc saranno sincronizzate tra loro con la possibilità di poterle condividere con i nostri amici i quali potranno operare su alcune note (esempio possiamo creare l’elenco di attività da svolgere tra amici, creare una lista della spesa tra diverse persone ecc operando sulla stessa nota da diversi account). Da notare inoltre l’add-on per browser che ci consente di salvare i nostri siti preferiti, creare note ecc

Il client di WizNote è disponibile per Ubuntu e derivate digitando da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:wiznote-team
sudo apt-get update
sudo apt-get install wiznote

WizNote è disponibile anche nei repository ufficiali di Arch Linux basta digitare da terminale:

sudo pacman -Sy wiznote

Ricordo inoltre che è disponibile il client per Microsoft Windows, Mac OS X. Android e Apple iOS da questa pagina.

Home WizNote

13 Commenti

  1. Ho una proposta (interessata) da fare: un confronto tra le varie tipologie di tablet, relativamente all’uso di chi lo compra; mi spiego meglio: che tipo di uso consente un tablet entry-level (data la ram minore, come quello in articolo, la risoluzione dello schermo, componenti come video camera, wifi, 3g, gps, ecc.) rispetto ad un quad core? Il tutto senza considerare il nome che ci stà sopra, ma solo l’hardware, visto che retina display a parte, si trovano tablet che sono dei cloni dei soliti noti… in giro si trova qualche confronto, ma limitato, appunto, ai soliti noti, e se dovessi dire che ho un idea chiara (non avendo e usando tablet di nessun genere), direi una sciocchezza.

  2. Bello per il prezzo, non c’è che dire. Peccato che quando (e se) arriverà da noi il prezzo sarà più che raddoppiato, rendendolo di fatto molto meno apppetibile…

    • sembra lo sport nazionale fare dei client quando non servono a nulla (nello specifico, qualsiasi browser va bene) e invece manchino totalmente laddove sono utili

  3. Personalmente sono contrario alla proliferazione di questi tools. Basterebbe una semplice app che legge, scrive e condivide un file in
    formato standard o una directory dedicata (dipende), posizionato su un
    qualsiasi servizio di cluoding. Così anche se un giorno il programma non fosse più mantenuto o se volessi cambiarlo, nulla andrebbe perso.

  4. installato e lo provo… a parte le scritte in cinese, ho scritto per sapere se è prevista l’interfaccia web in futuro…

  5. Ma che voi sappiate c’è un sistema che segnala l’aggiunzione o la modifica di una nota? Ad esempio una suoneria su Android o cose del genere?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here