Mozilla ha recentemente avviato la nuova campagna denominata Web We Want (Il Web che vogliamo) per conoscere le preferenze da parte degli user.

Mozilla
Il 2014 per Mozilla è iniziato con tante novità e molti problemi da risolvere, dopo le tanti discussioni e critiche ricevute dopo la presentazione delle Directory Tiles e i problemi con l’ormai ex CEO, è finalmente disponibile per tutta la nuova interfaccia grafica Australis, da poco approdata con Firefox 29. In concomitanza con il rilascio di Firefox 29, Mozilla ha avviato anche la nuova campagna denominata Web We Want (Il Web che vogliamo), nella quale l’organizzazione no profit fornisce agli user la possibilità di esprimere le proprie preferenze indicando quali principali caratteristiche deve avere il web.

Dal portale ufficiale dedicato alla campagna Web We Want, possiamo notare come gli utenti desiderano principalmente una maggiore privacy durante la navigazione, altri utenti chiedono inoltre  una maggiore accessibilità, libertà e un più facile apprendimento.

Ecco il video di Mozilla dedicato alla campagna Web We Want:

Da notare inoltre che Mozilla ha recentemente avviato anche la campagna Stopwatching.us con la quale viene chiesto al governo statunitense di rivedere alcune leggi riguardanti la sorveglianza su Internet.

Home Web We Want

  • floriano

    bello schifo australis, la personalizzazione è veramente pietosa, probanbilmente i bimbominkia lavorano anche lì.

    già firefox lo usavo di rado (uso solo opera o chrome , firefox lo tengo solo per firebug), adesso mi sa che lo userò ancor meno….

    ps. in qualche modo ho usato parole eleganti per farglielo capire, comunque se il buon senso non abita in casa mozilla penso proprio che me ne starò ben alla larga da firefox os (che già mi convinceva poco)

    • golden

      Si…e questo cosa c’entra con il post..?

      • floriano

        proprio oggi un sito “particolare” (vabbè non so se è stato sviluppato in modo impeccabile) non mi funzionava più…

    • australis non è affatto brutto per me anzi finalmente è bello anche su linux inoltre le schede attive si distinguono molto meglio dalle schede inattive che prima creava un po di confusione.
      inoltre ora anche il menu è personalizzabile e ci si possono integrare i pulsanti delle estensioni (cosa comodissima per rimuovere la barra degli addon e non incasinare l’interfaccia di firefox).
      inoltre ora lo trovo più reattivo in windows dove prima a volte non rispondeva.

      secondo me hanno fatto un buon lavoro, inoltre se non ti piace ti basta installare un addon per riportare la UI di prima.

      poi definire bimbominkia gli sviluppatori di mozilla solo perchè hanno fatto un interfaccia che a te non piace mi sa tanto un atteggiamento da bambini di 2 anni.

      poi tu parli tanto della personalizzazione”schifosa” di firefox ma usi chrome dove l’unica personalizzazione che puoi fare è aggiungere/togliere il pulsante della homepage.

      quindi anche il tuo comportamento si contraddice con cio che hai scritto

      quindi vedi di portar rispetto per sviluppatori no-profit che ti danno un’alternativa libera per navigare sul web, perchè firefox non è solo privacy e personalizzazione (personalizzazione che tutti gli altri browser si sognano) ma anche libertà.

      PS: in qualche modo ho usato parole eleganti

      • floriano

        prova a spostare le frecce fuori dalla barra degli indirizzi (anche usando l’addon)….

        spero non facciano altre sciocchezze senza senso con thunderbird (dove ci ho messo delle estensioni per renderlo decente)…

        • l’unica cosa che non si può fare è spostare le frecce la barra degli indirizzi e il pulsante del menu per il resto è rimasto tutto immutato ed è anche migliorato tutto secondo me.

          per quanto riguarda le frecce e la barra degli indirizzi non mi interessa visto che tanto li dove sono è perfetto e non mi interessa spostarli tanto li terrei li.
          per quanto riguarda il pulsante del menu un po mi spiace che non lo posso spostare da li e metterlo ad esempio dove era il vecchio pulsante firefox ma cio non implica che è diventato scarsamente personalizzabile o che ora firefox fa schifo o è fatto da bimbiminkia come dici tu, inoltre in futuro potrebbe migliorare, per me hanno fatto molti passi avanti con questa nuova interfaccia.

          PS in thunderbird australis c’è da più di un anno e nessuno si è lamentato, anzi io non vedevo l’ora che lo mettessero anche su firefox.
          su thunderbird mi è sempre piaciuta tantissimo ma su firefox l’hanno fatta anche meglio.

          comunque tranquillo thunderbird non lo stravolgeranno per tanto tempo visto che ormai fanno praticamente solo aggiornamenti di mantenimento e bugfix, nulla di nuovo visto che thunderbird ormai è sempre meno usato visto che tantissime persone guardano l’email dal web

          • floriano

            quindi hanno puntato sulla fighetteria tralasciando la funzionalità….

          • a me sembra comunque molto funzionale

      • cippalippa

        possono fare molto di meglio cmq. le tab che ha migliorato la lettura e’ solo quella selezionata e attiva, mentre cio’ che e’ in secondo piano rimane sempre poco leggibile e troppo uniforme. non trovo positivo che il browser di mozilla non abbia gia’ incluso alcune funzionalita’ di base come una gestione delle schede avanzate gia’ di default e una grafica “simil 3D” per dare maggiore profondita’ alle schede. senza dimenticare la possibilita’ di rendere ancora piu’ compatto la urlbar + tab bar con l’impostazione di “compatta” al momento eliminata tra le opzioni del menu generale.

    • EnricoD

      Web We want, not Firefox

    • Luky

      Ma solo a me lo scrolling delle pagine lagga da paura?

    • abral

      Si può personalizzare molto più di prima in realtà.

    • cippalippa

      ma e’ solo una prima versione, non e’ detto che mozilla in seguito non possa apportare migliorie grafiche e funzionali in base al feedback di molti utenti 😉

  • UnderTheGun

    In realtà la risposta più cliccata è:

    41% vuole un Web che garantisca il pieno controllo della propria vita online.

No more articles