Ubuntu Desktop Team ha proposto di creare una ISO separata di Ubuntu con il nuovo ambiente desktop Unity 8 e server grafico Mir fino ad Ubuntu 16.04 LTS.

Ubuntu - Unity e la convergenza
Da alcune settimane è disponibile Ubuntu 14.04 Trusty LTS, distribuzione che potrebbe essere l’ultima con Unity 7 e il window manager Compiz. Difatti gli sviluppatori già da diversi mesi hanno iniziato a lavorare in Unity 8, nuova ed importante versione del desktop environment di Canonical che porterà la tanto discussa “convergenza” dato che sarà disponibile sia per pc desktop che device mobili come smartphone e tablet.
Unity 8 è ambiente desktop QT/QML che porterà anche nuove applicazioni di default come ad esempio file manager, browser, terminale ecc sviluppate per poter adattarsi al meglio in qualsiasi desktop, normale che touch a partire ad esempio da un 4 pollici di uno smartphone ad un 7 / 10 pollici di un tablet fino ad arrivare a 21/23 pollici di un normale monitor pc.

Tante novità che potrebbero però dar problemi a molti user, per questo motivo alcuni developer del team Ubuntu Desktop Team hanno proposto di creare una ISO dedicata ad Unity 8 e Mir e una con Unity 7 / Compiz per i tre rilasci intermedi (ossia Ubuntu 14.10, 15.04 e 15.10) per portare il nuovo desktop environment basato su QT/QML di default in Ubuntu 16.04 LTS.

Concept Unity 8 in Ubuntu

Attualmente è solo una proposta, nulla di confermato; molto probabilmente se ne parlerà al prossimo UDS 14.06, evento nel quale saranno discusse anche altre interessanti novità da integrare in Ubuntu 14.10 Utopic Unicorn.


A mio avviso l’idea di una ISO di Unity 8 / Mir sarebbe la soluzione più saggia, già Canonical ha subito notevoli discussioni (e perso anche diversi user)  quando ha portato di default Unity in Ubuntu 11.04, ambiente desktop incompleto con molti bug e problemi vari (oltre a tanto lavoro perso dato che disponeva anche di Unity 2D scritta in Qt ecc).

Staremo a vedere, secondo voi qual’è la scelta migliore? passare ad Unity 8 / Mir di default già da Ubuntu 14.10 o rilasciare una ISO dedicata?

  • RobertoTrynight

    Mi piace!

  • Ho dei seri dubbi che portare giochi in linux faccia avvicinare nuovi utenti a linux. Semmai ”i signori dei giochi” acquisiscono nuovo terreno per i loro giochi, nuovi mercati. Un mercato finora poco sfruttato. :p

  • Veramente la notizia è vecchia. Blizzard lo ha già fatto sapere nel corso del 2012.

  • ale

    Hahahaha ad ogni rilascio la stessa storia, unity 8 e mir saranno di default dalla prossima versione…

    E non solo canonical, ma anche fedora con wayland, quante relase è che dice che nella prossima ci sarà wayland di default ?

    • Stefano

      La mia impressione è che fintanto non ci saranno dei driver proprietari stabili per Wayland (stesso discorso per Mir), non avranno il coraggio di muoversi. La cosa mi sembra anche ragionevole.

      • JackPulde

        Purtroppo mi sa che hai ragione :/

      • ale

        Si è quello il motivo, ma risparmiati la figura di dire sempre nella prossima relase introdurremmo mir se poi non lo puoi fare perchè non è pronto (perchè alla fine di unity 8 per desktop non si è visto ancora nulla…)

        • Stefano

          Nulla da aggiungere su quello che dici. Concordo totalmente.

    • heron

      Quelli di nvidia hanno detto che fino a quando non vedranno delle distro con wayland/mir di default, non si muoveranno. Quindi tocca rilasciare delle distro che almeno per 1-2 versioni non avranno driver proprietari.
      Fedora non li ha mai avuti e quindi per questa distro non è un problema e sono convinto che la prossima versione avrà wayland di default.
      Ubuntu invece ne ha bisogno perché la sua utenza è diversa e non può permettersi di non supportare i driver closed, nemmeno per una versione. La scelta più saggia è quella di rilasciare 2 iso, oppure sconsigliare le prime versioni con mir agli utonti sperando che tutto sia pronto per la prossima lts.

      Sicuramente mark sperava in un miglioramento rapido dei driver open, in modo da non dipendere da nessuno. Ma fino a quando le perdormance non saranno esattamente identiche a quelle dei closed l’utenza degli steam gamers storcerà il naso.

    • Markures

      Tac guarda un pò, Fedora 21 avrà Gnome 3.14 con Wayland di default e ha dato la conferma ufficiale. Prima di sparare a vanvera informati 😉

      • ale

        Non come default ma come scelta al login, xorg sarà comunque presente

        • Markures

          Si ma sarà di default inteso che funzionerà al pari di xorg. Si sceglie sia l’uno che l’altro e gireranno allo stesso modo. Le applicazioni che non supportano wayland ancora, gireranno con xwayland. E penso che questo gia basti alle case produttrici di driver per iniziare a crearne qualcuno per wayland. Sarà per così dire “da solo” (senza xorg) solo quando garantiranno il supporto driver.

          • ale

            Ma si anche fedora 20 aveva wayland come opzione, poi a me non è mai partito, sia con la nvidia con driver open sia con la intel integrata…

          • Markures

            Ma quello è dovuto al fatto che Gnome 3.10 aveva un supporto PARZIALE di wayland. Con la 3.14 sarà completo, quindi non avrai problemi!

          • ale

            Speriamo…

          • ge+

            la 21 avrà wayland di default, e gnome 3.14 dovrebbe avere un pieno supporto. Riprova con fedora 21 quando esce

  • JackPulde

    Si ma già doveva essere di default nella 13.10 per poi essere stabile nella 14.04…
    Adesso non si sa neanche se sarà di default nella 14.10?!?
    Ma allora cosa continuano a sparar fuori notizie che non riescono a rispettare :/…

    Anche se sinceramente la preoccupazione sarà per i driver video su Mir…

  • Giorgio Dramis

    A mio avviso è meglio lasciare stare Unity 7, correggendo magari solo le varie falle di sicurezza, e concentrarsi solo su Unity 8 e Mir.

    • Stefano

      E’ già così già da un anno circa, a parte appunto qualche ottimizzazione al codice di Unity 7 (mi pare propedeutica a Unity 8, tra l’altro) e l’aggiunta di qualche funzione in più per la LTS (local menu nella barra del titolo e interventi cosmetici).

      • Giorgio Dramis

        Appunto, tanto vale quindi ottimizzare Unity 7 in Ubuntu 14.04 e concentrarsi su Mir e Unity 8 in Ubuntu 14.10.

    • Luky

      Unity 7 così com’è va parecchio a rilento se non hai come minimo un quad core con una scheda video da 512 dedicata…

      • loki

        bum! un po’ più grossa, no? su un dual core di almeno 6 anni fa con scheda video discreta di fascia bassa non ho il minimo problema…

        • Luky

          io si, con due computer

          • -.-

            io qualche domanda me la farei

          • Luky

            Quale?

          • Giorgio Dramis

            Con l’ottava versione unity sarà completamente riscritta in QT. Motivo in più per concentrarsi meno sulla versione 8 che non sulla 7. Comunque fossi in te a prescindere che unity regga o meno dato le caratteristiche su tutti i portatili ti consiglierei XFCE.

      • -.-

        core i5 e scheda intel integrata: mai un lag, mai uno scatto, mai un rallentamento…

        • Luky

          Nel fisso sono con un intel core i5 3450, anche se qui i 4 core sono effettivi, + gtx550 in passato e ora AMD 7870 e gira perfettamente.
          Il tuo intel core i5 ha 4 thread…Quindi insomma.
          Nei miei portatili invece in uno ho un intel core 2 duo P8400 + Intel GMA 4500MHD, toshiba tecra a10 e qui le cose girano più o meno decentemente, su Cinnamon o altro con compiz gira benissimo senza alcun problema, anche se la differenza dal fisso e qui si notano non poco con unity. L’altro invece è un Compaq HP 8510p con una dedicata 256MB della ATI, HD 2600 Mobility e sempre con un Intel Core 2 duo non ne parliamo, sarà problema di driver, ma l’ho provato anche coi proprietari nelle precedenti versioni la cosa era comunque indecente per la pesantezza. Su windows tutto liscio purtroppo, altrimenti in entrambi l’ho provato recentemente con i repo mesa e xorg aggiornati e la differenza è sempre quella in confronto al fisso.

      • Falegnamino

        Addirittura un quad core? no dai..l’ho provato sul mio modesto pc dual core ed è molto fluido:)

  • heron

    Due gusti is megl che one

    • JackPulde

      Secondo me portano solo confusione :/

      • heron

        Non più di kubuntu, xubuntu, ubuntu gnome, edubuntu, ubuntu studio.

        Tra l’altro sulla pagina di download la chiamerebbero sicuramente “versione sperimentale (per sviluppatori)”, mentre l’altra la chiamerebbero “versione stabile (consigliata)”.

        Quindi problemi=zero. Almeno vedremmo in che stato è il progetto.

        • JackPulde

          Si ma ancora sto Unity 7 e compiz sulla prossima release D: D:

          • heron

            Beh almeno funziona… a volte xD
            Guarda, fossi stato mark all’epoca di unity sarei passato a kde e nel frattempo lavorare dietro le quinte alla convergenza con il vantaggio di essere già in ambiente qt… Magari avrebbero potuto collaborare a plasma active.
            Ma all’epoca non aveva ancora le idee chiare, pensava ancora di supportare wayland. Fondare un nuovo progetto su compiz quando già si sapeva che era un morto che camminava è stato un errore derivato dalla fretta di sostituire gnome 3 con qualcosa di più usabile, e ora se ne pagano le conseguenze.

  • JackPulde

    Domanda: ma la parte estetica di tutto il DE… verrà rinnovata? o sarà sempre la barra di Unity trasparente… e il grigietto-marrone della barra superiore? O.o

  • biosniper

    che differenze dovrebbero esserci tra unity 7 e 8? e tra Xorg e mir?
    qualcuno sa dirmelo concretamente, grazie

    • Flex

      In sostanza è la dissociazione completa da Compiz da cui era dipendente e che lo obbligava ad avere tutta la sua pesantezza.

      L’8 viene rivisto per dargli una bella ripulita quindi.

    • Stefano

      Per la prima domanda posso risponderti.

      Alla base c’è un cambio
      di librerie: invece di appoggiarsi su Compiz (di cui è un plugin) e fare
      uso di OpenGL e Cairo, userà le Qt5 e sarà stand-alone. In particolare
      Unity8 fa uso di QML (che è un linguaggio di markup per la creazione di
      interfacce in Qt).

      Assieme a Unity8 vi sarà l’introduzione di
      un toolkit con una serie di “oggetti” grafici (pulsanti, slider,
      switcher, ecc.) che può essere utilizzato anche per la creazione di
      programmi.

      Cambierà il sistema degli scope, che presenterà una
      nuova interfaccia sia per la selezione degli scope, sia per presentare i
      risultati della ricerca. Essa non sarà troppo diversa da quella che
      sarà utilizzata per le applicazioni di Ubuntu Touch, quindi permetterà
      una fruibilità maggiore (ci sono dei video su Youtube in cui presentano
      il nuovo sistema). Gli scope comunque saranno limitati o a cercare file
      locali, o a cercare risorse sul web: questo per impedire che scope di
      terze parti possano inviare dati dell’utente attraverso il web.

      Il
      Software Center usato attualmente dovrebbe sparire. Al suo posto verrà
      introdotto uno scope notevolmente potenziato rispetto a quello attuale,
      che farà uso del toolkit di cui parlavo sopra.

      Questi sono i cambiamenti un po’ più nel dettaglio.
      Riassumendo,
      invece, dovrebbe essere mantenuta la stessa divisione delle pagine
      usata per la dash di Ubuntu Touch. Quindi lo scope applicazioni mostrerà
      solo le applicazioni, mentre per accedere alle ricerche specifiche, ci
      sarà una pagina apposita con la lista di scope divisi per “argomento” o
      area. Gli scope saranno praticamente delle sorta di applicazioni
      limitate alle ricerca. Ciò migliorerà sensibilmente (a meno di porcate nei prossimi mesi) l’esperienza utente della dash.

      La differenza tra Xorg e Mir?
      Sostanzialmente
      ha quasi 30 anni e l’altro no. Xorg presenta una struttura troppo
      “rigida” e poco modulare, e non è più così adeguato all’hardware e al
      software moderni. Al fine di sostituirlo si iniziò a lavorare su Wayland.
      Qualcuno poi decise che fosse opportuno scrivere un altro server grafico. Nacque così Mir, che al momento sta proseguendo il proprio sviluppo esclusivamente per servire Ubuntu in futuro.

      Ciò dovrebbe portare dei vantaggi, visto che farà un tutt’uno con Unity 8 e tutto l’ecosistema Ubuntu (che evolverà in maniera del tutto complessa e personale). In pratica fraziona in modo netto il mondo GNU/Linux.

      • biosniper

        grazie, veramente esauriente 🙂

  • maniuz

    La seconda immagine del post è un mockup oppure è la versione desktop di unity 8 in sviluppo?

    • credo sia un mockup, dubito scelgano un tema così tanto scuro.
      ma non ho conferma, è solo una mia supposizione

      • Stefano

        Confermo. E’ solo un mockup fatto da terzi.

    • maniuz

      Ma non esiste um modo per vedere unity 8 in versione desktop?? fino ad ora ho visto solo unity 8 per ubuntu touch

  • Giuseppe

    Ubuntu 14.04 con Cinnamon 2.0 – amd athlon II x3 460 – 5gb ddr3 1333 – scheda video nvidia gt430 con 1gb ddr3 – il sistema va che è una meraviglia, tranne l’avvio, colpa di un vecchio hdd sata che presto molto presto diventerà un ferma carta.

  • Secondo me il ragionamento si stacca dagli annunci fatti e frammenta lo sviluppo. Io continuerei con lo sviluppo separato di Mir e U8 per poi inserirli di default nella distribuzione madre. Diversamente è come creare una distro derivata, nn è saggia decisione ma notevole dubbio…

  • Fabio Colella

    Continuo a non capire perché mettiate quell’immagine per unity8 quando è solo un custom theme su unity7 XD

    • EnricoD

      perché è più bello di quell’aborto di Unity =)

      • Fabio Colella

        Questo è abbastanza soggettivo, ma visto che è un articolo su unity8 avrebbe senso mettere un’immagine attinente; sennò ci mettiamo anche uno screen di Mac OSX O_o

No more articles