Vi presentiamo il progetto Ninux, una community italiana il cui scopo è quella di fornire reti wireless libere.

Ninux
Oggi vi vogliamo presentare il progetto Ninux ossia una Wireless Community Network (Wcn) realizzata da normali utenti che hanno deciso di creare e condividere tra loro una rete WiFi, il tutto senza scopi di lucro e nel rispetto della filosofia open source. Ninux non ha niente a che vedere con i vari WiFi Free sparsi per le città italiane, ma è una rete Wireless indipendente in grado di fornire svariati servizi ai propri membri.

Ad esempio se vogliamo visualizzare un video realizzato da lffl, con Ninux non dovremo cercarlo per la rete ma semplicemente basterà andare da lffl e riprodurlo. Tra i servizi forniti con Ninux troviamo infrastrutture prevalentemente open source con servizi come ad esempio OwnCloud che consentono di condividere file multimediali tra i vari user, presenti anche servizi Voip (basati su Asterix), Jabber per le chat ecc.

Ecco un video che ci descrive in parte il progetto Ninux:

Ninux è una rete basata su sistemi open source, l’instradamento avviene tramite Ipv6 mentre il protocollo di route preferito è Olsr in maniera tale da consentire a pc e server di essere correttamente riconosciuti. Principale caratteristiche delle reti Wireless Community Network è sicuramente la velocità di connessione paragonabile a quella di una normale rete locale.

Ringrazio il nostro lettore oops per la segnalazione
Per maggiori informazioni su Ninux consiglio di consultare il portale ufficiale del progetto.

Home Ninux

  • AlessandroMauri

    io mi chiedo solo…..perchè? perchè è così in voga questo programma di messaggistica istantanea? Gtalk è preinstallato su tutti i telefoni android (ed è anche + sicuro). Non avete android? usate Skype, dato che c’è per qualsiasi sistema operativo….

    • Davide

      Perché con WhatsApp c’è stata l’intuizione di collegare gli account ai numeri di telefono, quindi ci si ritrova automaticamente la gente della rubrica.

      • Anonymous coward

        ultraquoto!!! lo uso principalmente per questa cosa

    • Alekib

      Quando si dice parlare a vuoto senza cognizione di causa…Ormai è diventato lo standard della nostra società….

  • garuax

    quando non prende internet, senza whatsapp restano gli sms. Visto che in Italia sono poche le realtà con un cablaggio per il wifi buono, credo che gli sms resteranno pure nel 2013. Anzi credo che ci sia un ostruzionismo voluto affinchè il progresso rallenti il più possibile.

    • Neal_Caffrey

      ormai le connessioni dati 3g sono talmente a buon mercato, che si può fare a meno del wi-fi per applicazioni come whatsapp

      • garuax

        è vero, hai ragione

      • Davide Depau

        Escludendo il fatto che il mio telefono fa c… , mi converrebbe di più usare gli SMS anziché usare un’applicazione come WhatsApp… Pago 3€ al mese per avere 4000 SMS, e per andare su Internet ne dovrei spendere 9…

        • Mauro

          “Pago 3€ al mese per avere 4000 SMS”
          …con quale compagnia, per curiosità?

      • Alexander83

        Dipende cosa intendi per “buon mercato”. 10€ al mese diventano 120€ l’anno non so te ma preferisco non buttare soldi nel cesso visto che pago già 20€ al mese alla telecom.

        • Marco

          Tre opzione black, 2€ a settimana (104€ l’anno) per 30min di chiamate, 15sms e 100mb di internet.

          • Alexander83

            Effettivamente dopo il dibattito sono corso sul sito della tre (tutti gli altri a meno di 8€ nulla! :/) e ho notato alcune cosucce interessanti…

          • Massimo Querzolo

            2€/settimana * 52 = 104€/anno
            Io ho 120 Minuti e 120 sms verso tutti + Internet illimitato (dopo 1GB la connessione rallenta a 32Kbps) e spendo 8€ mese * 12 = 96€/anno.

          • Marco

            Ho fatto un esempio della prima tariffa che mi veniva in mente senza considerare promo o altro…se vogliam fare a gara io ho il raddoppio delle ricariche per sempre, quindi i 104 diventano 52E l’anno gne gne!

        • Neal_Caffrey

          Ovviamente dipende dalle esigenze. Paragonare la connessione dati del cellulare con quella domestica, o quantomeno avvicinarle teoricamente in linea di utilizzo lo ritengo semplicemente sbagliato. Una connessione dati mobile non ti da limiti perimetrici quindi onestamente, 120€ l’anno sono una miseria, se consideri che nei 10€ al mese hai anche diversi minuti di chiamata inclusi verso tutti gli altri operatori. Inoltre, potresti usare il traffico dati per chiamare e videochiamare (skype, tango, viber ad esempio). Poi ovvio che se si vuole tutto a gratis, a voglia a lamentarsi 😉

    • Alessandro

      Bisogna tenere conto che circolano ancora un sacco di cellulari che più che mandare sms non possono fare… oppure, se anche sono in grado di usare what’s up, sono in mano a persone che incontrano già difficoltà coi normali sms!

    • Alexander83

      Specialmente per l’ostruzionismo penso proprio tu abbia ragione!

    • etc_init_d

      solitamente se non prende internet non hai nemmeno copertura di rete.. e per mandare un messaggio su whatsapp è sufficente una connessione gprs! non serve uno smartphone.. si può installare anche sui nokia con symbian.. e con una flat internet direi che si risparmia decisamente rispetto agli sms, con il vantaggio di poter vedere quando è stato letto il messaggio e scambiare immagini…
      io pago 6 euro al mese per 1gb che è perfetto per uno smartphone.. e spesso viaggio a 9 mbit in dl / 2 mbit in up… più della mia connessione domestica

  • EliaBaragiola

    il futuro sarà facebook messenger

    • Io penso che gli smartphone saranno il futuro !
      Tablet con windows 8 e spero con Android e Ubuntu, essendo appassionato del mondo Linux 🙂

      • Giuliano

        ehm…non per confonderti le idee…ma non so se te ne sei accorto che ormai sono più venduti gli smartphone che i cellulari…altro che futuro..quello che dici tu è il presente!..a meno che tu non intendessi dire che il futuro sono i tablet…

    • facebook sparirà come tutti i social… perchè prima o poi stancherà… il social in genere… per dar posto all’a-social network…. però una bella idea potrebbe essere ahahahah

      • EliaBaragiola

        facebook non è un social network quasiasi è diventato ormai un modo di comunicare

        • La comunicazione è qualcosa come twitter, facebook rimane un social network che nacque per ritrovare compagni di scuola e diventò qualcosa di diverso che continua a cambiare. Sappi che i continui cambiamenti trasformano la vera natura quindi prima o poi diventerà non comunicazione tra persone ma tra aziende con le persone in mezzo…

        • cerash

          si, infatti… due cene organizzate con facebook salvate all’ultimo istante per telefono per l’inerzia che porta chi usa i social per comunicare a rispondere o a farsi tirare in mezzo… c’è tanta di quella roba che ti bombarda che il messaggio importante si perde.

          io ormai non lo uso più… è inutile.

  • Robbe

    per chi tiene alla propria privacy consiglio il messenger multipiataforma xabber che usa il plugin di cryptaggio OTR.

  • gnumark

    No. Per un motivo semplice. La gente vuole avere la certezza che il messaggio arrivi subito e la certezza con what’s up ci sarà solo quando TUTTI avranno uno smartphone con internet sempre attivo. Non mi risulta sia ancora così. Mi sembra che si dia per scontato che tutta la popolazione abbia uno smartphone con internet.. Io per esempio ho uno smartphone ma internet lo utilizzo solo raramente a casa con il wifi. E non sono l’unico. Forse tra 5 o 10 anni ma non nel 2013.

  • meltingshell

    Se poi usassero un protocollo standard tipo SIP almeno diversi sistemi diventerebbero compatibili tra loro come per le email, ora devo avere per forna avere whatsapp per contattare un’altro che ce l’ha.

  • Il futuro non esiste e questa applicazione diverrà normale dimenticarla come altre… l’sms rimarrà… nella forma che conosciamo o nella forma che gli operatori telefonici vorranno dargli…

  • floriano

    con gli sms a 15cent cadauno, le flat internet a partire da 5€ al mese e le flat sms (limitate) a partire da 3€ al mese uno si fa direttamente la flat internet, almeno la usa anche per altre cose..

  • fabio

    Io che non ho uno smartphone mi posso attaccare al tram! 🙂

    • Alexander83

      Dipende, se non hai un modello vecchissimo (3 anni) potresti trovare la versione giusta di WhatsApp. Ma è tassativo che possa connettersi ad internet, via wifi o 3g. Controlla sul sito per la compatibilità e i modelli supportati.

  • Lazy Lazy

    ma della gente che spende 600 euri o anche meno per uno smartphone e poi non usa una connessione dati e quindi lo usa come un normale cellulare ne vogliamo parlare? XD

    • quelli sono i classici “sboroni” che comprano i’iphone solo per metterlo in bella mostra sul tavolino al bar o ristorante
      gente che pensa solo ad apparire che non considero neanche

      • garuax

        e le donne… le consideri? 🙂

  • Andrea

    Peccato che dopo un anno devi pagare.
    Io sono passato a ChatON che è anche multipiattaforma!

    • devi pagare addirittura 1€ per 1 anno. cavolo, passo in banca per vedere se miconcedono il mutuo :s….

  • pippo

    scusate, sono ignorante, non ho capito i vantaggi e/o utilizzi di una rete wifi normale.

    • dav

      boh, io non ho neanche capito di cosa si tratta…

      🙂

      • d4n1x

        Peno che questo ti possa chiarire le idde 😉 http://wiki.ninux.org/Manifesto

      • max59

        si tratta di non relegare l’uso di Linux al lato server favorendo solo l’IBM, ma di usarlo nella gestione delle reti per favorire le piccole imprese

      • Luther Blissett

        sostanzialmente invece di essere un client terminale di un fornitore di accesso Internet, diventi tu stesso uno dei nodi dei router che costruiscono Internet e lo fai utilizzando delle antenne WiFi.Una sorta di mega LAN come lo sono le reti interne dei provider (Telecom, Fastweb, etc etc) con il vantaggio di avere una banda simmetrica larghissima e comunque anche accedere al resto di Internet grazie alle ADSL condivise ed eventualmente dall’attestazione in fibra ottica presso il tecnopolo di Tiburtina a Roma e non solo.
        Più partecipanti montano nodi piu il valore e la capacita della rete aumenta:
        http://map.ninux.org
        Ninux.org è al 100% un pezzo di Internet intesa come rete di reti infatti via IPv6 è completamente trasparente da qualsiasi punto di Internet e scambia traffico con i vicini tramite il protocollo di routing BGP cosi come fanno i provider tra di loro ne piu ne meno.
        Ogni nodo è del rispettivo proprietario e lo scambio dati avviene con dei protocolli comuni tra i quali OLSR per permettere un instradamento efficiente dei pacchetti considerando la natura non completamente deterministica dei collegamenti WiFi (la qualita dei link è molto variabile in funzione di parametri ambientali a parita di tecnologia impiegata).
        E’ un progetto molto inclusivo che permette anche di divertirsi molto a sperimentare e scoprire come si fa rete.
        Se ci si trova in una zona non raggiunta da qualche nodo Ninux e si dispone di una connessione ADSL si puo comunque avviare un’isola montando un super nodo e abilitando un VPN con il resto della rete.

  • okokok
  • FRDI

    condivisione dati. Internet come se fosse una risorsa necessaria come l’acqua.

    • Caterpillar990i89234

      quindi?

      • max59

        quindi ben venga chi rende Linux socialmente utile, come dice anche il video

      • quindi

        quindi….leggi il loro manifesto, prima di scrivere.

  • Con tutto il rispetto parlando per il loro progetto ma il loro sito web lo potevano pure fare meglio.
    Un pò spartano e confusionario.

    • abral

      Spartano va anche bene, però sicuramente sarebbe meglio se non fosse così confusionario. E’ difficile trovare le informazioni che si cercano.

      • Esatto. Proprio quello il problema.

        • BornAgain

          Ciao, si è vero , cerchiamo l’aiuto di persone nuove che ognuna con il contributo di ciò che sappiano fare, aiutino Ninux a crescere, (e magari anche a migliorare il sito 🙂
          già scritto su .. venite a trovarci
          ciao

          • Classica proposta all’italiana… XD

          • BornAgain

            Classica proposta di una community fatta di persone, e che ci mettono del lavoro in modo volontario 😀

          • Sì sì, per carità. Siete liberi di fare come credete.

            Ma chissà perché in Italia si parla sempre di “volontari” ma non si riesce a concretizzare qualcosa di valido che avvalori il lavoro e la professionalità.

            Infatti per fare tutto ciò bisogna per forza collaborare con aziende estere o andare proprio all’estero per lavorare in maniera adeguata.

  • max59

    1- il nome della rete è niNux non niMux,
    2- il vantaggio è che non paga il provider
    3- per migliorare il sito è utile partecipare

    • Partecipare? Un popolo pigro come quello italiano?

      Eventualmente possono collaborare gli utenti un pò più esperti e con una mente più aperta e rivolta all’Open Source.

  • Caterpillar 77777777

    ho scritto quindi perché credevo fosse una frase ironica. Cmq faccio parte della rete anch’io

  • abral

    Non ho capito tutta la parte di spiegazione con l’esempio. E’ possibile chiarificarla?

    • Infatti non l’hanno resa semplice.

    • BornAgain

      dimmi nel video a che minuto si trova

      • abral

        Mi riferisco al testo dell’articolo, quando parla dell’esempio con lffl.

        • BornAgain

          Significa che se lffl ha caricato un video su un suo server tu per scaricarlo punterai direttamente lì e non affidandoti a servizi di terzi. In altre parole, lffl non dovrà caricare il suo video ad esempio su youtube per poterti permettere di vederlo in streaming ma avrà un upload sufficiente per permettersi di creare esso stesso un servizio alla community.

          E’ un pò più chiaro o ti ho complicato ulteriormente le idee? 🙂

          Comunque a seconda delle città in cui siete potete venire a trovarci nei luoghi fisici dove ci riuniamo . E’ il modo migliore di capire la community Ninux cosa fa e come e perchè entrare a farci parte
          trovate sotto elenco su wiki.ninux.org/PaginaPrincipale

          ciao

          • abral

            Cosa cambia rispetto a avere un IP statico e fornire un servizio dal proprio PC?
            Come si collegano le varie community che sono distanti? Ad esempio, se io sono a Napoli e tu a Roma, come possiamo comunicare?

          • BornAgain

            Cambia che con il tuo ip statico e senza soldini per la banda in upload in internet non puoi fornire nessun contenuto serio (in termini di occupazione di banda). In questo modo invece hai tutto l’upload che serve per condividere nel resto della community Ninux quello che vuoi.
            Le intere isole troppo distanti per potersi connettere via radio al momento le connettiamo in VPN tramite le comuni adsl. naturalmente tramite questi collegamenti trasmettiamo solo la topologia di rete e al massimo per aiutare nelle configurazioni di nodi altre isole o server via shell

          • abral

            Beh, la banda che mi fornisce un collegamento wifi in upload non mi sembra abbastanza per fornire un contenuto serio!

          • BornAgain

            sulla base di cosa lo dici?

          • abral

            Quant’è l’upload massimo teorico raggiungibile da 802.11g? Circa 50 Mb/s se non sbaglio. Non è abbastanza per tirare su un servizio di streaming, per esempio.

          • BornAgain

            forse sarebbe il caso prima ti documentassi su come sia strutturata la nostra rete, il backbone e il fatto che oltre 802.11g esistono 802.11n e 802.11a

            ciao

            ps non replico oltre

          • abral

            Non capisco perché sei così aggressivo. Non ti sto chiedendo di replicare, ti sto solo chiedendo spiegazioni su come sia possibile raggiungere una banda molto larga avendo a disposizione solo un router 802.11g. Se non vuoi spiegarmelo fa nulla…

No more articles