Eset ha rilasciato un nuovo aggiornamento per Nod32 noto antivirus disponibile per Linux, Windows e Mac.

NOD32 4.0.79.0 in Ubuntu Linux
Eset ha rilasciato la nuova versione 4.0.79.0 di NOD32, uno dei più famosi ed utilizzati antivirus disponibile sia per Microsoft Windows che Mac e Linux. NOD32 4.0.79.0 per Linux corregge diversi bug e soprattutto include alcune migliorie all’interfaccia grafica e ottimizzazioni varie, tra queste troviamo migliorato anche il supporto con nuove distribuzioni Linux come Ubuntu 14.04 Trusty e Fedora 20. Stando ad ESET, il nuovo NOD32 4.0.79.0 e piattaforme desktop Unity dispone di nuove migliorie che rendono il software ancora più veloce e leggero, migliora anche il gestore delle applicazioni per Linux, verificando ad ogni installazione / aggiornamento se il pacchetto possa contenere o meno spam, virus o altro ancora.

Possiamo testare Eset NOD32 nella nostra distribuzione Linux, scaricando l’installar dal sito ufficiale, successivamente potremo testare per 15 giorni il software per poi decidere se acquistarlo oppure rimuoverlo attraverso il collegamento nel menu.

Una vota scaricato l’installer di Eset NOD32 per Linux basta spostarlo sulla home e digitare da terminale:

Per sistemi 32 Bit:

chmod +x eset_nod32av_32bit_it.linux
./eset_nod32av_32bit_it.linux

Per sistemi 64 Bit:

chmod +x eset_nod32av_64bit_it.linux
./eset_nod32av_64bit_it.linux

e confermiamo l’installazione.

Ricordo che per il normale utilizzo non server alcun antivirus il Linux, attualmente sono stati riscontrati solo pochissimi virus, malware in Linux.
Per aziende che richiedono soprattutto affidabilità e sicurezza nei proprio sistemi “potrebbe” anche andar bene una soluzione antivirus,

Home Eset Nod32

  • linuxfunboy

    Ma non è Desura?

    • ….

      Desurium è l’alternativa Open Source

  • Ziltoid

    Immagino che l’account desura non vada su desurium…

  • boss

    si può installare su fedora?

  • nicola

    Scusate la mia ignoranza ma l’ho installato su Ubuntu 13.10 come da post e quando chiedo di fare un nuovo account mi compare una finestra nera con tre pulsanti alla fine “back – i agree – cancel” ed è cliccabile solo cancel mi aiutate per favore?

  • Ninja_84

    PER CHI HA UBUNTU 13.10 per installarlo senza problemi nel vostro sistema invece di aggiungere questo ppa “sudo add-apt-repository ppa:makson96/desurium” aggiungete questo e fate l’update “sudo add-apt-repository ppa:makson96/desurium-stable” join!!!

  • Tomateschie

    Ho installato Steam e ne sono rimasto abbastana deluso. Nessun gioco gratuito presente. Spero che Desurium sia migliore da questo punto di vista.

  • biosniper

    ma questo antivirus linux (che secondo me è utile come l’ombrello per i beduini del deserto…) rallenta le performance del pc come avviene con windows? e poi un’altra domanda se mi consentite ( scusate questo tono “berlusconiano”), ma quali sono i virus che attaccano linux? per win si trovano enciclopedie stracolme di nomi di virus (troyan, malware,worm… e chi più ne ha più ne metta…) ma quali sono quelli che attaccano il pinguino? e gli stessi virus attaccano pure windows? e se pure attaccano linux ne attaccano tutte le distribuzioni o solo alcune?? scusata se faccio tutte queste domande ma credo sia interessante conoscere queste informazioni sulla sicurezza dei so linux.

    • jancu

      be intanto non è detto che nel deserto un ombrello non possa far comodo anche a un beduino 🙂

      gli antivirus chi li installa in linux è generalmente per una questione di “correttezza” nei confronti dei windowsiani, tu infatti sul tuo sistema potresti avere un virus (per windows) in un file o in un allegato mail etc. che potresti sbadatamente “trasmettere” ad un windowsiano

      l’antivirus ti avvisa che un file potenzialmente dannoso per un o.s. windows è presente sul tuo sistema, tutto qua

      io personalmente ne ho installato anni fa un paio di versioni, e si, sono dei mattoni che rallentano il pc e ti fanno perdere il gusto di usare linux e poi per cosa? per parare il cu*o ad un amico che usa windows?

      vedi tu se ne vale la pena

      • Davide

        Scusate se mi intrometto ma approffitto di voi gente competente.Da ormai 4 anni uso solamente ubuntu e non ho mai avuto problemi di virus.Settimana scorsa, però, mia moglie (che usa il nostro pc solo per internet e controllare la posta da webmail) è stata contattata da delle sue amiche che dalla sua mail sono partite mail farlocche contenenti link a robaccia…spam insomma.Come è possibile?Forse perchè lei si registra a siti tipo privalia, groupon, vente prive….ma anche in tal caso, come fanno a risalire ai suoi contatti?A me nel pc sembra tutto a posto.NOn riesco a spiegarmelo.

        grazie

        • Davide

          specifico che cmq nella cartella di posta inviata non risultava nessuno dei messaggi incriminati inviati.
          Si tratta di Spoofing?

          • Pezzo

            Secondo me ti conviene cambiare le password di Facebook e dell’account di posta

        • jancu

          i principali antivirus hanno una versione linux, per toglierti ogni dubbio installane 2 o 3 e fai controllare tutte le partizioni, e poi li disinstalli (o al massimo te ne tieni uno)

          probabilmente sarà solo tempo perso, ma almeno rimuovi la paranoia

        • Max Franco

          lo spam non è partito dal tuo pc, ma dal pc di qualche tuo amico o conoscente che aveva il tuo indirizzo email in rubrica….. è un meccanismo tipico dei virus, raccolgono gli indirizzi che trovano sulle macchine colpite e li impiegano come mittenti per tentare di diffondersi, o li inviano ai ‘creatori del virus che a loro volta li vendono a chi invia lo spam.

      • alex

        Ma infatti devi allegarglielo tu il virus se già non c’è!!! 😀

        A parte gli scherzi, da linux a volte è utile verificare partizioni Windows.

        • jancu

          anche quello certo, però se oltre ad una partizione windows hai pure un os windows installato, be che se lo smazzi lui l’antivirus

      • eticre

        be intanto non è detto che nel deserto un ombrello non possa far comodo anche a un beduino 🙂
        Ti riferisci a beduini sado-maso?

        • Max Franco

          gli ombrelli chissà perchè si chiamano….OMBRelli… occorre sapere andare oltre, o, come in questo caso, indietro…

      • biosniper

        cercando su google “virus linux” mi sono imbattuto in questa pagina:

        http://ubuntrucchi.wordpress.com/2010/04/01/chi-ha-detto-che-non-esistono-virus-su-linux/

        sarà pericoloso anche per me che al momento uso peppermint os aprire questa pagina o è solo un problema di windowsiani?

        • è un pesce d’aprile, c’è scritto in fondo all’articolo

    • alba

      su windows e uno trai i piu leggeri,un po troppo anche:)

  • Andrea

    Messaggio generico rivolto anche a Roberto; in queato bellissimo blog bisognerebbe parlare un pò più di sicurezza nei s.o. linux, visto che tante volte si fanno accenni all’argomento ma poi si taglia corto dicendo che tanto in linux il problema non sussiste…se la diffusione di linux è in crescita come si legge in tanti articoli, specialmente nelle pubbliche amministrazioni, penso che bisognerebbe iniziare a parlarne di più. grazie.

    • ge+

      il fatto è che le vulnerabilità vengono corrette rapidamente, visto la natura open source di Linux.
      Sarebbe però utile fare un articolo “di storia informatica” sui virus che colpiscono linux apparsi dalla sua nascita, e di come sono stati corretti i bug corretati ad essi, e dei virus per android

      • Andrea

        ma se io vengo colpito in quel lasso breve di tempo? prima che venga corretta la vulnerabilità? ad oggi ci sono rischi concreti, e nel breve periodo? ci sarà mai una vulnerabilità simile a quello che colpisce gli altri so? un bel appofondimento sul tema sarebbe utile, ovviamente cercando di essere semplici e chiari nell’esporlo.

        meglio informare per fare prevenzione, non credete?

        • ge+

          è lo stesso discorso che si può fare con il recente bug di openssl, Heartbleed: una falla aperta già da anni che è stata corretta solo pochi mesi fa, e colpiva tutti gli os. Appena scoperta è stata corretta dopo pochi giorni (almeno nelle rolling).

          Si, sono d’accordo, il tema della sicurezza va approfondito. Il fatto è che su linux nel corso degli anni, è comparsa veramente poca roba per quianto riguarda minacce di sicurezza, perciò ho proposto un articolo che analizzava i virus per linux comparsi nel corso degli anni.

          Diverso è il caso di Android: molto diffuso e semi-proprietario, contiene un sistema di backdoors (nella parte chiusa del codice) come nei sistemi apple e microsoft, quindi è molto più esposto alle minacce rispetto a linux

          • Max Franco

            si dice che la NSA sapesse della falla dal 2012……
            android è aperto alle falle di stupidità degli utenti che installano qualsiasi roba senza chiedersi cosa sia….
            infine android in se è completamente open source, sono le gapps che non lo sono…..

          • ge+

            si, ma almeno tra tutti i sistemi, linux ha “tappato il buco” prima degli altri (che poi, secondo me, se foose stata veramente sfruttata questa falla ce ne saremo accorti prima).
            Ovviamente anche linux può diventare non sicuro se installo software “a caso” e per di più closed-source.
            Ciò non toglie che Android sia progettato con la filosofia di iOS e Windows Phone, ovvero carpire informazioni e dati dei suoi utenti, non ha nulla di diverso da windows o mac in tal senso.

          • Max Franco

            gia ‘corretto il post sopra, comunque repetita iuvant, android non è closed, sono le applicazioni che ci girano sopra ad esserlo….

            sul ‘capire? una falla, di grazia, come avremmo fatto a capirlo? se non se ne sono accorti i programmatori di opsnssl, di certo non ce lo è venuto a dire la nsa se lo ha usato questo ‘buco’

            in quanto al carpire informazioni, bastano firefox o chrome, non ci vuole android…
            il problema maggiore non è che linux ‘possa’ diventare meno sicuro. linux E’ già ora meno sicuro, se chi lo impiega pensa di essere al sicuro solo per il fatto di usarlo.
            solo la piena consapevolezza di quello che si fa quando si usa il pc aumenta la sicurezza.

          • a dir la verità android è anche più sicuro di una normale distro linux, visto che ha ottimizzazioni riguardanti la sicurezza

    • MastroAttilio87

      Ad eccezione del settore consumer, di per sè Linux è già da tempo
      diffusissimo in tutti quei settori dove un cracker ha fortissimi interessi.. Il suo punto di forza, come ha detto ge+, è il codice sorgente aperto visibile a un’enorme numero di programmatori sparsi per il mondo, così i bug e le vulnerabilità vengono facilmente scovati e rapidamente risolti, insomma niente viene nascosto e questo è un grande vantaggio perchè è facile fare controlli 🙂 Quindi sai alla fine non è propriamente veritiera la storia “linux più sicuro perchè poco diffuso” come si è sentito dire diverse volte. Vero che è poco diffuso nel settore desktop, ma è comunque assai diffuso in tutti quei sistemi critici… Poi vabbè, è chiaro che nulla è sicuro al 100%, Linux ha un elevato grado di sicurezza ma niente è totalmente immune, e soprattutto mai abbassare la guardia ovviamente 😉

      • Max Franco

        scoperti rapidamente come heartbleed?
        l’unico sistema sicuro è quello scollegato da internet e chiuso in una cassaforte. e anche lì forse qualche falla ci potrebbe essere.
        non è con le false sicurezze che si affrontano i problemi.
        il fatto che linux sia meno suscettibile di windows ad attacchi non significa che abbia una sicurezza inviolabile, come anche android dimostra. e, lo ripeto, heartbleed.
        usare linux è un ottimo rimedio contro i virus, se usato da utenti bene addestrati e attenti alla sicurezza, altrimenti poco cambia…..

        • MastroAttilio87

          Se leggi bene nella parte finale ho scritto: “Poi vabbè, è chiaro che nulla è sicuro al 100%, Linux ha un elevato grado di sicurezza ma niente è totalmente immune, e soprattutto mai abbassare la guardia ovviamente”
          Niente false sicurezze. Ho semplicemente detto che il codice sorgente aperto ha i suoi grandi vantaggi rispetto al codice sorgente chiuso, e di recente lo ha rilevato anche Coverity con un rapporto. Poi, ripeto, è chiaro che NIENTE è totalmente immune e perfetto, e la grave falla di Heartbleed come hai detto è un esempio.

    • VladimirBush

      Parliamone, di sicurezza. Questo antivirus scansirebbe ogni pacchetto all’installazione, pacchetti che nei repositories ufficiali sono gia’ firmati crittograficamente. Magari ha pure bisogno di privilegi di root o comunque di hooks e accesso in lettura a tutto il sistema. E ovviamente deve comunicare con i server per scaricare gli aggiornamenti quotidiani. E magari viene da una di quelle repubbliche delle banane come noi o gli USA dove possono prendere questa azienda e dirgli “installa questa backdoor e taci, o sono rogne” senza mandati di tribunale. Bah ma sto divagando, anche con un OS sicuro come la mettiamo con l’hardware? per la sicurezza bisogna proprio staccarsi da internet.

  • ge+

    so io come vedere se fuziona: basta avviarlo in un pc che ha una partizione con Windows. Se l’antivirus funziona, formatterà automaticamente la partizione con Windows in ext4 😛

  • Qualcuno si offende se non lo installo? (sarcasmo)
    La sicurezza implica ben altro, non un antivirus da 4 soldi come quello

    dell’azienda Eset.

  • Leonardo

    Non è proprio inutile una scansione ogni tanto, con Java e Wine installati ci si ritrova sempre qualche sopresa

  • crossedhead

    Ottimo! avevo proprio bisogno di un programma utile ad occupare un po’ di RAM sul mio pc ad uffa!

  • San-Claudio

    Suite le français il y a la version:
    Version 4.0.81.0
    Fix: Issue with blocking the execution of the terminal console
    Fix: Issue with Chromium browser not working after installation of NOD32 Antivirus

    http://www.eset.com/fr/download/home/detail/family/71/
    Je l’ai testé le trimestre dernier sur une debian et je l’ai abandonné il me consommait trop de CPU, j’ai envoyé un message à Eset…De nouveau je vais testé cette version.

  • Stefano Jayasuriya

    Sarà proprio a causa di Eset se il ransomware ha attaccato anche i sistemi gnu linux? Io penso che sì, è causa loro

No more articles