Attraverso CCAL potremo avere un utile calendario personalizzabile incluso nel nostro terminale Linux.

Il terminale Linux rimane ancora uno strumento utilizzato ancora moltissimi utenti, dato che ci consente di velocizzare alcune operazioni oltre a disporre di moltissime funzionalità. Con il terminale possiamo non solo aggiornare la distribuzione, installare o rimuovere pacchetti, ma possiamo anche operare nei file, navigare in internet, riprodurre file multimediali, giocare e molto altro ancora. Con il terminale possiamo avere sempre a nostra disposizione anche un calendario, semplice personalizzabile grazie al progetto open source denominato CCAL.

Nato come sostituto del programma standard unix calendar, CCAL è un semplice calendario accessibile da riga di comando che include numerose personalizzazioni, ad esempio possiamo colorarlo con colori preferiti, visualizzare un’intero anno, una specifica settima ecc Possiamo inoltre avviare automaticamente il nostro calendario preferito ogni volta che avviamo il terminale, volendo possiamo creare un collegamento nel menu per avviare il calendario preferito ad esempio con Xterm.

CCAL - calendario annuale

CCAL è disponibile nei repository ufficiali di Debian e Ubuntu, per installarlo basta digitare da terminale:

sudo apt-get install ccal

Possiamo installare CCAL anche in Arch Linux e derivate tramite AUR.

Al termine dell’installazione postremo avviare ccal digitando da terminale:

ccal

Per conoscere tutte le opzioni di CCAL basta digitare:

ccal -h

CCAL consente di visualizzare i nostri appuntamenti importando un file .cal

Alcuni esempi:

Per il calendario del mese attuale non colorato (il giorno corrente è racchiuso tra < e >) basta digitare:

ccal -noc

se vogliamo il calendario del 2014  basta digitare:

ccal 2014

Possiamo avviare CCAL in un mese particolare esempio maggio 1960 digitando ccal -e 05 1960

Per avere già avviato CCAL ad ogni avvio del terminale basta digitare:

cd
nano .bashrc

e aggiungere ccal con le varie opzioni desiderate e salviamo il tutto con Ctrl + x e poi s.

Home CCAL

  • EnricoD

    che bellooooooo 🙂 quello colorato fa schifo però 🙂

    • Se non usci quello colorato allora ccal non ti serve, per ottenere quel risultato ti basta digitare cal -y

      • EnricoD

        grazie, non lo sapevo 🙂

    • biosniper

      che bello sfondo…, dipinto a mano? scorgo dietro questo delicato acquerello una mano leggera…
      sei un vero artista!
      🙂

      • EnricoD

        non l’ho fatto Io.. 🙂

        http : // pichost . me / 1710870 /

        comunque è uno dei miei preferiti insieme a questo

        https : // dribbble . com / shots / 1355879 – Meteor – Wallpaper

  • solo un appunto, più di una persona mi ha fatto presente che spesso si legge nano e_nome_del_file be questo non è corretto e genera dei problemi spesso su righe lunghissime.
    Di default nano giustifica quindi si rischia che passando vicino a una riga lunga anche solo premendo uno spazio questa venga giustificata e quindi si generi il caos più puro, magari non è il caso dei bashrc ma in generale è buona norma usare nano con l’opzione che disabilita il word wrap:
    nano -w nome_del_file

  • mscanfe

    Non occorre installare ccal.
    In Ubuntu e derivate c’è già il programma ncal che fa la stessa cosa e in più, passandogli il parametro -e, calcola anche la Pasqua di ogni anno
    esempio:
    ncal -e 2050
    risposta:
    10 aprile 2050
    Dando solo il comando ncal stampa a video il calendario del mese corrente
    Se poi si vuole solo stampare a video il calendario dell’anno intero basta dare il comando ncal seguito dall’anno (es: ncal 2014)

    • lucio

      il terminale linux è un mondo a se ogni giorno imparo un comando nuovo 🙂

No more articles