I developer GNOME stanno per rilasciare la nuova versione 3.12.1, aggiornamento di mantenimento che dovrebbe portare Gnome 3.12.x in Arch Linux.

GNOME 3.12.1
Da alcune settimane è disponibile il nuovo Gnome 3.12, nuova versione del famoso desktop environment open source che include diverse novità riguardanti Gnome Shell e le applicazioni dedicate oltre ad introdurre migliorie per il supporto per Wayland e display HiDPI e molto altro ancora. I developer GNOME hanno già iniziato a lavorare sulla prossima versione 3.14, oltre a correggere diversi bug riscontrati nell’attuale versione stabile che verranno risolti con la nuova versione 3.12.1 che verrà molto probabilmente rilasciata mercoledì 16 aprile. Gnome 3.12.1 è il primo aggiornamento di mantenimento dedicato all’attuale versione stabile 3.12.x che include nessuna novità ma solamente delle correzioni di bug che vanno a rendere più stabile e sicuro il desktop environment open source.

Gnome 3.12.1 molto probabilmente approderà anche nei repository ufficiali stabile di Arch Linux, consentendo cosi una migrazione da Gnome 3.10.x a Gnome 3.12.x con una versione già stabile con diversi bug già risolti.

L’arrivo di Gnome 3.12.1 nei repo stabile di Arch Linux non sarà immediato dato che prima verrà testato nei repository testing per diversi giorni per poi approdare nei repository stabile (quindi a mio avviso ci vorranno altri 7/10 giorni prima di ricevere l’aggiornamento). Ricordo inoltre che non c’è alcuna conferma è un’ipotesi visto soprattutto i precedenti aggiornamenti normalmente avvenuti dopo il rilascio del primo (o secondo) aggiornamento di mantenimento.

  • d4n1x

    Non è paragonabile con un raspberry dire che è un alternativa è sbagliato. In primo luogo costa il doppio del Raspberry è il triplo di grandezza non ha il GPIO quindi non capisco cosa abbia di alternativo al raspberry? non sono simili e non ci si possono realizzare le stesse cose

    • il raspberry in italia con le spese di spedizione costa 44 euro questo 63 quindi non il doppio
      è sempre un mini-pc arm sono che qui hai un processore più veloce più ram wifi nand oltre ad avere molti più progetti
      è simile al raspeberry ma molto più completo

      • TopoRuggente

        Vedo questo più dedicato a smanettoni software, mentre il Raspberry più dedicato agli elettronici

      • d4n1x

        Ti ripeto che non centrano nulla queste due schede.

        Il raspberry ha un connettore GPIO che questo non ha, questo ha preinstallato andorid e se vuoi usare un’altro SO lo devi mettere su SD lasciando occupato lo spazio nella memoria interna. E’ grande quanto 3 raspberry e se si necessita di uno strumento dalle dimensioni molto ridotte questo no nè adato.

        In fine ti faccio notare che da farnel il raspberry costa 46€ mentre da RS viene 39€ (non so dove hai viso 44€), mentre l’hackberry viene 63€ senza tasse che verranno applicate arrivando il pacco da un paese extracomunitario quindi il costo dovrebbe essere di circa 73€ ovvero circa 35€ in più del raspberry, ovvero quasi il costo di due lamponi.

        Ma soprattutto quanto assorbe l’hackberry? meno di 5V e 1A? non credo.

        • RiccardoC

          concordo con te, con il raspberry ha in comune solo il fatto di essere ARM e di essere molto essenziale (niente case); per il resto sono orientati a target diversi come dice toporuggente

        • floris

          Però il raspberry non include nel prezzo trasformatore e wifi.
          Son due prodotti diversi

          • d4n1x

            già ma del trasformatore USA qui in italia te ne fai poco quindi sei costretto a comprare un adattatore altri 5€ da spendere quindi hackeberry arriva a una spesa di 78€ XD

          • Nicola

            Non per fare polemica ma leggere le specifiche?

            NEMA 2-pin power adapter included
            Input AC100-240V-0.4A 50/60Hz Output DC5v

          • TopoRuggente

            si ma le prese americane hanno una forma diversa dalle italiane, quindi dovresti comprare un adattatore per inserirlo nella presa.

            Comunque anche cambiare lo spinotto ad un qualsiasi alimentatore da cellulare mi sa che funzionerebbe.

          • Nicola

            Hai ragione in entrambi i sensi, conosco piuttosto bene i prodotti audio distribuiti dagli usa, solitamente i venditori che distribuiscono in esclusiva spediscono l’alimentatore in uso nel paese dove verrà utilizzato
            Capita sovente che gli alimentatori abbiano un frutto sostituibile (per abbattere i costi ed evitare di avere più alimentatori), la tensione è praticamente universale (100-240)
            Visto il ridotto assorbimento anche l’alim del telefono potrebbe essere utilizzabile
            Stò facendoci un pensiero anche perchè ho un case in alluminio perfetto per accoglierlo, da forare ma la macchina cnc lo fà in pochi minuti

          • ahah…addirittura una cnc per un coso del genere?

          • Andrea

            Ciao.
            Mi è arrivata da poco la board, qualcuno può darmi qualche
            dritta su come inserire un’altra versione di android nella SD e fare il
            boot da li?
            Grazie.

          • TopoRuggente

            Ma facendo questi conti (avere due configurazioni similari) al Raspberry devi aggiungere una scheda wi-fi Usb, e probabilmente anche un hub usb visto che rimarrebbe una sola porta per mouse e tastiera.

            Per i jack da 3,5 ne vedo 3 quindi credo sia la classica configurazione mic+casse+cuffie.

  • mircozorzo

    Nel sito del produttore il jack da 3,5 mm è indicato come input non output.

    Ciao, Mirco

  • mscanfe

    Roberto, quando hai un momento, potresti ricapitolare (sono certo che l’hai già fatto ma non ritrovo dove) a quali usi può servire un micro-pc ARM?

    Ah, e poi… questo “nand” cosa è/a cosa serve?

    • TopoRuggente

      nand è un tipo di storage a stato solido, le SD sono memorie nand (per fare un esempio).

      micropc arm, io direi fileserver (se non hai grandi pretese di velocità visto che l’HD è connesso all’USB), media server (xbmc), set top box (pc attaccato alla tv per navigare).

      Aggiungerei che ci si potrebbero creare intere serie di appliance di rete (firewall, dns, proxy etc, sempre limitate, ma per casa vanno benissimo).

      • mscanfe

        Grazie, TopoRuggente,
        non è che potremmo “sentirci” via email?
        Avrei bisogno di un po’ di dritte, se sei disponibile

        • TopoRuggente

          dividi il nick con un punto @gmail.com

  • Nicola

    Preso… 83$ spediscono con DHL 3/5 gg lavorativi, presumo 75 € sdoganato

    • N-Di

      ne ho preso uno anche io
      ma io lo ho preso piu che altro per android, per gli esperimenti di elettronica ho gia un rasberry

  • N-Di

    ciao finalmente mi e` arrivato HackBerry

  • N-Di

    MOD HackBerry aggiungere una porta USB
    goo.gl/3HS4P

  • golden

    Scusate, non sono un esperto, ma credo che la particolarità del Raspberry, oltre al prezzo, le dimensioni ed il consumo energetico, sia anche che si tratta di HARDWARE OPEN SOURCE.

    Possiamo fare tutti i confronti che vogliamo, però, in assenza di questa caratteristica, sono validi fino ad un certo punto…

No more articles