Da Google arriva il nuovo progetto open source denominato Oppia, strumento che punta a migliora l’apprendimento interattivo sul web.

Google Oppia
Tra i nuovi progetti targati Google troviamo anche il nuovo Oppia, interessante strumento open source sviluppato per incrementare l’apprendimento utilizzando nuove tecnologie online.
Google Oppia mette a disposizione dei sviluppatori, professionisti, maestri ecc una piattaforma con la quale realizzare quiz, questionari ecc interattivi in modo tale da imparare divertendosi.

Il nuovo progetto Oppia è ancora in fase di sviluppo Beta che offre già diverse ed utili funzionalità accessibili dopo un’iscrizione gratuita al portale ufficiale, una volta autenticato l’accesso potremo già imparare accedendo alle varie attività interattive denominate exploration / esplorazione.

Per ogni esplorazione dovremo rispondere ad alcune determinate domande o effettuare un particolare questionario, al termine il sistema andrà ad indicarci se approfondire un determinato argomento oppure (se abbiamo risposto correttamente) possiamo passare al livelli successivo.

Tra le varie exploration di Google Oppia troviamo una sezione dedicata alla geografia dove dovremo localizzare alcune città utilizzando Google Maps, se siamo studenti di biologia possiamo esplorare la sezione dedicata alle scienze con domande specifiche per vari argomenti ecc.

Google Oppia è un servizio attualmente abbastanza limitato, il progetto ha comunque le basi per fornire un’interessante strumento didattico da utilizzare anche nelle scuole dato che i professori potranno creare questionari interattivi dedicati.

Per maggiori informazioni sul nuovo progetto Google Oppia consiglio di consultare l’annuncio ufficiale da questa pagina.

Home Google Oppia

  • cioma3

    quindi per Arch basta installarlo da AUR? differenze con il ck?

    • hermes14

      Sì, basta installarlo da AUR. Io l’ho usato per un po’, ma la maggior parte delle patch non mi servivano, quindi da un annetto e forse più sono passato al -ck, con cui mi trovo benissimo.
      Il patchset -ck migliora la responsività, soprattutto nei sistemi desktop. Include BFS e BFQ (vedi la pagina archwiki per altri dettagli).
      Il patchset -pf, include lo stesso -ck, più TuxOnIce, AUFS3, LinuxIMQ e l7-filter.

  • Gabriele

    dove si trova la lista dei portatili compatibili?

  • Xunil70

    Bisogna scaricare anche “linux-source-3.6.4-pf-all.deb” oppure solo
    “linux-image-3.6.4-pf-amd64.deb” e “linux-headers-3.6.4-pf-amd64.deb” per ubuntu??

    • devi scaricare tutti i pacchetti compreso all.deb

  • floriano

    se è così importante per i desktop quelli di ubuntu potevano metterlo direttamente di serie…

  • dongongo

    Ho provato ad installarlo su Arch, ma durante la compilazione mi dà questo errore:

    {standard input}: Assembler messages:
    {standard input}: Fatal error: can’t write drivers/net/.tmp_virtio_net.o: No space left on device
    {standard input}: Fatal error: can’t close drivers/net/.tmp_virtio_net.o: No space left on device
    drivers/net/virtio_net.c:1322:1: fatal error: closing dependency file drivers/net/.virtio_net.o.d: Spazio esaurito sul device
    compilation terminated.
    make[2]: *** [drivers/net/virtio_net.o] Errore 1
    make[1]: *** [drivers/net] Errore 2
    make: *** [drivers] Errore 2

  • Davide Depau

    Secondo te è meglio questo kernel, quello Optimus o quello Linux di Quantal? Ho bisogno di una marcia in più, in fretta…

  • Fabio

    Su Squeeze si installa il kernel ma non gli headers causa dipendenza non risolta (libtinfo5 che si trova solo su testing), ergo è impossibile far funzionare i driver nvidia, virtualbox, la mia chiavetta tv che va compilata… che peccato!

  • James

    Per debian e mint …404 Not Found

  • Simone

    Purtroppo per Mint, confermo, è 404. C’è modo di ottenerli altrove, di contattare i responsabili? io donerei pure volentieri qualche €, ma mi piacerebbe poter usufruire di un kernel ben fatto, tantopiù che ho un Samsung Serie9 non millemilioni di problemucci con il kernel normale, magari qualche piccola soluzione ne uscirebbe…

No more articles