Vi presentiamo Debian Mate, interessante distribuzione che ci consente di avere una livecd / installabile stabile e leggera.

Debian Mate
Mate è un desktop environment che ci consente di riportare l’esperienza utente di Gnome 2 nelle nuove distribuzioni grazie ad un progetto tutto nuovo in grado di supportare anche applicazioni Gtk+3 in futuro anche il nuovo server grafico Wayland e molto altro ancora.
Grazie anche al supporto di Linux Mint, il desktop environment Mate è ormai un’ambiente desktop convalidato, stabile e funzionale e presente ormai nei repostiory ufficiali delle principali distribuzioni Linxu tra queste anche Debian, Ubuntu, Arch Linux ecc. In Debian l’ambiente desktop Mate è disponibile solo nella versione nei repository di Debian SID e nei repository testing dedicati a Debian 8.0 Jessie, per la versione stabile possiamo utilizzare i repository rilasciati dai developer Mate.

Se vogliamo installare l’attuale versione Debian 7.0 Wheezy con l’ambiente desktop Mate DE possiamo utilizzare il progetto realizzato dal developer spindiggy e denominato appunto: Debian-Mate.
Debian-Mate è semplicemente Debian 7 Wheezy Stabile con Mate DE aggiornato all’attuale versione 1.6 (presto dovrebbe approdare la nuova versione 1.8) che possiamo testare da livecd o in una pendrive e poi installare facilmente nella nostro personal computer.

Debian Mate include il Kernel con supporto per pc non-PAE (esempio nei primi primi Pentium M) oltre a SLiM come display manager, con già preinstallato Software Center, Gdebi, e altre utili applicazioni.

Debian Mate

Debian Mate a mio avviso è un’utile progetto per testare le qualità del sistema operativo universale da live con il desktop manager Mate, possiamo salvare la distribuzione anche in una pendrive (richiederà il login che è live sia come user che password) per installarla ad esempio in vecchio netbook o pc datati grazie anche ad un semplice installer grafico.

Ringrazio il nostro lettore Luigi R. per la segnalazione.

Home Debian Mate

  • Alek

    Un altro rilascio? Ma questi programmatori dormono o no durante la notte? XD

    • Brado

      Sembra di no, a differenza di Archlinux che pare se la stia dormendo alla grande per una essere rolling.

      • La scelta di rilasciare una iso mensile li ha fatti “impigrire” non in realtà il lavoro che c’è dietro arch è elevato e ricordate che è una distro non finanziata da grandi società e senza grandi numeri dalla sua… portate pazienza…

        • lo sviluppo di arch non è pigro anzi…
          non è più come una volta ora le nuove versioni passano dal testing e solo quando funzionali e senza problemi passano alla stabile
          in questa maniera hai una distro stabile anche se rooling

          • Era ironica la frase se infatti leggi il resto del discorso parlo di lavoro elevato son consapevole che ora non è più la arch prendi e butta in repository senza testare una mazza come succedeva qualche annetto fa…

      • Gyrvim

        Ma guarda che gnome 3.6 è disponibile da un pezzo in testing. In ogni caso qui la pigrizia non c’è affatto, stanno solo testando le nuove conf senza consolekit, eliminando tutte quelle patch non appartenenti al progetto Gnome che archlinux utilizzava arbitrarimante per tenere l’assurda compatibilità con gli initscript.

        • hermes14

          Esatto, stanno cercando di fare una distro che sia aggiornata e stabile, quindi è giusto che aspettino finché “it’s ready”. Non stanno affatto dormendo, stanno lavorando anche per te, suppongo, quindi un po’ di rispetto per chi lavora gratis per fornire un prodotto eccellente.
          In più mettici che il progetto Gnome, a differenza di KDE, è molto frammentato, quindi non sempre è facile far andare d’accordo tutte le applicazioni.

        • in arch stanno correggendo diversi problemi oltre a portare un maggiore compatibilità sia con initscript che il nuovo systemd
          meglio quindi aspettare anche più settimane ad avere un gnome stabile che averlo subito ed instabile
          arch in questi anni è cresciuta ora rilascia sempre con calma (un paio d’anni fa rilasciavano tutto dopo alcune ore con problemi su problemi per gli utenti)
          e solo se stabile a mio avviso la scelta azzeccatissima
          in questa maniera arch è stabilissima pur offrendo una distro rolling

      • Dormendo?
        non stanno dormendo anzi stanno lavorando molto bene
        gnome 3.6 è nei repo testing e arriverà solo quando saranno corretti tutti i vari bug
        gnome 3.6 ha portato diversi problemi che con la versione 3.6.1 sembrano risolti
        meglio aspettare una settimana e avere tutto stabile che non subito come vorresti te e poi arrabbiarsi con gli sviluppatori perché non funziona

  • Io ancora devo provare la 3.6 e questi sono già alla 3.7.1…XD

  • kz125

    ma è possiblile installarla sulla 12.04 ?? senza usare i ppa di ubuntu

    • no ci sarà tra un mesetto nella versione in fase di sviluppo di ubu 13.04

  • CuccuDrillu10

    Debian e mate sarebbe davvero un’accoppiata vincente, speriamo che possa diventare presto una distro ufficiale. La installerei subito sui miei pc

  • Angelo Giovanni Giudice

    OT: Ma si sa nulla su Ubuntu 14.04 con MATE? Io non trovo info. Roberto, tu sai qualcosa? :OT

    • mate è nei repo di ubuntu
      ma per ora non ci darà una repo con mate di default dato che a breve ci sarà mint 17 che avrà una versione dedicata con il nuovo mate 1.8

      • Angelo Giovanni Giudice

        Io mi riferivo a “UBUNTU MATE REMIX 14.04” (ora ricordo il nome) e se non mi sbaglio ci facesti pure un articolo. Si sa nulla?

  • Gianvito Capone

    Ma Mate è un DE del 1995?

    • Simone Picciau

      A mio parere potevano farlo sembrare gnome 2, ok, ma almeno scriverlo da subito in gtk3… Comunque il porting a gtk3 è previsto

      • hanno preso i sorgenti, rinominato le app e compilato, fatto questo hanno provato a integrare man mano i pezzi in gtk3 con casini di varia sorta e dalla 1.4 le stanno chiamando release bug resolving in realtà praticamente hanno riportato il progetto a gtk2 con solo un traduttore per i temi gtk3… potevano perder tempo a creare 2 plugin per xfce era la stessa cosa e forse adesso xfce stava già in gtk3 con 4 sviluppatori in più.

        • domenico

          mhhmm, non mi sembra che sia proprio così.
          mate è una roccia, è compatibile con gtk3. La prossima major version userà solo gtk3x
          non basta rinominare come dici tu

          • TopoRuggente

            Mate non è compatibile con GTK3, le applicazioni scritte e compilate in GTK3 girano in qualsiasi DE.

            Dicono che porteranno il tutto a GTK3, ma riscrivere metacity sarà una sfida e tanto.

    • vino

      no, semplicemente è un DE che funziona, adatto a lavorare e non a giocare, senza inutili fronzoli e menate varie

      • Gianvito Capone

        Vabbé, ora che l’ho provato devo dire che non è troppo male.

        • pi3tr0

          è come gnome 2, brutto di default, ma può diventare carino

      • Kraig

        se vuoi un de senza fronzoli vai direttamente in xfce, dato che sarà pure il de di default di jessie.

    • ge+

      basta un tema ed un set di icone per renderlo graficamente molto gradevole.
      si, magari il set di icone di default lo cambierei se fossi i devs di mate

    • No, è del ’97
      Comunque KDE è del ’96

  • Gabriele

    molto retrò

  • Kraig

    in questo modo si mette fine a point linux. meglio così anche se mi dispiace per lo sviluppatore russo di questa distro.

    • ele

      cosa intendi?che point linux non ci sara piu?io comunque mi sono trovato bene con snowlinux da molto mesi ormai che lo uso

No more articles