Sono iniziate le vendite del nuovo Blackphone smartphone dotato di PrivatOS una versione dedicata di Android che consente di mantenere la privacy dell’utente.

Blackphone
Tra le novità proposte al recente MWC 2014 di Barcellona troviamo anche Blackphone un nuovo progetto che punta ad offrire all’utente un dispositivo in grado di far mantenere la privacy dell’utente grazie ad una serie di applicazioni dedicate e altre importanti features. Blackphone è uno smartphone che nasce dalla collaborazione tra Geeksphone, azienda produttrice spagnola famosa soprattutto per i device con Firefox OS preinstallato, e realizzato in collaborazione con l’azienda statunitense Silent Circle nota per sviluppate soluzioni in grado di criptare chiamate, messaggi, videochiamate ecc.

Nei dettagli Blackphone è un normale telefono tutto nero (come indica appunto il nome) che dispone di uno schermo multi-touch IPS da 4,7 pollici HD con un processore quad core da 2 GHz con 2 GB di Ram, e 16 GB di storage. Presente una fotocamera frontale da 1.3 MP e una posteriore da 8MP con Flash Led, per la connettività troviamo LTE, HSDPA+ e Bluetooth 4.0.

La vera novità si trova all’interno del nuovo Blackphone  che include PrivatOS, una versione dedicata i Android sviluppata per essere stabile e soprattutto immune da virus, malware che attaccano anche il sistema operativo mobile di Google. Presenti diverse applicazioni compreso anche due anni di abbonamento a Silent Circle app o meglio ancora un servizio che consente di criptare tutte le chiamate e messaggi che riceviamo o inviamo, presente anche Disconnect app che blocca automaticamente i siti che tracciano la nostra presenza sul web. Con il nuovo smartphone avremo anche un’abbonamento per 2 anni a SpiderOak un’utile servizio di storage cloud che ci consente di avere 5 GB si spazio web e Kismet una potente applicazioni dedicata ad analizzare in tempo reale il nostro traffico WiFi..

Blackphone è già disponibile dal portale ufficiale a 629 dollari, che aggiunti a tasse e spese di spedizioni equivalgono per noi italiani a  557 Euro.

  • tiopen

    bah, vuoi mettere con un 3310 😉

    • DigiDavidex

      Eccomi! 🙂

      • Il Morre

        sei il mio idolo! 😀

      • ange98

        Ti prego, posta uno screen di Snake *.*

        • DigiDavidex

          anche quella del serpente? se proprio devo faccio un video ^^

          • ange98

            Da quanto tempo *.*

      • Peter_Griffin

        fantastico! che bei ricordi… 🙂

        • Kraig

          poi quella cordicella originale della nokia è molto cool e utile. me lo ricordo quando avevo l’n70. spettacolo! rivoglio il 3310!! grrrrrr… 😀

          • DigiDavidex

            no no, quella l’ho messa io, la smontai da una radiolina cinese e messa col filo da cucire intorno ad uno degli incastri xD

          • Kraig

            chi si ricorda del nokia 1100? a quei tempi veniva cercato per 25000 dollari perchè contiene un bug importante che serviva per violare con facilità i sistemi di sicurezza dell’home banking online. lol
            http://www.allflashfiles.com/wp-content/uploads/2013/07/nokia-1100-flash-file.jpg

      • Brau

        Il bello è che, nonostante l’età del dispositivo, vedo che è tenuto benissimo, e funziona meglio di certi dispositivi costosissimi che si rompono in 2 giorni, e che per sputtanarli ci vuole veramente poco (qualcuno ha detto Samsung?), per il resto, solo applausi 😉

    • Kraig

      mi sa che dobbiamo retrocedere, qui per correre a chi fa il dispositivo tecnologico più evoluto (dicasi confrontare chi ha l’arnese più lungo, se vogliamo essere volgari) si sta rischiando di rincoglionire ancora di più la gente con ste menate di mancata privacy, virus, cazz* e mazzi pure sui cell. ma basta!!

    • Simel

      peccato che la nokia sia sospettata di costruire backdoor hardware, utilizzate poi almeno in india dal governo.

  • Praivat man

    eccerto praivasi qua praivasi la…… sembriamo terrorizzati dalla praivasi…. e dopo 5 minuti siamo a mettere le foto su facebook, su twitter, senza renderci conto che la prsivasi nel 2014 esiste solo per probabilmente qualche tribù sperduta nella papua nuova guinea che non ha mai avuto accesso alla rete.. XD

    • alex

      Ma nemmeno per loro, dietro i cespugli ci sarà qualche troupe che li spia per fare un documentario…

No more articles