Gli sviluppatori Canonical stanno cercando di migliorare il file manager di Ubuntu Touch / Unity 8 per integrarlo di default in Ubuntu 14.10.

Il file manager è un software fondamentale per un sistema operativo dato che consente all’utente di accedere facilmente nei file e directory presenti nel sistema. I cambiamenti di Nautilus / Files da parte di GNOME ha portato non pochi problemi a Canonical, visto anche la rimozione di alcune funzionalità e vari cambiamenti all’interfaccia grafica. La migrazione a Unity 8 prevista per Ubuntu 14.10 potrebbe anche portare un nuovo file manager di default abbandonando cosi definitivamente Nautilus / Files che rimarrà comunque disponibile nei repository ufficiali.
La famosa “convergenza” tra la versione desktop e mobile di Ubuntu porterà di default il file manager attualmente sviluppato nel progetto Core Apps offrendo agli utenti un look tutto nuovo ben integrato con il resto dell’ambiente desktop.

Ad annunciarlo è il developer Oliver Grawert in una recente mailing list indicando come in questi mesi gli sviluppatori lavoreranno molto nel rendere il nuovo file manager più completo e soprattutto stabile.

File Manager App in Ubuntu

Potremo testare il nuovo File Manager targato Canonical assieme anche alle altre applicazioni del progetto Core Apps e Unity 8 dai repository ufficiali di Ubuntu 14.04 Trusty.
Per maggiori informazioni sul nuovo File Manager App targato Canonical consiglio di consultare la home del progetto e il Wiki dedicato.

  • Andrea Jörmungandr

    Le ultime versioni di Nautilus / Files mi facevano davvero pena.
    Molto meglio Nemo sviluppato dal team Mint, a mio parere.

    • ge+

      a me piacciono sia nemo che caja… forse preferisco caja, ma attualmente uso nemo, in attesa che alcuni bug di caja vengano risolti

  • Alessandro Giannini

    Per conto mio, fra tutti i file manager del mondo Linux che ho provato, Dolphin rimane il migliore esistente e tutti gli altri, nessuno escluso, dovrebbero ispirarsi ad esso. Opinione personale, naturalmente.

    • Andrea Jörmungandr

      Ha sicuramente moltissime funzionalità in più di tanti altri, eppure mi dà un senso di pesantezza che non me lo fa piacere del tutto…

    • io mi trovo benissimo con thunar di xfce, è leggero ma molto completo

      • diego freschi

        Anche io mi trovo bene con thunar, però manca la possibilità di cambiare l’icona delle cartelle, si posso solo aggiungere simboli al momento.

    • tomdan

      carino, ma se cerchi di aprire un file libreoffice direttamente da samba ti fa crascare libereoffice cosa che gli altri non fanno…..

    • Corto

      Amen

  • Mamma mia che cambiamenti per Ubuntu…

  • ritchy

    Finalmente Ubuntu ha capito che è meglio tagliare qualche ponte con Gnome (che a mio avviso sta prendendo strade diverse)…l’estetica forse non è un gran chè (preferivo il vecchio nautilus), ma spero soprattutto che ci siano miglioramenti sul piano funzionale. Prossimo passo: forkare Gedit…

  • noname

    Così almeno potrai trasmettere tutti i tuoi file direttamente alla Canonical senza neanche passare dalla dashboard… Canonical: spyware inside!

  • Stefano

    plus google com/114419073019603780828/posts/bZUqFPhfHRX

    “What is important to note is that the decision has not been made yet. We are not even close.”
    (Jono Bacon)

  • Marcantonio98

    Volevo sapere se su Ubuntu 14.04 sarà possibile installare Unity8 e avviarlo come se stessimo avviando GNOME Shell.

  • Davide Dallara

    tanto alla fine unità 8 slitterá alla 15.04 e poi alla 15.10 e così via… poi l”indipendenza la stanno pagando poiché hanno i conti in rosso. unguenti touch è indietro e voglio proprio vedere se uscirà o meno nel 2015 o se aspetterà il 200mai

  • jancu

    nei prossimi 2 anni tutti i software gnome saranno forkati/sostituiti, se canonical non stesse sviluppando un so per smartphone avrebbe già eliminato nautilus dalla versione 3.6 come ha fatto mint

    • gomak

      il che non è affatto un male, anzi è una cosa positiva.

  • enricopas

    vorrei solo dire: pessimi contrasti.

No more articles