Linux Foundation ha recentemente rilasciato il report dedicato allo sviluppo del Kernel nel 2013 che ha visto un’aumento degli sviluppatori, calano invece i volontari.

Negli ultimi anni abbiamo riscontrato notevoli progressi riguardante il Kernel Linux ossia il cuore delle nostre distribuzioni e non solo dato lo troviamo anche in Android, Google Chrome OS e molti altri sistemi e device.
Linux Foundation ha recentemente rilasciato il report annuale dedicato allo sviluppo del Kernel Linux nel 2013 indicando quando di buono fatto negli ultimi dodici mesi da developer e aziende. Gli sviluppatori retribuiti che contribuiscono nello sviluppo del Kernel sono aumentati arrivando a 1.131 unità, da notare che dal 21 luglio 2011 (data del rilascio del Kernel 3.0) al 30 giugno 2013 (data del rilascio del Kernel 3.10) hanno sono state introdotte ben  2.3 milioni di linee di codice per un  totale di circa 17 milioni.

L’azienda che contribuisce maggiormente nello sviluppo del Kernel Linux rimane Red Hat seguita da Intel e Texas Instruments, non c’è Canonical (azienda che supporta / sviluppa Ubuntu la distribuzione Linux più utilizzata al mondo) anche se in parte possiamo inserirla con Linaro dato che l’azienda di Mark Shuttleworth finanzia in parte il progetto.  Calano lievemente invece gli sviluppatori “volontari” che passano al 13,6%, in calo di un punto percentuale rispetto al 2012.

Da notare l‘uscita di scena di Microsoft dato che nel 2013 ha introdotto (per fortuna) pochissime righe di codice per driver Hyper-V, per Android nei 2013 sono state introdotte solamente 7.000  righe di codice altra interessante news arriva da IBM che ha recentemente annunciato di voler investire un miliardo di dollari su progetti correlati a Linux per la gamma di server Power Systems.

Il report lo potete scaricare dalla pagina dedicata della Linux Foundation oppure da questo nostro link.

No more articles