Dai developer SUSE arriva kGraft un’interessante progetto che ci consentirà di includere patch nel Kernel senza riavviare la distribuzione.

SUSE Labs
Negli ultimi anni lo sviluppo del Kernel Linux ha fatto passi da gigante grazie anche a tanti nuovi sviluppatori che ogni giorno iniziano a lavorare nell’integrazione di nuovo codice, patch, correzioni e altro ancora.
E’ possibile ottimizzare / rendere più sicuro il Kernel Linux anche con varie patch di norma introdotte in nuovi aggiornamenti del Kernel i quali però richiedono il riavvio del sistema per attivarle, un problema non da poco soprattutto per chi ha un web server o sistemi il cui riavvio potrebbe portare diversi problemi. A fornire una soluzione troviamo il software Ksplice incluso nei repository ufficiali delle principali distribuzioni Linux, in alternativa attiva il nuovo progetto kGraft presentato recentemente dal team SUSE.

SUSE Labs ha recentemente annunciato il nuovo progetto kGraft tool in grado di inserire patch ne Kernel Linux in tempo reale, senza dover riavviare il sistema.
Grazie a kGraft potremo inserire patch di sicurezza all’interno del Kernel Linux “a caldo” senza alcun riavvio del sistema, una soluzione ancora in fase di sviluppo che sembra già funzionare egregiamente come dimostrato da alcuni developer Suse Labs in recente video postati in rete

kGraft è un nuovo progetto open source (rilasciato con licenza GPLv3) e dovrebbe approdare nelle prime settimane di marzo, dopo un’accurata analisi da parte degli sviluppatori delle principali distribuzioni Linux potrebbe approdare ben presto nelle nostre distribuzioni Linux.
Per maggiori informazioni su kGraft consiglio di consultare l’annuncio ufficiale del nuovo progetto da parte del team SUSE Labs.

No more articles