Vi presentiamo Jeex un completo editor esadecimale che ci offre una semplice interfaccia grafica con la quale possiamo creare, visualizzare e modificare file in modalità esadecimale

Jeex in Ubuntu Linux
Tra le tante applicazioni disponibili nei repository ufficiali delle principali distribuzioni Linux troviamo anche Jeex, con il quale potremo operare in file in forma esadecimale.
Jeex è un ottimo editor esadecimale open source,  scritto in C con un’interfaccia grafica GTK, sviluppato da uno sviluppatore italiano (hds619). L’idea del progetto Jeex è quella di offrire all’utente e professionista un completo software per operare in file in modalità esadecimale offrendo un’interfaccia grafica semplice e minimale con in incluse svariate funzionalità compreso la possibilità di operare anche da riga di comando.

Attraverso Jeex potremo creare, aprire e modificare file in forma sia esadecimale oppure binaria, ottale e ASCII, dal menu strumenti possiamo estrarre tutte le stringhe presenti nel file ( sono considerate stringhe tutti i caratteri alfabetici che siano contigui per più di 3 volte ), possiamo inoltre dividere il file corrente in più file di dimensione minore oppure unire più file in nuovo file, è possibile anche esaminare le strutture del file: ovvero specificare i tipi con cui è stato salvato il file ( tipo contiene i tipi int, char e double a ripetizione continua ) e verrà visualizzato un pannello contente le informazioni della struttura.

Jeex è disponibile nei repository ufficiali delle principali distribuzioni Linux, per installare l’applicazione in Ubuntu, Debian e derivate basta digitare da terminale:

sudo apt-get install jeex 

Per maggiori informazioni su Jeex basta consultare la pagina ufficiale del progetto.

  • Youth Crew

    Bah, non so perché, ma non mi ha mai attirato l’Arduino…preferisco sempre smanettare usando qualcosa di professionale come i PIC

    • Arthur

      Con PIC e’ difficile ‘smanettare’ arduino e’ molto simile a C perciò e’ più bello ed intuitivo lavorarci. Comunque serve principalmente per la prototipazione alla portata di tutti, e fai progetti interessanti in poco tempo!

      • embeddedPROJECTS

        Con i PIC a regola si usa il C, solo se ci si vuole fracassare le palle si usa assembler, ma lo stesso vale per tutte le MCU.

      • Youth Crew

        Beh con i microcontrollori della Microchip (in questo caso i PIC/dsPIC) ti scegli il tuo compilatore ed usi quello, ce ne sono molti per vari linguaggi e ormai posso dirti che il più usato è proprio il C…poi ovvio Arduino è già una piattaforma di sviluppo bella pronta invece con i PIC (o qualsiasi microcontrollore) ci devi “costruire” tu tutto ciò che ti serve attorno ed a parer mio è anche questo il bello 🙂
        …tieni presente che con i microcontrollori ci puoi fare una marea di cose, pressoché infinite…

  • webtronico

    Arduino UNO R3 e in vendita anche in Italia nello store FUTURA ELETTRONICA (www.futurashop.it) nella sezione SOFTWARE E SISTEMI DI SVILUPPO > ARDUINO. Sono presenti vari KIT e sistemi di espansione.

  • €85 per una board con un micro ad 8 bit? Tanto vale spendere meno della metà ed avere un ARM Cortex…

  • Bubz

    Io uso arduino per moltissime cose e devo dire che è una figata: non me ne vogliano i gestori del sito, ma su interdet/baya si trovano cloni con meno di 15 euro (e del tutto regolari, in quanto Banzi ha sempre reso open progetto, schemi, fw, etc)!

No more articles