In questa semplice guida vedremo come poter installare Fedora con l’ambiente desktop e applicazioni preferite il tutto attraverso una normale live cd.

Fedora
Vi presentiamo un’interessante guida realizzata dal nostro amico / lettore N-Di darth che ci consentirà di installare Fedora nel nostro pc o in una pendrive o hard disk esterno con l’ambiente desktop e applicazioni preferite. A differenza della “classica” versione NetInstall, in questo caso utilizzeremo una normale live dalla quale andremo ad installare il sistema base per poi completare l’installare l’installazione con l’ambiente desktop e applicazioni preferite operando da chroot (una tipologia d’installazione molto simile a quella di Arch Linux). Cosa ci serve? Ci serve una live di Fedora su cd o pendrive, inoltre nell’hard disk, pendrive nel quale installare Fedora con una partizione libera per farlo potremo utilizzare GParted applicazione già presente nella livecd, durante la creazione noteremo la dicitura della partizione nel mio caso è sda1.

Una volta avviato Fedora da live avviamo il terminale e digitiamo:

su -

ora potremo operare da root nel nostro sistema, a questo punto formattiamo la partizione creata in precedenza in ext4 digitando:

mkfs.ext4 /dev/sda1

dove sda1 potrebbe essere diverso nel vostro pc
ora dovremo montare la partizione per farlo digitiamo:

mount /dev/sda1 /mnt/

a questo punto installiamo il sistema base nella partizione digitando:

yum --installroot=/mnt/. --releasever=20 install filesystem
yum --installroot=/mnt/. --releasever=20 group install core
yum --installroot=/mnt/. --releasever=20 install kernel.x86_64 grub2

al termine dell’installazione dovremo creare fstab in /etc/ per farlo dovremo conoscere l’UUID della nostra partizione digitando da terminale:

blkid /dev/sda1

una volta salvato l’UUID digitiamo:

nano /mnt/etc/fstab

e inseriamo / correggiamo l’UUID il risultato dovrebbe essere molto simile a quanto riportato sotto:

UUID=fe99f484-f116-40e3-8159-ef84799d2da0 / ext4 defaults,noatime 0 1

salviamo il tutto cliccando su Ctrl + x e poi s.
Ora dovremo accedere nella partizione da chroot in maniera tale da poter completare la distribuzione installando l’ambiente desktop, applicazioni ecc.
Per farlo digitiamo:

cp /etc/resolv.conf /mnt/etc/.
cd /mnt/
mount -t proc proc proc/
mount -t sysfs sys sys/
mount -o bind /dev dev/
mount -t devpts pts dev/pts/
#mount -t devpts -o rw,nosuid,noexec,gid=5,mode=620,ptmxmode=000 devpts dev/pts
chroot /mnt/. /usr/bin/bash

ora dovremo installare GRUB per farlo digitiamo:

grub2-install /dev/sdg
grub2-mkconfig > boot/grub2/grub.cfg

ora ce da creare un utente digitando

adduser --create-home --groups users --shell /bin/bash nomeutente

dove al posto di nomeutente inseriremo il nostro username preferito
a questo punto impostiamo la password di root e di user digitando:

passwd root
passwd nomeutente

ora ce da da impostare l’ora corrente digitando:

ln -s /usr/share/zoneinfo/Europe/Malta /etc/localtime

e la lingua:

ln -s /usr/share/zoneinfo/Europe/Rome /etc/localtime
echo "LANG="it_IT.UTF-8" > /etc/locale.conf

a questo punto avremo il sistema base pronto, potremo completare l’installazione installando l’ambiente desktop e applicazioni preferite.
Prima di procedere dovremo inserire i DNS altrimenti all’aggiornamento dei repository avremo un’errore di connessione per impostarli basta digitare:

nano /etc/resolv.conf

e inseriamo i DNS altrimenti non funzionerà io di solito inerisco quello Google quindi inseriremo:

nameserver 8.8.8.8
nameserver 8.8.4.4

salviamo con Ctrl + x e poi s
ora possiamo finalmente installare l’ambiente desktop, applicazioni ecc, al termine riavviamo ed ecco la nostra Fedora realizzata conforme le nostre preferenze.

Ringrazio N-Di per la segnalazione, la guida dalla quale abbiamo preso spunto la potete trovare in questa pagina.

Ricordo che possiamo effettuare un’installazione simile anche con Ubuntu grazie a debootstrap, per maggiori informazioni basta consultare questa nostra precedente guida.

  • Questa è la procedura per installare una qualsiasi distribuzione, una volta si faceva con chroot ora ognuno si è fatto il suo alias XD

  • fedorista

    ln -s /usr/share/zoneinfo/Europe/Rome /etc/localtime
    echo “LANG=”it_IT.UTF-8” > /etc/locale.conf

    • commenti a metà

      per impostare la localizzazzione italiana e la lingua 😉

    • corretto grazie x la segnalazione

      • MoMy

        Mi sa che hai pastrocchiato un po’. :p
        Il collegamento ln -s è doppio – infatti c’è quello per Malta e Rome – e se non sbaglio manca l’ echo al locale.gen.
        Poi boh! ^^

  • Simone Picciau

    Stampo subito la guida!!!

  • LJ

    mah …ho appena installato fedora 20, con installer grafico…. in italiano…credo 15 minuti il tutto, poi è partita la fase di installazione.

    molto semplice direi.

No more articles