Firefox Sync la nuova versione approda in Firefox 29

E’ approdato nella versione Nightly di Firefox 29 per Windows il nuovo Firefox Sync che ci consentirà una più facile configurazione e sincronizzazione dei nostri preferiti, password ecc.

Firefox Sync in Firefox su Ubuntu Linux
Una delle caratteristiche più richieste ed apprezzate dagli utenti è la possibilità di sincronizzare facilmente segnalibri, password, preferenze ecc tra più pc desktop e mobili. Gli sviluppatori Mozilla hanno introdotto Firefox Sync importante opzione che ci consente di sincronizzare tra più browser segnalibri, password ecc, funzionalità utilizzata da circa l’1% degli utenti. A quanto pare Firefox Sync non è molto semplice da configurare e per questo motivo molti non viene utilizzata dagli utenti i quali molto spesso scelgono servizi / add-on di terze parti per la gestione delle password, segnalibri ecc. Per questo motivo gli sviluppatori Mozilla hanno deciso di migliorare  Firefox Sync, con la versione 1.5 da poco approdata nella versione in fase di sviluppo di Firefox 29.

Il nuovo Firefox Sync ci consentirà di poter sincronizzare in maniera molto più semplice i nostri segnalibri, password, cronologia, applicazioni, preferenze ecc il tutto senza dover inserire key d’autentificazione o altro, basterà inserire l’indirizzo email e password come accade ad esempio in Google Chrome.

Semplicità e non solo, il nuovo Firefox Sync sarà anche più stabile e sicuro, dato che i nostri dati saranno criptati inoltre sarà possibile salvarli non solo nei server Mozilla ma anche nei nostri server.
Il nuovo Firefox Sync 1.5 è da poco disponibile nella versione in fase di sviluppo (Nightly) di Firefox 29 per Microsoft Windows, arriverà comunque a breve anche nella versione per Mac e Linux.

Firefox Sync 1.5 in Firefox 29 per Windows

Firefox 29 approderà in versione staible dal 29 aprile 2014. per maggiori informazioni su Firefox Sync 1.5 consiglio di consultare la pagina dedicata dal portale services.etherpad.mozilla.org.

48 Commenti

  1. Io la sto usando da qualche mese sul notebook e sono felicissimo. Completa e veramente molto stabile per essere un progetto cosí giovane. Il full script di installazione é veramente fatto bene, e penso aiuti parecchio anche chi e alle prime armi con il Pinguino.

  2. Lo sfondo secondo me è orripilante,mi piaceva mooooolto di più quello della RC.
    Complimenti comunque a elias &co. per l’ottima distro

    • Lo sfondo, creato da Helix, è a mio parere una meraviglia, invece.
      Considera che la mano che vedi è proprio di Helix. Lo sfondo rappresenta un concetto di Tempesta (Storm) magnetica.
      C’è anche un codice binario (gli 1 e 0 che vedi) che contiene un messaggio, ma lo conosciamo solo gli autori 🙂

      • Su una delle ultime righe ho letto “stor” quindi presumo “storm”,preceduto da “x-light-mind”.Non ho voglia di leggere tutto perchè ci metterei troppo 🙂
        Ho il sospetto che troverei 01101000 01100101 01101100 01101001 01111000 comunque (helix) 🙂

        • 🙂 il bello è che per tradurre con il copia incolla (prima di fare lo sfondo) è facile, quando poi non puoi usare i convertitori diventa difficilotto. Grande Andreazube!

    • vecchia questione, comunque non è una derivata di nessuna distro, se non di mamma ubuntu.
      Si tratta di una ubuntu installata da minimal cd (senza alcun DE o pacchetto inutile). Su questa è stato installato il DE xfce ed i pacchetti che abbiamo ritenuto opportuno installare, riducendo all’osso le applicazioni nella base.
      Di linuxmint c’è solo il repo, ma anche il mintupdate non è quello di Clem, bensì uno modificato ed implementato da noi.
      In XLM spetta all’utente, aiutato dal fullscript, scegliere quali pacchetti o applicazioni installare, senza alcuna scelta imposta dal creatore
      La filosofia alla base, quindi, non è partire da una distro per aggiungere qualcosa (classica strada delle derivate, compresa linuxmint rispetto a ubuntu), ma di partire dall’ambiente minimale, basato solo su shell, per installare il minimo indispensabile.
      In sostanza, il concetto KISS trasposto da Arch su ubuntu. La distro ispiratrice del concetto è Bodhi Linux, che però usa E17 come wm, mentre a noi piace il topolino…

      • @google-79969d16016ec38d8c1df24adf21148c:disqus: Complimenti per il progetto e soprattutto l’installer che ti fa scegliere cosa installare è un ottima idea.

  3. Ho provato piu volte a installarlo, ma ho sempre ricevuto errori in fase di installazione ( Il sistema di installazione è andato in crash…) , ho seguito i vari consigli di aggiornamento del Fullscript , ma ad ogni riavvio ( lungo e interminabile ) il tutto si blocca al caricamento. Peccato, spero nella rilsoluzione dei bug nelle prossime versioni visto che il progetto è molto interessante e gli autori sono veri appassionati molto disponibili ( vedi Linux Mind ).

  4. E’ ottimo quando crasha o ci sono errori critici da farti riformattare il pc avere sempre i stetti segnalibiri! E’ una delle cose che amo di più di Firefox :3

  5. Quella key è il motivo per cui sono passato a chrome. Dato che installavo e disinstallavo spesso distro mi rompevo a inserirla ogni volta e invece chrome ti fa usare semplicemente la password del tuo account.

      • Ma chi gli ha detto a loro che io non posso usare una password da 8 cifre mnemonica e abbastanza sicura da essere una buona password per un servizio di sincronizzazione dei segnalibri/preferiti?

        • la password la conosce anche google ovviamente, quindi per loro le psw sono in chiaro, quelli di mozilla invece non conoscono la chiave di cifratura.

          • Non è vero! Non sono in chiaro le psw! Possono accedere ai dati lo stesso se vogliono ma non con la password.

          • ecco hai ammesso anche te allora che possono accedere ugualmente ai dati.

            le password ovviamente saranno cifrate all’interno del database, però questo non gli impedisce di accedere ugualmente

          • Certo, ma non dico che il motivo sia perchè usiamo la password e no una passphrase ma perchè hanno gli strumenti che glielo permettono e mi chiedo se ce l’ha google perchè non li potrebbe avere Mozilla.

          • Google salva dati e password separatamente. La password serve solo per l’accesso, ma i tuoi dati nei loro server sono in chiaro. Quindi loro possono accedere ai tuoi dati anche senza sapere la tua password.

            Mozilla cripta i tuoi dati con la tua password e non conosce la tua password. Quindi non può accedere ai tuoi dati.

          • come fa mozilla o chiunque altro a trovare la passphrase se non ce l’ha??? questa ce l’hai solo te, quindi solo tu puoi decifrare le tue informazioni se l’unica copia della chiave ce l’hai te??

            vediamo un’altro esempio per farti capire.

            ESEMPIO GOOGLE SYNC:
            tu vai in albergo, quando arrivi vai alla hall e ti fai dare le chiavi della tua stanza (password per decifrare le tue informazioni), quando entri in possesso della tua chiave tu sei libero di entrare nella tua stanza (accedi alle tue informazioni con la tua password).
            ok fino a qui ci siamo?? però oltre a te, anche i gestori dell’albergo (amministratori del database di google sync) hanno la chiave per entrare nella tua stanza capito??

            ESEMPIO FIREFOX SYNC:
            allora vediamo di farlo capire come funziona, tu hai una cassaforte (database con informazioni), e l’unica chiave per aprirla (passphrase) ce l’hai tu, come fa un ladro ad aprire la cassaforte se non ha la chiave??

            questo mio esempio dovrebbe farti capire, spero

            quindi rispondendo alla tua domanda
            “Certo, ma non dico che il motivo sia perchè usiamo la password e no una passphrase ma perchè hanno gli strumenti che glielo permettono e mi chiedo se ce l’ha google perchè non li potrebbe avere Mozilla.”
            la risposta è semplice, perchè username e password sono memorizzate nei database di google mentre la passphrase non è memorizzata nei database di mozilla e quindi senza di questa non puoi fare un accesso non autorizzato, ma anche se il governo ordinasse di decifrare le tue informazioni, mozilla non potrebbe perchè la chiave ce l’hai solo tu.

            giusto per chiarezza, nemmeno google sarebbe in grado di ripristinare questa passphrase, perchè semplicemente non è memorizzata nei database.

            come se tu volessi aprire sul tuo PC un file che è SOLO ed ESCLUSIVAMENTE nel PC di un tuo amico (e che ovviamente non è mai uscito da li), non potresti avere accesso a quel file se lui stesso non te lo da

          • Ok, ho capito. Comunque facevoc onfuzione perchè io con google chrome ho la password epr la SINCRONIZZAZIONE. E’ opzionale ma a differenza di firefox la decidi tu la passphrase. Ecco perchè ero rinco, perchè già usavo la passphrase su google chrome. La differenza è che Firefox te la genera random con Chrome la puoi scegliere tu. Il funzionamento di questa passphrase funziona cm quella di mozilla: https://support.google.com/chrome/answer/1181035?hl=en

          • Ho capito. Facevo confuzione perchè io uso la passphrase anche su Chrome XD. E’ unopzione extra che invece delle credenziali di Google le cripta con una passphrase che scegli tu invece di essere generata random da Mozilla. Ecco perchè lo preferisco perchè con Mozilla non puoi scegliere ma ti fa usare solo una random invece tu con Chrome puoi usarne una complicata ma mnemonica per te.

          • ahh ecco se usi la passphrase anche su quello di google allora è più o meno come il servizio di mozilla quindi teoricamente la sicurezza dovrebbe essere sullo stesso livello, peccato però che google non lo usi come metodo predefinito ma solo come opzione

          • Dici? Se io fossi Google farei proprio così invece. Keep it simple. Se a qualcuno frega davvero assai della sicurezza dei dati basta che legge il rigo sotto e c’è la passphrase… non è nascosta come opzione, proprio il radio button sotto.

        • come ti ha risposto Simel, la password di firefox la sai solo te quindi nessuno anche volendo e ottenendo i permessi dal governo potrebbe vedere quali dati sincronizzi.

          • Ma ne siete sicuri che è in chiaro? Perchè usare la password per criptare i file significa tante cose… tipo che la password è criptata e con la password criptata vengono a sua volta criptati i dati da sincronizzare. Sta cosa che Google ha la mia password in chiaro mentre Mozilla no non mi convince. C’è scritto in qualche posto che ce l’hanno in chiaro loro? E se per caso l’avessero in chiaro perchè Mozilla non potrebbe averla anche? Non vi sto capendo .-. ….

          • il problema è che con firefox sync, mozilla oltre alle credenziali del tuo account, ti genera anche una passphrase e questa chiave la conosci solo ed esclusivamente tu, nessun altro, nemmeno mozilla ha memorizzato nei suoi server quella chiave di sicurezza, mentre su chrome sync, di default i tuoi dati personali vengono cifrati nel metodo tradizionali usando solo le credenziali di accesso.

            provo a spiegarmi meglio.

            google nei suoi server memorizza la tua email (o username), e la tua password CIFRATE, quindi anche se un malintenzionato dovesse rubare il database contenete le tue informazioni, non riuscirebbe comunque a leggerle perchè sono cifrate.

            e fino a qui è tutto ok e sembra non esserci nulla di male, però google (come tutti i siti che permettono di creare un account), permette anche un ripristino delle credenziali nel caso in cui le perdessi, e quindi, come tu puoi ripristinare la tua password e crearne una nuova, la stessa cosa la potrebbero fare quelli di google, nel caso in cui qualcuno (governo, cia, nsa, o chi altro abbia il potere di farlo), chiedesse di vedere cosa l’utente memorizza, potrebbe usare lo stesso procedimento per reimpostare le credenziali e decifrare il database, e siccome le tue credenziali sarebbero protette solo dall’account, una volta effettuato l’accesso all’account, possono vedere tutto cio che vogliono.

            invece il meccanismo della passphrase non ti permette di fare questo, perchè anche se avessero email e password per accedere al tuo account, i tuoi dati sono comunque protetti da un altro sistema di cifratura e la chiave per decifrare i dati la sai solo ed esclusivamente te, e data la sua commplessità, nemmeno se tanti supercomputer lavorassero parallelamente per decifrare il database, riuscirebbero a decifrarlo in tempi umani, quindi è molto più sicuro.

            comunque se non sbaglio, anche chrome sync da la possibilità OPZIONALMENTE di scegliere se usare o no una passphrase che conosci solo ed esclusivamente tu

          • Intanto anche con la mia password mnemonica ce ne vuole di andarla a beccare con i bruteforce… Cmq Google ha la mia password CIFRATA con cui sono criptati i dati dei miei preferiti. Per decriptarla però gli serve in chiaro. Come fanno a farlo? Se hanno questa tecnologia perchè mozilla non potrebbe usarla per fare la stessa cosa?
            PS: Grazie per il tentativo (fino ad ora senza successo però XD) di farmi capire FORSE come stanno le cose.

          • le password all’interno del database sono cifrate, ma essendo loro il database, hanno il sistema di ripristinare le password, in caso in cui la perdi.
            se tu dimentichi la password, ti viene ripristinata, ecco questo lo possono fare anche loro, cambiano la password e la usano per decifrarti i file.

            mentre con una passphrase che non è nel loro server questa cosa non è possibile farla perchè anche se accedessero al tuo account, i dati personali sono cifrati utilizzando la passphrase che solo tu hai, e quella avendola solo tu non la puoi ripristinare, infatti se perdi quella sei fottuto, in quanto non ne puoi rigenerare un’altra.

            PS: hai mai fatto un server mysql? con tanto di client in php per creare un nuovo account? se lo hai fatto vedresti che tu amministratore del database hai i permessi per cancellare/aggiungere account e volendo puoi anche modificare i dati degli utenti, quindi volendo non ci vorrebbe nulla cambiare la password per poter accedere all’account e prendere cio che serve, sia se la password è salvata cifrata sia che non è salvata cifrata.

            ad esempio la password “123456” cifrata viene una roba tipo (invento caratteri a caso) “DGANVL98SGN8”
            bene l’amministratore del database può rimuoverti quella password e ad esempio mette come password “pippo” che cifrata viene “GHJSNSAO98SD9” quindi al posto della precedente password cifrata ci mettono questa nuova, dopo nel tuo account ci si può accedere con la password “pippo”, mentre invece con il sistema di mozilla questa cosa non può accadere, perchè la passhprase deve essere sempre la stessa e non può cambiare altrimenti non riesci a decifrare le informazioni

            quindi in conlusione, è vero che google non può sapere che la tua password è “123456”, ma può comunque accedere al tuo account in quanto è amministratore del database quindi anche se i dati sono cifrati google con questo semplice sistema può sapere comunque cosa sincronizzi.

            mentre invece il sistema di mozilla è diverso, e molto più sicuro perchè la passphrase ce l’hai solo tu, e solo con quella puoi decifrare le informazioni riservate, e ovviamente questo codice non può cambiare perchè altrimenti non sei più in grado di decifrare le informazioni cifrate, infatti nemmeno te utente finale sei in gradi di cambiare la passphrase in quanto questa viene generata automaticamente dal software sync

  6. Era davvero assurdo dover avere un dispositivo sincronizzato affianco a sé per poterne sincronizzare un altro. Almeno 3 volte avrò eliminato totalmente l’account Firefox Sync.

    • non c’era bisogno di avere affianco un dispositivo per poter sincronizzare, basta saperlo usare ed è semplice io lo sto usando tra windows 7 e archlinux in dualboot quindi non c’è bisogno che di avere i 2 dispositivi affianco

  7. Qualcuno sa come esportare i dati, tramite sync, dal browser di android verso il pc? E’ facile il contrario ma sembra impossibile farlo da Android verso pc.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here