Vi presentiamo extundelete utile tool per Linux che ci consente di poter recuperare facilmente file e directory accidentalmente rimossi in partizioni ext3 e ext4.

E’ capitato bene o male a tutti di aver per sbaglio cancellato definitivamente alcuni file, per fortuna esistono svariati tool che ci consentono di recuperare i nostri file e directory erroneamente rimossi.
Proprio nei giorni scorsi abbiamo presentato ben 6 utili tool per recuperare file cancellati dal famoso photorec, ad hdrecover, Ntfsundelete, Scalpel  e Gparted applicazioni che bene o male dovrebbero risolvere i nostri problemi recuperando i file eliminati nel nostro sistema operativo oppure in hard disk esterni, pendrive ecc. In alternativa possiamo recuperare file eliminati in partizioni ext3 ed ext4 grazie al tool  open source extundelete disponibile nei repository ufficiali delle principali distribuzioni Linux.

extundelete è un tool che usa le informazioni memorizzate nel journal della partizione per recuperare un file che è stato eliminato, semplice e funzionale, supporta solo le partizioni ext3 e ext4 utilizzate dalla maggior parte degli utili Linux.

Installare extundelete in Debian, Ubuntu e derivate è molto semplice basta digitare da terminale:

sudo apt-get install extundelete

fatto questo controlliamo la partizione nella quale recuperare i file digitando da terminale:

sudo fdisk -l

avremo come risultato l’elenco della partizioni presenti / collegate nel nostro sistema, nel nostro esempio la partizione nella quale recuperare file è /dev/sda1 per recuperare tutti i file presenti (rimossi e non) in una partizione basta digitare:

sudo extundelete /dev/sda1 --restore-all

tutti i file recuperati verranno salvati nella directory RECOVERED_FILES di norma presente sulla home, essendo creata da root potremo rimuovere i file e directory contenuti / recuperati avviando ad esempio da root il nostro file manager oppure con il comando sudo rm -r nomedirectory da terminale.

Se vogliamo ripristinare una directory specifica (per esempio la cartella Documenti presente nella home basta digitare):

sudo extundelete /dev/sda1 --restore-directory /home/$USER/Documenti

volendo potremo anche indicare il percorso esatto di un file rimosso, se ad esempio vogliamo recuperare il file lffl.pdf presente in Documenti basta digitare:

sudo extundelete /dev/sda1 --restore-directory /home/$USER/Documenti/lffl.pdf

per maggiori informazioni e funzionalità di extundelete consiglio di consultare questa pagina.

Home extundelete

  • alfr3do92

    Roberto per quanto riguarda chakra?

    • andreazube

      È quasi uguale.Se vai sul forum di Chakra Italia io ho fatto una guida (sezione guide)

      • andreazube

        Ho editato l’articolo mettendo il link alla guida per Chakra e correggendo un errore grammaticale

        • alfr3do92

          grazie infinite! Per questo adoro linux 😀

      • alfr3do92

        vale anche per nVidia?

        • andreazube

          Usi i driver open o proprietari?
          Se usi gli open non dovresti avere nessun problema
          Nella guida ho messo ati driver liberi perchè il mio pc è cosi,quindi ho testato cosi.Ciò non vuol dire che con altri driver non vada,anche perchè la mia guida,come presumo anche quella di Roberto,si basa sul wiki di Arch,che vale anche per Nvidia

        • si vale per qualsiasi gpu

        • superlex

          Sì. Se usi i nvidia proprietari hai bisogno di framebuffer:
          wiki .archlinux .org/ index.php/Uvesafb_%28Italiano%29

        • Ferik

          Per nvidia proprietari e il mio schermo (1440×900) ho trovato questa soluzione:

          sudo nano /etc/default/grub

          GRUB_CMDLINE_LINUX_DEFAULT=”quiet splash nomodeset video=uvesafb:mode_option=1024×768-24,mtrr=3,scroll=ywrap”

          GRUB_GFXMODE=1024×768

          salva (CTRL+O invio) e chiudi (CTRL+X).

          sudo grub-mkconfig -o /boot/grub/grub.cfg

          riavvia.

          Spero si capisca 😀

  • alfr3do92

    Roberto per quanto riguarda chakra linux invece?

    • andreazube

      Ho editato l’articolo mettendo il link alla guida per Chakra e correggendo un errore grammaticale.

  • A me durante la compilazione mi da un errore in build() e si ferma. Uso archlinux 64 bit con kde. Ho provato anche ad aggiornare ma nn è cambiato niente. Qualche idea?

    • installa questo pacchetto http://manjarolinux.polymorf.fr/addon/x86_64/plymouth-0.8.6.1-5-x86_64.pkg.tar.xz avrai il tema di manjaro poi in un secondo momento mettere quello di arch

      • così il pacchetto lo installa ma quando vado ad aggiornare il file con mkinitcpio -p linux mi da questo errore : file not found: `/etc/manjaro-release’. Quindi dopo non va plymouth.
        Ho risolto installando la versione git e compilando senza yaourt, poi ho seguito le istruzioni che da il terminale alla fine dell’installazione ed è tutto ok. L’unica cosa non mi ha fatto fare il passaggio di cambiare le impostazioni del grub. Grazie lo stesso! Intanto ne approfitto per farti i complimenti per il bellissimo blog io ho i preferiti pieni delle tue guide su arch/kde e spero che arch troverà sempe più spazio.

  • superlex

    Occhio che, soprattutto con systemd, occorre aggiungere:
    MODULES=”i915″

    o
    MODULES=”radeon”
    o
    MODULES=”nouveau”
    o
    MODULES=”uvesafb”
    nel file
    mkinitcpio.conf
    (come riportato nel Wiki).

    • con systemd a dire il vero ho installato tutto come da guida senza problemi

      • superlex

        Strano, a me va in tilt tutto se lo lascio vuoto (a prescindere che usi nouveau o nvidia+uvesafb).

  • Ferik

    Il tema di archlinux si trova direttamente in AUR :

    packer -S plymouth-theme-arch-logo
    plymouth-set-default-theme arch-logo

    Ciao 🙂

  • daniele2010

    ciao scusami ma mantiene i percorsi delle sottocartelle? avevo provato qualche software su linux ma non facevano altro che dividere i file recuperati per tipo in rispettive cartelle e la cosa mi dava molto fastidio perché non riuscivo a trovare ciò che mi serviva…

No more articles