DDRescue-GUI è un progetto scritto in Python che offre un’interfaccia grafica per ddrescue potente strumento GNU dedicato al recupero dati da hard disk, pendrive, cd, dvd corrotti.

DDRescue-GUI  in Ubuntu Linux
Per chi non lo sapesse GNU ddrescue è un utilissimo tool che ci consente di copiare i dati presenti in un hard disk, pendrive, cd, dvd corrotti in una directory. Da notare inoltre che ddrescue include diversi algoritmi e strumenti che consentono di non troncare i file di output se non richiesto cercando di riempire i file vuoti. ddrescue dispone di funzionalità completamente automatizzate che ci consentono di evitare blocchi di errore, rallentamenti del software ecc, il procedimento di salvataggio dei file sarà quindi molto veloce e funzionale.
Presene nei repository delle principali distribuzioni Linux, ddrescue però richiede l’utilizzo da riga di comando operazioni non troppo amate dagli utenti per questo motivo è nato DDRescue-GUI un’utile interfaccia grafica dedicata.

DDRescue-GUI è un progetto open source che punta a fornire un’interfaccia grafica di ddrescue che ci consente di operare molto più facilmente nel recupero dei file da hard disk, partizioni, directory, pendrive, cd, dvd ecc corrotte. Utilizzare DDRescue-GUI è molto semplice basta indicare la partizione, cartella, cd/dvd corrotto e la cartella nella quale salvare tutti i file e avviare il processo, dalle preferenze inoltre troviamo molte altre utili opzioni che ci consentiranno di poter estrarre al meglio i nostri dati.

DDRescue-GUI - Preferenze

Come installare DDRescue-GUI:

DDRescue-GUI è disponibile per Ubuntu e derivate e Mac OS X scaricando i pacchetti o .dmg da questa pagina.
Per gli utenti Ubuntu è possibile installare e mantenere aggiornata DDRescue-GUI grazie ai PPA dedicati basta digitare da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:hamishmb/myppa
sudo apt-get update 
sudo apt-get install ddrescue-gui

ricordo che all’avvio di DDRescue-GUI dovremo inserire la nostra password dato che il tool funziona solo con i permessi di root.

Per rimuovere DDRescue-GUI basta digitare:

sudo add-apt-repository -r ppa:hamishmb/myppa
sudo apt-get remove ddrescue-gui

Home DDRescue-GUI   |   Ddrescue – Data recovery tool

  • OrkoMastro

    Non ho ben capito cosa sperano di vendere… è vero che TomTom è meglio di Google Maps, ma per 59.99€ va benissimo il maps che è comunque un buonissimo prodotto (e pure gratis) il sistema TomTom avrebbe senso se costasse 5,99 €

    • dongongo

      Non tutti hanno una flat, e ad oggi, non è ancora indicato maps per la navigazione offline… 🙂

      • ma anche senza flat… spendendo qualcosa di connessione… prima che arrivi a spendere 40euro ne passa di tempo

        • nowardev

          mah insomma ..

          io spendevo a gogo altro che ne passa di tempo…è vero che ci sono contratti vantaggiosi tuttavia è un canone OGNI MESE mentre qui spendi una volta sola e poi basta.

          se facciamo i conti 40 euro + connessioni sporadiche con il cellulare non saranno mai come

          costo flat ogni mese per 12 mesi …

          • certo. se uno è costretto ad usarlo molto spesso allora si hai ragione. in quel caso acquistarlo sembra vantaggioso. ma forse se lo si deve usare davvero di frequente allora un tomtom separato con uno schermo grande senza andare a gravare sulla batteria dello smartphone sarebbe ancora più saggio anche se il costo lievita. tutto dipende da quanto uno lo usa. per una gita ogni tanto o in vacanza… non credo proprio.

          • nowardev

            Mah io ho il tomtom per i cavoli suoi pagato a suo tempo 200 euro …. cosa vuoi che ti dica …. è scomodo me lo dimentico molto spesso a casa perche ho paura che mi rompano il vetro della macchina per portarsi via vari cazzilli quindi tendo a rimuoverli e tenerli a casa con il cellulare è molto comodo … poi se lo devi usare spesso c’è il connettore per macchina problemi di batteria non ce ne sono … poi ovvio come dici tu dipende da come uno si organizzza

        • sul nuovo google maps c’è la funziona offline che ti carica una parte di mappa

          2012/10/5 Disqus

        • geppo

          si vede che non sai quanto costa il roaming… 😉

    • Francesco

      Invece ha molto senso e non si può assolutamente paragonare un’applicazione come Google Maps ad una come questa o come l’ iGO, siamo su un’altro pianeta.
      Se si viaggia molto, specialmente per lavoro,questi navigatori servono molto e valgono tutti i soldi richiesti.Infine se sei all’estero che fai ? Usi Google Maps in roaming internazionale e per 800 km di strada ?

  • Marco Munari

    Sì, però non è compatibile con tutti è terminali, per esempio col Samsung Galaxy Nexus, che non è tra i meno diffusi…

No more articles