Gli sviluppatori della distribuzione Ubuntu GNOME stanno cercando nuovi developer per lo sviluppo della futura versione 14.04 Trusty LTS.

Ubuntu GNOME
Ubuntu GNOME è una derivata che punta a coniugare la stabilità e qualità di Ubuntu il tutto con un’ambiente desktop moderno e funzionale come Gnome Shell. L’idea del progetto è quella di riportare l’ambiente desktop Gnome Shell in Ubuntu Linux, con alcune personalizzazioni e ottimizzazioni varie, includendo lo stesso installer, software center e supporto di Ubuntu. Lo sviluppo di Ubuntu GNOME 14.04 Trusty LTS sta portando diverse difficoltà a causa del passaggio a Gnome 3.10, gli sviluppatori stanno lavorando anche allo sviluppo della futura versione 3.12 di Gnome che sarà disponibile grazie ai PPA Gnome 3 Next.
Per questo motivo gli sviluppatori Ubuntu GNOME stanno cercando nuovi utenti e sviluppatori, pronti a dedicare parte del proprio tempo libero nello sviluppo della derivata.

Con una recente mailing list, Ali Linx (amjjawad) developer di Ubuntu GNOME ha chiesto aiuto a nuovi utenti e sviluppatori a lavorare sul progetto, altrimenti c’è il rischio che la prossima release 14.04 Saucy non possa essere  LTS e quindi supportata per soli 9 mesi.
Attualmente servono nuovi utenti e sviluppatori sia per risolvere alcuni commit / bug, e beta tester il cui lavoro è quello di testare la versione in fase di sviluppo di Ubuntu GNOME e le varie applicazioni di default e segnalare eventuali bug riscontrati. Inoltre c’è bisogno anche di maintainers che andranno ad operare sui vari PPA mantenuti dal team Ubuntu Gnome. Per maggiori informazioni consiglio di consultare il post dedicato dal portale Ubuntu GNOME.
  • Bravo, come sempre… tra poco riprenderanno i mie post…

    • non ti preoccupare per i post
      ps se hai kernel da testare 🙂

      2012/8/16 Disqus

  • Agno

    Articolo molto interessante. Grazie mille

  • Bennardo Carpanzano

    Sarebbe utile, forse, descrivere anche il completamento: es, codec proprietari ed altro .-

    • quelli li decidi te quali installare
      ognuno poi è libero di installare quello che vuole io ad esempio installo solo mplayer e apro da shell tutto con quello

      2012/8/16 Disqus

      • Bennardo Carpanzano

        Farò qualche prova ma in ogni caso, chiaramente, l’articolo è pregevole ed utilissimo. Sono io che forse sono ancora mezzo gradino sotto alla chiarezza ed alla completezza dello stesso per cimentarmi nell’avventura e qualcosa in più mi aiuterebbe.-

        • se aspetti un paio di giorni arriva anche quella per debian
          li è ancora più semplice 😉

          Il giorno 16 agosto 2012 18:07, Disqus ha scritto:

          • Bennardo Carpanzano

            OK. Grazie !

          • Nicola Fiorillo

            Grazie Roberto, in effetti da un pò studiando la suite live-build di debian sono riuscito a crearmi una distribuzione completa secondo le mie esigenze in 300 Mb. Una guida che dovrebbe essere sempre in evidenza per ogni appassionato di Linux 🙂

  • Jack O’Malley

    Molto molto interessante, dì un po’ ma per fare una cosa del genere bisogna usare una live con un tot di spazio per i dati aggiuntivi?

    • la live serve per installare il sistema base con debootstrap e poi entrarci dentro con chroot lo spazio non conta dato che operi poi sulla partizione

      • Jack O’Malley

        Grazie.

  • Gianluca

    Hai installato il kernel PAE perchè hai scelto il 32bit ma se uno installa il 64bit può mettere il generic non PAE indipendemente dalla RAM giusto?

    • esatto difatti nella guida ho installato il pae se hai il 64bit pui installare anche il non pae da notare che puoi anche scaricare i sorgenti e compilarti il kernel su un sistema da 0 in questa maniera oppure scaricare i pacchetti della versione aggiornata e installare quelli al posto del kernel di default
      come indicato nella guida in questa maniera puoi fare la distro come piace a te 🙂

  • robytrevi

    Ritengo sia tutto molto più semplice installando da cd minimale ed installando solamente ciò che si vuole da tty al termine dell’installazione, ad esempio: http://wiki.ubuntu-it.org/Installazione/CdMinimale

    • PAOLO

      😉 CONCORDO! però così si un po’ la parvenza di nerd!

  • Daniele Sconda

    Scusate la domanda stupida ma sto eseguendo l’istallazione della mia Ubuntu personalizzata con debootstrap solo che ho un piccolo problema, arrivato all’installazione del kernel devo scegliere la casella dove installare grub solo che non riesco a spuntare la casella che vorrei selezionare…grazie

    • non c’è nessuna casella devi sono installare la versione del kernel che ti viene indicata nella ricerca

      Il giorno 17 agosto 2012 14:18, Disqus ha scritto:

  • Gianluca

    fantastico. ho fatto tutto e in questo momento vi scrivo da una ubuntu con kde che va una meraviglia. tra parentesi è il mio esordio con kde e devo dire che Roberto aveva ragione tutte le volte che diceva di usare kde. è fantastico. così installata, con la comodità dei pacchetti deb e il supporto di ubuntu la ritengo il top del top. solo una aggiunta non basata su gtk è stata necessaria: synaptic. per me è fondamentale.

  • fernando

    l’installazione di kde restituisce pacchetto non esistente obsoleto o nominato da altro programma. Come mai?

    • hai aggiunti i repository come indicato nella guida?

    • Antonio G. Perrotti

      kde-baseapps…

  • Oleh_

    e per quanto riguarda linux mint? funziona su questa ottima derivata?

  • Salvatore E. Schimmenti

    fare la partizione lvm all’inizio è possibile, al posto di fare un’unica formattazione in ext4?

  • cosmon560

    Molto utile. Anche se preferisco fare l’installazione da mini.iso.
    Inoltre ho notato che nelle ultime release di questa vi è anche la possibilità di connettersi ad una wpa.

No more articles