La Free Software Foundation ha certificato i portatili IBM ThinkPad X60 disponibili dallo store inglese gluglug.org, in vendita a 199 sterline.

IBM ThinkPad X60
Sono molti i produttori / assemblatori di personal computer che stanno puntando molto su Linux, tra queste troviamo ad esempio System 76 nota azienda statunitense da anni impegnati nella commercializzazione di pc e server con Ubuntu Linux. Tra questi store troviamo anche il team inglese The Gluglug che ha ricevuto da poco la certificazione della Free Software Foundation per la commercializzazione dei portatili IBM ThinkPad X60 dotati di Coreboot ossia un BIOS interamente open source e di Trisquel GNU/Linux preinstallata. IBM ThinkPad X60 sono dei portatili abbastanza datati ma in grado di offrire comunque ottime performance oltre ad essere praticamente indistruttibili dato che troviamo cerniere rinforzate e una tastiera AccuType resiste alle infiltrazioni oltre a disporre del famoso trackpoint, un particolare dispositivo di puntamento di colore rosso inserito al centro della tastiera e nato per operare sul cursore senza togliere le mani dalla tastiera.

Nei dettagli IBM ThinkPad X60 è un notebook con schermo TFT da 12.1 pollici e una risoluzione da 1024×768 pixel, come processore troviamo un Intel Core 2 Duo (o Intel Core Duo)con scheda grafica integrata Intel Graphics Media Accelerator 950 con 1 GB di memoria RAM e 64 GB di storage (che possiamo comunque espandere con estrema facilità),

I pc forniti dallo store gluglug.org sono ricondizionati (anche se non ho trovato informazioni a riguardo), vengono venduti a 199 sterline che equivalgono a 238 Euro.

Home shop.gluglug.org.uk  –   via

  • guerino

    spazzatura elettronica 230 euro buttati nel wc … vanno come un atom dual core moderno consumando 5 volte

    • gatano

      possiedo una sfilza di thinkpad vecchi e nuovi e con Linux anche i modelli “vecchi” come questo danno delle piste a qualunque atom sotto tutti gli aspetti, senza considerare che solo una tastiera thinkpad (ancora IBM) vale quanto un intero netboock nuovo 😉
      ti sei mai chiesto perchè sulla stazione spaziale orbitante i computer più usati sono dei thinkpad (vecchi o nuovi che siano)

      • Quoto sono notebook indistruttibili inoltre basta aggiungere una SSD e un po di RAM in + e poi usarlo ancora x diversi anni

        • augusto

          altri 100 euro minimo per un totale di 350 euro e non hai nessuna garanzia forse pochi mesi
          per me non hanno senso

          • Mauro

            Sono prodotti per professionisti che spendono anche 2000€ per qualcosa di veramente affidabile, non prodotti da 300€ con componenti sottodimensionati; non mi stupirei se tra un thinkpad di 5 anni fa e un portatile economico nuovo si rompesse prima quello nuovo.
            La qualità poi è molto alta, usano materiali pregiati come magnesio e carbonio, la tastiera è fenomenale e il trackpoint comodissimo, inoltre ricondizionati si trovano anche sotto i 250€, come un portatile si nuovo ma di fascia bassissima e prestazioni non paragonabile (un i5 o i7, anche se non di ultima generazione, è molto più potente di un pentium o celeron)

      • CuccuDrillu10

        proprio ieri mi si sono rotte le cerniere del mio vecchio eee 900. Che tristezza.
        Comunque sono sempre stato attratto dai thinkpad, qualità sempre ottima e soprattutto si trovano in tutti i formati dagli 11 fino ai 15 pollici.

      • licio

        nessuno ti vieta di utilizzare una tastiera usb con un portatile
        è hardware obsoleto può essere affidabile quanto vuoi ma oggi è insufficiente anche per la semplice navigazione web

      • Marco

        Come non quotare, purtroppo molti non hanno mai provato un thinkpad e parlano a spanne basando tutto sui meri componenti hardware.

      • licio

        PassMark CPU Mark

        Intel Core Duo T2350 @ 1.86GHz 752
        Intel Atom N2800 @ 1.86GHz 649

        Intel Celeron G1610 (ivy bridge) @ 2.60GHz 2554

        costo cpu 35 euro

        Intel Pentium (haswell) G3220 @ 3.00GHz 3241

        costo cpu 50 euro

      • pino

        Intel Graphics Media Accelerator 950 non ha la decodifica hardware per i filmati in hd per i filmati in flash ad esempio …
        sulla stazione spaziale l’affidabilità è fondamentale anche a scapito delle prestazioni ma per noi “terrestri” ci sono molte alternative valide

    • Gerry

      Vuoi un cosiglio? Lascia perdere i computer e l’informatica in generale. Dalla competenza che dimostri ti consiglio di tornare alle tue cassette del pesce, al mercato rionale. Per le triglie, le spigole e le seppie non ti servono né atom, né altri processori. Ti bastano le braccia e quei due neuroni che ti ritrovi.

      • venditore di pesce

        stessa notizia su tom hardware leggi i commenti saranno tutti idioti …

        • che centra con i commenti di tom hardware
          logicamente se parlano gamers o utenti che usano windows 8 / megacracked editon questo pc è da spazzatura

          da parte dell’utente linux invece può esser un’ottimo dispositivo metti xubuntu o altra distro leggerina e va che è un piacere

          questo è il mio parere personale

          • m47730

            Il problema non è l’hardware datato, ma la cifra immotivata.

          • cirino

            se possiedi già una macchina datata che vuoi recuperare installando linux ok ma acquistarla spendendo quanto il nuovo per avere prestazioni molto inferiori senza nessuna forma di garanzia o assistenza mi sembra assurdo

          • Massimo Disarò

            Io ad esempio ho un ThinkPad T61 e anche con Windows 7 va benissimo e sono contentissimo dell’acquisto fatto. Devo dire anche che, se Windows 7 viene installato ad hoc e da una persona veramente competente che sa dove mettere le mani in fase d’installazione può rendere i sistema performante anche su computer non eccezionali. Chiusa la parentesi gli IBM/ Lenovo sono prodotti professionali e lo si vede sopratutto dai materiali, di sicuro non sono studiati per i gamers che vogliono il massimo.

        • Gerry

          Idioti, no. Coglioni direi di si, visto che su quel sito commentano solo i fan del mulo…

  • Marco

    @ferramroberto:disqus non so se hai visto sul loro sito, la versione base costa 178£ con modulo wifi cambiato per supportare standard moderni e batteria estesa nuova.
    La versione da 199£ ha anche mouse, adattatore usb seriale, ultrabase e cavi eth e modem.
    E le spedizioni sono incluse in quel prezzo.
    Aprendo ebay si potrebbe scoprire che facendo la somma del tutto non e’ cosi distanti dal prezzo di vendita.

  • mscanfe

    Vi porto la mia esperienza:

    circa due mesi fa lo SSD del mio Asus eee900 mi ha lasciato e mi sono messo alla ricerca di un mini notebook con schermo da un 12 pollici (i 9 pollici dell’eee900 alla fine andavano un po’ stretti).

    ho acquistato su eBay un Lenovo Thinkpad x200s pagato 200 euro oltre le (salate) spese di spedizione
    l’ho preso da un rivenditore professionale tedesco che ricondiziona le macchine prima di venderle (in effetti all’arrivo il portatile sembrava davvero nuovo: nessun segno estetico di usura, neanche a volerli cercare, nemmeno un graffio, niente).

    Ancora oggi mi chiedo se sia stata una buona scelta, perché dopo tutto è vero che con poco più di 200 euro si compra anche qualcosa di nuovo.
    Inoltre il pc è “nato” nel lontano 2008 (in Italia fu commercializzato a partire da novembre 2008).
    Tutto ciò è innegabile e mi fa pensare d’esser stato un pollo.

    Ma è anche innegabile quanto segue:

    il pc, quando è uscito aveva un prezzo di oltre 1.600,00 Euro: un costo così elevato, generalmente (anche se non sempre) è indice di componentistica di ottima qualità e di controlli severi;
    il fatto è che era un pc professionale.

    cosa per me fondamentale:
    il portatile NON scalda MAI: la CPU è a basso consumo: Intel Core 2 Duo SL9400, con 1.86GHz di clock il consumo si aggira attorno ai 17 W (a basso consumo per i tempi in cui il portatile è uscito)
    Questa è praticamente la caratteristica che mi ha convinto, perché il mio vecchio eeepc 900 sembrava una piastra per cucinare e d’estate non riuscivi a tenerci le mani sopra. Era un problema che ora è risolto.

    RAM:
    2 GB DDR3 1.067 MHz

    HD
    250 GB a 7200 rpm Hitachi
    un sensore si accorge di una caduta in corso e sospende l’HD in modo che non abbia a danneggiarsi

    tastiera:
    la tastiera è sorprendente: ha dimensioni standard, non è per niente ridotta ma è identica ad una tastiera usb (a parte l’assenza del tastierino numerico, ovviamente) con tasto invio ampio, alto e largo e colorato in blu
    la digitazione è una goduria: silenziosa, con tasti straordinariamente bilanciati e soffici;

    è water proof: un liquido che dovesse accidentalmente cadere sulla tastiera (comunque speriamo che non succeda) se ne uscirebbe dal di sotto attraverso delle canalizzazioni apposite senza danneggiare il pc

    digitazione notturna:
    in scarsità di luce si può attivare un piccolo led posizionato sul bordo superiore dello schermo che proietta verso il basso una luce che illumina tutta la tastiera rendendo possibile la digitazione anche in totale assenza di luce ambientale

    peso: 1,2 Kg, (poco più del mio vecchio eee900)

    display:
    è un punto di forza, a mio parere
    dimensione 12 pollici (12.1 per la precisione)
    risoluzione: 1440 x 900
    retroilluminazione a LED
    cerniere robustissime, in acciaio;
    il display si apre fino a 180 gradi, come un libro

    webcam integrata

    lettore multiformato di schede di memoria

    modulo GPS presente

    scheda video
    Intel GMA X4500 (ancor oggi più che sufficiente; non sono un giocatore)

    batteria:
    agli ioni di litio, a 4 celle, NUOVA (anche se non è importante per me che lo uso quasi sempre col cavo

    licenza Windows con windows 7 installato (acceso solo per partizionare l’HD e fare spazio a Kubuntu 12.04)

    lettore di impronte (che sono riuscito a far funzionare grazie alla guida trovata qualche giorno fa proprio su questo blog)

    trackpoint
    dopo qualche giorno di utilizzo il trackpoint diventa una cosa di una comodità unica, insospettabile; dotato di tre tasti che rendono comodissima la navigazione internet (esempio: cliccando col tasto centrale su un collegamento lo si apre in una nuova scheda; cliccando lo stesso tasto su una scheda la si chiude anche se non si clicca sulla crocetta che dopo tot schede aperte non compare più)
    Anche il trackpoint si può impostare grazie ad una comoda guida che ho già segnalato a Roberto per il caso che volesse trasformarla in un post su questo blog

    assemblaggio:
    assemblaggio ottimo;
    la scocca e il guscio del display dovrebbero essere realizzati in magnesio
    il pc non scricchiola; è rigido e trasmette sensazione di solidità;
    ogni componente è di accesso immediato; addirittura sotto il pc sono indicati dei simboli accando alle viti che occorre svitare per accedere a quel dato componente; per accedere all’hard disk basta svitare 4 vitine e l’HD può essere estretto lateralmente

    Kubuntu 12,04 pur con tutti gli effetti grafici attivati (tranne le finestre tremolanti) ci gira benissimo, senza intoppi di nessun genere.

    L’hardware è supportato al 100% da Linux:
    tutti i tasti funzione (volume, luminosità dello schermo) funzionano senza problemi

    Quando uscirà Kubuntu 14.04, col trim attivato di default, prevedo di acquistare uno SSD da 250 GB (o anche meno) così ridurrò i consumi e accelererò ulteriormente i tempi di avvio (già rapidi: 51 secondi dalla pressione del tasto al desktop utilizzabile) e di reattività dei programmi

    Insomma, la domanda resta:

    sono stato un pollo?

    tutto sommato non credo;
    la risposta definitiva dipenderà da quanto durerà il pc:

    se durerà anni avrò fatto un ottimo affare;
    se si romperà domattina… no

    • marco

      questo pc ha specifiche superiori e un prezzo inferiore a quello riportato nella notizia
      se è sufficiente per i tuoi scopi hai fatto un buon acquisto

      spendere 300 400 euro per un usato oggi per me non ha senso si va a fortuna il monitor potrebbe durare anni o mesi non ci sono usb 3.0 molto utili ad es se vuoi installare linux su un disco esterno
      le gpu negli ultimi anni si sono evolute velocemente integrando numerose funzionalità abbattendo pesantemente i consumi

      discorso diverso se hai già un notebook e non vuoi venderlo o buttarlo lo passi ad un familiare installi linux per risparmiare risorse e licenze

  • Daniele Monteleone

    Io ho un ThinkPad T60 e mi ci trovo benissimo (ho installato archlinux).
    E fluidissmo e non scalda per niente, nonostante si sia rotta la ventola del dissipatore del processore

  • Kzolba

    Quello che purtroppo emerge dai commenti è un’attenzione forse esagerata
    per le specifiche hardware, quando invece quello che rende veramente
    speciale questo computer è la libertà che fornisce all’utente: il
    ThinkPad X60 di Gluglug è il primo laptop completamente libero. Ciò
    significa che al suo interno si trova solamente Free Software (free come
    “libero”, non come “gratis”, diverso da “Open Source” che si focalizza
    solo sui vantaggi pratici, ignorando l’aspetto etico), ogni pezzo di
    codice proprietario è stato rimosso, persino il BIOS è stato rimpiazzato
    da Coreboot (libero), i driver sono tutti liberi e si ha un’ottima
    esperienza di un sistema GNU/Linux preinstallato (“GNU/Linux”, non
    “Linux” e basta, che è un kernel). Questo lo rende decisamente diverso
    dagli altri computer a cui purtroppo il Gluglug X60 è stato paragonato:
    il PC a basso costo che ti compri con su installato Ubuntu NON è libero,
    come non lo è Ubuntu d’altra parte. Qui non si tratta di un’azienda che
    “punta su Linux” come erroneamente sembra suggerire l’articolo, ma del
    primo tentativo riuscito di portare la massima libertà agli utenti di
    computer. E’ facile banalizzare il tutto soffermandosi sulla questione
    dell’hardware che, moderno o non, funziona perfettamente per qualsiasi
    utente medio. Con il laptop di Gluglug hai per la prima volta il pieno
    controllo, si tratta di questo.

No more articles